Society
di Simone Stefanini 25 Novembre 2016

Laura Boldrini ha fatto nomi e cognomi di chi la minaccia e la insulta su Facebook

Per inchiodare alle proprie responsabilità chi la minaccia di morte e stupro, Laura Boldrini ha fatto nomi e cognomi su Facebook

boldrini-insulti-facebook

La Presidente della Camera Laura Boldrini è uno dei personaggi più presi di mira dall’odiatore seriale su Facebook. Il perché e il per come l’abbiamo già analizzato in precedenza, arrivando alla conclusione che le sue posizioni in materia di immigrazione e di diritti civili, abbiano fatto da carta moschicida sulla quale sono rimasti appiccicati gli insulti di chi si trincera dietro l’opposizione nei confronti dei “benpensanti radical chic” per giustificare attacchi di ogni tipo.

Insulti e attacchi che nella maggior parte dei casi finiscono per tirare in mezzo il fatto che Boldrini è una donna, portando alla conclusione che questo, più che le sue posizioni nei vari campi, venga considerato inaccettabile da chi la attacca. Nella Giornata contro la violenza sulle donne, dalla sua pagina Facebook ha avvalorato questa tesi, condividendo un’immagine impietosa e devastante.

Non si tratta però della foto di una ragazza abusata, da usare per muovere a compassione le masse tramite la pornografia del dolore, bensì di una selezione di offese ricevute da lei nell’ultimo mese, con tanto di nome, cognome e foto delle persone che le hanno scritte.

 

Il gesto di Laura Boldrini è inedito e importante, perché obbliga gli autori a un’assunzione di responsabilità nuova e mai provata prima. Una cosa è scrivere una nefandezza a caso su una pagina Facebook, con una noncuranza che spinge a dimenticarsene trenta secondi dopo, altro è trovarsi con nome e cognome sul sito della Presidente della Camera, accanto alle minacce di stupro o di morte che hai scritto di tuo pugno, pensando di non essere visto.

Giusto per capire cosa passa nella mente di persone comuni, che decidono razionalmente di scrivere tali porcherie su una persona che neanche conoscono, abbiamo visitato i profili delle persone che si sono trovate nel post della Boldrini. Ne è venuto fuori un affresco impietoso, fatto di persone in alcuni casi molto vicine all’analfabetismo (non solo funzionale), altri che pubblicano le classiche immagini del “Buongiornissimo”, salvo poi chiamare una signora “puttana andicappata”, altri ancora che condividono il post di Laura Boldrini aggiungendo nuove minacce. Accanto agli ultrà, ai fascisti dichiarati e a persone che sembrano avere oggettivi limiti cognitivi, fanno davvero rabbrividire padri di famiglia che pubblicano orgogliosi le foto dei loro figli e poi di nascosto, ma neanche troppo, scrivono frasi degne di serial killer.

 

 

L’abbiamo già detto: l’odio su Facebook non è purtroppo una novità, ciò che è nuovo e deve affermarsi, però, è che si tratta di un posto accomunabile a qualsiasi luogo fisico. Le minacce lanciate su Facebook non sono meno potenti perché lanciati con una tastiera e nascosti da uno schermo. Nella vita reale, le persone sono chiamate ad assumersi le proprie responsabilità e la stessa cosa deve accadere online. Nell’impossibilità di denunciare e rivalersi legalmente su quanti la insultano, Laura Boldrini ha fatto l’unica cosa in suo potere: trasformare il sedicente “popolo del web”, il fenomeno “dell’odio online” in qualcosa di identificabile, con una faccia, un nome e un cognome.

La responsabilità non è solo di queste persone, ma anche dei tanti siti e pagine Facebook che incitano quotidianamente all’odio, magari facendo circolare bufale e notizie false. La scelta di Laura Boldrini è un passo importante, ma deve essere solo l’inizio della condanna sistematica di questo tipo di violenza.

Ah, per inciso: andare sui profili privati a insultare le persone segnalate da Boldrini è la cosa peggiore che si possa fare.

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

10,00 €

Maglietta Amarti mi affatica

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con scritta "Amarti m'affatica".
10,00 €

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020”

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper un kit passiflora, peperoncino, melanzana un kit mimosa, pisello, salvia Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
5,00 €

Borsa "MI AMI Festival 2017"

La borsa ufficiale del “MI AMI Festival 2017” disegnata da Viola Niccolai serigrafata a mano da Legno. Bag bianca cotone con illustrazione rosa.
5,00 €

BEVANDA DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

Lattina ufficiale “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l'uso che preferite. La bevanda che avresti voluto bere.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
15,00 €

Maglietta Better Days calligrafica

100% cotone Modello unisex Serigrafia con scritta "Better Days" creata da calligrafo Bizantino Perché c'è sempre bisogno di giorni migliori
15,00 €

Giulia Bersani - lucciole

  Giulia Bersani, fotografa. Classe 1992, vive a Milano. Fotografie scattate al MI AMI festival 2016 Formato: 21x15 cm Numero Pagine: 48 (+4 copertina) Edizione limitata 100 copie numerate, titolate e firmate dall'autore "Mi piace osservare come musica e buio tirino fuori il lato più istintivo delle persone. Si perde un pò di autocontrollo e ci si lascia guidare dalle proprie emozioni. Io mi sono lasciata libera di inseguire quello che istintivamente mi attraeva, così ho trovato baci, voglia di vivere e colori." (Giulia Bersani)  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Alessandro Ripane

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Ripane Alessandro Ripane è nato a Genova nel 1989. Ha vissuto e lavorato in Svezia. A causa della mancanza di animali selvaggi nella città di Genova, Alessandro si è comprato molti libri sull’argomento. A causa della mancanza di supereroi nella città di Genova, Alessandro si è comprato un sacco di fumetti a tema. È diventato quindi un esperto in entrambe le categorie, anche se ora disegna un po’ di tutto, tranne gli alieni, perché non è sicuro di come siano vestiti. Ora è impegnato a combattere la caduta dei capelli, a comporre una sofisticata musica del futuro, a imparare come disegnare gli alieni e a guardare tutti i film sui mostri e gli zombi che non ha ancora visto. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

Maglietta "La bellezza fa 40"

100% cotone Maglietta bianca Gildan Heavy Cotton Illustrazione di Alessandro Baronciani per la mostra "La bellezza fa 40" Serigrafata a mano da Corpoc.
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >