Geek
di Mattia Nesto 12 Marzo 2021

Fukushima Anno Zero – L’esplosione che ha cancellato il Giappone

A dieci anni esatti dalle tragiche vicende di Fukushima, nell’ultima storia di Susumu Katsumata, magaka laureato in fisica e alfiere del movimento antinucleare nipponico, assistiamo alla morte del Giappone rurale della magia e delle tradizioni.

Terminata la lettura di Fukushima anno zero, raccolta di storie del mangaka Susumu Katsumata pubblicato da Rizzoli Lizard (con due prefazioni di Giulia Pompili e Vincenzo Filosa) ho provato tre sensazioni molto nette. Il primo pensiero, ovviamente, è andato al disastro nucleare dell’11 marzo 2011 alla centrale giapponese, una tragedia che, al di là dell’eccezionalità dello tsnuami, era prevista, quasi attesa, da tempo. Lo si capisce leggendo le pagine di Katsumata che nel 1984 aveva già fatto visita al centro di Fukyshima. Avendo frequentato l’università di Fisica a Tokyo, il mangaka sa di cosa parla, tanto è vero che è diventato un vero e proprio alfiere del movimento anti-nuclearista e pacifista giapponese. Grazie alla sua conoscenza e all’arte del raccontare i fatti con i disegni, l’autore descrive la vita della fabbrica nucleare con una perizia incredibile, tramite le esistenze miserabili dei poveri operai che si trovano a sbrigare faccende e incarichi pericolosissimi per pochi spiccioli.

Il mondo naturale e onirico del Giappone millenario  Il mondo naturale e onirico del Giappone millenario

La seconda sensazione che ho provato è stata lo stupore. Stupore perché dopo due storie focalizzate sul tema “scientifico”, l’albo continua con un mondo di kappa e tanuki (esseri mitologici della tradizione giapponese), colti, per così dire, nel momento del loro crepuscolo. Grazie al tocco poetico e magico proprio dell’autore, assistiamo alla calata del sipario su quel Giappone rurale e agricolo che deve fare posto alla terza potenza industriale del Secondo Novecento. Le esistenze un po’ sghembe degli ubriaconi, dei monelli e degli spiritelli del folklore nipponico ben si intonano con il ritmo calante della storia, con toni che ricordano lo stile dello Studio Ghibli, sempre puntuale nel narrare il contrasto natura vs progresso.

I piccoli quadri nelle vignette  I piccoli quadri nelle vignette

L’ultima sensazione è una profonda e quasi biologica ammirazione verso l’estetica del mangaka. Se da un lato regna un forte interesse cronachistico per la vita e gli ambienti degli operari, d’altro canto, nelle scene di Fukushima Anno Zero vi è anche l’amore per la descrizione artistica, quasi “da quadro”, quintessenza dell’animo di Susumu Katsumata, uno scrittore cui poetica oscilla tra la voglia di denunciare “la disumunizzazione del mondo industriale” e la meraviglia nel descrivere “i piccoli scorci dell’eterno Giappone”.

I classici “neri” dell’autore  I classici “neri” dell’autore

Inutile dirvi che questo volume di Rizzoli Lizard è un must to have praticamente obbligato. Non solo perché racconta la storia del Giappone, ma anche perché, con un facile parallelismo, si può affiancare tutto questo a quanto avvenuto in Italia. Magari siete cresciuti anche voi a due passi dalla Pianura Padana e come me avrete sentito che “una volta qui era tutto un filare di gelsi”. La sparizione dei gelsi, piantati in massa a partire dal Seicento nella logica della coltura del balco da seta, è il simbolo della fine del mondo agricolo italiano. Anche da noi, molto probabilmente, i poveri kappa hanno fatto una brutta fine.

Compra | su Amazon

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Luca Zamoc

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Luca Zamoc Luca Zamoc è nato a Modena nel 1986. Sin da piccolo ha trovato ispirazione nei fumetti anni ‘80, nella Bibbia e nell’anatomia umana. Ha frequentato l’Accademia delle Belle Arti di Milano, dove ha conseguito un titolo in Graphic Design & Art Direction. Il suo lavoro abbraccia diversi media, dal digitale ai muri, passando all’inchiostro, carta e fumetto. Negli ultimi anni ha lavorato e vissuto in diverse città quali Milano, Berlino, Londra, Los Angeles, New York e Istanbul. Oggi vive e lavora a Barcellona. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

Borsa "MI AMI Festival 2017"

La borsa ufficiale del “MI AMI Festival 2017” disegnata da Viola Niccolai serigrafata a mano da Legno. Bag bianca cotone con illustrazione rosa.
7,00 €

T-SHIRT "MI AMI Festival 2020"

T-shirt ufficiale  “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids, sul retro lineup artisti. 100% cotone con illustrazione multicolor, disponibile nella variante colore bianca o viola. La t-shirt che avresti voluto indossare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
10,00 €

Maglietta unicorno Better Days

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con l'unicorno di ANDREA MININI realizzata per il Better Days Festival 2016.  
70,00 €

KIT DELL'AMORE "MI AMI Festival 2020"

KIT DELL'AMORE “MI AMI Festival 2020” Contiene: due t-shirt due shopper quattro kit semi: due kit passiflora, peperoncino, melanzana e due kit mimosa, pisello, salvia quattro lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
24,99 €

Lucchetto ad impronta digitale

Ecco il lucchetto più intelligente che c'è. Per aprirlo non servono chiavi, ma basta la tua impronta digitale. Il lucchetto smart è prodotto dall'azienda cinese Xiaomi, che sforna ogni anno ottimi prodotti di elettronica di consumo. Si apre grazie al semplice tocco delle dita, perché riconosce l'impronta digitale del suo padrone. Ricordi quella volta che sei sceso dall'aereo, hai ritirato la valigia e ti sei accorto che non avevi più la chiave del lucchetto? Non succederà più. Fatto in lega di zinco e acciaio è figo, tutto liscio, senza pile da cambiare perché è ricaricabile con un comune cavetto micro USB. A leggere le specifiche tecniche può stare in standby fino ad un anno ed è anche resistente all'acqua. Infine, può memorizzare fino a 20 impronte digitali, così puoi condividerlo con altre persone o, addirittura provare ad aprirlo con le dita dei piedi. Ecco tutti i dati: Nome prodotto: NOC LOC Fingerprint Padlock Metodo di apertura: impronta digitale Materiali: lega di zinco e acciaio Lettore di impronta: semiconduttore Alimentazione ricarica: cavo Micro-USB Impronte memorizzabili: 20 Indicatore batteria scarica: punto LED Tipo batteria: 110mAh ricaricabile Livello di resistenza all'acqua: IPX7 Durata in standby: 1 anno Aperture con una ricarica: 2500 volte Dimensioni: 36mm x 18mm x 38mm Il pacchetto include 1 lucchetto. Il prodotto viene spedito dalla Cina.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Thomas Raimondi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Thomas Raimondi Nato a Legnano (MI) il 17 Maggio 1981. Laureato al Politecnico di Milano in Design della Comunicazione. Graphic e visual designer freelance attivo nella scena underground con numerose pubblicazioni (Luciver Edition, Faesthetic, Belio, Le Dernier Cri, Laurence King.) e mostre in Italia e all’estero. Le ultime personali «Burn Your House Down» nel 2013 presso la galleria Kalpany Artspace di Milano (Circuito Rojo) e la residenza d’artista per Alterazioni Festival 2014, Arcidosso (GR) con l’istallazione site-specific «Inside/Outside». Lavora e ha lavorato per diverse realtà nazionali ed internazionali come VICE, Rolling Stone Magazine, Rockit, Mondadori, Men’s Health, Salomon, Motorpsycho, T-Post e molte altre. Nel 2008 ha ricoperto il ruolo di docente d’illustrazione presso l’accademia NABA di Milano continuando, a oggi, a collaborare con regolarità. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di CT

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari CT L’opera di CT affonda le sue radici nella cultura del Writing. Dalle prime sperimentazioni, influenzate dagli stili più classici dei graffiti, è passato in modo progressivo ad una ricerca minuziosa capace di cogliere ed evidenziare i cambiamenti del paesaggio urbano. Le fascinazioni ricevute dai graffiti sono tuttavia presenti nelle fasi di questo processo: il soggetto-oggetto della sua analisi, le tecniche utilizzate ed in parte i luoghi scelti per i suoi interventi. L’interesse per il lettering si è quindi trasformato in espediente per lo studio della forma fino ad approdare, oggi, ad una ricerca più ampia relativa allo spazio e alle dinamiche contemporanee. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >