fumetti del prof bad trip
Libri
di Gabriele Ferraresi 24 Novembre 2016

LIBRI FIGHI | I Fumetti del Prof. Bad Trip

Psichedelia, cyberspazio, controcultura: i Fumetti del Prof. Bad Trip sono l’eredità di uno degli artisti visuali più importanti degli ultimi trent’anni

bad_trip fumetti del prof bad trip

LIBRI FIGHI scritto così, in capslock, è una rubrica che esce ogni giovedì su Dailybest, ma magari più spesso, chissà. Cosa ci mettiamo in questa rubrica? Lo dice il nome, si spiega da sola.

Non solo nuove uscite però, anche classici o meraviglie sconosciute. Hai un LIBRO FIGO che ti piace tanto, che è importante, che pensi dovremmo leggere tutti e vuoi spiegarci perché? Che bello: sono 2500 caratteri spazi inclusi.

Scrivici a info@dailybest.it, oppure sulla nostra pagina Facebook. 

Dieci anni fa esatti, il 25 novembre 2006, un infarto si portava via Gianluca Lerici, ovvero il Professor Bad Trip: aveva 43 anni, era uno degli artisti visuali più importanti e illuminati degli ultimi trent’anni, almeno. “Uno dei più grandi innovatori italiani nell’arte disegnata. Fumetti, disegni a china, collage, design, di interni, mail-art, è arduo enumerare tutti i settori in cui Bad Trip si è cimentato, lasciando la sua cifra stilistica indelebile. Freaks, punkabbestia, post-umani d’ogni foggia sono gli abitanti del suo universo” si legge sul sito di Shake Edizioni, che pubblicava e pubblica le sue opere.

Era chiaro già allora, dieci anni fa, ma a dieci anni di distanza la grandezza del Prof. Bad Trip appare chiarissima, lampante, e deve essere chiaro a tutti, mettiamocelo in testa: se per Vittorio Sgarbi i graffiti del centro sociale milanese Leoncavallo sono la “Cappella Sistina contemporanea”, allora il Professor Bad Trip è stato il Michelangelo dell’underground.

Non si può neanche parlare di superiorità forse: perché il Professor Bad Trip ha direttamente giocato in un altro campionato, in un altro sport, forse direttamente su un altro pianeta, e spostandosi di quando in quando in infiniti universi in base alle sue lisergiche esigenze.

Nato a La Spezia, Gianluca Lerici aveva viaggiato per anni con la mente – e con il disegno – in mondi cyberpunk allucinati, mondi in cui aveva visto e illustrato l’incubo di un futuro che è ormai presente. Del resto, “Tutti a parlare male degli anni 80, vedrete il 2020!” e il 2020 è lì, a quattro anni da oggi.

 

dsc_7419_nel2020 fumetti del prof bad trip

 

Ma il Prof. non aveva messo in pagina solo i suoi di mondi, oltre che le sue personali visioni aveva visitato e disegnato i mondi di Philip K. Dick, di Ballard, di Burroughs, di cui curò anche uno straordinario adattamento a fumetti de Il Pasto Nudo.

Attivista underground quando entrambe le parole avevano un senso, il Professor Bad Trip è al momento celebrato da una mostra che proseguirà a Roma fino al 3 dicembre, A Saucerful of colours, ma se non passate dalla città eterna prima di allora, vale la pena di conoscerlo con questo libro: I fumetti del Prof Bad Trip uscì nel 2008 per Shake Edizioni, ed è un libro corposo, denso, profetico, dove si ritrova una parte della sterminata produzione di Lerici.

Una creatività lisergica, un mondo robotico e distopico, pieno di androidi, mutanti, disperati, fattoni, sbirri corrotti, scienziati pazzi, tutti insieme appassionatamente in fuga da universi di controllo poliziesco, da cui levare le tende il prima possibile. Dove la paranoia regna sovrana e la musica che spacca la testa è una muzak techno punk assordante che martella senza tregua e pesta duro come un fabbro.

Dieci anni fa qualcuno scriveva su Carmilla a proposito del Prof. che “ il messaggio è stato inviato, in una bottiglia di piombo, verso gli spazi interstellari, con la certezza algebrica che, chi aprirà il contenitore, capirà”.

Questo è il libro giusto per cominciare a capire: e anche questa intervista.

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

28,90 €

Al di là delle parole. Che cosa provano e pensano gli animali

Abituati ad anni ed anni a guardare documentari prima su Superquark e poi sui vari canali satellitari o su Netflix, quando si inizia a leggere Al di là delle parole di Carl Safina, libro appena uscito per Adelphi, si è convinti di sapere tutto sul mondo degli animali. E invece no, leggendo il libro si capisce come non sappiamo proprio niente.
15,00 €

Giulia Bersani - lucciole

  Giulia Bersani, fotografa. Classe 1992, vive a Milano. Fotografie scattate al MI AMI festival 2016 Formato: 21x15 cm Numero Pagine: 48 (+4 copertina) Edizione limitata 100 copie numerate, titolate e firmate dall'autore "Mi piace osservare come musica e buio tirino fuori il lato più istintivo delle persone. Si perde un pò di autocontrollo e ci si lascia guidare dalle proprie emozioni. Io mi sono lasciata libera di inseguire quello che istintivamente mi attraeva, così ho trovato baci, voglia di vivere e colori." (Giulia Bersani)  
5,99 €

L'universo spiegato ai miei nipoti

Le risposte di un nonno astrofisico alle domande della nipotina raccolte in questo piccolo libretto. Hubert Reeves è un grande divulgatore e questo è un libro perfetto per cominciare a scoprire i misteri dell’Universo con i propri figli e nipoti.
85,00 €

Codex Seraphinianus

Volete provare quello che prova un bambino quando sfoglia un libro? Cioè, come ci si sente a guardare un libro e non capire proprio niente? Nel tentativo di farci provare qualcosa di simile, Luigi Serafini negli anni '70 scrisse e disegnò una specie di enciclopedia assurda, che illustra e racconta un mondo fantastico e decisamente impossibile, descritto per filo e per segno con un linguaggio inventato, caratteri incomprensibili che sembrano a prima vista un alfabeto cifrato, ma che in realtà son proprio segni a caso (come più tardi ha chiarito lo stesso autore). Un bel librone assurdo.
31,30 €

In her kitchen

Noi tutti amiamo le nonne. Con il loro profumo di borotalco e naftalina, il grembiule sempre indosso come se fosse un’uniforme, lo sguardo eternamente dolce e affettuoso. Questo libro fotografico di Gabriele Galimberti ne racconta le cucine, i luoghi per definizione, delle nonne.
10,43 €

The Gashlycrumb Tinies

In Inghilterra è un grande classico, firmato dall’illustratore Edward Gorey. Nelle tavole del libricino, troviamo le lettere dell’alfabeto illustrate da bambini morti. Nel senso: ogni lettera è accostata a un bambino con quell’iniziale, morto in circostanze tragiche. Per dire una cosa banale, si potrebbe dire che si tratta di immagini che sembrano uscite dall’immaginario di Tim Burton, ma avrebbe poco senso. Il bello è perdersi per qualche secondo nelle vicende di questi poveri bambini.  
49,77 €

Before they pass away

Il libro del fotogrfo inglese Jimmy Nelson raccoglie le immagini delle popolazioni che stanno scomparendo dal pianeta. Non sono solo alcune specie di animali che si stanno estinguendo, ma anche diverse popolazioni di uomini e donne che vivono ai margini del mondo o in luoghi remoti, al limite della storia e dell'esistenza, con tradizioni, usanze e costumi bellissimi. Foto emozionanti, da pelle d'oca.
10,47 €

Sticky monsters

John Kenn Mortensen è un artista danese con l’ossessione per i mostri dell’infanzia. In questo splendido, tenero e terrificante galleria disegna bestie pelose, demoni terribili e simpatici, incubi a prova di bambino su dei Post-it!
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >