Libri
di Sandro Giorello 21 Settembre 2017

Ciao Rat-Man, insegna agli angeli le battute stupide

Il prossimo 28 settembre esce l’ultimo numero di Rat-Man, la saga-cult di Leo Ortolani. Lacrimoni.

Ciao Rat-Man, ti abbiamo voluto bene Rat-man.org - Ciao Rat-Man, ti abbiamo voluto bene

 

L’anno scorso mi imbuco a uno degli eventi del Festival della Letteratura organizzati nell’aula magna dell’università di Mantova. Tutti posti sono occupati nonostante fosse domenica mattina presto. Dietro la cattedra c’è Leo Ortolani.

Un mese prima Ortolani aveva pubblicato uno status dove annunciava che a settembre 2017 sarebbe uscito il 122, il numero che avrebbe posto fine alla saga di Rat-man. Non è una notizia facile da digerire ma, per bloccare subito eventuali domande ed evitare che tutto l’incontro venga dedicato a cosa sarà della sua carriera quando Rat-Man avrà smesso esistere, Ortolani tranquillizza tutti dicendo che sarà sicuramente coinvolto in altri progetti. Mugugni di giubilo in sottofondo.

 

Leo Ortolani è un figo, è la prima cosa che pensi quando lo vedi. Fisicamente assomiglia ad alcuni dei suoi personaggi – un po’ di pancetta, la stempiatura che avanza, vestiti non troppo eleganti, in pratica l’italiano medio – ma trasmette una tranquillità che ti prende in contropiede. Ti parla di fumetti o di action movie con una competenza impressionante, spiega con grande calma dell’enorme numero di ore che gli servono per ogni pagina disegnata e di come non sia stato facile accettare che era giusto mettere fine a tutto questo. Tolta qualche battutina stupida – con cui vince a mani basse l’applauso dei presenti – Leo Ortolani è persona serena, sicura di sé e molto lontana dall’immagine di nerd-sfigato che assoceresti a Rat-Man.

 

Le battute sceme di Rat-man Lospaziobianco.it - Le battute sceme di Rat-man

 

Rat-Man non parla solo di un supereroe sfigato, è chiaro. La trama di Rat-Man negli anni è diventata via via sempre più complessa tirando in ballo tutti i generi del fumetto possibili – dalla fantascienza, all’horror, ai manga – e creando strutture narrative anche piuttosto faticose da seguire. In Rat-Man si parte sempre dalla battuta stupida ma si arriva a momenti esistenziali mica da ridere, con una serie infinita di alter-ego e tanti dettagli che, come migliaia di pezzettini Lego che vanno a costruire la gigantesca Morte Nera di di Star Wars, disegnano un mondo fantastico che richiede uno sforzo di immaginazione sbalorditivo. In Rat-Man trovi tutto: il fallimento, la depressione e quel senso di impotenza che ognuno di noi, prima o poi, prova. Nel grido di battaglia “fletto i muscoli e sono nel vuoto” ci ho sempre visto il gesto di una persona che vuole andare oltre i propri limiti sperando di evadere dalla realtà e, puntualmente, cade rovinosamente. Ditemi voi se non è romanticismo questo.

È chiaro, fa anche ridere un casino e ha dei tempi comici da paura, ma il vero motivo per cui ci mancherà sarà un altro. È come se ci rinfacciasse la nostra mediocrità ma senza criticarla, al massimo la compatisce o, meglio, ci dice che è normale. Chi crede che sia solo una presa in giro dell’italiano medio si sbaglia e non capirà mai davvero quel senso di conforto che si prova ogni volta che si prende in mano un nuovo albo.

 

#ratman

Un post condiviso da Sandro Giorello (@sandrogiorello) in data:

«Rat-Man è ignorante ma buono, con un cuore grande» – ha detto Ortolani in un’intervista a La Stampa pochi mesi fa. «Faccio personaggi con un sacco di limiti, forse perché mi rendo conto di averne io stesso. Non sarei in grado di fare un supereroe puro, come Superman». Accettare i propri difetti può essere un atto eroico e c’è chi ha pure bisogno di una maschera per farlo.

 

Rat-Man 122: Quando tutto finisce Fumettologica.it - Rat-Man 122: Quando tutto finisce

 

Il prossimo 28 settembre sarà in edicola l’ultimo numero, 122: Quando tutto finisce. Prenderemo la cosa seriamente, da persone mature e cresciute quali siamo. «Vi chiedo se sarete orgogliosi, come me, di avere vissuto insieme questa avventura straordinaria che sapevamo sarebbe finita, un giorno, ma l’avremmo vissuta lo stesso, fino in fondo»dice oggi Ortolani – «Se è così, se per voi ha significato tutto questo, allora venite a salutare Rat-Man, nel giorno del suo tramonto. Quando l’ombra si allunga, facendoti credere di essere un gigante, ma poco dopo arriva il buio ed essa scompare, insieme alla tua vanità». Adesso piango.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

15,00 €

La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia

Scarica gratuitamente l'ebook de La Bella Nostalgia in tutti i formati QUI   "La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia" di Simone Stefanini parla di mode, film, telefilm, musica, porno, orrori e gioie di due decenni contrapposti di cui oggi abbiamo rivalutato ogni lascito. Una riflessione tragicomica sulla retromania in Italia, una macchina del tempo a metà tra la DeLorean di Ritorno al Futuro e la Bianchina di Fantozzi. 200 pagine - edizione limitata di 50 copie firmata e numerata dall'autore. Edizioni Brava Gente - Betterdays    
28,90 €

Al di là delle parole. Che cosa provano e pensano gli animali

Abituati ad anni ed anni a guardare documentari prima su Superquark e poi sui vari canali satellitari o su Netflix, quando si inizia a leggere Al di là delle parole di Carl Safina, libro appena uscito per Adelphi, si è convinti di sapere tutto sul mondo degli animali. E invece no, leggendo il libro si capisce come non sappiamo proprio niente.
15,30 €

Fumetto Paper girls vol.1

Il fumetto Paper Girls, il primo volume di 144 pagine è uscito il 25 agosto 2016 per BAO Publishing e si candida a essere il perfetto incontro tra Ghostbusters e Stranger Things. Paper Girls è infatti una serie scritta e disegnata da Brian K. Vaughan e Cliff Chiang, che va a collocarsi tra i Goonies, Stand By Me e la Guerra dei mondi, ma con una particolarità non da poco: stavolta le esploratrici in sella alle BMX sono tutte ragazze. Un Sacro Graal per tutti i retromaniaci amanti del vintage, che si candida a diventare un nuovo cult.
10,20 €

Il mare spiegato ai miei nipoti

Se anche a voi piace il mare e magari siete anche dei tipi scientifici o perlomeno curiosi, allora questo bel libretto può aiutarvi a conoscere meglio l'ecosistema del mare, i suoi segreti e la sua importanza. Scritto da Hubert Reeves e Yves Lancelot è un libro di divulgazione scientifica sul mare, che potete leggere con i vostri figli. Invece delle solite banalità fantasy. :-)
21,16 €

Un anno al vetriolo. Los Angeles Police Department, 1953

Ottantacinque foto della polizia di L.A. del 1953 diventano racconti scritti da uno dei più grandi scrittori americani viventi, un po' duro e crudo, per fare un viaggio all'inferno nella città degli angeli.
49,77 €

Before they pass away

Il libro del fotogrfo inglese Jimmy Nelson raccoglie le immagini delle popolazioni che stanno scomparendo dal pianeta. Non sono solo alcune specie di animali che si stanno estinguendo, ma anche diverse popolazioni di uomini e donne che vivono ai margini del mondo o in luoghi remoti, al limite della storia e dell'esistenza, con tradizioni, usanze e costumi bellissimi. Foto emozionanti, da pelle d'oca.
15,00 €

Giulia Bersani - lucciole

  Giulia Bersani, fotografa. Classe 1992, vive a Milano. Fotografie scattate al MI AMI festival 2016 Formato: 21x15 cm Numero Pagine: 48 (+4 copertina) Edizione limitata 100 copie numerate, titolate e firmate dall'autore "Mi piace osservare come musica e buio tirino fuori il lato più istintivo delle persone. Si perde un pò di autocontrollo e ci si lascia guidare dalle proprie emozioni. Io mi sono lasciata libera di inseguire quello che istintivamente mi attraeva, così ho trovato baci, voglia di vivere e colori." (Giulia Bersani)  
85,00 €

Codex Seraphinianus

Volete provare quello che prova un bambino quando sfoglia un libro? Cioè, come ci si sente a guardare un libro e non capire proprio niente? Nel tentativo di farci provare qualcosa di simile, Luigi Serafini negli anni '70 scrisse e disegnò una specie di enciclopedia assurda, che illustra e racconta un mondo fantastico e decisamente impossibile, descritto per filo e per segno con un linguaggio inventato, caratteri incomprensibili che sembrano a prima vista un alfabeto cifrato, ma che in realtà son proprio segni a caso (come più tardi ha chiarito lo stesso autore). Un bel librone assurdo.
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >