Social Network
di Cosimo Nesca 31 Agosto 2017

Gli Alberto Angela di Facebook: intervista ai fondatori di #TELOSPIEGO

Abbiamo intervistato i fondatori di #TELOSPIEGO, la pagina che prova a fare divulgazione su Facebook

 

In epoca di fake news e corsa al titolo acchiappaclic, c’è qualcuno che continua a tenere alta la bandiera della divulgazione. Non stiamo parlando di Alberto Angela, diventato sex symbol intellettuale anche perché baluardo scientifico nel mare della post-verità, ma di un progetto basato su brevi video animati che puntano a spiegare per filo e per segno gli argomenti del momento, all’insegna dell’obiettività e della neutralità.

Il progetto si chiama #TELOSPIEGO e nel corso dei mesi ha affrontato temi tra i più disparati: da faccende tecniche come il PIL a “fenomeni” strani come l’improvvisa sensibilizzazione sull’olio di palma, fino a temi scottanti come quello dei vaccini.

Abbiamo contattato Sacha Dominis e Mel Zohar, fondatori di #TELOSPIEGO, per farci raccontare il loro progetto.

 

 

Partiamo dalle basi: da dove nasce #TELOSPIEGO?
#TELOSPIEGO™ è la risposta a tutte quelle domande che nessuno ha il coraggio di fare, che sia per imbarazzo, pigrizia o semplicemente mancanza di tempo. Noi di #TELOSPIEGO™ abbiamo deciso di evitare alle persone la fatica di dover chiedere, dando loro direttamente le risposte che cercano, in una forma innovativa divertente e veloce, la più adatta al pubblico di ogg. Il matematico Henri Poincarè nel 1929 disse: “Creatività è unire elementi esistenti con connessioni nuove, che siano utili” ed è quello che abbiamo cercato di fare con questo progetto, unendo la capacità espressiva del disegno, lo stile narrativo proprio del fumetto, la capacità di penetrazione del video e la pervasività dei social network, insomma: #TELOSPIEGO è un piccolo collettivo di artisti e creatori di contenuti che ha trovato, grazie al web, un modo per esprimere la propria creatività che fosse anche utile a qualcuno, rendendo noi e il nostro pubblico ogni giorno più felici!

Ci racconti le origini di questo progetto?
Tutto è iniziato qualche mese prima dell’ultimo referendum costituzionale. Cercavo di documentarmi sull’argomento per potermi formare una opinione e votare consapevolmente, in fondo si trattava di modificare la costituzione, una cosa seria… Purtroppo però mentre cercavo, notavo in giro per l’internet una grande confusione e una grave carenza di informazioni, di quelle con la I maiuscola. Con questo non voglio dire che in rete non fosse reperibile del materiale informativo, ma non trovai niente che fosse sufficientemente semplice e ANCHE neutrale: insomma, si notava l’assenza di strumenti per informarsi che fossero commestibili anche per le persone di questo secolo.

Quindi in formato video…
Oggi la soglia dell’attenzione umana si è ridotta drasticamente, tutti i media intorno a noi competono costantemente per un briciolo della nostra attenzione e per di più noi abbiamo completamente perso l’abitudine a leggere. Inoltre abbiamo tutti un lavoro, una famiglia e siamo sempre impegnatissimi. Per tutte queste ragioni riuscire a trovare non solo il tempo ma anche la forza e soprattutto la voglia di studiare un papiro di 8 pagine che spiegava la riforma punto per punto nel dettaglio, sembrava un’impresa titanica ed è lì che mi è venuto in mente di creare #TELOSPIEGO™. La parte difficile era stata fatta, il resto è stato semplice: dovevo solo trovare qualcuno che ci credesse quanto me e mi desse una mano, che fosse soprattutto capace a disegnare. Per fortuna conoscevo colei che sarebbe diventata la nostra Capo-Disegnatrice: Mel Zohar, senza la quale tutto questo non sarebbe stato possibile e che mi ha dato una mano a sviluppare l’idea che avevo in mente con i suoi splendidi disegni. Il resto della storia è sulla nostra pagina Facebook, anzi il resto È la nostra pagina Facebook!

Qual’è il vostro obiettivo?
Come #TELOSPIEGO™, sebbene possa sembrare una assurdità, non abbiamo un vero e proprio obiettivo e credo anzi questa sia proprio questa la nostra forza. Non siamo motivati da ardore politico, religioso o ideologico di qualsivoglia tipo, siamo un gruppo di artisti che hanno trovato un modo per esprimersi rendendosi anche utili alla comunità a cui appartengono, il nostro unico obiettivo perciò è riuscire a fare di più e meglio quello che già facciamo senza secondi fini e principalmente per amore del nostro lavoro. Se poi per obiettivo intendi “cosa ci piacerebbe arrivare a realizzare e a diventare”, posso dirti che nel breve periodo vorremmo arrivare a realizzare i video di #TELOSPIEGO™ con una cadenza almeno settimanale e soprattutto a sostenerci economicamente realizzando solo quelli.

Perché dovrei credere a quello che spiegate nei video?
Perché non dovresti? Fino ad ora ci siamo sempre distinti per neutralità e rigore scientifico e gli unici nostri (pochi) detrattori sono stati persone o enti che avessero una visione schierata sugli argomenti che abbiamo trattato. Se non fossimo stati davvero irreprensibili non avremmo mai avuto tutto questo successo e la rete ci avrebbe già messi alla gogna, etichettandoci come inaffidabili, mentre invece il nostro pubblico è cresciuto esponenzialmente.

Perchè non citate mai le fonti?
Perché le fonti sono spesso molte e variegate e sui canali social non è né comodo né necessario inserirle. Il nostro pubblico, per la maggior parte, vuole solo vedere il video, non è interessata necessariamente ad approfondire e questo è anche uno dei motivi del nostro grande successo: io utente medio voglio poche info per capire di che si parla e, se sono interessato, approfondisco da solo.

Qual’è il video che ha riscontrato più successo? E quello più criticato?
Bisogna capire cosa intendi tu per successo, per noi il successo è quando troviamo nella posta il messaggio di un fan che ci ringrazia e ci chiede di continuare a fare video: nessuno lo obbligava a usare cinque minuti del suo tempo per scriverci eppure lo ha fatto comunque e questo per noi ha un valore. Non è retorica, noi lo facciamo davvero per questo, anche perché con i video di #TELOSPEGO™ non ci paghiamo l’affitto… Gli unici introiti che ne ricaviamo ammontano a 160 dollari circa, che ci vengono donati  tramite la piattaforma di crowdfunding Patreon, ecco perché la nostra definizione di successo è pari alla soddisfazione del pubblico. Se vogliamo parlare di numeri invece, il video che ha avuto maggior successo è stato quello sull’olio di palma, che è stato anche quello più criticato e le due cose sono direttamente proporzionali. Mentre scrivo queste parole il video, pubblicato il 18 Aprile, ha toccato su Facebook 4 milioni di visualizzazioni e ha raggiunto 11 milioni di persone, con 1 milione di interazioni circa.

È mai capitato che ci fossero errori in un video?
È capitato qualche volta, purtroppo, ma per fortuna si è trattato sempre di sviste o di errori di battitura: abbiamo sbagliato a scrivere qualche data o qualche numero, per esempio abbiamo detto che che Donald Trump possiede un Boeing 737 invece che un 757, roba così… Il pubblico naturalmente nota tutto e non perdona ma per fortuna non si è mai trattato di qualcosa che inficiasse l’obiettività o la scientificità di un video.In ogni caso abbiamo sempre riconosciuto gli errori e ci impegnano tantissimo a non commetterne più, per rispetto nei confronti del nostro pubblico

Qual è il video più difficile da fare, quello che non siete ancora riusciti a realizzare?
Per adesso, fortunatamente, siamo riusciti a realizzare sempre tutti i video che ci interessava fare ma rifammi la stessa domanda tra due anni e probabilmente avrò per te una lunghissima lista di video mancati…

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

15,00 €

Giulia Bersani - lucciole

  Giulia Bersani, fotografa. Classe 1992, vive a Milano. Fotografie scattate al MI AMI festival 2016 Formato: 21x15 cm Numero Pagine: 48 (+4 copertina) Edizione limitata 100 copie numerate, titolate e firmate dall'autore "Mi piace osservare come musica e buio tirino fuori il lato più istintivo delle persone. Si perde un pò di autocontrollo e ci si lascia guidare dalle proprie emozioni. Io mi sono lasciata libera di inseguire quello che istintivamente mi attraeva, così ho trovato baci, voglia di vivere e colori." (Giulia Bersani)  
5,00 €

Borsa "MI AMI Festival 2017"

La borsa ufficiale del “MI AMI Festival 2017” disegnata da Viola Niccolai serigrafata a mano da Legno. Bag bianca cotone con illustrazione rosa.
17,00 €

KIT DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL DESIDERIO “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper quattro lattine Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Marino Neri

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Marino Neri Marino Neri è fumettista e illustratore. I suoi libri a fumetti sono Il Re dei Fiumi (Kappa Edizioni, 2008) e La Coda del Lupo (Canicola, 2011), tradotti e pubblicati anche in differenti lingue e paesi. I suoi disegni sono apparsi su riviste nazionali e internazionali e ha partecipato a diverse esposizioni collettive e personali in tutta Europa. Nel 2012 il Napoli Comicon e il Centro Fumetto Andrea Pazienza gli assegnano il Premio Nuove Strade come miglior talento emergente. È attualmente al lavoro sul suo nuovo libro a fumetti Cosmo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

SHOPPER "MI AMI Festival 2020"

Shopper ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Bag bianca cotone con illustrazione multicolor. La shopper che avresti voluto acquistare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
7,00 €

T-SHIRT "MI AMI Festival 2020"

T-shirt ufficiale  “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids, sul retro lineup artisti. 100% cotone con illustrazione multicolor, disponibile nella variante colore bianca o viola. La t-shirt che avresti voluto indossare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
15,00 €

Maglietta "La bellezza fa 40"

100% cotone Maglietta bianca Gildan Heavy Cotton Illustrazione di Alessandro Baronciani per la mostra "La bellezza fa 40" Serigrafata a mano da Corpoc.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Thomas Raimondi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Thomas Raimondi Nato a Legnano (MI) il 17 Maggio 1981. Laureato al Politecnico di Milano in Design della Comunicazione. Graphic e visual designer freelance attivo nella scena underground con numerose pubblicazioni (Luciver Edition, Faesthetic, Belio, Le Dernier Cri, Laurence King.) e mostre in Italia e all’estero. Le ultime personali «Burn Your House Down» nel 2013 presso la galleria Kalpany Artspace di Milano (Circuito Rojo) e la residenza d’artista per Alterazioni Festival 2014, Arcidosso (GR) con l’istallazione site-specific «Inside/Outside». Lavora e ha lavorato per diverse realtà nazionali ed internazionali come VICE, Rolling Stone Magazine, Rockit, Mondadori, Men’s Health, Salomon, Motorpsycho, T-Post e molte altre. Nel 2008 ha ricoperto il ruolo di docente d’illustrazione presso l’accademia NABA di Milano continuando, a oggi, a collaborare con regolarità. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >