Geek
di Mattia Nesto 10 Luglio 2019

Stranger Things 3 – The Game è il modo giusto per immergersi nel mondo di Hawkins

16 bit di puro amore per l’iconica serie di Netflix

Probabilmente molti di voi hanno già divorato, nel più puro stile di binge-watching passivo-ossessivo, la nuova stagione di Stranger Things, la terza di questa iconica serie tv targata Netflix. Facile inoltre che abbiate già visionato più e più volte i forum e i siti specializzati in cui ogni singolo episodio della nuova stagione è stato sviscerato in ogni suo dettaglio. Eppure, nonostante questa mole colossale di informazioni e di hype su Stranger Things, non ne abbiamo mai abbastanza. Ecco allora che a venirci in soccorso ci pensa Stranger Things 3 – The Game, titolo appena pubblicato da BonusXP, Inc per Playstation 4, XBox, Pc e Nitendo Switch.

 

Noi abbiamo provato il gioco  nella versione per Nintendo Switch e ce ne siamo innamorati. Nonostante ci fossimo approcciati a questo titolo con qualche perplessità (visto che di solito i videogiochi tratti dai film o dalle serie tv non sono mai nulla di speciale) ci siamo dovuti completamente ricredere. Stranger Things 3 – The Game è un vero e proprio atto d’amore ai videogiochi di ruolo a 16 bit, con un’estetica ispirata e curata in ogni dettaglio e un impianto di gioco non banale. Infatti se la trama principale del titolo riprende, grosso modo, quella degli otto episodi della serie Netflix, anche dal punto di vista della “titolazione”, tutte le missioni secondarie sono qualcosa di assolutamente inedito e che permette al giocatore di conoscere meglio il “folklore” o, per meglio dire, il contesto entro cui gli amati personaggi di Hawkins si muovono.

In Stranger Things 3 – The Game avremo la possibilità di impersonare ben dodici dei personaggi principali di Stranger Things, tra cui Eleven, Mike, Dustin, Lucas, Will, Hopper, Joyce, Jonathan, Nancy e Billy. Ognuno di essi, in un titolo grosso modo appartenente al genere beat ‘em up con visuale isometrica molto old-school,  avrà caratteristiche e abilità uniche nel suo genere: ad esempio Mike sarà armato di una possente mazza da baseball, mentre Lucas sarà in grado di mettere k.o i nemici grazie ai micidiali colpi della sua fionda e Dustin invece sfrutterà le sue conoscenze da hacker per attivare o disattivare telecamere, aprire porte blindate etc.

Grazie ad un sistema non così banale di combattimento e alla possibilità di acquistare e trovare sulla mappa di gioco materiali e equipaggiamenti per rendere più forte la propria squadra, Stranger Things 3 si dimostra sorprendentemente longevo e profondo. Per una “campagna” base che infatti dura circa 20 venti ore avremo a disposizione tutta una serie di missioni secondarie che ci permetteranno di esplorare Hawkins e i suoi dintorni in modo molto minuzioso. Il tutto con la già citata grafica a 16 bit che impreziosisce il tutto di un tocco retrò di grande, anzi grandissimo fascino. Peccato per la ost che invece, al contrario della serie tv, sono monotone e poco curate: va bene l’amore per i sintetizzatori ma sentire per ore e ore sempre la stessa traccia alla lunga stucca abbastanza.

Il nostro consiglio, veramente spassionato, è quello di giocare il titolo dopo aver visionato tutti e otto gli episodi della nuova stagione, onde evitare spiacevoli anticipazioni. Tuttavia, al di là di ciò, poter esplorare come si vuole la piscina di Hawkins oppure andare a fare un giro allo Starcourt Mall è un vero e proprio colpo al cuore. Inoltre, la possibilità di giocare in co-op locale, ovvero impersonando uno dei due personaggi giocabili assieme ad amico, rende il gioco ancora più interessante e fico. Oltre che divertente e rigiocabile un numero imprecisato di volte (anche perché i personaggi sono sempre tutti quanti interscambiabili con un solo tasto, il che rende l’avventura sempre “nuova” e in grado di essere affrontato in molti modi differenti).

In ultima analisi lungi dall’essere solo un “compitino”, Stranger Things 3 – The Game è un titolo godibile a prescindere dalla serie tv ma che trova in essa, ovviamente, la sua precipua linfa vitale. Noi. avendolo provato nella sua versione per Nintendo Switch, ce lo siamo portati in spiaggia. Inutile dire che le nostre vibrazioni nell’impersonare Jim Hopper sul bagnasciuga sono state oltremodo positive! Un must-to-have per tutti gli appassionati della serie e non solo, insomma!

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

15,00 €

La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia

Scarica gratuitamente l'ebook de La Bella Nostalgia in tutti i formati QUI   "La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia" di Simone Stefanini parla di mode, film, telefilm, musica, porno, orrori e gioie di due decenni contrapposti di cui oggi abbiamo rivalutato ogni lascito. Una riflessione tragicomica sulla retromania in Italia, una macchina del tempo a metà tra la DeLorean di Ritorno al Futuro e la Bianchina di Fantozzi. 200 pagine - edizione limitata di 50 copie firmata e numerata dall'autore. Edizioni Brava Gente - Betterdays    
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Thomas Raimondi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Thomas Raimondi Nato a Legnano (MI) il 17 Maggio 1981. Laureato al Politecnico di Milano in Design della Comunicazione. Graphic e visual designer freelance attivo nella scena underground con numerose pubblicazioni (Luciver Edition, Faesthetic, Belio, Le Dernier Cri, Laurence King.) e mostre in Italia e all’estero. Le ultime personali «Burn Your House Down» nel 2013 presso la galleria Kalpany Artspace di Milano (Circuito Rojo) e la residenza d’artista per Alterazioni Festival 2014, Arcidosso (GR) con l’istallazione site-specific «Inside/Outside». Lavora e ha lavorato per diverse realtà nazionali ed internazionali come VICE, Rolling Stone Magazine, Rockit, Mondadori, Men’s Health, Salomon, Motorpsycho, T-Post e molte altre. Nel 2008 ha ricoperto il ruolo di docente d’illustrazione presso l’accademia NABA di Milano continuando, a oggi, a collaborare con regolarità. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Moneyless

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Moneyless Nato a Milano nel 1980 Teo Pirisi aka Moneyless. Per anni ha ricercato e investigato i diversi aspetti delle forme e degli spazi geometrici come artista visivo. Dopo essersi diplomato all’Accademia d’Arte di Carrara (corso multimedia), Teo ha frequentato un corso di Design della Comunicazione all’Isia di Firenze. Contemporaneamente sviluppa una carriera artistica che lo porta ad esibire i suoi lavori in spazi pubblici e luoghi abbandonati.Teo è anche graphic designer e illustratore freelance; negli ultimi anni ha partecipato a diverse esibizioni collettive e personali in Italia e nel mondo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

MANIFESTO "MI AMI Festival 2020"

MANIFESTO ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Agricane Serigrafia di DEM

Serigrafia a due colori, dimensioni 20x30 cm Edizione limitata di 40 esemplari DEM Come un moderno alchimista, DEM crea personaggi bizzarri, creature surreali abitanti di un livello nascosto nel mondo degli umani. Eclettico e divertente, attraverso muri dipinti, illustrazioni e installazioni ricche di allegorie, lascia che sia lo spettatore a trovare la chiave per il suo enigmatico e arcano mondo. Oltre ad avere vecchie fabbriche ed edifici abbandonati come sfondo abituale ai suoi lavori, DEM è stato anche ospite alla Oro Gallery di Goteborg e ha preso parte a esposizioni importanti come «Street Art, Sweet Art» (PAC, Milano), «Nomadaz» (Scion Gallery, Los Angeles), «Original Cultures» (Stolen Space Gallery, London) and «CCTV» (Aposthrofe Gallery, Hong Kong). Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
24,99 €

Lucchetto ad impronta digitale

Ecco il lucchetto più intelligente che c'è. Per aprirlo non servono chiavi, ma basta la tua impronta digitale. Il lucchetto smart è prodotto dall'azienda cinese Xiaomi, che sforna ogni anno ottimi prodotti di elettronica di consumo. Si apre grazie al semplice tocco delle dita, perché riconosce l'impronta digitale del suo padrone. Ricordi quella volta che sei sceso dall'aereo, hai ritirato la valigia e ti sei accorto che non avevi più la chiave del lucchetto? Non succederà più. Fatto in lega di zinco e acciaio è figo, tutto liscio, senza pile da cambiare perché è ricaricabile con un comune cavetto micro USB. A leggere le specifiche tecniche può stare in standby fino ad un anno ed è anche resistente all'acqua. Infine, può memorizzare fino a 20 impronte digitali, così puoi condividerlo con altre persone o, addirittura provare ad aprirlo con le dita dei piedi. Ecco tutti i dati: Nome prodotto: NOC LOC Fingerprint Padlock Metodo di apertura: impronta digitale Materiali: lega di zinco e acciaio Lettore di impronta: semiconduttore Alimentazione ricarica: cavo Micro-USB Impronte memorizzabili: 20 Indicatore batteria scarica: punto LED Tipo batteria: 110mAh ricaricabile Livello di resistenza all'acqua: IPX7 Durata in standby: 1 anno Aperture con una ricarica: 2500 volte Dimensioni: 36mm x 18mm x 38mm Il pacchetto include 1 lucchetto. Il prodotto viene spedito dalla Cina.
15,00 €

Serigrafia Unicorno

Il bellissimo unicorno tutto righe di Andrea Minini  è una serigrafia ad 1 colore, di dimensioni 50x70 cm
10,00 €

-GIGA +FIGA

100% cotone Maglietta nera Serigrafia con slogan minimalista per nerd con stile. Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >