Geek
di Simone Stefanini 11 Giugno 2019

L’importanza di Final Fantasy 7 nelle nostre vite

Non solo un videogioco: una dichiarazione d’amore al Pianeta

Nella primavera del 2020 uscirà il remake di Final Fantasy 7 per PS4, ma più che un restaurino, sarà lo stesso gioco completamente reinventato, immaginato come se fosse stato creato oggi e non nel lontan(issim)o 1997. Cloud, Tifa e tutti i protagonisti ritorneranno per distruggere Sephiroth e la temibile Shinra, ma probabilmente le meccaniche di gioco saranno molto diverse. Ne stiamo parlando così, come se si conversasse con i compagni di gioco perché se avete aperto questo articolo, con questo titolo che non lascia adito a fraintendimenti, sarete di certo tra quegli 11 milioni di giocatori che l’hanno acquistato nel corso degli anni, rendendolo uno dei videogame più famosi in Giappone e in tutto il mondo.

Quando è uscito, il 17 novembre del 1997, Final Fantasy 7 era stato preceduto da 6 episodi, ma qui ci arrivate anche da soli. È stato però il primo della saga ad essere creato per la prima PlayStation ed è stato il primo a contenere elementi di computer grafica 3D, oltre a filmati degni dei film d’animazione. Questo significa che se gli episodi precedenti, usciti per Nintendo, erano totalmente in 2D, stavolta i personaggi si muovevano in un mondo aperto e lo esploravano in lungo e in largo, con sedicimila miliardi di combattimenti casuali per far livellare i personaggi che a una certa ci hanno regalato il primo esaurimento nervoso della nostra giovane vita.

Facciamo un passo indietro: nel 1997 non erano poi tantissimi quelli che conoscevano la sigla JRPG, cioè gioco di ruolo giapponese, ma FF7 è stato talmente ben pubblicizzato, aiutato da un passaparola che era il pre sponsorizzata di Facebook, da piacere anche a quelli che non avevano mai giocato a un JRPG prima di quel momento. La caratteristica principale di questo tipo di gioco è che i combattimenti si svolgono su turni in un’arena, in cui il giocatore dà i comandi a tutto il suo party su come comportarsi in attacco e difesa. Più strategia e riflessione, meno ansia, ma in realtà quello non è mica vero: quando alla fine di FF7 dobbiamo sconfiggere un milione di mostri senza poter salvare e una volta arrivati in fondo, il boss finale che quando sembra morto risorge sempre più potente, beh, ci abbiamo sudato tutti le 7 camicie, ma che soddisfazione quando ce l’abbiamo fatta per la prima volta!

Limitare FF7 alla sola meccanica di gioco sarebbe delittuoso, perché è una storia d’amore e di perdita, di ambientalismo e diritti, di liberazione dal male, quello non metafisico ma presente, reale, come solo un mondo post industriale può avere. È un gioco che contiene un sacco di altri giochi (e chi le scorda più le corse coi Chocobo?) e che, per essere completato al 100% ti prende 130 ore di vita. Tante vero? Spese benissimo.

I personaggi sono caratterizzati in modo talmente umano che a volte ti perdi a sognare l’amore o chi non c’è più e vorresti incontrare di nuovo, complici i filmati che ai tempi ci sembravano di qualità fantascientifica e che contribuiscono a farci vivere la meravigliosa illusione. D’altra parte, chi non si è commosso fino alle lacrime quando Aeris muore per mano di quel bastardo di Sephiroth? Certo, potrete dire che a riguardarli ora, qui filmati sembrano preistoria, ma in realtà li avete tatuati nel cuore. Che dire di quando avete finalmente fatto il doveroso culo a Sephiroth e vi godete il video finale in cui i nostri eroi salvano il pianeta dalla meteora? Non so voi, ma io a gioco finito cacciai un urlo che mia madre venne in camera per capire se ero diventato scemo o cosa.

Che dire della musica del grandissimo Nobuo Uematsu, in versione midi eppure talmente bella che se l’ascoltiamo oggi ci parte il pianto come i nostri nonni quando parlavano della guerra. Non ultimo, FF7 ha avuto l’enorme pregio di farci imparare l’inglese a forza, perché non era tradotto in italiano ed era pieno pienissimo di dialoghi, quindi o bere o affogare.

L’ultima scena, 500 anni dopo, con Red XIII e i suoi cuccioli che osservano le rovine di Midgar ricoperte di verde, che mostrano la guarigione del pianeta. wow. Ecco perché Final Fantasy 7 è una pietra miliare nel mondo dei videogiochi e nella nostra vita.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Marino Neri

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Marino Neri Marino Neri è fumettista e illustratore. I suoi libri a fumetti sono Il Re dei Fiumi (Kappa Edizioni, 2008) e La Coda del Lupo (Canicola, 2011), tradotti e pubblicati anche in differenti lingue e paesi. I suoi disegni sono apparsi su riviste nazionali e internazionali e ha partecipato a diverse esposizioni collettive e personali in tutta Europa. Nel 2012 il Napoli Comicon e il Centro Fumetto Andrea Pazienza gli assegnano il Premio Nuove Strade come miglior talento emergente. È attualmente al lavoro sul suo nuovo libro a fumetti Cosmo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
24,99 €

Lucchetto ad impronta digitale

Ecco il lucchetto più intelligente che c'è. Per aprirlo non servono chiavi, ma basta la tua impronta digitale. Il lucchetto smart è prodotto dall'azienda cinese Xiaomi, che sforna ogni anno ottimi prodotti di elettronica di consumo. Si apre grazie al semplice tocco delle dita, perché riconosce l'impronta digitale del suo padrone. Ricordi quella volta che sei sceso dall'aereo, hai ritirato la valigia e ti sei accorto che non avevi più la chiave del lucchetto? Non succederà più. Fatto in lega di zinco e acciaio è figo, tutto liscio, senza pile da cambiare perché è ricaricabile con un comune cavetto micro USB. A leggere le specifiche tecniche può stare in standby fino ad un anno ed è anche resistente all'acqua. Infine, può memorizzare fino a 20 impronte digitali, così puoi condividerlo con altre persone o, addirittura provare ad aprirlo con le dita dei piedi. Ecco tutti i dati: Nome prodotto: NOC LOC Fingerprint Padlock Metodo di apertura: impronta digitale Materiali: lega di zinco e acciaio Lettore di impronta: semiconduttore Alimentazione ricarica: cavo Micro-USB Impronte memorizzabili: 20 Indicatore batteria scarica: punto LED Tipo batteria: 110mAh ricaricabile Livello di resistenza all'acqua: IPX7 Durata in standby: 1 anno Aperture con una ricarica: 2500 volte Dimensioni: 36mm x 18mm x 38mm Il pacchetto include 1 lucchetto. Il prodotto viene spedito dalla Cina.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di VitoManoloRoma

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari VitoManoloRoma Attualmente vive a Milano e lavora come freelance in qualità di grafico, illustratore, animatore e fumettista. Si forma presso il Liceo Artistico statale di Busto Arsizio, poi la compagnia di teatro sperimentale Radicetimbrica e termina gli studi al Politecnico di Milano dove si avvicina al Graphic Design. Durante i primi anni di professione come progettista e illustratore in alcuni studi di grafica milanesi, continua a disegnare e partecipa a mostre collettive di illustratori, fra le quali «Spaziosenzatitolo» (Roma), «Doppiosenso» (Beirut) e «Manifesta» (Milano). Con il collettivo di satira a fumetti L’antitempo fonda l’omonima rivista con la quale vince il Premio Satira 2013 come miglior realtà editoriale italiana. Appassionato di musica africana, afroamericana e jamaicana, colleziona vinili che seleziona con i collettivi Bigshot! e Soulfinger nei locali neri e non di Milano. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
70,00 €

SERIGRAFIA "SE MI AMI VALE TUTTO" - ed. limitata firmata - MI AMI 2014

Serigrafia ufficiale della 10° edizione del MI AMI 2014 dimensioni: 50x50 cm stampata a 2 colori (nero + argento) edizione limitata di 50 esemplari ognuna numerata e firmata dall'artista disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc venduta non incorniciata (spedita arrotolata in un tubo) disponibili anche la versione UOMO+UOMO e DONNA+DONNA Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
15,00 €

Maglietta Better Days calligrafica

100% cotone Modello unisex Serigrafia con scritta "Better Days" creata da calligrafo Bizantino Perché c'è sempre bisogno di giorni migliori
17,00 €

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020”

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Locandina de "Il Film del Concerto" di Andrea Laszlo De Simone

Locandina numerata e autografata del Film del Concerto di Andrea Laszlo De Simone con l'Immensità Orchestra, in triennale di Milano. L'illustrazione originale della locandina è a cura di Irene Carbone, illustratrice e fumettista torinese con studi alla Scuola Internazionale di Comics, dal 2015 nel duo creativo Irene&Irene e da tempo coinvolta nel progetto Andrea Laszlo De Simone per la realizzazione delle copertine dei dischi "Immensità" ed "Ecce Homo", i video d'animazione "11:43" e "Sparite Tutti", oltre ad aver ideato la creatività della cover digitale di "VIVO". Per “Il Film Del Concerto” ha realizzato a mano un'opera che riconduce al migliore immaginario cinematografico di Federico Fellini. L'opera sarà stampata in pochissime copie in edizione limitata, autografate dagli artisti.  
10,00 €

-GIGA +FIGA

100% cotone Maglietta nera Serigrafia con slogan minimalista per nerd con stile. Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >