I 10 omaggi italiani più strambi e fallimentari a David Bowie

Tutti vogliono partecipare al lutto per la scomparsa di David Bowie. Ma il fail è dietro l’angolo

apic-fail  The man who Caspar on earth

 

David Bowie è morto proprio come muoiono le leggende. Se stabiliamo che la sua arte sia patrimonio di tutti, allora tutti hanno diritto a una parola per commemorarlo. Certo, potremmo attaccarci ai dettagli, tipo la pronuncia di giornalisti che nello stesso coccodrillo  prima dicono Baui e poi Boui, potremmo prendercela con la definizione del Tg5 che l’ha chiamato Barone del Rock, un titolo nobiliare che ci torna nuovo, dopo il soprannome ufficiale di Duca Bianco. E anche quello potrebbe essere fonte di discussione tra i fan e i semplici celebratori occasionali del lutto su Facebook, perché il Thin White Duke in realtà era il personaggio che si era inventato nel periodo di Station to Station, non intendeva essere l’alter ego perenne.

Potremmo, ma non cambierebbe niente. Resta il fatto che molti omaggi naif, sbagliati o del tutto fuori fase avrebbero sicuramente fatto sorridere David Bowie, che come ci ricorda Brian Eno nello struggente scambio di mail che ha pubblicato,  aveva un gran senso dell’umorismo

Allora guardiamone alcuni, di quelli che non sono passate certo inosservati, sicuri di non urtare la sensibilità di chi questi giorni piange questa enorme scomparsa.

 

1) Addio Kaspar Capparoni

Ciao Kasper, insegna agli angeli a imitare Bowie l'eco di bergamo - Ciao Kasper, insegna agli angeli a imitare Bowie

 

L’Eco di Bergamo, noto quotidiano locale, saluta David Bowie mettendo a corredo per errore una foto di Kaspar Capparoni travestito dal cantante inglese durante Tale e Quale, lo show delle imitazioni. Le scuse sono state anche più grottesche dell’errore: il giornale ha parlato di infortunio causato dalla bravura di Kaspar, che ha tratto in inganno anche loro.

 

2) Il complotto

12552505_10207041450412598_6643907328884436223_n facebook - !1!!11

 

I complottisti non ce la fanno a star zitti nemmeno di fronte a una perdita così importante. Dunque si fanno strada le tesi più assurde, tipo che la morte di Bowie sia stata voluta dalle multinazionali, che le malattie siano pianificate e che una volta si moriva a 85 anni mentre oggi tutti giovani. Il silenzio è davvero sottovalutato.

 

3) Entrare a scuola un’ora dopo per lo shock

12439148_10205793090522543_3631061782791596176_n facebook - Un motivo validissimo

 

Abbiamo tutti appreso la notizia appena svegli ed è stato un bello shock. C’è perfino chi è entrata un’ora dopo a scuola per riprendersi e ha scritto nella giustificazione “Morte David Bowie”, facendo il giro dei social. Un motivo validissimo.

 

4) Gli indizi di Rete 4

12512819_10208196079089188_2759073617243476024_n instagram - Lady Stardust

 

Rete 4 cambia programmazione per onorare la memoria di Bowie e tagga i suoi programmi con un “Grazie David” che è sia trash che commovente. Specialmente se apposto sopra la faccia della Signora in Giallo, di cui sapete benissimo la fama di iettatrice seriale.

 

5) RIP un po’ tutti

12439039_10153910794494885_3029705202719256189_n facebook - Chiamasi sciacalli

 

Gli sciacalli invece non sono simpatici per niente e questa notifica dimostra quanto Facebook sia uno dei loro luoghi d’aggregazione preferiti.

 

6) Quando Pieraccioni e David Bowie recitarono insieme

Schermata 2016-01-13 alle 14.55.23 facebook - Non me lo so spiegare

 

Probabilmente il più grande mistero della vita di David Bowie è stato la sua partecipazione al film di Giovanni Veronesi Il mio west, con Leonardo Pieraccioni e Alessia Marcuzzi. Nel giorno del suo compleanno, proprio il comico fiorentino lo ricordava così.

 

7) Bowie grande tifoso del Taranto

944960_1252297244797526_4807353152863270887_n facebook - La sua squadra del cuore

 

Della serie tutti vogliono partecipare all’argomento del giorno, la foto che secondo Buonasera spopola sui social è quella di David Bowie con la sciarpa del Taranto. Purtroppo non sanno nemmeno loro se si tratti di verità o leggenda.

 

8) Laura Stardust and the Pausini from Mars

Schermata 2016-01-13 alle 15.01.42 facebook - “Non voglio paragonarmi a nessuno di questi personaggi”

 

Laura Pausini, alla luce della scomparsa di Bowie, ci tiene a non passare da iettatrice e ricorda ai suoi fan che il video in cui è truccata come il cantante sulla copertina di Aladdin Sane è stato girato a giugno. Il mondo comunque non dimentica.

 

9) Una petizione da inviare a Dio per dire NO alla morte di Bowie

Schermata 2016-01-13 alle 15.07.18 changes.org - NO.

 

Questo è forse l’omaggio più dolce e insieme più strambo. Una raccolta di firme su Changes.org diretta a Dio, perché faccia ritornare David Bowie sulla Terra. Un tentativo non costa nulla.

 

10) Lo status dell’anno

Schermata 2016-01-13 alle 15.12.27 giornalettismo - “Ti ho visto in TV”

 

Uno status da Nobel, quello del cantante Francesco Baccini, che tributa il suo omaggio indulgendo nello storytelling e raccontando di quando David Bowie lo riconobbe a Manhattan, mentre Baccini lo scambiò per un sosia. Purtroppo lo status è stato cancellato poche ore dopo per raggiunto limite di commenti tipo “A cazzarooo.” Noi però il beneficio del dubbio ci sentiamo di concederglielo.

Perché come ha scritto Vasco Rossi:

Schermata 2016-01-13 alle 15.35.52 twitter

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Thomas Raimondi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Thomas Raimondi Nato a Legnano (MI) il 17 Maggio 1981. Laureato al Politecnico di Milano in Design della Comunicazione. Graphic e visual designer freelance attivo nella scena underground con numerose pubblicazioni (Luciver Edition, Faesthetic, Belio, Le Dernier Cri, Laurence King.) e mostre in Italia e all’estero. Le ultime personali «Burn Your House Down» nel 2013 presso la galleria Kalpany Artspace di Milano (Circuito Rojo) e la residenza d’artista per Alterazioni Festival 2014, Arcidosso (GR) con l’istallazione site-specific «Inside/Outside». Lavora e ha lavorato per diverse realtà nazionali ed internazionali come VICE, Rolling Stone Magazine, Rockit, Mondadori, Men’s Health, Salomon, Motorpsycho, T-Post e molte altre. Nel 2008 ha ricoperto il ruolo di docente d’illustrazione presso l’accademia NABA di Milano continuando, a oggi, a collaborare con regolarità. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

KIT DEL SINGLE "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL SINGLE “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper due kit semi: un kit passiflora, peperoncino, melanzana e un kit mimosa, pisello, salvia due lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
17,00 €

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020”

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
7,00 €

T-SHIRT "MI AMI Festival 2020"

T-shirt ufficiale  “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids, sul retro lineup artisti. 100% cotone con illustrazione multicolor, disponibile nella variante colore bianca o viola. La t-shirt che avresti voluto indossare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Luca Zamoc

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Luca Zamoc Luca Zamoc è nato a Modena nel 1986. Sin da piccolo ha trovato ispirazione nei fumetti anni ‘80, nella Bibbia e nell’anatomia umana. Ha frequentato l’Accademia delle Belle Arti di Milano, dove ha conseguito un titolo in Graphic Design & Art Direction. Il suo lavoro abbraccia diversi media, dal digitale ai muri, passando all’inchiostro, carta e fumetto. Negli ultimi anni ha lavorato e vissuto in diverse città quali Milano, Berlino, Londra, Los Angeles, New York e Istanbul. Oggi vive e lavora a Barcellona. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
28,00 €

KIT "MI AMI Festival 2020"

KIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper un kit semi misti a scelta una lattina bevanda del desiderio Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
5,00 €

BEVANDA DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

Lattina ufficiale “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l'uso che preferite. La bevanda che avresti voluto bere.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >