Facebook ha oscurato la foto di una panna cotta ai frutti di bosco

Il bot di Facebook che ci difende dal male, stavolta ha toppato e non è certo la prima volta. Cartina tornasole dello stato del social più famoso in Italia

Questa foto potrebbe mostrare immagini forti o violente. Ecco il monito generato automaticamente dal bot di Facebook  che ci difende dal male: foto di morti ammazzati e così via. Purtroppo siamo curiosi come quelli che rallentano davanti agli incidenti, non lo facciamo neanche apposta ma capita, allora abbiamo aperto l’immagine e invece della testa mozzata di un narcos, della tragedia dei migranti o di una condanna a morte in diretta, abbiamo trovato una panna cotta ai frutti di bosco gentilmente fotografata dal Lord Up Pub.

Il robot che ha oscurato l’immagine sulla base di un algoritmo, deve aver pensato che tutta quella succulenta salsa rossa fosse sangue e, prima di offendere gli utenti,  ha optato per la censura.

 

 Facebook

Se sulle prime questa cosa fa ridere, in realtà è la perfetta cartina tornasole dello stato di Facebook in Italia e delle sue contraddizioni inaccettabili. Sul social più famoso infatti è possibile minacciare di violenza, stupro o morte altri utenti, è possibile rubare l’identità, aprire gruppi inneggianti al fascismo o ad altre realtà vietate e defunte, è possibile pubblicare status razzisti, omofobi,  aberranti senza incorrere nella sua giustizia interna, che preferisce punire una panna cotta.

Sappiamo di casi in cui Facebook ha censurato alcuni utenti che di cognome fanno Negri, perché la parola con la G è iscritta nella lista di quelle proibite, così come altri epiteti orribili che però cambiano di significato a seconda di chi sia la persona che li usa. Spesso infatti, cambiando il contesto, si stravolge il senso della frase. La parola criminale infatti può essere tirata in mezzo a una citazione, oppure scritta da un appartenente a una comunità specifica che ne stravolge il significato e fare di tutta l’erba un fascio andando a colpire a casaccio il rosso che sembra sangue è assurdo, per un mezzo potente come Facebook.

La trafila per riappropriarsi dell’account oscurato è lunga e spesso non c’è modo di parlare con un essere umano, quindi molti piombano in incubi kafkiani contro Robocop. A questo proposito sentiamo ancora più il bisogno di un ufficio operativo italiano per  monitorare i 30 milioni di utenti Facebook e rispondere alle controversie senza bisogno di impazzire rispondendo a questionari precompilati.

 

 Facebook

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di VitoManoloRoma

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari VitoManoloRoma Attualmente vive a Milano e lavora come freelance in qualità di grafico, illustratore, animatore e fumettista. Si forma presso il Liceo Artistico statale di Busto Arsizio, poi la compagnia di teatro sperimentale Radicetimbrica e termina gli studi al Politecnico di Milano dove si avvicina al Graphic Design. Durante i primi anni di professione come progettista e illustratore in alcuni studi di grafica milanesi, continua a disegnare e partecipa a mostre collettive di illustratori, fra le quali «Spaziosenzatitolo» (Roma), «Doppiosenso» (Beirut) e «Manifesta» (Milano). Con il collettivo di satira a fumetti L’antitempo fonda l’omonima rivista con la quale vince il Premio Satira 2013 come miglior realtà editoriale italiana. Appassionato di musica africana, afroamericana e jamaicana, colleziona vinili che seleziona con i collettivi Bigshot! e Soulfinger nei locali neri e non di Milano. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

MANIFESTO "MI AMI Festival 2020"

MANIFESTO ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
25,00 €

KIT GARDENER "MI AMI Festival 2020"

Kit GARDENER “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper due kit semi: un kit passiflora, peperoncino, melanzana e un kit mimosa, pisello, salvia Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Luca Zamoc

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Luca Zamoc Luca Zamoc è nato a Modena nel 1986. Sin da piccolo ha trovato ispirazione nei fumetti anni ‘80, nella Bibbia e nell’anatomia umana. Ha frequentato l’Accademia delle Belle Arti di Milano, dove ha conseguito un titolo in Graphic Design & Art Direction. Il suo lavoro abbraccia diversi media, dal digitale ai muri, passando all’inchiostro, carta e fumetto. Negli ultimi anni ha lavorato e vissuto in diverse città quali Milano, Berlino, Londra, Los Angeles, New York e Istanbul. Oggi vive e lavora a Barcellona. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

Serigrafia Unicorno

Il bellissimo unicorno tutto righe di Andrea Minini  è una serigrafia ad 1 colore, di dimensioni 50x70 cm
15,00 €

Giulia Bersani - lucciole

  Giulia Bersani, fotografa. Classe 1992, vive a Milano. Fotografie scattate al MI AMI festival 2016 Formato: 21x15 cm Numero Pagine: 48 (+4 copertina) Edizione limitata 100 copie numerate, titolate e firmate dall'autore "Mi piace osservare come musica e buio tirino fuori il lato più istintivo delle persone. Si perde un pò di autocontrollo e ci si lascia guidare dalle proprie emozioni. Io mi sono lasciata libera di inseguire quello che istintivamente mi attraeva, così ho trovato baci, voglia di vivere e colori." (Giulia Bersani)  
5,00 €

SHOPPER "MI AMI Festival 2020"

Shopper ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Bag bianca cotone con illustrazione multicolor. La shopper che avresti voluto acquistare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Alessandro Ripane

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Ripane Alessandro Ripane è nato a Genova nel 1989. Ha vissuto e lavorato in Svezia. A causa della mancanza di animali selvaggi nella città di Genova, Alessandro si è comprato molti libri sull’argomento. A causa della mancanza di supereroi nella città di Genova, Alessandro si è comprato un sacco di fumetti a tema. È diventato quindi un esperto in entrambe le categorie, anche se ora disegna un po’ di tutto, tranne gli alieni, perché non è sicuro di come siano vestiti. Ora è impegnato a combattere la caduta dei capelli, a comporre una sofisticata musica del futuro, a imparare come disegnare gli alieni e a guardare tutti i film sui mostri e gli zombi che non ha ancora visto. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >