Society
di Lorenzo Mannella 5 Novembre 2015

I bambini religiosi sono meno generosi degli altri

Una ricerca statunitense sostiene che i ragazzini non religiosi sarebbero molto più altruisti dei coetanei che hanno fede

Bambino altruista Magazine Women - Religione e moralità sono due cose differenti

 

Il fatto che abbiate battesimo, comunione e cresima sulle spalle non fa di voi delle persone migliori. Detto così, è un concetto ingiusto – un po’ come dire che tutti gli atei sono delle brutte persone – ma cosa succede se si prova a calcolare, in base alla fede o meno, come si distribuisce l’altruismo tra grandi numeri di persone? Un gruppo di ricercatori dell’Università di Chicago ci ha provato, e i risultati sono decisamente controcorrente.

In passato alcune ricerche hanno dimostrato che le persone religiose non sono poi così propense a fare più bene di quanto non facciano le non-religiose,” dice il neurobiologo Jean Decety. “Il nostro studio si spinge oltre, dimostrando che le persone religiose – non solo gli adulti, ma anche i bambini – sono meno generose.

Secondo gli ultimi dati, al mondo sono 5.8 miliardi le persone che si dichiarano religiose. Un motivo in più per porsi delle domande serie sul legame tra moralità e religione. Secondo l’Università di Chicago, chi ha fede è più incline a richiedere punizioni esemplari per chi commette delle malefatte, ma non è altrettanto energico nel dimostrare atti di generosità incondizionata. Insomma, per dirla in modo molto banale: predicano bene ma razzolano male.

La ricerca di Decety ha cercato di valutare l’influenza negativa della religione sull’altruismo di 1100 bambini dai cinque ai dodici anni tra Chicago, Toronto, Amman, Istanbul, Città del Capo e Guangzhou. Il test della “generosità” non era altro che un gioco strutturato così: ai bambini veniva chiesto di visionare 30 figurine e condividerne un certo numero con altri compagni di scuola anonimi, in modo tale da ridurre eventuali pregiudizi non misurabili. La maggior parte dei partecipanti si identificava come cristiano, musulmano o non-religioso, ma c’erano anche minoranze di religione ebraica, buddhista, induista e agnostici.

 

Altruismo religioso Quynh-Le Nguyen - Altruismo religioso: a volte gli ordini monastici proteggono i ragazzi dalla leva militare obbligatoria

 

Inutile dirlo: chi teneva per sé un numero elevato di figurine era considerato poco altruista. Niente di eclatante, ma i ricercatori si sono messi a macinare un po’ di dati statistici nel tentativo di trovare una correlazione tra la religiosità e l’altruismo. I valori che saltano fuori dalla ricerca di Decety non sono affatto un punteggio di generosità da associare a ciascuna persona – ecco, dimenticatevi cose tipo il livello di combattività che leggevano i visori di Dragon Ball. No, qui è in ballo qualcosa di più importante.

Il fatto che la religiosità abbia una associazione positiva con il self-control e la moralità è considerato una nozione comune” dice Decety. “Sfortunatamente, questo modo di pensare è insito in modo così profondo che le persone non-religiose siano considerate moralmente sospette. Per esempio, negli Stati Uniti, gli individui non-religiose hanno poche possibilità di essere elette in posizioni politiche di rilievo, mentre chi si identifica come agnostico e ateo è considerato poco degno di fiducia e più incline a essere amorale o addirittura immorale.

C’è un ultimo dettaglio da tenere in considerazione: la “religiosità” dei bambini partecipanti allo ricerca di Decety è stata valutata sulla base delle dichiarazioni dei loro genitori e da alcuni indici di partecipazione alla vita religiosa in casa e nella comunità. Crescendo, si sa, le cose spesso cambiano.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
15,00 €

La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia

Scarica gratuitamente l'ebook de La Bella Nostalgia in tutti i formati QUI   "La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia" di Simone Stefanini parla di mode, film, telefilm, musica, porno, orrori e gioie di due decenni contrapposti di cui oggi abbiamo rivalutato ogni lascito. Una riflessione tragicomica sulla retromania in Italia, una macchina del tempo a metà tra la DeLorean di Ritorno al Futuro e la Bianchina di Fantozzi. 200 pagine - edizione limitata di 50 copie firmata e numerata dall'autore. Edizioni Brava Gente - Betterdays    
15,00 €

MAGLIETTA MI AMI 2019 VERDE

Maglietta t-shirt American Apparel N2001W verde, con illustrazione completa del MI AMI FESTIVAL 2019 di Andrea De Luca davanti e lineup artisti dietro. Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
5,00 €

MANIFESTO "MI AMI Festival 2020"

MANIFESTO ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
5,00 €

BEVANDA DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

Lattina ufficiale “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l'uso che preferite. La bevanda che avresti voluto bere.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
5,00 €

Borsa "MI AMI Festival 2017"

La borsa ufficiale del “MI AMI Festival 2017” disegnata da Viola Niccolai serigrafata a mano da Legno. Bag bianca cotone con illustrazione rosa.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Moneyless

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Moneyless Nato a Milano nel 1980 Teo Pirisi aka Moneyless. Per anni ha ricercato e investigato i diversi aspetti delle forme e degli spazi geometrici come artista visivo. Dopo essersi diplomato all’Accademia d’Arte di Carrara (corso multimedia), Teo ha frequentato un corso di Design della Comunicazione all’Isia di Firenze. Contemporaneamente sviluppa una carriera artistica che lo porta ad esibire i suoi lavori in spazi pubblici e luoghi abbandonati.Teo è anche graphic designer e illustratore freelance; negli ultimi anni ha partecipato a diverse esibizioni collettive e personali in Italia e nel mondo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Marino Neri

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Marino Neri Marino Neri è fumettista e illustratore. I suoi libri a fumetti sono Il Re dei Fiumi (Kappa Edizioni, 2008) e La Coda del Lupo (Canicola, 2011), tradotti e pubblicati anche in differenti lingue e paesi. I suoi disegni sono apparsi su riviste nazionali e internazionali e ha partecipato a diverse esposizioni collettive e personali in tutta Europa. Nel 2012 il Napoli Comicon e il Centro Fumetto Andrea Pazienza gli assegnano il Premio Nuove Strade come miglior talento emergente. È attualmente al lavoro sul suo nuovo libro a fumetti Cosmo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >