Society
di Stefano Yamato 7 Novembre 2011

29 motivi per cui nel 1900 era tutto più figo

Si stava meglio quando si stava peggio. Mai come in questo periodo storico aumentano i nostalgici che rimpiangono gli anni che furono. Quelli senza la TV in bianco e nero, dei telefoni a gettone, del mondo senza internet. Il 1900 è stato un secolo curioso, fatto di grandi cambiamenti, ma anche di grandi stranezze. Per molti erano tempi in cui tante cose erano più fighe di oggi. E’ davvero così? Ecco 29, improbabili, motivi che supportano questa tesi. 

  

1. Anche i gorilla potevano ubriacarsi senza scandali

Gorillas got drunk

 

2. I bambini fumavano la pipa atteggiandosi ad investigatori

Babies smoked pipes and/or solved mysteries

 

3. Si guidavano vere biciclette

People rode REAL bikes

 

4. Si poteva suonare il pianoforte a letto

You could play piano in bed

 

5. Chiunque poteva sfogarsi dopo il lavoro sparando in aria 

Everyone was using shotguns

 

6. I cani suonavano il mandolino senza finire su Youtube

Dogs played mandolin

 

7. Esistevano i distributori automatici di Whiskey

Whiskey vending machines existed

 

8. Il primo giocattolo di un bambino era una sega

A child's first toy was a saw

 

9. Si poteva giocare a calcio con un Panda senza temere il WWF

You could play soccer against a panda

 

10. Gli sportivi potevano ubriacarsi e fumare durante l’intervallo 

Baseball players drank and smoked in the dugout

  

11. Anche un leone poteva essere un animale domestico

Lions made great pets

 

12. Gli orsi Grizzly erano riciclati come poltrone

Bears were made into chairs

 

13. Le Zebre tiravano i carri senza inquinare di CO2

Zebras pulled carriages

 

14. Anche i leopardi erano animali domestici

Cheetahs also made great pets

 

15. I leoni potevano andare in side-car acrobatici

Lions rode shotgun

 

16. I Tatuaggi spaccavano di brutto

Tattoos were way more bad-ass

 

17. Le scimmie intrattenevano i cuccioli con la lounge music

Monkeys played lounge music for puppies

 

18. Anche i cani potevano andare al cinema

Dogs could catch a movie

 

19. Chiunque poteva scaccolarsi anche se in posa

People did snuff

 

20. Le ragazzine coi pattini erano tipe toste

Little girls on rollerskates were incredibly intimidating

 

21. Si poteva sfidare un orso in un incontro di boxe

You could settle the score against a bear in the ring

 

22. I cani fumavano la pipa e probabilmente si arruolavano 

Dogs smoked pipes and presumably joined the army

 

23. Anche le aragoste erano animali domestici

Lobsters made great pets too

 

24. I gatti potevano finire negli spaghetti senza andare su Youtube

Cats hung out in spaghetti

 

25. I militari non dovevano vergognarsi di tenere un cucciolo in tasca

Puppies hung out in pockets of soldiers


26. I Dottori non temevano di sembrare serial killer e non fotomodelli

Doctors looked like serial killers

via.

27. Halloween faceva paura davvero

Halloween was actually terrifying

 

28. Chiunque poteva fare il figo con una benda all’occhio

Everyone looked cool with an eyepatch

via.

29. Questo accadeva davvero!

This happened

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Roberta Maddalena

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Roberta Maddalena Artist, creativity trainer Roberta Maddalena nasce a Giussano nel 1981.Vive e lavora a Milano. Laureata in Design per la Comunicazione al Politecnico di Milano, si specializza in parallelo all’università in Incisione Calcografica, e successivamente in cultura tipografica e Type Design. Segue studi musicali, specializzandosi in vocalità extraeuropee ed ergonomia vocale, sviluppando profondo interesse per l’etnomusicologia, in particolare per l’Asia, esperienza che la porterà ad avvicinarsi a calligrafia orientale e danza contemporanea. Da questi percorsi nascono nel 2013 le sue performance a inchiostro, esperienze fondate sulla relazione segno-corpo, e disegni e dipinti in cui forme e colori evocano la realtà universalmente percepibile e conosciuta, ma ne svelano l’aspetto più mistico e intimo. Sempre nel 2013, dopo sei anni di attività come illustratrice, nascono progetti di creativity training rivolti a privati e aziende: workshop in cui i partecipanti sono guidati nello sviluppo della propria creatività fuori dal quotidiano, per sviluppare capacità di osservazione e movimento, applicabili nella vita come nella professione. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
25,00 €

Maglietta de "Il Film del Concerto" di Andrea Laszlo De Simone

Maglietta in edizione limitata per il concerto di Andrea Laszlo De Simone.  
35,00 €

Monica Bellucci Serigrafia di Checko's art

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Checko's art Nato nel 1977 a Lecce. Uno degli esponenti della Street Art italiana. Il suo percorso artistico ha inizio a Milano nel 1995 come writer. Attualmente abita al 167B «STREET», uno spazio fisico dedicato all’arte che, partendo dalla periferia (la 167B di Lecce, noto quartiere popolare), si propone come centro espositivo in continua mutazione. I suoi lavori si basano prettamente su murales, realizzati negli spazi pubblici, non solo con intento di riqualificare le zone grigie, ma per comunicare con le nuove generazioni. Ha partecipato a numerose mostre d’arte e contest collettivi in Italia e all’estero. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Luca Zamoc

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Luca Zamoc Luca Zamoc è nato a Modena nel 1986. Sin da piccolo ha trovato ispirazione nei fumetti anni ‘80, nella Bibbia e nell’anatomia umana. Ha frequentato l’Accademia delle Belle Arti di Milano, dove ha conseguito un titolo in Graphic Design & Art Direction. Il suo lavoro abbraccia diversi media, dal digitale ai muri, passando all’inchiostro, carta e fumetto. Negli ultimi anni ha lavorato e vissuto in diverse città quali Milano, Berlino, Londra, Los Angeles, New York e Istanbul. Oggi vive e lavora a Barcellona. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
28,00 €

KIT "MI AMI Festival 2020"

KIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper un kit semi misti a scelta una lattina bevanda del desiderio Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
15,00 €

Serigrafia Unicorno

Il bellissimo unicorno tutto righe di Andrea Minini  è una serigrafia ad 1 colore, di dimensioni 50x70 cm
35,00 €

Agricane Serigrafia di DEM

Serigrafia a due colori, dimensioni 20x30 cm Edizione limitata di 40 esemplari DEM Come un moderno alchimista, DEM crea personaggi bizzarri, creature surreali abitanti di un livello nascosto nel mondo degli umani. Eclettico e divertente, attraverso muri dipinti, illustrazioni e installazioni ricche di allegorie, lascia che sia lo spettatore a trovare la chiave per il suo enigmatico e arcano mondo. Oltre ad avere vecchie fabbriche ed edifici abbandonati come sfondo abituale ai suoi lavori, DEM è stato anche ospite alla Oro Gallery di Goteborg e ha preso parte a esposizioni importanti come «Street Art, Sweet Art» (PAC, Milano), «Nomadaz» (Scion Gallery, Los Angeles), «Original Cultures» (Stolen Space Gallery, London) and «CCTV» (Aposthrofe Gallery, Hong Kong). Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

SHOPPER "MI AMI Festival 2020"

Shopper ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Bag bianca cotone con illustrazione multicolor. La shopper che avresti voluto acquistare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >