Gli East 17 suonano di fronte a 30 persone, la reunion è un flop

30 persone in un locale da quasi 900 posti. Un po’ poco per la reunion degli East 17, la boy band che se la giocava con i Take That negli anni 90

Musica
di Simone Stefanini facebook 29 giugno 2015 15:54
Gli East 17 suonano di fronte a 30 persone, la reunion è un flop

east-17_2431586b

Anche se siamo in epoca di reunion pagatissime e frequentatissime, questo sembra non essere il caso degli East 17. Ve li ricordate? Durante gli anni 90 erano una boy band così famosa da competere coi Take That e tra i loro singoli di maggior successo si possono ricordare “The house of love”, “It’s alright”, “Stay another day”, “Thunder” e “West End Girls” (cover del popolare brano dei Pet Shop Boys).

Bene, dei 4 membri originali, Brian Harvey, John Hendy, Terry Coldwell e Tony Mortimer, della formazione odierna fanno parte John Hendry e Terry Coldwell, insieme al nuovo membro Robbie Craig. Mortimer ha lasciato qualche anno fa e Brian Harvey, il frontman e belloccio, dopo aver essere uscito dalla band ha tentato di trovare fortuna con una sorta di Isola dei Famosi inglese ma non gli è andata granché bene e dopo svariati incidenti, compreso un tentativo di suicidio, ora non se la passa proprio benissimo.

2720F13800000578-3017556-image-m-18_1427700803409

Ma anche i membri superstiti non è che navighino nell’oro, a quanto pare. Ad un recente concerto a Dublino hanno suonato di fronte a 30 persone, in un locale da quasi 900 posti. La band ha addirittura ritardato di un’ora la performance, sperando che arrivasse altra gente, senza risultato. Quella sotto è la testimonianza di uno dei 30 spettatori:

Schermata 2015-06-29 alle 16.42.35

Forse certe volte, bisognerebbe lasciare il passato dov’è: nel passato.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)