Society
di Gabriele Ferraresi 5 Aprile 2016

“L’AIDS è di moda”, la campagna di Convivio è un colpo di genio o una figuraccia mondiale?

Il fin di bene giustifica i mezzi, o forse no. Michele Boroni commenta con noi cosa c’è che non va

convivio

Convivio è una mostra mercato benefica per la raccolta fondi a favore di ANLAIDS (Associazione Nazionale per la Lotta contro l’AIDS) ed esiste dal 1992: fu un’idea di Gianni Versace, che all’epoca riuscì a coinvolgere Giorgio Armani, Gianfranco Ferrè e Valentino. Col passare degli anni Convivio è cresciuto, diventando col tempo una passerella benefica per vip dello spettacolo e della moda soprattutto, come testimoniano per esempio le foto dell’edizione 2014.

Dove troviamo Paola Barale, Simona Ventura, Anna Falchi e buona parte dello stardom emerso tra gli anni novanta e gli anni ’00 in posa languida.

 

Paola Barale, testimonial Convivio 2014  Paola Barale, testimonial Convivio nel 2014

 

Insomma, un’occasione per fare del bene mettendosi in favore di camera, niente di male. Quest’anno però Convivio – in programma dall’8 al 12 giugno 2016 – ha tirato fuori dal cassetto una campagna shock.

Due celebrità di primissimo piano del mondo fashion – Franca Sozzani, direttrice di Vogue in una foto scattata da Terry Richardson, e Donatella Versace – accompagnate dal claim “L’AIDS è di moda“, e poco sotto “in Italia 120.000 persone sieropositive / 4000 nuovi casi di contagio. ‘Io ci metto la faccia, a te chiedo di fare shopping, meglio Fashion Victim che Aids Victim’.“. L’immagine girata con Donatella Versace a quanto dichiarato dall’agenzia che ha curato la campagna non è definitiva, quella di Franca Sozzani sì. 

 

aids moda franca sozzani convivio

 

Abbiamo chiesto a Michele Boroni, giornalista che si occupa e scrive di comunicazione di commentare con noi la campagna: “È l’ennesimo canto del cigno della moda, di quella moda rappresentata da loro. Si attaccano a tutto pur di avere una ribalta, e settimana prossima col Salone del Mobile lo vedremo“. Riguardo alla campagna shock “Mi sembra una tristissima provocazione alla Toscani, ma fatta peggio. Anche perché la seconda chiave di lettura si perde completamente, non ti viene voglia di leggere, di capire“. E chiude sottolineando come “Soprattutto è semanticamente sbagliata: perché quelle due signore lì hanno lavorato sul tema dell’esclusività per tutta la vita, mentre il concetto che esprimono con ‘l’AIDS è di moda’ è esattamente l’opposto“. Insomma, si contraddicono su mille sensi.

La campagna è stata ideata da Ego of WRG Italy, direttore creativo Paola Manfrin, art director Maria Costa e copy Riccardo Ciunci. Abbiamo raggiunto telefonicamente Paola Manfrin, che difende la campagna. E riguardo al caso scoppiato online aggiunge “Ce lo aspettavamo, ne eravamo coscienti. Facciamo Convivio dal 1992, e da allora la percezione della malattia è cambiata, non se ne parla più. Così abbiamo scelto una comunicazione forte. Avendo un target diversificato, abbiamo voluto parlare a tutti“. Il famoso “purché se ne parli”.

C’è chi ha provato a spiegare la campagna così, come se non ci fosse molto da spiegare: “Io direi che la provocazione è talmente lapalissiana ed estrema che non c’è molto da da criticare” commenta Ida Galati su Le Stanze della Moda. Altri su Twitter e Facebook non hanno apprezzato il tono della campagna. Anzi.  

 

“La gatta frettolosa fece i gattini ciechi” e il copy ubriaco scivolò clamorosamente su un’AIDS victim.#convivio

Posted by Valentina Castelli on Monday, April 4, 2016

 

E ancora

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

15,00 €

Maglietta "La bellezza fa 40"

100% cotone Maglietta bianca Gildan Heavy Cotton Illustrazione di Alessandro Baronciani per la mostra "La bellezza fa 40" Serigrafata a mano da Corpoc.
5,00 €

BEVANDA DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

Lattina ufficiale “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l'uso che preferite. La bevanda che avresti voluto bere.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
5,00 €

MANIFESTO "MI AMI Festival 2020"

MANIFESTO ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di CT

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari CT L’opera di CT affonda le sue radici nella cultura del Writing. Dalle prime sperimentazioni, influenzate dagli stili più classici dei graffiti, è passato in modo progressivo ad una ricerca minuziosa capace di cogliere ed evidenziare i cambiamenti del paesaggio urbano. Le fascinazioni ricevute dai graffiti sono tuttavia presenti nelle fasi di questo processo: il soggetto-oggetto della sua analisi, le tecniche utilizzate ed in parte i luoghi scelti per i suoi interventi. L’interesse per il lettering si è quindi trasformato in espediente per lo studio della forma fino ad approdare, oggi, ad una ricerca più ampia relativa allo spazio e alle dinamiche contemporanee. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di StencilNoire

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari StencilNoire StencilNoire, classe ’75, vive e opera in un paesino del sud Italia, Massafra, dove le problematiche socio-culturali danno spunto quotidiano alle sue opere. Veterano dell’uso del colore, sin da bambino ha fatto dell’arte la sua più grande passione, sperimentando tutte le tecniche artistiche, dai colori a olio, al carboncino, all’aerografo, approdando, nel ’95, nella cultura dello stencil e dello sticker. Ha partecipato a numerosi eventi, sia a livello personale, che col gruppo «South Italy Street Art», del quale è co-fondatore. Fra gli ultimi eventi si annoverano le partecipazioni allo Jonio Jazz Festival, svoltosi a Faggiano (TA), al Calafrika music Festival svoltosi a Pianopoli (CZ), e a Residence Artistic in Country Secret Zone, un esperimento artistico di Street Art chiamato «Torrent 14» organizzato da Biodpi in collaborazione con Ortika, svoltosi a Sant’Agata de’Goti. Vincitore della giuria artisti del 1° Concorso Internazionale d’Arte su Vinile, organizzato dall’associazione Artwo in collaborazione con Ortika Street Art Lovers, dedicato a Domenico Modugno, in occasione dei 20 anni della sua scomparsa. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Thomas Raimondi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Thomas Raimondi Nato a Legnano (MI) il 17 Maggio 1981. Laureato al Politecnico di Milano in Design della Comunicazione. Graphic e visual designer freelance attivo nella scena underground con numerose pubblicazioni (Luciver Edition, Faesthetic, Belio, Le Dernier Cri, Laurence King.) e mostre in Italia e all’estero. Le ultime personali «Burn Your House Down» nel 2013 presso la galleria Kalpany Artspace di Milano (Circuito Rojo) e la residenza d’artista per Alterazioni Festival 2014, Arcidosso (GR) con l’istallazione site-specific «Inside/Outside». Lavora e ha lavorato per diverse realtà nazionali ed internazionali come VICE, Rolling Stone Magazine, Rockit, Mondadori, Men’s Health, Salomon, Motorpsycho, T-Post e molte altre. Nel 2008 ha ricoperto il ruolo di docente d’illustrazione presso l’accademia NABA di Milano continuando, a oggi, a collaborare con regolarità. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di VitoManoloRoma

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari VitoManoloRoma Attualmente vive a Milano e lavora come freelance in qualità di grafico, illustratore, animatore e fumettista. Si forma presso il Liceo Artistico statale di Busto Arsizio, poi la compagnia di teatro sperimentale Radicetimbrica e termina gli studi al Politecnico di Milano dove si avvicina al Graphic Design. Durante i primi anni di professione come progettista e illustratore in alcuni studi di grafica milanesi, continua a disegnare e partecipa a mostre collettive di illustratori, fra le quali «Spaziosenzatitolo» (Roma), «Doppiosenso» (Beirut) e «Manifesta» (Milano). Con il collettivo di satira a fumetti L’antitempo fonda l’omonima rivista con la quale vince il Premio Satira 2013 come miglior realtà editoriale italiana. Appassionato di musica africana, afroamericana e jamaicana, colleziona vinili che seleziona con i collettivi Bigshot! e Soulfinger nei locali neri e non di Milano. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

Maglietta Better Days calligrafica

100% cotone Modello unisex Serigrafia con scritta "Better Days" creata da calligrafo Bizantino Perché c'è sempre bisogno di giorni migliori
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >