Musica
di Federica Calvo 22 ottobre 2018

L’amore in tutte le versioni possibili: il racconto dell’ultima data del tour europeo di Maluma

Maluma è il re della musica latin pop in tutto il mondo. Questo è il suo ultimo live europeo

Quando un intero palazzetto dello sport ospita la data di chiusura del tour europeo dell’artista latino più popolare del momento, succede che viene infuocato dall’energia e dal calore che solo la musica e le persone con sangue sudamericano sanno trasmettere. Siamo al palazzetto dello sport di Busto Arsizio (VA) e l’artista in questione è l’idolo della latin pop in tutto il mondo, Maluma, per l’ultima data del suo F.A.M.E. Europe Tour.

Maluma, nome d’arte di Juan Luis Londoño Arias e combinazione delle prime due lettere dei nomi di suo padre, sua madre e sua sorella a cui dice di essere molto legato; colombiano, classe 1994, “F.A.M.E.” (Faith-Alma-Musica-Esencia) è il suo terzo album e alle spalle ha già numerosi singoli e una lista lunghissima di collaborazioni con artisti mondiali dal calibro di Shakira, Ricky Martin, Jason Derulo, Flo Rida, Ozuna. Giovane e sexy, sa benissimo come stare sul palco e come intrattenere migliaia di ragazzine urlanti e incredule di poter finalmente vederlo dal vivo. Ovviamente, anche eccitate di avere a pochi metri un vero e proprio sogno erotico.

Dall’ingresso sul palco fino alla fine di tutto lo spettacolo si balla e si canta a squarciagola le hit del chico màs caliente del mundo, l’atmosfera si scalda e riempie tutti gli spazi e si fa ancora più hot grazie ai balletti provocantissimi delle ballerine che ci ricorderemo non solo per le loro abilità ma, siamo sinceri, anche per lo spacco da paura sul fondoschiena che ha sicuramente ipnotizzato tantissimi occhi.

Nei testi delle canzoni l’amore viene declinato in tutte le versioni possibili: dal platonico passando per quello romantico fino quello passionale e carnale, insomma mille sfumature di sensualità che incendiano l’animo di due corpi che si stanno scoprendo ed è il cantante stesso a darcene una dimostrazione. Come da tradizione, una fan molto fortunata viene pescata tra la folla del tumulto di ormoni femminili in circolazione e come nel più bello dei sogni, le viene data la possibilità di cantare mano nella mano con il suo idolo. La favola si conclude con il finale perfetto, un bacio, un bacetto a dirla tutta, totalmente rovinato dalla foga della ragazza di documentare tutto attraverso selfies, o Instagram stories o chissà che altro da condividere. Peccato non sia stata capace di godersi senza filtri quel momento che sicuramente non si ripeterà più.

La scenografia appariscente è in perfetta sintonia con il mood scoppiettante del rubacuori latino, letteralmente scintille e fiamme inondavano il palco mentre la sfilata dei suoi outfit stilosi ci passava sotto gli occhi mentre interpretava ballando a uno a uno tutti i suoi più grandi successi, più o meno recenti: Felices los 4, Marinero, El prestamo, Corazòn.

Maluma sa bene come giocare con il suo pubblico fedele, è una relazione biunivoca quella che instaura con le persone che ha di fronte, fa cantare i bambini, si lascia fare qualche foto, legge ad alta voce le scritte de amor sui cartelloni che i fan hanno preparato per lui. Brano dopo brano, tutto il palazzetto è travolto dai movimenti di colita scanditi su basi raggaeton; ragazze, bambini, donne e uomini adulti di vari parti del mondo sono uniti dalle stesse vibrazioni positive che è il bello di questo genere musicale; l’importante è divertirsi, tutti sotto la bandiera di Maluma.

CORRELATI >