Society
di Gabriele Ferraresi 23 Febbraio 2016

Cosa c’è di vero nella storia del micropene di Adolf Hitler, e cosa rivela di noi

Un Führer minidotato? Andiamo a scoprire cosa c’è di vero e cosa no

hitler_ante

Hitler’s Last Day – Minute by Minute è un volume firmato da Jonathan Mayo ed Emma Craigie in cui si racconta dell’ultimo giorno di vita del Führer, avanzando al contempo nuove supposizioni sulla ridotta virilità del dittatore.

La ricostruzione di Mayo e Craigie – il primo ex BBC, oggi autore per Simon & Schuster, la seconda autrice e direttrice artistica, in ogni caso, non due storici – getta benzina sul fuoco di quella che da tempo è un po’ più di una urban legend, è una historical legend, riguardo alle ridottissime dimensioni di Adolf Hitler: ma si sa, le parti intime dei dittatori, o dei potenti della Storia, ci affascinano da sempre.

Un po’ come accadde in altre epoche con Mao Tse Tung o Francisco Franco, entrambi, seppur per motivi differenti, dotati di un solo testicolo. Mao Tse Tung dalla nascita, Franco a causa di una ferita riportata in una battaglia a Ceuta nel 1916, era questo “el mas intimo secreto” del Caudillo. O anche sulla virilità di Benito Mussolini, o di qualche regnante italiano, per esempio sullo sfrenato appetito sessuale di Vittorio Emanuele II, potremmo proseguire a lungo. Ma torniamo a Hitler.

Nel volume di Mayo e Craigie si avanza l’ipotesi che Adolf Hitler fosse nato affetto da ipospadia, una malformazione congenita in cui uretra e pene si sviluppano in maniera anomala. La conseguenza nel caso del Führer? Un pene microscopico, sottodimensionato. Girava, da tempo, un’altra leggenda sul “mezzo pene” di Hitler: si diceva fosse stato mutilato da una capra durante un gioco crudele con alcuni amici, da ragazzo. Proprio mentre urinava in bocca all’animale, questi avrebbe serrato i denti e reciso un brandello di carne del giovane Adolf. Sarà. Ma non solo, i due autori britannici oggi confermano che Hitler avrebbe sofferto anche di criptorchidismo, ovvero, aveva un solo testicolo. Le prove sarebbero in un referto medico del 1923, e il testicolo “non sceso” sarebbe stato quello destro. Ma del criptorchidismo di Hitler non si parla certo da oggi, sono decenni che è cosa nota.

Del resto oltre ai dettagli della vita intima è tutta la sessualità di Hitler a essere da tempo un tema a dir poco controverso per gli storici – più o meno seri – che hanno scandagliato ogni angolo della vita intima del dittatore austriaco. Per un motivo semplice: fa vendere alla grande. Secondo alcuni Hitler era omosessuale, secondo altri bisessuale, secondo altri ancora evitava ogni tipo di contatto, terrorizzato dalle malattie che avrebbe potuto contrarre, addirittura per un rapporto dell’OSS del 1943 – l’OSS, ovvero la futura CIA – Adolf Hitler era coprofago. Insomma, c’è tutto e il contrario di tutto.

Ma anche Hitler avesse avuto un pene lungo mezzo millimetro, non è ben chiaro come questa rivelazione potrebbe portarci a riscrivere i libri di storia. Al contrario, il contorno di risolini sulle dimensioni del pene di un dittatore sanguinario dice molto del nostro di sessismo, ma questa, come si dice, è un’altra faccenda.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

5,00 €

MANIFESTO "MI AMI Festival 2020"

MANIFESTO ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di CT

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari CT L’opera di CT affonda le sue radici nella cultura del Writing. Dalle prime sperimentazioni, influenzate dagli stili più classici dei graffiti, è passato in modo progressivo ad una ricerca minuziosa capace di cogliere ed evidenziare i cambiamenti del paesaggio urbano. Le fascinazioni ricevute dai graffiti sono tuttavia presenti nelle fasi di questo processo: il soggetto-oggetto della sua analisi, le tecniche utilizzate ed in parte i luoghi scelti per i suoi interventi. L’interesse per il lettering si è quindi trasformato in espediente per lo studio della forma fino ad approdare, oggi, ad una ricerca più ampia relativa allo spazio e alle dinamiche contemporanee. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

Serigrafia Unicorno

Il bellissimo unicorno tutto righe di Andrea Minini  è una serigrafia ad 1 colore, di dimensioni 50x70 cm
5,00 €

KIT SEMI "MI AMI Festival 2020": MIMOSA, PISELLO, SALVIA

Kit semi misti “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Il desiderio che avresti voluto piantare. Il kit ufficiale contiene: Mimosa Pudica Denominata anche la Sensitiva, la Mimosa Pudica è così casta che basta sfiorarla per innescare una timida reazione nei suoi rami. Al minimo tocco, infatti, le foglie si ripiegano su se stesse, mentre il picciolo si abbassa, creando un danzante movimento con i suoi leggeri fiori rotondi. Oltre a fuggire da incontri hot con oggetti e persone, questo comportamento la caratterizza nelle ore notturne, evitando così incontri ravvicinati. Pisello Viola Désirée Il Pisello Viola è un varietà molto antica, dall’aspetto affascinante per il suo insolito colore, al suo interno, invece, conserva la sua tipica tinta verde. Come ogni varietà è un simbolo -oltre fallico- lunare, nei sogni infatti è sinonimo di fecondità. Molto apprezzato per il suo sapore delicato è l’ideale per zuppe e principesse dal gusto raffinato e desiderose di riposare su un raro ortaggio. Salvia Rossa Famosa per essere utilizzata da Cleopatra come afrodisiaco, la Salvia è una pianta carica di proprietà. Oltre ad accendere la libido negli amanti, è portatrice di sogni profetici, piacere fisico e fertilità. La forma e l’aspetto rugoso del fogliame le donano la nomina di lingua vegetale, per gli animi più romantici la Salvia Splendens, o Rossa, ricorda la sagoma di un cuore. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l’uso che preferite. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
5,00 €

SHOPPER "MI AMI Festival 2020"

Shopper ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Bag bianca cotone con illustrazione multicolor. La shopper che avresti voluto acquistare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Alessandro Ripane

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Ripane Alessandro Ripane è nato a Genova nel 1989. Ha vissuto e lavorato in Svezia. A causa della mancanza di animali selvaggi nella città di Genova, Alessandro si è comprato molti libri sull’argomento. A causa della mancanza di supereroi nella città di Genova, Alessandro si è comprato un sacco di fumetti a tema. È diventato quindi un esperto in entrambe le categorie, anche se ora disegna un po’ di tutto, tranne gli alieni, perché non è sicuro di come siano vestiti. Ora è impegnato a combattere la caduta dei capelli, a comporre una sofisticata musica del futuro, a imparare come disegnare gli alieni e a guardare tutti i film sui mostri e gli zombi che non ha ancora visto. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Martina Merlini

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Martina Merlini Martina Merlini, artista visiva bolognese, classe 1986, vive e lavora a Milano. Il percorso artistico di Martina Merlini si snoda multiformemente nel solco dell’esplorazione, coinvolgendo una pluralità di tecniche, materiali e supporti che convergono nella ricerca di un equilibrio formale delicatamente costruito sull’armonia di elementi astratti e geometrici. Attiva dal 2009, ha esposto in numerose gallerie europee e americane. Dal 2010 al 2013, insieme a Tellas, intraprende il progetto installativo Asylum, che viene presentato a Palermo, Bologna, Milano e Foligno. Nell’estate del 2012 viene invitata a partecipare a Living Walls, primo festival di Street Art al femminile, ad Atlanta. Nel dicembre 2013 inaugura la sua seconda personale, «Wax» all’interno degli spazi di Elastico, Bologna, dove indaga l’utilizzo della cera come medium principale del suo lavoro, ricerca approfondita nella sua prima personale americana, «Starch, Wax, Paper & Wood», presso White Walls & Shooting Gallery, San Francisco. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Ester Grossi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Ester Grossi Nata ad Avezzano (AQ) nel 1981. Diplomata in Moda, Design e Arredamento presso l’Istituto d’Arte Vincenzo Bellisario, nel 2008 ha conseguito la laurea specialistica in Cinema, Televisione e Produzione Multimediale presso il DAMS di Bologna. Si dedica da anni alla pittura e ha all’attivo diverse mostre in Italia e all’estero; è vincitrice del Premio Italian Factory 2010 e finalista del Premio Cairo 2012. Nel 2011 è stata invitata alla 54° Biennale di Venezia (Padiglione Abruzzo). Come illustratrice ha realizzato manifesti per festival di cinema e musica (Imaginaria Film Festival, MIAMI, Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto) e cover per album di band musicali (A Classic Education, LIFE&LIMB). Collabora frequentemente con musicisti per la realizzazione di mostre e installazioni pittoriche-sonore. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >