Society
di Gabriele Ferraresi 5 Aprile 2016

“L’AIDS è di moda”, la campagna di Convivio è un colpo di genio o una figuraccia mondiale?

Il fin di bene giustifica i mezzi, o forse no. Michele Boroni commenta con noi cosa c’è che non va

convivio

Convivio è una mostra mercato benefica per la raccolta fondi a favore di ANLAIDS (Associazione Nazionale per la Lotta contro l’AIDS) ed esiste dal 1992: fu un’idea di Gianni Versace, che all’epoca riuscì a coinvolgere Giorgio Armani, Gianfranco Ferrè e Valentino. Col passare degli anni Convivio è cresciuto, diventando col tempo una passerella benefica per vip dello spettacolo e della moda soprattutto, come testimoniano per esempio le foto dell’edizione 2014.

Dove troviamo Paola Barale, Simona Ventura, Anna Falchi e buona parte dello stardom emerso tra gli anni novanta e gli anni ’00 in posa languida.

 

Paola Barale, testimonial Convivio 2014  Paola Barale, testimonial Convivio nel 2014

 

Insomma, un’occasione per fare del bene mettendosi in favore di camera, niente di male. Quest’anno però Convivio – in programma dall’8 al 12 giugno 2016 – ha tirato fuori dal cassetto una campagna shock.

Due celebrità di primissimo piano del mondo fashion – Franca Sozzani, direttrice di Vogue in una foto scattata da Terry Richardson, e Donatella Versace – accompagnate dal claim “L’AIDS è di moda“, e poco sotto “in Italia 120.000 persone sieropositive / 4000 nuovi casi di contagio. ‘Io ci metto la faccia, a te chiedo di fare shopping, meglio Fashion Victim che Aids Victim’.“. L’immagine girata con Donatella Versace a quanto dichiarato dall’agenzia che ha curato la campagna non è definitiva, quella di Franca Sozzani sì. 

 

aids moda franca sozzani convivio

 

Abbiamo chiesto a Michele Boroni, giornalista che si occupa e scrive di comunicazione di commentare con noi la campagna: “È l’ennesimo canto del cigno della moda, di quella moda rappresentata da loro. Si attaccano a tutto pur di avere una ribalta, e settimana prossima col Salone del Mobile lo vedremo“. Riguardo alla campagna shock “Mi sembra una tristissima provocazione alla Toscani, ma fatta peggio. Anche perché la seconda chiave di lettura si perde completamente, non ti viene voglia di leggere, di capire“. E chiude sottolineando come “Soprattutto è semanticamente sbagliata: perché quelle due signore lì hanno lavorato sul tema dell’esclusività per tutta la vita, mentre il concetto che esprimono con ‘l’AIDS è di moda’ è esattamente l’opposto“. Insomma, si contraddicono su mille sensi.

La campagna è stata ideata da Ego of WRG Italy, direttore creativo Paola Manfrin, art director Maria Costa e copy Riccardo Ciunci. Abbiamo raggiunto telefonicamente Paola Manfrin, che difende la campagna. E riguardo al caso scoppiato online aggiunge “Ce lo aspettavamo, ne eravamo coscienti. Facciamo Convivio dal 1992, e da allora la percezione della malattia è cambiata, non se ne parla più. Così abbiamo scelto una comunicazione forte. Avendo un target diversificato, abbiamo voluto parlare a tutti“. Il famoso “purché se ne parli”.

C’è chi ha provato a spiegare la campagna così, come se non ci fosse molto da spiegare: “Io direi che la provocazione è talmente lapalissiana ed estrema che non c’è molto da da criticare” commenta Ida Galati su Le Stanze della Moda. Altri su Twitter e Facebook non hanno apprezzato il tono della campagna. Anzi.  

 

“La gatta frettolosa fece i gattini ciechi” e il copy ubriaco scivolò clamorosamente su un’AIDS victim.#convivio

Posted by Valentina Castelli on Monday, April 4, 2016

 

E ancora

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Moneyless

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Moneyless Nato a Milano nel 1980 Teo Pirisi aka Moneyless. Per anni ha ricercato e investigato i diversi aspetti delle forme e degli spazi geometrici come artista visivo. Dopo essersi diplomato all’Accademia d’Arte di Carrara (corso multimedia), Teo ha frequentato un corso di Design della Comunicazione all’Isia di Firenze. Contemporaneamente sviluppa una carriera artistica che lo porta ad esibire i suoi lavori in spazi pubblici e luoghi abbandonati.Teo è anche graphic designer e illustratore freelance; negli ultimi anni ha partecipato a diverse esibizioni collettive e personali in Italia e nel mondo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di CT

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari CT L’opera di CT affonda le sue radici nella cultura del Writing. Dalle prime sperimentazioni, influenzate dagli stili più classici dei graffiti, è passato in modo progressivo ad una ricerca minuziosa capace di cogliere ed evidenziare i cambiamenti del paesaggio urbano. Le fascinazioni ricevute dai graffiti sono tuttavia presenti nelle fasi di questo processo: il soggetto-oggetto della sua analisi, le tecniche utilizzate ed in parte i luoghi scelti per i suoi interventi. L’interesse per il lettering si è quindi trasformato in espediente per lo studio della forma fino ad approdare, oggi, ad una ricerca più ampia relativa allo spazio e alle dinamiche contemporanee. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

Borsa "MI AMI Festival 2019"

La borsa ufficiale del “MI AMI Festival 2019”. Bag bianca cotone con illustrazione nera di Andrea De Luca.  
15,00 €

Maglietta Better Days calligrafica

100% cotone Modello unisex Serigrafia con scritta "Better Days" creata da calligrafo Bizantino Perché c'è sempre bisogno di giorni migliori
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Ester Grossi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Ester Grossi Nata ad Avezzano (AQ) nel 1981. Diplomata in Moda, Design e Arredamento presso l’Istituto d’Arte Vincenzo Bellisario, nel 2008 ha conseguito la laurea specialistica in Cinema, Televisione e Produzione Multimediale presso il DAMS di Bologna. Si dedica da anni alla pittura e ha all’attivo diverse mostre in Italia e all’estero; è vincitrice del Premio Italian Factory 2010 e finalista del Premio Cairo 2012. Nel 2011 è stata invitata alla 54° Biennale di Venezia (Padiglione Abruzzo). Come illustratrice ha realizzato manifesti per festival di cinema e musica (Imaginaria Film Festival, MIAMI, Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto) e cover per album di band musicali (A Classic Education, LIFE&LIMB). Collabora frequentemente con musicisti per la realizzazione di mostre e installazioni pittoriche-sonore. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

Borsa "La bellezza fa 40"

La borsa ufficiale della mostra "La bellezza fa 40" disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc. Bag bianca cotone con illustrazione nera.  
7,00 €

T-SHIRT "MI AMI Festival 2020"

T-shirt ufficiale  “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids, sul retro lineup artisti. 100% cotone con illustrazione multicolor, disponibile nella variante colore bianca o viola. La t-shirt che avresti voluto indossare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
15,00 €

Giulia Bersani - lucciole

  Giulia Bersani, fotografa. Classe 1992, vive a Milano. Fotografie scattate al MI AMI festival 2016 Formato: 21x15 cm Numero Pagine: 48 (+4 copertina) Edizione limitata 100 copie numerate, titolate e firmate dall'autore "Mi piace osservare come musica e buio tirino fuori il lato più istintivo delle persone. Si perde un pò di autocontrollo e ci si lascia guidare dalle proprie emozioni. Io mi sono lasciata libera di inseguire quello che istintivamente mi attraeva, così ho trovato baci, voglia di vivere e colori." (Giulia Bersani)  
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >