Natura
di Marcello Farno 14 Giugno 2016

Gli sticker di Pusheen the Cat rifatti con un gatto vero sono adorabili

Il gatto Pusheen esiste non solo nelle nostre chat: e questo imitatore se la cava quasi meglio dell’originale

gatto pusheen esiste

 

Pusheen è il nome del gatto protagonista di alcuni tra gli adesivi animati più apprezzati di Facebook. Un paffuto esemplare di felino grigio abile nel replicare comportamenti, abitudini e tic degli esseri umani, trasformandoli in una versione esageratamente più tenera e dolce in grado di far breccia nel cuore di molti, visto e considerato il suo successo.

Il suo marchio è diventato in breve tempo sinonimo di business. All’interno del suo sito ufficiale è possibile acquistare decine di prodotti brandizzati, dai portachiavi alle pantofole, dagli accessori per la casa ai gioielli.

 

licorne-575d5da58498e-png__700

 

La sua pagina fan su Facebook raccoglie quasi 9 milioni e mezzo di like e qualche tempo fa il nostro è stato anche protagonista di una mostra al Museum of the Moving Image di New York, che ne esaminava il fenomeno.

Una vera e propria webstar contemporanea, che Sascha Segan, in un articolo su PC Magazine, ha eletto a simbolo delle rivoluzione gentile delle emoji.

Il giornalista francese Julien Therrien ha recentemente realizzato che il suo gatto, Jackie, possiede una somiglianza evidente proprio con Pusheen. Per cui sì, ora il gatto Pusheen esiste.

 

laptop-575d5d9e6b61f-png__700

 

Le similitudini sono molte, dal colore grigio a un certo tipo di morbidezza patologica. Ha cosi deciso di realizzare una serie di foto che lo ritraggono intento a vestire i panni del gatto più famoso del web.

 

 

Le situazioni più celebri sono rappresentate tutte, da Pusheen intento a mangiare un menu McDonald’s a vestire i panni di un unicorno, assopito e concentrato nel leggere un libro.

L’unica variante è che Jackie è portatore sano di una pigrizia e di una nausea, intesa quasi alla maniera sartriana, che raggiunge vette ineguagliabili. Non proprio il gatto più simpatico del mondo quindi, ma apprezziamo comunque l’impegno. Quel che importa è che abbiamo un’altra conferma, il gatto Pusheen esiste.

FONTE | BoredPanda

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

15,00 €

Giulia Bersani - lucciole

  Giulia Bersani, fotografa. Classe 1992, vive a Milano. Fotografie scattate al MI AMI festival 2016 Formato: 21x15 cm Numero Pagine: 48 (+4 copertina) Edizione limitata 100 copie numerate, titolate e firmate dall'autore "Mi piace osservare come musica e buio tirino fuori il lato più istintivo delle persone. Si perde un pò di autocontrollo e ci si lascia guidare dalle proprie emozioni. Io mi sono lasciata libera di inseguire quello che istintivamente mi attraeva, così ho trovato baci, voglia di vivere e colori." (Giulia Bersani)  
10,00 €

Maglietta Amarti mi affatica

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con scritta "Amarti m'affatica".
5,00 €

BEVANDA DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

Lattina ufficiale “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l'uso che preferite. La bevanda che avresti voluto bere.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di CT

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari CT L’opera di CT affonda le sue radici nella cultura del Writing. Dalle prime sperimentazioni, influenzate dagli stili più classici dei graffiti, è passato in modo progressivo ad una ricerca minuziosa capace di cogliere ed evidenziare i cambiamenti del paesaggio urbano. Le fascinazioni ricevute dai graffiti sono tuttavia presenti nelle fasi di questo processo: il soggetto-oggetto della sua analisi, le tecniche utilizzate ed in parte i luoghi scelti per i suoi interventi. L’interesse per il lettering si è quindi trasformato in espediente per lo studio della forma fino ad approdare, oggi, ad una ricerca più ampia relativa allo spazio e alle dinamiche contemporanee. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

Borsa "MI AMI Festival 2017"

La borsa ufficiale del “MI AMI Festival 2017” disegnata da Viola Niccolai serigrafata a mano da Legno. Bag bianca cotone con illustrazione rosa.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di VitoManoloRoma

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari VitoManoloRoma Attualmente vive a Milano e lavora come freelance in qualità di grafico, illustratore, animatore e fumettista. Si forma presso il Liceo Artistico statale di Busto Arsizio, poi la compagnia di teatro sperimentale Radicetimbrica e termina gli studi al Politecnico di Milano dove si avvicina al Graphic Design. Durante i primi anni di professione come progettista e illustratore in alcuni studi di grafica milanesi, continua a disegnare e partecipa a mostre collettive di illustratori, fra le quali «Spaziosenzatitolo» (Roma), «Doppiosenso» (Beirut) e «Manifesta» (Milano). Con il collettivo di satira a fumetti L’antitempo fonda l’omonima rivista con la quale vince il Premio Satira 2013 come miglior realtà editoriale italiana. Appassionato di musica africana, afroamericana e jamaicana, colleziona vinili che seleziona con i collettivi Bigshot! e Soulfinger nei locali neri e non di Milano. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
10,00 €

-GIGA +FIGA

100% cotone Maglietta nera Serigrafia con slogan minimalista per nerd con stile. Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
35,00 €

Inés Sastre Serigrafia di Alessandro Baronciani

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Baronciani Alessandro Baronciani vive a Pesaro e lavora a Milano come Art Director, grafico e illustratore. Ha lavorato per diverse agenzie pubblicitarie come direttore di campagne a cartoni animati. Le sue illustrazioni sono state stampate per molti brand come Martini, Coca Cola, Bacardi, Nestlè, Audi, Poste Italiane e Vodafone. Lavora per libri per bambini pubblicati da Mondadori, Feltrinelli e Rizzoli, quest’ultima ha anche pubblicato il suo primo libro, Mi ricci!, completamente pensato, scritto e illustrato da lui. Alessandro disegna fumetti. Ha pubblicato 3 libri di fumetti intitolati Una storia a fumetti, Quando tutto diventò blu e Le ragazze dello studio Munari. Per molti anni ha disegnato e pubblicato i suoi fumetti da solo, come un esperimento fai-da-te mai provato prima in Italia: i suoi fumetti venivano spediti in abbonamento e gli abbonati diventano parte delle storie che disegnava. Suona inoltre la chitarra e canta nella punk band di culto Altro. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >