Society
di Lorenzo Mannella 5 Novembre 2015

I bambini religiosi sono meno generosi degli altri

Una ricerca statunitense sostiene che i ragazzini non religiosi sarebbero molto più altruisti dei coetanei che hanno fede

Bambino altruista Magazine Women - Religione e moralità sono due cose differenti

 

Il fatto che abbiate battesimo, comunione e cresima sulle spalle non fa di voi delle persone migliori. Detto così, è un concetto ingiusto – un po’ come dire che tutti gli atei sono delle brutte persone – ma cosa succede se si prova a calcolare, in base alla fede o meno, come si distribuisce l’altruismo tra grandi numeri di persone? Un gruppo di ricercatori dell’Università di Chicago ci ha provato, e i risultati sono decisamente controcorrente.

In passato alcune ricerche hanno dimostrato che le persone religiose non sono poi così propense a fare più bene di quanto non facciano le non-religiose,” dice il neurobiologo Jean Decety. “Il nostro studio si spinge oltre, dimostrando che le persone religiose – non solo gli adulti, ma anche i bambini – sono meno generose.

Secondo gli ultimi dati, al mondo sono 5.8 miliardi le persone che si dichiarano religiose. Un motivo in più per porsi delle domande serie sul legame tra moralità e religione. Secondo l’Università di Chicago, chi ha fede è più incline a richiedere punizioni esemplari per chi commette delle malefatte, ma non è altrettanto energico nel dimostrare atti di generosità incondizionata. Insomma, per dirla in modo molto banale: predicano bene ma razzolano male.

La ricerca di Decety ha cercato di valutare l’influenza negativa della religione sull’altruismo di 1100 bambini dai cinque ai dodici anni tra Chicago, Toronto, Amman, Istanbul, Città del Capo e Guangzhou. Il test della “generosità” non era altro che un gioco strutturato così: ai bambini veniva chiesto di visionare 30 figurine e condividerne un certo numero con altri compagni di scuola anonimi, in modo tale da ridurre eventuali pregiudizi non misurabili. La maggior parte dei partecipanti si identificava come cristiano, musulmano o non-religioso, ma c’erano anche minoranze di religione ebraica, buddhista, induista e agnostici.

 

Altruismo religioso Quynh-Le Nguyen - Altruismo religioso: a volte gli ordini monastici proteggono i ragazzi dalla leva militare obbligatoria

 

Inutile dirlo: chi teneva per sé un numero elevato di figurine era considerato poco altruista. Niente di eclatante, ma i ricercatori si sono messi a macinare un po’ di dati statistici nel tentativo di trovare una correlazione tra la religiosità e l’altruismo. I valori che saltano fuori dalla ricerca di Decety non sono affatto un punteggio di generosità da associare a ciascuna persona – ecco, dimenticatevi cose tipo il livello di combattività che leggevano i visori di Dragon Ball. No, qui è in ballo qualcosa di più importante.

Il fatto che la religiosità abbia una associazione positiva con il self-control e la moralità è considerato una nozione comune” dice Decety. “Sfortunatamente, questo modo di pensare è insito in modo così profondo che le persone non-religiose siano considerate moralmente sospette. Per esempio, negli Stati Uniti, gli individui non-religiose hanno poche possibilità di essere elette in posizioni politiche di rilievo, mentre chi si identifica come agnostico e ateo è considerato poco degno di fiducia e più incline a essere amorale o addirittura immorale.

C’è un ultimo dettaglio da tenere in considerazione: la “religiosità” dei bambini partecipanti allo ricerca di Decety è stata valutata sulla base delle dichiarazioni dei loro genitori e da alcuni indici di partecipazione alla vita religiosa in casa e nella comunità. Crescendo, si sa, le cose spesso cambiano.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Ester Grossi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Ester Grossi Nata ad Avezzano (AQ) nel 1981. Diplomata in Moda, Design e Arredamento presso l’Istituto d’Arte Vincenzo Bellisario, nel 2008 ha conseguito la laurea specialistica in Cinema, Televisione e Produzione Multimediale presso il DAMS di Bologna. Si dedica da anni alla pittura e ha all’attivo diverse mostre in Italia e all’estero; è vincitrice del Premio Italian Factory 2010 e finalista del Premio Cairo 2012. Nel 2011 è stata invitata alla 54° Biennale di Venezia (Padiglione Abruzzo). Come illustratrice ha realizzato manifesti per festival di cinema e musica (Imaginaria Film Festival, MIAMI, Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto) e cover per album di band musicali (A Classic Education, LIFE&LIMB). Collabora frequentemente con musicisti per la realizzazione di mostre e installazioni pittoriche-sonore. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

KIT DEL SINGLE "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL SINGLE “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper due kit semi: un kit passiflora, peperoncino, melanzana e un kit mimosa, pisello, salvia due lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
25,00 €

KIT GARDENER "MI AMI Festival 2020"

Kit GARDENER “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper due kit semi: un kit passiflora, peperoncino, melanzana e un kit mimosa, pisello, salvia Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Luca Zamoc

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Luca Zamoc Luca Zamoc è nato a Modena nel 1986. Sin da piccolo ha trovato ispirazione nei fumetti anni ‘80, nella Bibbia e nell’anatomia umana. Ha frequentato l’Accademia delle Belle Arti di Milano, dove ha conseguito un titolo in Graphic Design & Art Direction. Il suo lavoro abbraccia diversi media, dal digitale ai muri, passando all’inchiostro, carta e fumetto. Negli ultimi anni ha lavorato e vissuto in diverse città quali Milano, Berlino, Londra, Los Angeles, New York e Istanbul. Oggi vive e lavora a Barcellona. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Monica Bellucci Serigrafia di Checko's art

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Checko's art Nato nel 1977 a Lecce. Uno degli esponenti della Street Art italiana. Il suo percorso artistico ha inizio a Milano nel 1995 come writer. Attualmente abita al 167B «STREET», uno spazio fisico dedicato all’arte che, partendo dalla periferia (la 167B di Lecce, noto quartiere popolare), si propone come centro espositivo in continua mutazione. I suoi lavori si basano prettamente su murales, realizzati negli spazi pubblici, non solo con intento di riqualificare le zone grigie, ma per comunicare con le nuove generazioni. Ha partecipato a numerose mostre d’arte e contest collettivi in Italia e all’estero. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
28,00 €

KIT "MI AMI Festival 2020"

KIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper un kit semi misti a scelta una lattina bevanda del desiderio Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Martina Merlini

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Martina Merlini Martina Merlini, artista visiva bolognese, classe 1986, vive e lavora a Milano. Il percorso artistico di Martina Merlini si snoda multiformemente nel solco dell’esplorazione, coinvolgendo una pluralità di tecniche, materiali e supporti che convergono nella ricerca di un equilibrio formale delicatamente costruito sull’armonia di elementi astratti e geometrici. Attiva dal 2009, ha esposto in numerose gallerie europee e americane. Dal 2010 al 2013, insieme a Tellas, intraprende il progetto installativo Asylum, che viene presentato a Palermo, Bologna, Milano e Foligno. Nell’estate del 2012 viene invitata a partecipare a Living Walls, primo festival di Street Art al femminile, ad Atlanta. Nel dicembre 2013 inaugura la sua seconda personale, «Wax» all’interno degli spazi di Elastico, Bologna, dove indaga l’utilizzo della cera come medium principale del suo lavoro, ricerca approfondita nella sua prima personale americana, «Starch, Wax, Paper & Wood», presso White Walls & Shooting Gallery, San Francisco. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Roberta Maddalena

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Roberta Maddalena Artist, creativity trainer Roberta Maddalena nasce a Giussano nel 1981.Vive e lavora a Milano. Laureata in Design per la Comunicazione al Politecnico di Milano, si specializza in parallelo all’università in Incisione Calcografica, e successivamente in cultura tipografica e Type Design. Segue studi musicali, specializzandosi in vocalità extraeuropee ed ergonomia vocale, sviluppando profondo interesse per l’etnomusicologia, in particolare per l’Asia, esperienza che la porterà ad avvicinarsi a calligrafia orientale e danza contemporanea. Da questi percorsi nascono nel 2013 le sue performance a inchiostro, esperienze fondate sulla relazione segno-corpo, e disegni e dipinti in cui forme e colori evocano la realtà universalmente percepibile e conosciuta, ma ne svelano l’aspetto più mistico e intimo. Sempre nel 2013, dopo sei anni di attività come illustratrice, nascono progetti di creativity training rivolti a privati e aziende: workshop in cui i partecipanti sono guidati nello sviluppo della propria creatività fuori dal quotidiano, per sviluppare capacità di osservazione e movimento, applicabili nella vita come nella professione. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >