like su facebook 01-buongiorno-flavioanteprima

Ciao, mi chiamo Flavio e non metto like su Facebook da sei mesi

E ora sono più cosciente delle conseguenze che hanno le mie azioni sul resto del mondo

01 buongiorno flavio like su Facebook  Buongiorno a te, amico Facebook!

 

Ciao, mi chiamo Flavio e non metto like su Facebook da sei mesi. Ho deciso di raccontare come questa scelta mi ha fatto diventare più cosciente delle conseguenze che hanno le mie azioni sul resto del mondo. Perché sapete, il like non ha un valore univoco, nossignore.

Esistono tantissimi motivi diversi che ci spingono a mettere mi piace ad un determinato contenuto.

Dall’autentico apprezzamento fino alla semplice cortesia nei confronti degli amici per non deludere le loro aspettative – indipendentemente dal fatto che gradiremmo ritrovarci dei post correlati ai loro tra i contenuti suggeriti, a quello non pensiamo neanche. Ci pensa la piattaforma social sulla quale ci troviamo.

Peccato che, quando Facebook analizza i nostri like non venga tenuto conto di queste fondamentali differenze di motivazione, inficiando così la ricostruzione del nostro presunto stile di vita.

Per esempio, prima di intraprendere l’esperimento mi capitava di ricevere moltissimi aggiornamenti su cose di cui non mi fregava nulla, mentre al contrario Facebook non mi sottoponeva mai le novità che mi interessavano per davvero, e nonostante la mia insistenza nel selezionare il ricevi notifiche da gruppi e pagine.

Avevo la sensazione di trovarmi circondato dai fan dopo un concerto di Mengoni, ma i miei sono contatti selezionati, mi chiedevo: com’è possibile? Com’è possibile che il sistema peschi solo le cose peggiori che condividevano i miei contatti? Così, empiricamente, ho provato un po’ a studiare la correlazione tra i miei like e i post che comparivano sulla mia bacheca.

Per prima cosa ho provato a forzare l’algoritmo dei suggerimenti, mettendo like ogni settimana esclusivamente a post con contenuti molto specifici, ad esempio: tecnologia cilena, carlini, booster anni novanta, bava di lumaca ecc…

 

02 tecnologia cilena like su Facebook  Un classico esempio di tecnologia cilena

 

I suggerimenti sono effettivamente mutati, ma in modo paradossale: Facebook mi propinava solamente contenuti correlati alla mia presunta passione della settimana cercando di vendermi qualcosa; in breve, mi sembrava di essere tornato all’epoca delle televendite trasmesse dalle prime emittenti private, a quelle con Sergio Baracco e del vubino buvman, rosso sangue di piccione, insomma un vero incubo.

 

03 Televendita like su Facebook  Il leggendario Sergio Baracco e il vubino buvman: godiamocelo full screen su Youtube

 

L’unico modo per uscire da quelle bacheche monotematiche era invertire la rotta: ma purtroppo, dato che a Facebook occorre un po’ di tempo per adattarsi agli ultimi dati ricevuti, dovevo continuare a subire quel bombardamento a senso unico anche quando non ne potevo più già da un pezzo.

A un certo punto, preso dal panico, ho messo like ai post degli amici in maniera compulsiva, pur di variare il mio feed e ripristinare la situazione originaria. Peccato che, proprio in quel periodo, tutti i miei amici sembravano aver perso la testa per Calcutta e non facevano altro che condividere i suoi video, tutto questo ha sciaguratamente prodotto il risultato di farmi comparire tra i suggerimenti niente meno che Colapesce.

Deluso dalla vita, ho deciso di non apporre più nessun like su Facebook, questa scelta radicale ha comportato la progressiva scomparsa delle pubblicità e una crescente presenza di contenuti che considero genuinamente interessanti, come caciotte e tartufi.

 

04 Caseificio  Ciao, burroso orsetto

 

L’unica seccatura? Il sistema, non ricevendo gli input di cui si nutre per propormi contenuti, ha cercato di coinvolgermi suggerendomi di creare gruppi basati sulle pagine che gestisco. Prendendo spunto dalla mia pagina Osteria dell’Osservanza mi invitava paradossalmente a creare un inutilissimo gruppo: “Amici a cui piace Osteria dell’Osservanza”. Mi trovavo di fronte all’autocitazionismo involontario.

So che Facebook fa proposte simili a tutti, ma, non avendo nient’altro a cui attaccarsi, nel mio caso l’insistenza delle proposte si era fatta particolarmente asfissiante. Un amico, Federico, mi confessò che tra le varie proposte a lui era apparso anche “Amici di Flavio Scutti”. Non ne venivamo fuori, il fenomeno stava influenzando anche i miei contatti, bisognava fare qualcosa di veramente efficace.

Ne parlavo con tutti i miei collaboratori, era diventato l’argomento principale di discussione agli aperitivi. Con gli esperti di social si creò un fantomatico team di studio, volevamo andare oltre.

 

like su Facebook 05 suggerimento gruppi  Gruppi ridondanti

 

Una volta tratte queste conclusioni ho pubblicato un avvenimento importante intitolato Sciopero del like, eppure, anche dopo essere uscito palesemente allo scoperto, ho capito che solo in pochissimi si erano accorti della mancanza del mio like sui loro contenuti. Anche dopo alcuni mesi, quando nelle discussioni venne fuori questo argomento, ci furono amici che rimasero di stucco nell’accorgersi dell’effettiva mancanza.

 

06 Sciopero dei like like su Facebook  Dislike!

 

Ciò mi ha fatto realizzare quanto il “mi piace” sia un genere di interazione che finisce per perdersi nel mare magnum degli stimoli con cui Facebook ci bombarda. Altre persone vicine, al contrario, hanno accolto con piacere la novità di ricevere, al posto del solito like, un pensiero sotto forma di commento.

Molto spesso era un cuore, altre un wow, voi direte che lo fanno tutti, ma la cosa veramente buffa fu che pochissimo dopo Facebook introdusse una serie di emoticon per esprimere le preferenze identiche ai miei commenti.

Probabilmente dopo che verrà pubblicato questo articolo ricomincerò a metterli, visto che sono tartassato dagli amici che cercano di vincere dei concorsi con l’apporto del mio like, ma dopo questa esperienza di consapevolezza, l’interazione sul social per me ha assunto un valore che mi piace considerare più naturale.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Ester Grossi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Ester Grossi Nata ad Avezzano (AQ) nel 1981. Diplomata in Moda, Design e Arredamento presso l’Istituto d’Arte Vincenzo Bellisario, nel 2008 ha conseguito la laurea specialistica in Cinema, Televisione e Produzione Multimediale presso il DAMS di Bologna. Si dedica da anni alla pittura e ha all’attivo diverse mostre in Italia e all’estero; è vincitrice del Premio Italian Factory 2010 e finalista del Premio Cairo 2012. Nel 2011 è stata invitata alla 54° Biennale di Venezia (Padiglione Abruzzo). Come illustratrice ha realizzato manifesti per festival di cinema e musica (Imaginaria Film Festival, MIAMI, Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto) e cover per album di band musicali (A Classic Education, LIFE&LIMB). Collabora frequentemente con musicisti per la realizzazione di mostre e installazioni pittoriche-sonore. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

KIT SEMI "MI AMI Festival 2020": MIMOSA, PISELLO, SALVIA

Kit semi misti “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Il desiderio che avresti voluto piantare. Il kit ufficiale contiene: Mimosa Pudica Denominata anche la Sensitiva, la Mimosa Pudica è così casta che basta sfiorarla per innescare una timida reazione nei suoi rami. Al minimo tocco, infatti, le foglie si ripiegano su se stesse, mentre il picciolo si abbassa, creando un danzante movimento con i suoi leggeri fiori rotondi. Oltre a fuggire da incontri hot con oggetti e persone, questo comportamento la caratterizza nelle ore notturne, evitando così incontri ravvicinati. Pisello Viola Désirée Il Pisello Viola è un varietà molto antica, dall’aspetto affascinante per il suo insolito colore, al suo interno, invece, conserva la sua tipica tinta verde. Come ogni varietà è un simbolo -oltre fallico- lunare, nei sogni infatti è sinonimo di fecondità. Molto apprezzato per il suo sapore delicato è l’ideale per zuppe e principesse dal gusto raffinato e desiderose di riposare su un raro ortaggio. Salvia Rossa Famosa per essere utilizzata da Cleopatra come afrodisiaco, la Salvia è una pianta carica di proprietà. Oltre ad accendere la libido negli amanti, è portatrice di sogni profetici, piacere fisico e fertilità. La forma e l’aspetto rugoso del fogliame le donano la nomina di lingua vegetale, per gli animi più romantici la Salvia Splendens, o Rossa, ricorda la sagoma di un cuore. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l’uso che preferite. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Inés Sastre Serigrafia di Alessandro Baronciani

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Baronciani Alessandro Baronciani vive a Pesaro e lavora a Milano come Art Director, grafico e illustratore. Ha lavorato per diverse agenzie pubblicitarie come direttore di campagne a cartoni animati. Le sue illustrazioni sono state stampate per molti brand come Martini, Coca Cola, Bacardi, Nestlè, Audi, Poste Italiane e Vodafone. Lavora per libri per bambini pubblicati da Mondadori, Feltrinelli e Rizzoli, quest’ultima ha anche pubblicato il suo primo libro, Mi ricci!, completamente pensato, scritto e illustrato da lui. Alessandro disegna fumetti. Ha pubblicato 3 libri di fumetti intitolati Una storia a fumetti, Quando tutto diventò blu e Le ragazze dello studio Munari. Per molti anni ha disegnato e pubblicato i suoi fumetti da solo, come un esperimento fai-da-te mai provato prima in Italia: i suoi fumetti venivano spediti in abbonamento e gli abbonati diventano parte delle storie che disegnava. Suona inoltre la chitarra e canta nella punk band di culto Altro. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
25,00 €

Maglietta de "Il Film del Concerto" di Andrea Laszlo De Simone

Maglietta in edizione limitata per il concerto di Andrea Laszlo De Simone.  
7,00 €

T-SHIRT "MI AMI Festival 2020"

T-shirt ufficiale  “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids, sul retro lineup artisti. 100% cotone con illustrazione multicolor, disponibile nella variante colore bianca o viola. La t-shirt che avresti voluto indossare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Moneyless

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Moneyless Nato a Milano nel 1980 Teo Pirisi aka Moneyless. Per anni ha ricercato e investigato i diversi aspetti delle forme e degli spazi geometrici come artista visivo. Dopo essersi diplomato all’Accademia d’Arte di Carrara (corso multimedia), Teo ha frequentato un corso di Design della Comunicazione all’Isia di Firenze. Contemporaneamente sviluppa una carriera artistica che lo porta ad esibire i suoi lavori in spazi pubblici e luoghi abbandonati.Teo è anche graphic designer e illustratore freelance; negli ultimi anni ha partecipato a diverse esibizioni collettive e personali in Italia e nel mondo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
10,00 €

Maglietta unicorno Better Days

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con l'unicorno di ANDREA MININI realizzata per il Better Days Festival 2016.  
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >