beato giulio andreotti
Society
di Gabriele Ferraresi 6 Maggio 2016

A tre anni dalla morte su Facebook vogliono fare Beato Giulio Andreotti

Solo per nostalgici democristiani, della Prima Repubblica e per il LOL: ne abbiamo parlato con chi ha organizzato il folle evento di canonizzazione

beato giulio andreotti Raccolta Firme per la Canonizzazione di Giulio Andreotti

 

Tre anni fa, il 6 maggio, moriva Giulio Andreotti: se ne andava l’icona della Prima Repubblica, un uomo capace di navigare nel Potere dal dopoguerra fino agli dieci, di attraversare tutto, di sapere tutto.

Dal piano Marshall, al boom economico degli anni sessanta, passando per gli anni di piombo, l’edonismo reaganiano degli anni ottanta, Mani Pulite negli anni novanta, e in definitiva navigando ben più di mezzo secolo di storia con una tranquillità venata solo da frequenti emicranie, di cui soffriva.

Giulio Andreotti è un simbolo, eternato – come ce ne fosse bisogno… – anche dal film Il Divo di Paolo Sorrentino nel 2008, che ne ha con qualche licenza raccontato la biografia da ancora vivente. Santo? Forse più demonio – Craxi ai tempi della P2 lo soprannominò Belzebù, e lo stesso Andreotti dal demonio era ossessionato, tanto da citarlo spesso nei suoi discorsi, e anche pubblicamente.

Un simbolo Giulio Andreotti però dimenticato? condannato all’oblio forse? Non scherziamo: è un rischio che non si può e non si deve correre, almeno secondo chi cura il fantastico evento Facebook Raccolta firme per la canonizzazione di Giulio Andreotti, giunto ormai a 5300 contatti tra partecipanti e interessati, che tuona “Il governo italiano e lo stato Vaticano hanno colpevolmente dimenticato l’Uomo che più di tutti ha portato grandezza all’Italia, bene all’Europa e pace al mondo intiero” e punta con solerzia a un Beato Giulio Andreotti.

Un evento ovviamente per il LOL, di puro trolling, ma che ci è piaciuto moltissimo.

 

 

Dietro all’evento c’è Calogero Centopiedi, nom de plume di un autentico nostalgico della Prima Repubblica, nonché mente dell’altrettanto straordinaria pagina Beato Giulio Andreotti. Lo abbiamo contattato.

Centopiedi, è il primo evento di questo genere che organizza?
No, ho creato prima Silvio Berlusconi sindaco di Roma, ma quello era per riconoscenza. Riconoscenza per i 20 anni meravigliosi passati insieme.

 

 

Conferma che condividere un meme di Beato Giulio Andreotti sulla bacheca protegga dalle disgrazie?
Assolutamente sì! Infatti da quando l’ho condiviso godo di ottima salute

Centopiedi, andiamo al sodo: che tempi ci sono per la canonizzazione, qui c’è voglia di DC e di pellegrinaggio?
Mah… il Camerlengo Mons. R. Kuklinski mi ha assicurato tempi brevissimi, staremo a vedere

Beato Giulio Andreotti! Ma perché Giulio Andreotti deve diventare Santo, o quantomeno Beato?
Perché sulle sue spalle gravava il peso (dono di Nostro Signore) del mondo intiero e Lui, umile come solo le persone in odore di santità sanno fare, ha portato questo fardello fino alla fine dei suoi giorni senza mai lamentarsi

Quanto manca Andreotti agli italiani?
Moltissimo. Basta farsi un giro in qualsiasi città italiana per notare che la società – dal ragazzino coi dread al pensionato col riporto – ha FAME di DC

Qual è il suo meme preferito del Divo Giulio?
Mmmh non saprei… forse quello in cui lo si vede in Paradiso al fianco di Licio Gelli. Ecco, mi piace immaginarli così: due angeli che vegliano su di noi in saecula saeculorum

 

 

Vorrebbe un superpotere del Divo Giulio, se sì quale?
La Gobba, ovviamente!

Ma quanto le manca la Prima Repubblica?
Tantissimo! Quasi quanto la Fiat Uno Turbo

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Martina Merlini

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Martina Merlini Martina Merlini, artista visiva bolognese, classe 1986, vive e lavora a Milano. Il percorso artistico di Martina Merlini si snoda multiformemente nel solco dell’esplorazione, coinvolgendo una pluralità di tecniche, materiali e supporti che convergono nella ricerca di un equilibrio formale delicatamente costruito sull’armonia di elementi astratti e geometrici. Attiva dal 2009, ha esposto in numerose gallerie europee e americane. Dal 2010 al 2013, insieme a Tellas, intraprende il progetto installativo Asylum, che viene presentato a Palermo, Bologna, Milano e Foligno. Nell’estate del 2012 viene invitata a partecipare a Living Walls, primo festival di Street Art al femminile, ad Atlanta. Nel dicembre 2013 inaugura la sua seconda personale, «Wax» all’interno degli spazi di Elastico, Bologna, dove indaga l’utilizzo della cera come medium principale del suo lavoro, ricerca approfondita nella sua prima personale americana, «Starch, Wax, Paper & Wood», presso White Walls & Shooting Gallery, San Francisco. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
28,00 €

KIT "MI AMI Festival 2020"

KIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper un kit semi misti a scelta una lattina bevanda del desiderio Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
10,00 €

-GIGA +FIGA

100% cotone Maglietta nera Serigrafia con slogan minimalista per nerd con stile. Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di VitoManoloRoma

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari VitoManoloRoma Attualmente vive a Milano e lavora come freelance in qualità di grafico, illustratore, animatore e fumettista. Si forma presso il Liceo Artistico statale di Busto Arsizio, poi la compagnia di teatro sperimentale Radicetimbrica e termina gli studi al Politecnico di Milano dove si avvicina al Graphic Design. Durante i primi anni di professione come progettista e illustratore in alcuni studi di grafica milanesi, continua a disegnare e partecipa a mostre collettive di illustratori, fra le quali «Spaziosenzatitolo» (Roma), «Doppiosenso» (Beirut) e «Manifesta» (Milano). Con il collettivo di satira a fumetti L’antitempo fonda l’omonima rivista con la quale vince il Premio Satira 2013 come miglior realtà editoriale italiana. Appassionato di musica africana, afroamericana e jamaicana, colleziona vinili che seleziona con i collettivi Bigshot! e Soulfinger nei locali neri e non di Milano. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
10,00 €

Maglietta unicorno Better Days

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con l'unicorno di ANDREA MININI realizzata per il Better Days Festival 2016.  
35,00 €

Monica Bellucci Serigrafia di Checko's art

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Checko's art Nato nel 1977 a Lecce. Uno degli esponenti della Street Art italiana. Il suo percorso artistico ha inizio a Milano nel 1995 come writer. Attualmente abita al 167B «STREET», uno spazio fisico dedicato all’arte che, partendo dalla periferia (la 167B di Lecce, noto quartiere popolare), si propone come centro espositivo in continua mutazione. I suoi lavori si basano prettamente su murales, realizzati negli spazi pubblici, non solo con intento di riqualificare le zone grigie, ma per comunicare con le nuove generazioni. Ha partecipato a numerose mostre d’arte e contest collettivi in Italia e all’estero. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

Borsa "La bellezza fa 40"

La borsa ufficiale della mostra "La bellezza fa 40" disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc. Bag bianca cotone con illustrazione nera.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Ester Grossi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Ester Grossi Nata ad Avezzano (AQ) nel 1981. Diplomata in Moda, Design e Arredamento presso l’Istituto d’Arte Vincenzo Bellisario, nel 2008 ha conseguito la laurea specialistica in Cinema, Televisione e Produzione Multimediale presso il DAMS di Bologna. Si dedica da anni alla pittura e ha all’attivo diverse mostre in Italia e all’estero; è vincitrice del Premio Italian Factory 2010 e finalista del Premio Cairo 2012. Nel 2011 è stata invitata alla 54° Biennale di Venezia (Padiglione Abruzzo). Come illustratrice ha realizzato manifesti per festival di cinema e musica (Imaginaria Film Festival, MIAMI, Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto) e cover per album di band musicali (A Classic Education, LIFE&LIMB). Collabora frequentemente con musicisti per la realizzazione di mostre e installazioni pittoriche-sonore. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >