Society
di Simone Stefanini 19 Aprile 2018

Adolescenti bulli coi professori, di chi è la colpa?

Una riflessione per fare il punto della situazione sul bullismo degli adolescenti (e non solo) ai danni dei professori e per tentare di evidenziarne le cause

 pixabay

Ogni giorno dai banchi di scuola di tutta Italia spuntano video ripresi con gli smartphone di alunni che bullizzano i professori. L’ultimo in ordine di tempo riguarda un Itc di Lucca in cui un alunno chiede al professore di inginocchiarsi e di cambiargli il voto per far vedere chi comanda, ma è uno tra i tanti.

I professori sono sempre più spesso vittime di aggressioni da parte degli alunni e dei genitori, tanto che alcuni hanno chiesto direttamente al Presidente Mattarella pene più severe per i bulli, adulti o adolescenti che siano. Citiamo dalla raccolta firme nata sulla piattaforma Change.org“È sconvolgente pensare che un genitore possa entrare in una scuola e compiere atti simili o che uno studente si possa permettere di picchiare da solo o in gruppo un docente. Sono fatti che evidenziano quanto sia profondamente mutato il rapporto di fiducia tra scuola e famiglia, che interrompono bruscamente quel patto di corresponsabilità educativa e che vanno condannati con forza”. 

Gli insegnanti chiedono anche trattamenti più umani per gli insegnati, bistrattati dalle istituzioni dal punto di vista economico, giuridico e sociale.

Sui social il dibattito impazza e l’ondata di giustizialismo tipica degli utenti di Facebook ha mille destinatari: la politica, i genitori, la società, i telefonini, i media, il progresso e tutto il resto. Prendiamo un punto alla volta e cerchiamo di capire qual è il motivo scatenante di quest’ondata di violenza ai danni dei professori, spesso impunita.

 

 pixabay

 

Innanzitutto chiariamo un concetto: forse ce ne sono di più oggi, ma gli alunni bulli nei confronti dei professori inermi ci sono sempre stati, anche nell’era pre smartphone, quando ciò che accadeva in classe rimaneva in classe. Quello che cambiava casomai era l’attitudine del genitore quando veniva chiamato dal preside che gli comunicava la sospensione del figlio, oggi troppo spesso propenso a difenderne il comportamento nonostante le evidenze, screditando così il ruolo istituzionale del professore.

Il genitore tuttavia è un bersaglio troppo facile da incolpare: se in passato la mancanza di dialogo e le punizioni corporali erano la piaga da debellare, oggi la situazione si è ribaltata e se un genitore sgrida con troppa veemenza o una tantum fa partire un ceffone al figlio incontrollabile, potrebbe doversela vedere con gli assistenti sociali, gli psicologi e eventualmente anche con le forze dell’ordine. Il dialogo instaurato, spesso non è sufficiente per capire il mondo interiore degli adolescenti, del tutto celato alla vista degli adulti.

Con uno sforzo di memoria riusciamo a ricordare quanto non fossimo inclini per niente a parlare dei nostri segreti in famiglia ai tempi delle scuole medie o superiori, di quanto il nostro rapporto coi genitori spesso sia stato recuperato dai 25 anni in poi, quando abbiamo iniziato a capire cosa significhi essere adulti e dover educare, dialogare, divertire mentre si deve anche lavorare, tenere in vita le relazioni, stare al passo coi tempi per capirne la mutevolezza rapidissima. Troppo facile dare il malloppo di colpa a loro, tantissimi ce la fanno perché sono più aperti dei loro predecessori di 30 o 40 anni fa, senza neanche dei corsi di formazione a cui accedere.

 

 wikimedia

 

La politica degli ultimi trent’anni è riuscita a demolire il sistema scolastico dall’interno, rendendo i professori precari, inadeguati, assolutamente in balia del bullismo dei loro alunni, di fronte al quale preferiscono spesso chiudere un occhio piuttosto che denunciare e passare dei guai. Le strutture fatiscenti, i programmi che non insegnano la contemporaneità e le politiche scolastiche per cui meglio passare un alunno asino che ritrovarselo un altro anno a scuola fanno il resto.

Parlando di nuove tecnologie e smartphone, il problema si complica. L’iperconnessione a cui siamo soggetti ci porta giornalmente a parlare e a condividere esperienze con sconosciuti in tutto il mondo. Quando questi mezzi vengono usati da persone a cui mancano gli strumenti per capirli fino in fondo, si crea il caos. Questo però non riguarda solo gli adolescenti, pensate ai sessantenni che su Facebook che auguravano lo stupro alla Boldrini e una volta scoperti pensavano fosse legittimo, una cosa da niente, una ragazzata.

Il problema naturalmente non è il mezzo ma l’uso che se ne fa: su internet vanno a braccetto informazione, bufala, intrattenimento e pornografia, di qualunque tipo. Se pensate sia facile per un genitore tenere sotto controllo lo smartphone del figlio, non sapete quanto questi ultimi siano geni della tecnologia e conoscano ogni funzione del proprio apparecchio per nascondere o rendere invisibili alcuni contenuti a persone esterne.

Durante l’adolescenza i ragazzi sono soggetti a processi di emulazione e la diffusione di video di bullismo o di violenza spesso forma il pensiero “Se lo fanno significa che lo posso fare anch’io”. Indietro non si torna, quindi sarebbe molto importante regolamentare l’uso di certi apparecchi e certe app a seconda dell’età degli utenti, non con un semplice “Se non hai 18 anni esci di qui” in sovraimpressione ma con controlli più rigidi.

 

 pixabay

 

In questi tempi difficili la colpa è un concorso di colpe che ha come comune denominatore il mancato aggiornamento. Chi resta indietro soccombe, si tratti di adolescenti, genitori, insegnanti o politici. I comportamenti sono gli stessi di anni fa, ma sono amplificati dai mezzi a disposizione e non è con la censura o con l’applicazione del rigore marziale che si risolve la situazione. Stare al passo coi tempi, aggiornarsi significa trovare il canale per comunicare con gli adolescenti, per conoscere il loro mondo fatto di successi ma soprattutto di disagi, paure e drammi.

L’aggiornamento senza nuove regole però rischia di essere inutile e questi tempi le richiedono. Ecco cosa vi consigliamo di leggere sui programmi dei partiti politici prima delle nuove elezioni: le proposte su scuola, cultura ed educazione (lavoro e sanità, ma quella è un’altra storia), prima di sparare a zero su sedicenti invasioni dall’Africa e lasciarsi distrarre da promesse elettorali che puzzano di pubblicità dei materassi su TeleNorba. Non è impossibile, ma ci vuole impegno da tutte le parti in causa.

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Alessandro Ripane

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Ripane Alessandro Ripane è nato a Genova nel 1989. Ha vissuto e lavorato in Svezia. A causa della mancanza di animali selvaggi nella città di Genova, Alessandro si è comprato molti libri sull’argomento. A causa della mancanza di supereroi nella città di Genova, Alessandro si è comprato un sacco di fumetti a tema. È diventato quindi un esperto in entrambe le categorie, anche se ora disegna un po’ di tutto, tranne gli alieni, perché non è sicuro di come siano vestiti. Ora è impegnato a combattere la caduta dei capelli, a comporre una sofisticata musica del futuro, a imparare come disegnare gli alieni e a guardare tutti i film sui mostri e gli zombi che non ha ancora visto. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

Borsa "La bellezza fa 40"

La borsa ufficiale della mostra "La bellezza fa 40" disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc. Bag bianca cotone con illustrazione nera.  
5,00 €

KIT SEMI "MI AMI Festival 2020": MIMOSA, PISELLO, SALVIA

Kit semi misti “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Il desiderio che avresti voluto piantare. Il kit ufficiale contiene: Mimosa Pudica Denominata anche la Sensitiva, la Mimosa Pudica è così casta che basta sfiorarla per innescare una timida reazione nei suoi rami. Al minimo tocco, infatti, le foglie si ripiegano su se stesse, mentre il picciolo si abbassa, creando un danzante movimento con i suoi leggeri fiori rotondi. Oltre a fuggire da incontri hot con oggetti e persone, questo comportamento la caratterizza nelle ore notturne, evitando così incontri ravvicinati. Pisello Viola Désirée Il Pisello Viola è un varietà molto antica, dall’aspetto affascinante per il suo insolito colore, al suo interno, invece, conserva la sua tipica tinta verde. Come ogni varietà è un simbolo -oltre fallico- lunare, nei sogni infatti è sinonimo di fecondità. Molto apprezzato per il suo sapore delicato è l’ideale per zuppe e principesse dal gusto raffinato e desiderose di riposare su un raro ortaggio. Salvia Rossa Famosa per essere utilizzata da Cleopatra come afrodisiaco, la Salvia è una pianta carica di proprietà. Oltre ad accendere la libido negli amanti, è portatrice di sogni profetici, piacere fisico e fertilità. La forma e l’aspetto rugoso del fogliame le donano la nomina di lingua vegetale, per gli animi più romantici la Salvia Splendens, o Rossa, ricorda la sagoma di un cuore. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l’uso che preferite. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
15,00 €

MAGLIETTA MI AMI 2019 GRIGIO CHIARO

Maglietta t-shirt American Apparel N2001W new silver (Grigio Chiaro), con illustrazione completa del MI AMI FESTIVAL 2019 di Andrea De Luca davanti e lineup artisti dietro.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
17,00 €

KIT DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL DESIDERIO “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper quattro lattine Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
15,00 €

Giulia Bersani - lucciole

  Giulia Bersani, fotografa. Classe 1992, vive a Milano. Fotografie scattate al MI AMI festival 2016 Formato: 21x15 cm Numero Pagine: 48 (+4 copertina) Edizione limitata 100 copie numerate, titolate e firmate dall'autore "Mi piace osservare come musica e buio tirino fuori il lato più istintivo delle persone. Si perde un pò di autocontrollo e ci si lascia guidare dalle proprie emozioni. Io mi sono lasciata libera di inseguire quello che istintivamente mi attraeva, così ho trovato baci, voglia di vivere e colori." (Giulia Bersani)  
15,00 €

MAGLIETTA MI AMI 2019 VERDE

Maglietta t-shirt American Apparel N2001W verde, con illustrazione completa del MI AMI FESTIVAL 2019 di Andrea De Luca davanti e lineup artisti dietro. Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >