Society
di Simone Stefanini 1 Luglio 2016

Mi sono iscritto ad Amicizie Cattoliche, il Tinder dei credenti

Ho provato il Tinder cattolico ma poi sono tornato all’old school

amicizie-cattoliche amiciziecattoliche.com - Toda joia, toda beleza

 

Qualche giorno fa, sul social ammiraglio Facebook, sono incappato nella pubblicità di un altro social, che ho trovato subito molto interessante. Si chiama Amicizie Cattoliche e a dispetto del nome che sembra virare in favore di innocue chiacchierate sul Cristo e sulle lettere di San Pietro ai farisei, il logo reca un eloquente cuoricino.

Non solo, la foto pubblicitaria mostra due ragazzi e tre-quattro ragazze intenti a  fare un’indianata sul mare, con tanto di chitarra e di griglia. Le tre ragazze sembrano guardare in estasi un punto fisso, dove potrebbe trovarsi l’Altissimo, mentre il chitarrista fissa le tette di quella con la maglietta rossa, giusto per portarsi a casa l’amore sacro e l’amor profano.

Nella mia testa affiora un’immagine eccitantissima: è il Tinder dei cattolici. Mi iscrivo subito, usando il mio pseudonimo Stefano Simonini, così per partire un po’ misterioso. Sul form da riempire ci sono alcune domande abbastanza strane: mi chiedono obbligatoriamente il colore degli occhi e se voglio, posso pure scrivere altezza e peso. Ma perché, non si parlava di casta amicizia? Per non sapere né leggere né scrivere, io dell’internet non mi fido e uso la foto di un collega.

 

stefano-simonini amicizie cattoliche

 

Ok, mi faccio un po’ più alto e magro, sia mai mi sposi in chiesa una buona volta. Scopro da subito che il colore degli occhi serve all’algoritmo del sito per farti matchare insieme a qualcuno. Fa molto Robocop, ma tant’è: si sa che gli occhi sono lo specchio dell’anima.

Quando già pregusto la conoscenza di femmine dedite al Cristo, scorgo una parola che mi colma di mestizia: abbonamento. Purtroppo con il profilo gratuito posso solo guardare gli altri profili, se voglio interagire con loro devo pagare. Alla faccia dell’amicizia.

 amiciziecattoliche.com

 

È un gran peccato perché avevo già iniziato a a pensare a un tot di cose che potevano rendermi appetibile alle giovani cattoliche:

1) Conosco alcuni canti da Chiesa a memoria e so anche armonizzarli, per una migliore riuscita sonora.

So cantare distintamente tutte e tre le voci di Alleluia e so fare una versione di Tu sei la mia vita altro io non ho in stile Kings of Convenience. Vi pare poco?

 

2) Durante la Messa, so quando ci si alza, quando ci s’inginocchia e quando ci si mette a sedere.

Da sempre, è il dubbio che attanaglia più fedeli, ma io so tutta la coreografia perché da piccolo i miei mi ci portavano a forza.

 

3) Mi piace il gusto dell’ostia, anche nei ricciarelli.

Si scioglie in bocca, ottima anche sotto il torrone o sotto i cantuccini da pucciare nel Vin Santo.

 

4) Credo fermamente che la Bibbia sia un romanzo fantasy più avvincente del Signore degli Anelli

Una saga sul bene e il male come non se ne sono più viste. Personaggi immortali, effetti speciali migliori di quelli di Game of Thrones.

 

5) Non ho mai dato credito alle teorie del Codice Da Vinci perché l’attore principale del film è Tom Hanks, che odio

Da giovane mi stava simpatico, poi mi è diventato sinistro e repellente. È una cosa mia, può non essere condivisibile, lo so.

Di certo avrei omesso che sono un miscredente e un blasfemo, che credo nei diritti delle coppie di fatto, di qualunque sesso esse siano, che vorrei che il Vaticano pagasse l’IMU e che non sono certo un sostenitore dell’insabbiamento per i preti pedofili.

Il fatto che è un sito a pagamento, tuttavia, mi ha reso sporco, poco incline alla letizia celeste che cercavo. Ho deciso che tornerò alla Messa e guarderò le donne fisse negli occhi, come diceva il grande Vitellozzo in Non ci resta che piangere. Di sicuro troverò la mia casta anima gemella senza dover pagare il Tinder di Dio.

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

5,00 €

KIT SEMI "MI AMI Festival 2020": PASSIFLORA, PEPERONCINO, MELANZANA

Kit semi misti “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Il desiderio che avresti voluto piantare. Il kit ufficiale contiene: Passiflora Cerulea La passiflora è avvolgente, come un partner impetuoso, i suoi rami rampicanti circondano qualsiasi supporto possano incontrare. Governata da Venere, è usata negli incantesimi d’amore per dominare la passione. Il suo profumo intenso, infatti si accentua la sera conquistando così ogni tuo senso. Nella simbologia floreale ha virtù protettive, posizionata dinnanzi un ingresso evita intrusione. Peperoncino Peter Pepper Noto per la sua forma fallica, il Peperoncino Peter Pepper vi sorprenderà con il suo carattere deciso, il sapore aromatico e un grado di piccantezza adatto anche ai palati più delicati. L’attitudine erotica esplode in una rapida fioritura bianca per dare poi presto spazio ai suoi frutti. Adatto alla coltivazione in balcone, nella tradizione popolare è infatti una pianta da possedere per realizzare rituali di seduzione. Melanzana Bellezza Lunga Dimenticati della classica emoji perchè quello che stai per piantare è una “bellezza lunga”. La Melanzana contenente nel tuo kit avrà un aspetto fiero della sua struttura: eretta, alta almeno 30 cm, con frutti polposi e pronti per essere gustati in estate. Come ogni spasimante che si rispetti, prima di donarsi al tuo palato ti porterà in dono dei fiori. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l’uso che preferite. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
25,00 €

KIT GARDENER "MI AMI Festival 2020"

Kit GARDENER “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper due kit semi: un kit passiflora, peperoncino, melanzana e un kit mimosa, pisello, salvia Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
10,00 €

Maglietta Amarti mi affatica

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con scritta "Amarti m'affatica".
5,00 €

Borsa "MI AMI Festival 2017"

La borsa ufficiale del “MI AMI Festival 2017” disegnata da Viola Niccolai serigrafata a mano da Legno. Bag bianca cotone con illustrazione rosa.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Ester Grossi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Ester Grossi Nata ad Avezzano (AQ) nel 1981. Diplomata in Moda, Design e Arredamento presso l’Istituto d’Arte Vincenzo Bellisario, nel 2008 ha conseguito la laurea specialistica in Cinema, Televisione e Produzione Multimediale presso il DAMS di Bologna. Si dedica da anni alla pittura e ha all’attivo diverse mostre in Italia e all’estero; è vincitrice del Premio Italian Factory 2010 e finalista del Premio Cairo 2012. Nel 2011 è stata invitata alla 54° Biennale di Venezia (Padiglione Abruzzo). Come illustratrice ha realizzato manifesti per festival di cinema e musica (Imaginaria Film Festival, MIAMI, Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto) e cover per album di band musicali (A Classic Education, LIFE&LIMB). Collabora frequentemente con musicisti per la realizzazione di mostre e installazioni pittoriche-sonore. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Monica Bellucci Serigrafia di Checko's art

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Checko's art Nato nel 1977 a Lecce. Uno degli esponenti della Street Art italiana. Il suo percorso artistico ha inizio a Milano nel 1995 come writer. Attualmente abita al 167B «STREET», uno spazio fisico dedicato all’arte che, partendo dalla periferia (la 167B di Lecce, noto quartiere popolare), si propone come centro espositivo in continua mutazione. I suoi lavori si basano prettamente su murales, realizzati negli spazi pubblici, non solo con intento di riqualificare le zone grigie, ma per comunicare con le nuove generazioni. Ha partecipato a numerose mostre d’arte e contest collettivi in Italia e all’estero. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Alessandro Ripane

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Ripane Alessandro Ripane è nato a Genova nel 1989. Ha vissuto e lavorato in Svezia. A causa della mancanza di animali selvaggi nella città di Genova, Alessandro si è comprato molti libri sull’argomento. A causa della mancanza di supereroi nella città di Genova, Alessandro si è comprato un sacco di fumetti a tema. È diventato quindi un esperto in entrambe le categorie, anche se ora disegna un po’ di tutto, tranne gli alieni, perché non è sicuro di come siano vestiti. Ora è impegnato a combattere la caduta dei capelli, a comporre una sofisticata musica del futuro, a imparare come disegnare gli alieni e a guardare tutti i film sui mostri e gli zombi che non ha ancora visto. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

Borsa "La bellezza fa 40"

La borsa ufficiale della mostra "La bellezza fa 40" disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc. Bag bianca cotone con illustrazione nera.  
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >