Society
di Simone Stefanini 25 Novembre 2016

Laura Boldrini ha fatto nomi e cognomi di chi la minaccia e la insulta su Facebook

Per inchiodare alle proprie responsabilità chi la minaccia di morte e stupro, Laura Boldrini ha fatto nomi e cognomi su Facebook

boldrini-insulti-facebook

La Presidente della Camera Laura Boldrini è uno dei personaggi più presi di mira dall’odiatore seriale su Facebook. Il perché e il per come l’abbiamo già analizzato in precedenza, arrivando alla conclusione che le sue posizioni in materia di immigrazione e di diritti civili, abbiano fatto da carta moschicida sulla quale sono rimasti appiccicati gli insulti di chi si trincera dietro l’opposizione nei confronti dei “benpensanti radical chic” per giustificare attacchi di ogni tipo.

Insulti e attacchi che nella maggior parte dei casi finiscono per tirare in mezzo il fatto che Boldrini è una donna, portando alla conclusione che questo, più che le sue posizioni nei vari campi, venga considerato inaccettabile da chi la attacca. Nella Giornata contro la violenza sulle donne, dalla sua pagina Facebook ha avvalorato questa tesi, condividendo un’immagine impietosa e devastante.

Non si tratta però della foto di una ragazza abusata, da usare per muovere a compassione le masse tramite la pornografia del dolore, bensì di una selezione di offese ricevute da lei nell’ultimo mese, con tanto di nome, cognome e foto delle persone che le hanno scritte.

 

Il gesto di Laura Boldrini è inedito e importante, perché obbliga gli autori a un’assunzione di responsabilità nuova e mai provata prima. Una cosa è scrivere una nefandezza a caso su una pagina Facebook, con una noncuranza che spinge a dimenticarsene trenta secondi dopo, altro è trovarsi con nome e cognome sul sito della Presidente della Camera, accanto alle minacce di stupro o di morte che hai scritto di tuo pugno, pensando di non essere visto.

Giusto per capire cosa passa nella mente di persone comuni, che decidono razionalmente di scrivere tali porcherie su una persona che neanche conoscono, abbiamo visitato i profili delle persone che si sono trovate nel post della Boldrini. Ne è venuto fuori un affresco impietoso, fatto di persone in alcuni casi molto vicine all’analfabetismo (non solo funzionale), altri che pubblicano le classiche immagini del “Buongiornissimo”, salvo poi chiamare una signora “puttana andicappata”, altri ancora che condividono il post di Laura Boldrini aggiungendo nuove minacce. Accanto agli ultrà, ai fascisti dichiarati e a persone che sembrano avere oggettivi limiti cognitivi, fanno davvero rabbrividire padri di famiglia che pubblicano orgogliosi le foto dei loro figli e poi di nascosto, ma neanche troppo, scrivono frasi degne di serial killer.

 

 

L’abbiamo già detto: l’odio su Facebook non è purtroppo una novità, ciò che è nuovo e deve affermarsi, però, è che si tratta di un posto accomunabile a qualsiasi luogo fisico. Le minacce lanciate su Facebook non sono meno potenti perché lanciati con una tastiera e nascosti da uno schermo. Nella vita reale, le persone sono chiamate ad assumersi le proprie responsabilità e la stessa cosa deve accadere online. Nell’impossibilità di denunciare e rivalersi legalmente su quanti la insultano, Laura Boldrini ha fatto l’unica cosa in suo potere: trasformare il sedicente “popolo del web”, il fenomeno “dell’odio online” in qualcosa di identificabile, con una faccia, un nome e un cognome.

La responsabilità non è solo di queste persone, ma anche dei tanti siti e pagine Facebook che incitano quotidianamente all’odio, magari facendo circolare bufale e notizie false. La scelta di Laura Boldrini è un passo importante, ma deve essere solo l’inizio della condanna sistematica di questo tipo di violenza.

Ah, per inciso: andare sui profili privati a insultare le persone segnalate da Boldrini è la cosa peggiore che si possa fare.

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
40,00 €

Locandina de "Il Film del Concerto" di Andrea Laszlo De Simone

Locandina numerata e autografata del Film del Concerto di Andrea Laszlo De Simone con l'Immensità Orchestra, in triennale di Milano. L'illustrazione originale della locandina è a cura di Irene Carbone, illustratrice e fumettista torinese con studi alla Scuola Internazionale di Comics, dal 2015 nel duo creativo Irene&Irene e da tempo coinvolta nel progetto Andrea Laszlo De Simone per la realizzazione delle copertine dei dischi "Immensità" ed "Ecce Homo", i video d'animazione "11:43" e "Sparite Tutti", oltre ad aver ideato la creatività della cover digitale di "VIVO". Per “Il Film Del Concerto” ha realizzato a mano un'opera che riconduce al migliore immaginario cinematografico di Federico Fellini. L'opera sarà stampata in pochissime copie in edizione limitata, autografate dagli artisti.  
5,00 €

MANIFESTO "MI AMI Festival 2020"

MANIFESTO ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
5,00 €

SHOPPER "MI AMI Festival 2020"

Shopper ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Bag bianca cotone con illustrazione multicolor. La shopper che avresti voluto acquistare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Moneyless

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Moneyless Nato a Milano nel 1980 Teo Pirisi aka Moneyless. Per anni ha ricercato e investigato i diversi aspetti delle forme e degli spazi geometrici come artista visivo. Dopo essersi diplomato all’Accademia d’Arte di Carrara (corso multimedia), Teo ha frequentato un corso di Design della Comunicazione all’Isia di Firenze. Contemporaneamente sviluppa una carriera artistica che lo porta ad esibire i suoi lavori in spazi pubblici e luoghi abbandonati.Teo è anche graphic designer e illustratore freelance; negli ultimi anni ha partecipato a diverse esibizioni collettive e personali in Italia e nel mondo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
17,00 €

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020”

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
70,00 €

KIT DELL'AMORE "MI AMI Festival 2020"

KIT DELL'AMORE “MI AMI Festival 2020” Contiene: due t-shirt due shopper quattro kit semi: due kit passiflora, peperoncino, melanzana e due kit mimosa, pisello, salvia quattro lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Roberta Maddalena

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Roberta Maddalena Artist, creativity trainer Roberta Maddalena nasce a Giussano nel 1981.Vive e lavora a Milano. Laureata in Design per la Comunicazione al Politecnico di Milano, si specializza in parallelo all’università in Incisione Calcografica, e successivamente in cultura tipografica e Type Design. Segue studi musicali, specializzandosi in vocalità extraeuropee ed ergonomia vocale, sviluppando profondo interesse per l’etnomusicologia, in particolare per l’Asia, esperienza che la porterà ad avvicinarsi a calligrafia orientale e danza contemporanea. Da questi percorsi nascono nel 2013 le sue performance a inchiostro, esperienze fondate sulla relazione segno-corpo, e disegni e dipinti in cui forme e colori evocano la realtà universalmente percepibile e conosciuta, ma ne svelano l’aspetto più mistico e intimo. Sempre nel 2013, dopo sei anni di attività come illustratrice, nascono progetti di creativity training rivolti a privati e aziende: workshop in cui i partecipanti sono guidati nello sviluppo della propria creatività fuori dal quotidiano, per sviluppare capacità di osservazione e movimento, applicabili nella vita come nella professione. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >