ritratto dorian gray film
Libri
di Simone Stefanini 21 Giugno 2016

Il ritratto di Dorian Gray compie 126 anni, i 5 film più strani tratti dal romanzo

Il classico senza tempo di Oscar Wilde e un po’ di riduzioni cinematografiche fuori dal comune tra il gotico, l’erotico e l’horror

ritratto dorian gray film  Uno invecchia, l’altro no

 

Venerdì 20 giugno 1890, quel geniale dandy di Oscar Wilde dà alle stampe la prima versione de Il ritratto di Dorian Gray, il suo capolavoro. La storia la sapete tutti, si studia anche a scuola, è quella (per farla in due parole) del giovane Dorian che vive nella Londra vittoriana e che ama la bellezza sopra ogni cosa.

Farà un patto col demonio per trasferire le sue malefatte (tante, troppe) in un ritratto, che invecchierà e imbruttirà al posto suo, conservandolo per sempre bello. Nel caso non abbiate mai letto il libro, non vi diciamo il finale, altrimenti ci accusate di spoiler, che funziona anche a più di un secolo di distanza.

 

ritratto dorian gray film artspecialday - Oscar Wilde sapeva come fare festa

 

Del suo celebre romanzo sono stati fatti tantissimi adattamenti cinematografici, colorati di volta in volta di gotico, di horror o di erotismo. Nel 2009, ad esempio, lo abbiamo visto protagonista del suo film omonimo, interpretato da Ben Barnes

.

ritratto dorian gray film

 

Anche se ci piace più la sua versione di letale seduttore nella serie tv Penny Dreadful (2014), interpretato da Reeve Carney, qui sotto in compagnia all’ottima Eva Green. No spoiler neanche qui.

 

ritratto dorian gray film

 

In ogni caso, questi due volti non sono che gli ultimi in ordine di tempo, legati al protagonista del capolavoro di Wilde. Quelli che vi mostriamo qui sotto sono una selezione di 5 pellicole ben meno famose ma molto interessanti sul ragazzo diabolico e sensuale di Wilde.

 

1) Dorian Gray Portræt (1910)

ritratto dorian gray film dfi.dk

Il primo in ordine di tempo è un film muto danese del 1910, diretto da Axel Strom, con Valdemar Psilander nei panni di Dorian. Del film, purtroppo, non esiste una versione digitalizzata ma solo foto di scena un po’ misteriose, che c’incuriosiscono a mille.

 

2) The Picture of Dorian Gray (1945)

Nel 1945, Albert Lewin dirige il primo vero adattamento cinematografico di successo, dal titolo Il ritratto di Dorian Gray. La parte di Sybil, la bellissima cantante con la quale Dorian   ha una tragica relazione, è interpretata dalla giovane Angela Lansbury (che per questo film ha vinto anche un Golden Globe). Avete capito bene, dalla Signora in Giallo. Il giovane bello, ricco e manipolatore è interpretato da Hurd Hatfield. Il film ha vinto l’Oscar per la migliore fotografia.

 

3) Il Dio chiamato Dorian (1970)

Durante gli anni ’70, il regista italiano Massimo Dallamano dirige Helmut Berger in questa trasposizione in chiave contemporanea del classico wildiano. Il film viene caricato di inquietudine, morbosità, ambiguità e di alcuni spunti erotici piuttosto evidenti. Un film raro, da ricercare per rileggere un classico con i basettoni ed i pantaloni a zampa.

 

4) The 1000 shades of Doriana Gray (1976)

ritratto dorian gray film diaboliquemagazine

L’erotismo, quello vero, che sfocia nella pornografia soft è il marchio di fabbrica del regista spagnolo Jesus Franco, che ha girato un’infinità di film, anche 5 l’anno, tutti a basso budget ma piuttosto interessanti da vedere, se amate le perversioni. Questo adattamento c’entra poco col romanzo originale. Lina Romay è Doriana Gray, che vive in un manicomio con la sua gemella. Doriana è frigida mente la sorella è pazza ma molto attiva sessualmente. Il resto, lo capite da soli.

 

5) The Sins of Dorian Gray (1983)

In questa versione, Dorian Gray è di nuovo una ragazza (Belinda Bauer) che fa l’attrice e e che vuole diventare assolutamente una star internazionale. A questo proposito, vende la sua anima per non far sfiorire la sua bellezza. I questo curioso film per la tv degli anni ’80 figura anche Anthony Perkins, il famoso Norman Bates di Psycho.

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Luca Zamoc

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Luca Zamoc Luca Zamoc è nato a Modena nel 1986. Sin da piccolo ha trovato ispirazione nei fumetti anni ‘80, nella Bibbia e nell’anatomia umana. Ha frequentato l’Accademia delle Belle Arti di Milano, dove ha conseguito un titolo in Graphic Design & Art Direction. Il suo lavoro abbraccia diversi media, dal digitale ai muri, passando all’inchiostro, carta e fumetto. Negli ultimi anni ha lavorato e vissuto in diverse città quali Milano, Berlino, Londra, Los Angeles, New York e Istanbul. Oggi vive e lavora a Barcellona. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
10,00 €

Maglietta unicorno Better Days

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con l'unicorno di ANDREA MININI realizzata per il Better Days Festival 2016.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di StencilNoire

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari StencilNoire StencilNoire, classe ’75, vive e opera in un paesino del sud Italia, Massafra, dove le problematiche socio-culturali danno spunto quotidiano alle sue opere. Veterano dell’uso del colore, sin da bambino ha fatto dell’arte la sua più grande passione, sperimentando tutte le tecniche artistiche, dai colori a olio, al carboncino, all’aerografo, approdando, nel ’95, nella cultura dello stencil e dello sticker. Ha partecipato a numerosi eventi, sia a livello personale, che col gruppo «South Italy Street Art», del quale è co-fondatore. Fra gli ultimi eventi si annoverano le partecipazioni allo Jonio Jazz Festival, svoltosi a Faggiano (TA), al Calafrika music Festival svoltosi a Pianopoli (CZ), e a Residence Artistic in Country Secret Zone, un esperimento artistico di Street Art chiamato «Torrent 14» organizzato da Biodpi in collaborazione con Ortika, svoltosi a Sant’Agata de’Goti. Vincitore della giuria artisti del 1° Concorso Internazionale d’Arte su Vinile, organizzato dall’associazione Artwo in collaborazione con Ortika Street Art Lovers, dedicato a Domenico Modugno, in occasione dei 20 anni della sua scomparsa. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Agricane Serigrafia di DEM

Serigrafia a due colori, dimensioni 20x30 cm Edizione limitata di 40 esemplari DEM Come un moderno alchimista, DEM crea personaggi bizzarri, creature surreali abitanti di un livello nascosto nel mondo degli umani. Eclettico e divertente, attraverso muri dipinti, illustrazioni e installazioni ricche di allegorie, lascia che sia lo spettatore a trovare la chiave per il suo enigmatico e arcano mondo. Oltre ad avere vecchie fabbriche ed edifici abbandonati come sfondo abituale ai suoi lavori, DEM è stato anche ospite alla Oro Gallery di Goteborg e ha preso parte a esposizioni importanti come «Street Art, Sweet Art» (PAC, Milano), «Nomadaz» (Scion Gallery, Los Angeles), «Original Cultures» (Stolen Space Gallery, London) and «CCTV» (Aposthrofe Gallery, Hong Kong). Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >