Social Network
di The Fool 28 Gennaio 2016

L’Italia è pronta alle unioni civili: l’analisi delle conversazioni su #svegliaItalia

Oggi si discute in Senato il ddl Cirinnà: in vista del voto e a pochi giorni dal Family Day, ecco come vive il tema delle unioni civili l’Italia online

Screen-Shot-2016-01-26-at-17.55.37

 

Sabato 23 Gennaio quasi 100 piazze in tutta Italia hanno fatto da scenario alla mobilitazione a sostegno del disegno di legge Cirinnà, la proposta di legge sulle unioni civili che oggi inizierà a essere discussa in Senato. Le manifestazioni sono state organizzate da Arcigay, ArciLesbica, Agedo, Famiglie Arcobaleno e da Mit (Movimento identità transessuale) con l’appoggio di altre importanti associazioni come Cgil, Uil, Amnesty, Arci e Legambiente.

Come accade sempre più di frequente, alla mobilitazione nelle piazze ha corrisposto un’altrettanto efficace attività online, in particolare sui Social Network: l’Arcigay ha scelto #svegliatitalia per dare voce su Twitter alla domanda di diritti e uguaglianza tema della campagna. L’entusiasmo degli utenti e la voglia di contribuire al successo della mobilitazione, risparmiando qualche prezioso carattere da spendere nei messaggi, ha fatto si che l’hashtag ufficiale della manifestazione fosse sostituito dal più utilizzato #svegliaitalia.

Abbiamo analizzato le conversazioni su Twitter sviluppate intorno a #svegliaitalia e #svegliatitalia. I numeri lo confermano: quello delle unioni civili è un trending topic sia offline, nell’opinione pubblica e sui media tradizionali, sia online.

Sono oltre 86.000 tweet e quasi 36.000 utenti unici coinvolti, un dato significativo che ben rappresenta la portata della manifestazione e definisce il successo di partecipazione, dando una chiave di lettura realmente indicativa rispetto alla consueta guerra di cifre che si scatena in queste occasioni. Il numero di impression, molto alto, suggerisce il coinvolgimento nella mobilitazione online anche delle cosiddette “Twitter Stars”, utenti che su questo Social contano un elevato numero di follower: tutti i tweet contenenti l’hashtag #svegliaitalia e #svegliatitalia hanno raggiunto più di 83.000.000 utenti, per un totale di 286.000.000 impression.

 

general

 

Analisi temporale

Dal punto di vista temporale, i tweet si sono concentrati nel pomeriggio del 23 Gennaio, nel pre-durante e post manifestazioni in piazza. In particolare abbiamo rilevato un picco di attività alle 16.12, quando sono stati inviati 240 tweet in un solo minuto. L’attenzione per le manifestazioni e per il tema dei diritti LGBT è però rimasta alta anche nelle ore e nella giornata successiva: la cosiddetta “coda lunga” sviluppata intorno ai due hashtag è infatti continuata anche nella giornata di Domenica 24.

 

Screen Shot 2016-01-26 at 17.31.12

 

Analisi utenti

Chi sono stati i protagonisti, gli account più impegnati a raccontare la partecipazione alle manifestazioni e ad esprimere il loro sostegno al ddl Cirinnà? Tra gli utenti più attivi spiccano @partecivile (160), @lidiera1 (147), @paolo_maiellaro (130), @neo_echo (125), e @veronicavismar2 (124).

 

Screen Shot 2016-01-26 at 17.32.51

 

Sul podio dei profili più popolari salgono profili internazionali come @crowdgoals, di artisti e trasmissioni tv come @fedez, @mikasounds, @michele_bravi, @xfactor_italia e di nuove star del web, come lo youtuber @decarlileonardo. Tra i profili più citati compare anche quello di @italotreno, facile immaginarne il motivo.

 

Screen Shot 2016-01-26 at 17.32.58

 

A dimostrare la trasversalità delle mobilitazioni sono gli utenti capaci di generare più impression: si parte da politici come @nichivendola e @sinistraelib, passando per account di media tradizionali come @repubblicait, @skytg24, il @fattoquotidiano, @la_stampa e @chetempochefa, fino ad arrivare a riconosciuti artisti come @lorenzojova, @elisatoffoli e @laurapausini.

 

Screen Shot 2016-01-26 at 17.45.30

 

Come dimostra la nostra Social Network Analysis (SNA), attorno a questi profili si sono sviluppate delle community, diverse per tipologia di tweet inviati e ognuna delle quali fa capo a profili influenti che vengono menzionati più spesso dagli account appartenenti alla community stessa: tra questi riconosciamo @fedez e @xfactoritalia (1), @mikasounds, @sfigatamente e @nanawani_ (2), decarlileonardo, @michele_bravi e @alicelikeaudrey (3) e organi di stampa come @rainews e @repubblicait (4).

L’analisi dei contenuti

Sui Social non sono mancati tweet ironici a commento dell’azione politica a sostegno del family day promossa dal governatore della Lombardia Maroni:

 

 

Fenomeno trasversale, dicevamo: non è mancato l’appoggio di Brand affermati come Yamamay, che ha colto l’occasione per dare il proprio sostegno alla causa:

 

 

Le tag cloud degli hashtag e delle keyword più frequenti ben sintetizzano e rappresentano in pochi concetti l’onda emotiva e il coinvolgimento dei partecipanti alla mobilitazione per i diritti lgbt:
amore, piazza, diritti, italia, gay, sono i termini più usati per comporre i tweet a sostegno della campagna.

 

Screen Shot 2016-01-26 at 17.55.37 Screen Shot 2016-01-26 at 17.55.28

 

L’analisi dimostra come, grazie alla forza dei Social Network, alle manifestazioni di piazza si sia potuta affiancare in sostegno un’ingente attività online, capace di coinvolgere soggetti e attori diversi: sull’onda di #svegliatiItalia e #svegliaItalia si arriva alla discussione, oggi, del ddl Cirinnà in Senato. Questo weekend ci sarà il #FamilyDay a Roma, che tanto ha fatto parlare di sé (non sempre in positivo). Che la nostra prossima analisi sia proprio questa?

 

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

15,00 €

MAGLIETTA MI AMI 2019 CUORE GRIGIO CHIARO

Maglietta t-shirt American Apparel N2001W new silver (Grigio Chiaro), con illustrazione "Cuore" del MI AMI FESTIVAL 2019 di Andrea De Luca davanti e lineup artisti dietro.
17,00 €

KIT DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL DESIDERIO “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper quattro lattine Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
5,00 €

Borsa "MI AMI Festival 2017"

La borsa ufficiale del “MI AMI Festival 2017” disegnata da Viola Niccolai serigrafata a mano da Legno. Bag bianca cotone con illustrazione rosa.
15,00 €

MAGLIETTA MI AMI 2019 CUORE BIANCA

Maglietta t-shirt American Apparel N2001W bianca, con illustrazione "Cuore" del MI AMI FESTIVAL 2019 di Andrea De Luca davanti e lineup artisti dietro.  
15,00 €

MAGLIETTA MI AMI 2019 VERDE

Maglietta t-shirt American Apparel N2001W verde, con illustrazione completa del MI AMI FESTIVAL 2019 di Andrea De Luca davanti e lineup artisti dietro. Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Thomas Raimondi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Thomas Raimondi Nato a Legnano (MI) il 17 Maggio 1981. Laureato al Politecnico di Milano in Design della Comunicazione. Graphic e visual designer freelance attivo nella scena underground con numerose pubblicazioni (Luciver Edition, Faesthetic, Belio, Le Dernier Cri, Laurence King.) e mostre in Italia e all’estero. Le ultime personali «Burn Your House Down» nel 2013 presso la galleria Kalpany Artspace di Milano (Circuito Rojo) e la residenza d’artista per Alterazioni Festival 2014, Arcidosso (GR) con l’istallazione site-specific «Inside/Outside». Lavora e ha lavorato per diverse realtà nazionali ed internazionali come VICE, Rolling Stone Magazine, Rockit, Mondadori, Men’s Health, Salomon, Motorpsycho, T-Post e molte altre. Nel 2008 ha ricoperto il ruolo di docente d’illustrazione presso l’accademia NABA di Milano continuando, a oggi, a collaborare con regolarità. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Alessandro Ripane

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Ripane Alessandro Ripane è nato a Genova nel 1989. Ha vissuto e lavorato in Svezia. A causa della mancanza di animali selvaggi nella città di Genova, Alessandro si è comprato molti libri sull’argomento. A causa della mancanza di supereroi nella città di Genova, Alessandro si è comprato un sacco di fumetti a tema. È diventato quindi un esperto in entrambe le categorie, anche se ora disegna un po’ di tutto, tranne gli alieni, perché non è sicuro di come siano vestiti. Ora è impegnato a combattere la caduta dei capelli, a comporre una sofisticata musica del futuro, a imparare come disegnare gli alieni e a guardare tutti i film sui mostri e gli zombi che non ha ancora visto. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >