Society
di Gabriele Ferraresi 23 Febbraio 2016

Cosa c’è di vero nella storia del micropene di Adolf Hitler, e cosa rivela di noi

Un Führer minidotato? Andiamo a scoprire cosa c’è di vero e cosa no

hitler_ante

Hitler’s Last Day – Minute by Minute è un volume firmato da Jonathan Mayo ed Emma Craigie in cui si racconta dell’ultimo giorno di vita del Führer, avanzando al contempo nuove supposizioni sulla ridotta virilità del dittatore.

La ricostruzione di Mayo e Craigie – il primo ex BBC, oggi autore per Simon & Schuster, la seconda autrice e direttrice artistica, in ogni caso, non due storici – getta benzina sul fuoco di quella che da tempo è un po’ più di una urban legend, è una historical legend, riguardo alle ridottissime dimensioni di Adolf Hitler: ma si sa, le parti intime dei dittatori, o dei potenti della Storia, ci affascinano da sempre.

Un po’ come accadde in altre epoche con Mao Tse Tung o Francisco Franco, entrambi, seppur per motivi differenti, dotati di un solo testicolo. Mao Tse Tung dalla nascita, Franco a causa di una ferita riportata in una battaglia a Ceuta nel 1916, era questo “el mas intimo secreto” del Caudillo. O anche sulla virilità di Benito Mussolini, o di qualche regnante italiano, per esempio sullo sfrenato appetito sessuale di Vittorio Emanuele II, potremmo proseguire a lungo. Ma torniamo a Hitler.

Nel volume di Mayo e Craigie si avanza l’ipotesi che Adolf Hitler fosse nato affetto da ipospadia, una malformazione congenita in cui uretra e pene si sviluppano in maniera anomala. La conseguenza nel caso del Führer? Un pene microscopico, sottodimensionato. Girava, da tempo, un’altra leggenda sul “mezzo pene” di Hitler: si diceva fosse stato mutilato da una capra durante un gioco crudele con alcuni amici, da ragazzo. Proprio mentre urinava in bocca all’animale, questi avrebbe serrato i denti e reciso un brandello di carne del giovane Adolf. Sarà. Ma non solo, i due autori britannici oggi confermano che Hitler avrebbe sofferto anche di criptorchidismo, ovvero, aveva un solo testicolo. Le prove sarebbero in un referto medico del 1923, e il testicolo “non sceso” sarebbe stato quello destro. Ma del criptorchidismo di Hitler non si parla certo da oggi, sono decenni che è cosa nota.

Del resto oltre ai dettagli della vita intima è tutta la sessualità di Hitler a essere da tempo un tema a dir poco controverso per gli storici – più o meno seri – che hanno scandagliato ogni angolo della vita intima del dittatore austriaco. Per un motivo semplice: fa vendere alla grande. Secondo alcuni Hitler era omosessuale, secondo altri bisessuale, secondo altri ancora evitava ogni tipo di contatto, terrorizzato dalle malattie che avrebbe potuto contrarre, addirittura per un rapporto dell’OSS del 1943 – l’OSS, ovvero la futura CIA – Adolf Hitler era coprofago. Insomma, c’è tutto e il contrario di tutto.

Ma anche Hitler avesse avuto un pene lungo mezzo millimetro, non è ben chiaro come questa rivelazione potrebbe portarci a riscrivere i libri di storia. Al contrario, il contorno di risolini sulle dimensioni del pene di un dittatore sanguinario dice molto del nostro di sessismo, ma questa, come si dice, è un’altra faccenda.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

10,00 €

Maglietta Amarti mi affatica

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con scritta "Amarti m'affatica".
35,00 €

Locandina de "Il Film del Concerto" di Andrea Laszlo De Simone

Locandina numerata e autografata del Film del Concerto di Andrea Laszlo De Simone con l'Immensità Orchestra, in triennale di Milano. L'illustrazione originale della locandina è a cura di Irene Carbone, illustratrice e fumettista torinese con studi alla Scuola Internazionale di Comics, dal 2015 nel duo creativo Irene&Irene e da tempo coinvolta nel progetto Andrea Laszlo De Simone per la realizzazione delle copertine dei dischi "Immensità" ed "Ecce Homo", i video d'animazione "11:43" e "Sparite Tutti", oltre ad aver ideato la creatività della cover digitale di "VIVO". Per “Il Film Del Concerto” ha realizzato a mano un'opera che riconduce al migliore immaginario cinematografico di Federico Fellini. L'opera sarà stampata in pochissime copie in edizione limitata, autografate dagli artisti.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di StencilNoire

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari StencilNoire StencilNoire, classe ’75, vive e opera in un paesino del sud Italia, Massafra, dove le problematiche socio-culturali danno spunto quotidiano alle sue opere. Veterano dell’uso del colore, sin da bambino ha fatto dell’arte la sua più grande passione, sperimentando tutte le tecniche artistiche, dai colori a olio, al carboncino, all’aerografo, approdando, nel ’95, nella cultura dello stencil e dello sticker. Ha partecipato a numerosi eventi, sia a livello personale, che col gruppo «South Italy Street Art», del quale è co-fondatore. Fra gli ultimi eventi si annoverano le partecipazioni allo Jonio Jazz Festival, svoltosi a Faggiano (TA), al Calafrika music Festival svoltosi a Pianopoli (CZ), e a Residence Artistic in Country Secret Zone, un esperimento artistico di Street Art chiamato «Torrent 14» organizzato da Biodpi in collaborazione con Ortika, svoltosi a Sant’Agata de’Goti. Vincitore della giuria artisti del 1° Concorso Internazionale d’Arte su Vinile, organizzato dall’associazione Artwo in collaborazione con Ortika Street Art Lovers, dedicato a Domenico Modugno, in occasione dei 20 anni della sua scomparsa. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

MANIFESTO "MI AMI Festival 2020"

MANIFESTO ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
10,00 €

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020”

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper un kit passiflora, peperoncino, melanzana un kit mimosa, pisello, salvia Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
70,00 €

KIT DELL'AMORE "MI AMI Festival 2020"

KIT DELL'AMORE “MI AMI Festival 2020” Contiene: due t-shirt due shopper quattro kit semi: due kit passiflora, peperoncino, melanzana e due kit mimosa, pisello, salvia quattro lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
25,00 €

KIT GARDENER "MI AMI Festival 2020"

Kit GARDENER “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper due kit semi: un kit passiflora, peperoncino, melanzana e un kit mimosa, pisello, salvia Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
15,00 €

La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia

Scarica gratuitamente l'ebook de La Bella Nostalgia in tutti i formati QUI   "La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia" di Simone Stefanini parla di mode, film, telefilm, musica, porno, orrori e gioie di due decenni contrapposti di cui oggi abbiamo rivalutato ogni lascito. Una riflessione tragicomica sulla retromania in Italia, una macchina del tempo a metà tra la DeLorean di Ritorno al Futuro e la Bianchina di Fantozzi. 200 pagine - edizione limitata di 50 copie firmata e numerata dall'autore. Edizioni Brava Gente - Betterdays    
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >