Questo articolo ha tirato fuori i peggiori commenti sui social

Bodyshaming, complottari, sessisti. I commenti alla notizia del podio per le atlete alle Olimpiadi femminili della matematica sono il grado zero dell’evoluzione umana

 la repubblica

 

Ancora una volta la vasta umanità che ama dire la propria sui social segna un passo indietro verso l’evoluzione della specie. Un articolo pubblicato su Repubblica a firma Valeria Strambi rende merito al team italiano che ha vinto la medaglia di bronzo alle Olimpiadi femminili della matematica (EGMO), approdate per la prima volta in Italia, a Firenze.

Le nostre “atlete” sono arrivate terze su 51 paesi provenienti da tutto il mondo, quindi le opzioni sono due: fare i complimenti alle ragazze oppure decidere di ignorare la notizia e andare avanti con la propria vita. Magari.

La terza opzione è quella più amata dagli utenti dei social: il commento a caso, quello di pancia, scritto senza aver neanche letto l’argomento di cui si sta parlando. Il caso in questione è emblematico perché le tipologie di commento fuori dal mondo sono tre e pare che nessuno si sia dato pena di leggere l’articolo.

“È una competizione razzista”

 Facebook

A parte il fatto che il razzismo quando si parla di gender non c’entra niente (al limite poteva essere sollevata la questione sessista), le Olimpiadi della matematica al femminile sono state organizzate nel 2012 a Cambridge con l’intento di stimolare le studentesse verso la matematica, dal momento che esiste una forte disparità di risultati tra maschi e femmine in tutte le competizioni internazionali. Le Olimpiadi femminili sono un’occasione in più per spronare le ragazze ad alleviare questa disparità. In più, alle gare internazionali di matematica, la maggior parte dei partecipanti è composta da maschi, che hanno così una maggiore possibilità di vittoria. Nessun sessismo quindi, tutt’altro. Ma questo nell’articolo c’è scritto, basta leggerlo.

 

“Di beautiful hanno solo la mind”

 Facebook

Il bodyshaming è il grado zero dell’evoluzione dell’uomo, giudicare una persona per il proprio aspetto e arrivare a fare battute e commenti offensivi, forse funzionava nei film trucidi degli anni ’80 ma non è più tollerabile nel 2018. Che senso ha parlare del corpo se si tratta di una competizione intellettuale? Come si fa a offendere 5 ragazze delle quali dovremmo andare orgogliosi, seguendo lo stereotipo stantio “secchiona=brutta” che in realtà qualifica solo chi lo scrive e non chi lo riceve? Siamo convinti che un social come Facebook dovrebbe fare di più perché i commentatori seriali che spargono odio vengano messi alla porta.

 

“Sarà un caso?”

 Facebook

Il complottaro che fa le battute? Non ce la facciamo ad affrontare anche il commento di chi passa di lì e scrive la prima cosa che gli passa in testa, di inquinamento ideologico ce n’è anche troppo e non c’è bisogno che ognuno dica la sua sempre e comunque. Sono Olimpiadi femminili, quindi sì, sono solo donne, non è un caso, fatevi una vita.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Alessandro Ripane

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Ripane Alessandro Ripane è nato a Genova nel 1989. Ha vissuto e lavorato in Svezia. A causa della mancanza di animali selvaggi nella città di Genova, Alessandro si è comprato molti libri sull’argomento. A causa della mancanza di supereroi nella città di Genova, Alessandro si è comprato un sacco di fumetti a tema. È diventato quindi un esperto in entrambe le categorie, anche se ora disegna un po’ di tutto, tranne gli alieni, perché non è sicuro di come siano vestiti. Ora è impegnato a combattere la caduta dei capelli, a comporre una sofisticata musica del futuro, a imparare come disegnare gli alieni e a guardare tutti i film sui mostri e gli zombi che non ha ancora visto. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Roberta Maddalena

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Roberta Maddalena Artist, creativity trainer Roberta Maddalena nasce a Giussano nel 1981.Vive e lavora a Milano. Laureata in Design per la Comunicazione al Politecnico di Milano, si specializza in parallelo all’università in Incisione Calcografica, e successivamente in cultura tipografica e Type Design. Segue studi musicali, specializzandosi in vocalità extraeuropee ed ergonomia vocale, sviluppando profondo interesse per l’etnomusicologia, in particolare per l’Asia, esperienza che la porterà ad avvicinarsi a calligrafia orientale e danza contemporanea. Da questi percorsi nascono nel 2013 le sue performance a inchiostro, esperienze fondate sulla relazione segno-corpo, e disegni e dipinti in cui forme e colori evocano la realtà universalmente percepibile e conosciuta, ma ne svelano l’aspetto più mistico e intimo. Sempre nel 2013, dopo sei anni di attività come illustratrice, nascono progetti di creativity training rivolti a privati e aziende: workshop in cui i partecipanti sono guidati nello sviluppo della propria creatività fuori dal quotidiano, per sviluppare capacità di osservazione e movimento, applicabili nella vita come nella professione. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
25,00 €

KIT GARDENER "MI AMI Festival 2020"

Kit GARDENER “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper due kit semi: un kit passiflora, peperoncino, melanzana e un kit mimosa, pisello, salvia Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
5,00 €

SHOPPER "MI AMI Festival 2020"

Shopper ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Bag bianca cotone con illustrazione multicolor. La shopper che avresti voluto acquistare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
5,00 €

Borsa "La bellezza fa 40"

La borsa ufficiale della mostra "La bellezza fa 40" disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc. Bag bianca cotone con illustrazione nera.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Moneyless

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Moneyless Nato a Milano nel 1980 Teo Pirisi aka Moneyless. Per anni ha ricercato e investigato i diversi aspetti delle forme e degli spazi geometrici come artista visivo. Dopo essersi diplomato all’Accademia d’Arte di Carrara (corso multimedia), Teo ha frequentato un corso di Design della Comunicazione all’Isia di Firenze. Contemporaneamente sviluppa una carriera artistica che lo porta ad esibire i suoi lavori in spazi pubblici e luoghi abbandonati.Teo è anche graphic designer e illustratore freelance; negli ultimi anni ha partecipato a diverse esibizioni collettive e personali in Italia e nel mondo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

MAGLIETTA MI AMI 2019 GRIGIO CHIARO

Maglietta t-shirt American Apparel N2001W new silver (Grigio Chiaro), con illustrazione completa del MI AMI FESTIVAL 2019 di Andrea De Luca davanti e lineup artisti dietro.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Luca Zamoc

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Luca Zamoc Luca Zamoc è nato a Modena nel 1986. Sin da piccolo ha trovato ispirazione nei fumetti anni ‘80, nella Bibbia e nell’anatomia umana. Ha frequentato l’Accademia delle Belle Arti di Milano, dove ha conseguito un titolo in Graphic Design & Art Direction. Il suo lavoro abbraccia diversi media, dal digitale ai muri, passando all’inchiostro, carta e fumetto. Negli ultimi anni ha lavorato e vissuto in diverse città quali Milano, Berlino, Londra, Los Angeles, New York e Istanbul. Oggi vive e lavora a Barcellona. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >