Social Network
di Fabrizio Martire 24 Settembre 2015

Abbiamo provato il nuovo social network italiano AppleKiss e dentro non c’è niente

Abbiamo provato a usare AppleKiss e siamo andati a indagare nel suo codice

Schermata 2015-09-24 alle 12.29.44 AppleKiss - La homepage di AppleKiss

 

Qualche giorno fa Dailybest vi ha presentato Applekiss, il nuovo social network italiano, così ho pensato di iscrivermi al fine di aggiungere un nuovo elemento alla mia personale collezione di social network zombie: Ello, Tsū, Plurk, Gowalla, il nuovo Myspace e molti altri.

I primi passi all’interno del nuovo social network italiano sono abbastanza complessi – o meglio – li definirei “esattoriali”, soprattutto se paragonati a tanti altri social: tante informazioni richieste, tanti spazi da riempire, tutto strettamente necessario. In generale, molti più dati rispetto a servizi che si accontentano di una user e una password.

Terminato il processo di iscrizione, arriviamo finalmente al cuore del network: la nostra timeline.
Con stupore – diversamente da qualsiasi altro social – non mi vengono consigliate persone o profili da seguire, sulla mia bacheca ci sono già persone che parlano, condividono, postano e mandano Kiss (il Kiss di AppleKiss è il Like di Facebook, inoltre, per confondere un po’ le idee, per i kiss hanno scelto un’icona a forma di mela).

In AppleKiss c’è già tutto, dal giorno uno. AppleKiss offre un sacco di funzioni, tutte già disponibili: gruppi, eventi, blog, annunci, foto, chat, notifiche, commenti e così via. Facebook ha impiegato anni per sviluppare, testare e lanciare ogni singola feature: è comprensibile voler iniziare in questo modo, offrendo ogni opzione disponibile negli altri social, ma il risultato finale è quello di disorientare l’utente.

 

Tutte le potenzialità di AppleKiss. Ovviamente secondo AppleKiss.  Tutte le potenzialità di AppleKiss. Ovviamente secondo AppleKiss.

 

Questa abbondanza di offerta e funzioni fa cadere il sipario del mio interesse su AppleKiss: mi pare piuttosto evidente che la piattaforma che sto esplorando sia solo un’installazione, piuttosto base, di un framework basato su SocialEngine, un software che permette di creare una piattaforma social scegliendo tra vari template. Esatto: grazie a questi servizi è possibile installarsi, da zero, il proprio social network sul proprio server. In particolare, i programmatori di AppleKiss hanno scelto un template realizzato per SocialEngine dalla società statunitense seTweaks.com, come si può vedere da questo screenshot.

 

Nel codice abbiamo trovato l'esistenza di un template e il suo autore: seTweaks  Nel codice abbiamo trovato l’esistenza di un template e il nome della società che l’ha sviluppato: seTweaks

 

Ora, utilizzare un software già fatto non è certo il massimo delle ambizioni come approccio di partenza, ma posso ancora capirlo: che senso ha re-inventare la ruota di volta in volta? Quello che blocca, realmente, la voglia di appassionarsi a AppleKiss è il fatto che la piattaforma si presenti come vuota, fredda, meccanica. Le poche interazioni (umane) che troviamo all’interno sembrano degli “Hello World!”: dei testi scritti da alcuni utenti giusto per provare il corretto funzionamento tecnico del sistema.

 

Una schermata dell'app iOS, con tanto di gruppo gattini  Una schermata dell’app iOS, con tanto di gruppo gattini

 

Qual è il fine?

Perché costruire un nuovo recinto, un nuovo social network, uguale a tutti gli altri? Il problema di AppleKiss non è tanto il fatto di non aver sviluppato qualcosa da zero o di aver presentato tutte le feature insieme: il problema è che niente di tutto questo segna un passo in avanti (o di lato) rispetto a quanto già conosciamo e usiamo. Davvero qualcuno può pensare che installando un prodotto scaricato da internet, scegliendo un nome simile a quello del più grande marchio tecnologico e con una conferenza stampa, vip incluso, può davvero vincere il mercato online?

Sembra tutto troppo incredibile, anzi, io non ci credo. Probabilmente tutto il progetto AppleKiss serve ad altro. Magari è un grosso hoax per attirare attenzione su un altro prodotto? Non lo so, aspetto il futuro per scoprirlo.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Agricane Serigrafia di DEM

Serigrafia a due colori, dimensioni 20x30 cm Edizione limitata di 40 esemplari DEM Come un moderno alchimista, DEM crea personaggi bizzarri, creature surreali abitanti di un livello nascosto nel mondo degli umani. Eclettico e divertente, attraverso muri dipinti, illustrazioni e installazioni ricche di allegorie, lascia che sia lo spettatore a trovare la chiave per il suo enigmatico e arcano mondo. Oltre ad avere vecchie fabbriche ed edifici abbandonati come sfondo abituale ai suoi lavori, DEM è stato anche ospite alla Oro Gallery di Goteborg e ha preso parte a esposizioni importanti come «Street Art, Sweet Art» (PAC, Milano), «Nomadaz» (Scion Gallery, Los Angeles), «Original Cultures» (Stolen Space Gallery, London) and «CCTV» (Aposthrofe Gallery, Hong Kong). Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Luca Zamoc

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Luca Zamoc Luca Zamoc è nato a Modena nel 1986. Sin da piccolo ha trovato ispirazione nei fumetti anni ‘80, nella Bibbia e nell’anatomia umana. Ha frequentato l’Accademia delle Belle Arti di Milano, dove ha conseguito un titolo in Graphic Design & Art Direction. Il suo lavoro abbraccia diversi media, dal digitale ai muri, passando all’inchiostro, carta e fumetto. Negli ultimi anni ha lavorato e vissuto in diverse città quali Milano, Berlino, Londra, Los Angeles, New York e Istanbul. Oggi vive e lavora a Barcellona. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Martina Merlini

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Martina Merlini Martina Merlini, artista visiva bolognese, classe 1986, vive e lavora a Milano. Il percorso artistico di Martina Merlini si snoda multiformemente nel solco dell’esplorazione, coinvolgendo una pluralità di tecniche, materiali e supporti che convergono nella ricerca di un equilibrio formale delicatamente costruito sull’armonia di elementi astratti e geometrici. Attiva dal 2009, ha esposto in numerose gallerie europee e americane. Dal 2010 al 2013, insieme a Tellas, intraprende il progetto installativo Asylum, che viene presentato a Palermo, Bologna, Milano e Foligno. Nell’estate del 2012 viene invitata a partecipare a Living Walls, primo festival di Street Art al femminile, ad Atlanta. Nel dicembre 2013 inaugura la sua seconda personale, «Wax» all’interno degli spazi di Elastico, Bologna, dove indaga l’utilizzo della cera come medium principale del suo lavoro, ricerca approfondita nella sua prima personale americana, «Starch, Wax, Paper & Wood», presso White Walls & Shooting Gallery, San Francisco. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
5,00 €

MANIFESTO "MI AMI Festival 2020"

MANIFESTO ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
15,00 €

Maglietta Better Days calligrafica

100% cotone Modello unisex Serigrafia con scritta "Better Days" creata da calligrafo Bizantino Perché c'è sempre bisogno di giorni migliori
35,00 €

Locandina de "Il Film del Concerto" di Andrea Laszlo De Simone

Locandina numerata e autografata del Film del Concerto di Andrea Laszlo De Simone con l'Immensità Orchestra, in triennale di Milano. L'illustrazione originale della locandina è a cura di Irene Carbone, illustratrice e fumettista torinese con studi alla Scuola Internazionale di Comics, dal 2015 nel duo creativo Irene&Irene e da tempo coinvolta nel progetto Andrea Laszlo De Simone per la realizzazione delle copertine dei dischi "Immensità" ed "Ecce Homo", i video d'animazione "11:43" e "Sparite Tutti", oltre ad aver ideato la creatività della cover digitale di "VIVO". Per “Il Film Del Concerto” ha realizzato a mano un'opera che riconduce al migliore immaginario cinematografico di Federico Fellini. L'opera sarà stampata in pochissime copie in edizione limitata, autografate dagli artisti.  
70,00 €

SERIGRAFIA "SE MI AMI VALE TUTTO" - ed. limitata firmata - MI AMI 2014

Serigrafia ufficiale della 10° edizione del MI AMI 2014 dimensioni: 50x50 cm stampata a 2 colori (nero + argento) edizione limitata di 50 esemplari ognuna numerata e firmata dall'artista disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc venduta non incorniciata (spedita arrotolata in un tubo) disponibili anche la versione UOMO+UOMO e DONNA+DONNA Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >