Society
di Marco Villa 31 Agosto 2016

Bikini addio: il grande ritorno del costume intero

Dopo 50 anni il due pezzi sta per andare in pensione, favorendo il ritorno del costume intero

pamela-anderson

 

“Il bikini è fuori moda, non sorprendetevi se sta morendo”: è questo il titolo del pezzo con cui il Guardian ha decretato oggi la fine di uno dei capi di abbigliamento più longevi della storia della moda. La ragione della profezia va cercata nel ritorno al costume intero, che sembra essere tornato di prepotenza sulle spiagge italiane (e non solo).

L’autrice del pezzo Jess Cartner-Morley sembra essere piuttosto sicura di come andranno le cose e trova anche una chiara ragione: “Il problema è che il bikini rappresenta un rispettabile e per nulla controverso livello di sex-appeal che semplicemente non esiste più. Non è una questione politica. Riguarda il fatto che la facilità con cui internet dà accesso alla nudità ha reso anacronistico il bikini: nell’era delle immagini NSFW (Not Safe For Work, ovvero da non aprire in ufficio perché erotiche o comunque sconvenienti, NdR) il morigerato due pezzi ha perso il suo fascino. E riguarda anche l’escalation del dibattito nel campo dell’immagine del corpo e a come l’espressione “corpo da bikini” sia diventata controversa, rappresentando un ideale che amiamo odiare. Il bikini – conclude Cartner Morley – ha trionfato nella seconda metà del XX secolo perché rappresentava un ideale di sesso, estate, libertà e gioventù che era stuzzicante a sufficienza per essere interessante, ma fondamentalmente non controverso”.

 

ursula-andress

 

Un ragionamento che pare non fare una grinza, ma che può anche sembrare una provocazione fine a se stessa. Per capire meglio la questione abbiamo fatto qualche domanda a Francesca Piovano, stylist e fashion editor: “È vero, tutto è iniziato negli anni ‘60 con Brigitte Bardot e il tanto chiacchierato costume di Ursula Andress in 007. È negli anni ’60 che gli uomini hanno iniziato a vedere delle nudità, mentre allo stesso tempo le donne sfoderavano la propria libertà con vestiti come le minigonne, ad esempio. Come dice l’autrice del pezzo, nel 2016 la nudità è la prassi: dai social ai siti, tutti fanno vedere qualcosa di sè. La moda in quanto snob per definizione, odia ed è infastidita dalle facili celebrità da social o televisione e quindi promuove l’opposto”.

E si arriva così al costume intero…
Sì, in questo caso la risposta è stata il costume intero, che rappresenta la donna più classica, colta che non ha bisogno di far vedere il proprio corpo per farsi guardare. In generale, da sempre le donne più borghesi preferiscono i costumi interi, come preferiscono le gonne al ginocchio, una sorta di pudicizia. Dal mio punto di vista un costume intero magari con un po’ di scollatura può essere meglio di un bikini, più intrigante e per una volta può riattivare l’immaginazione e la curiosità che di questi tempi diciamo si è un po’ addormentata.

Il cambiamento sulle spiagge arriva quindi dai trend della moda?
In parte sì, ma è anche cambiato il modo in cui viene vista e vissuta la spiaggia. Si va in spiaggia e si rimane lì fino a tardi, ci si ferma anche per aperitivi che si trasformano in serate e quindi il costume intero in qualche modo fa sentire già vestiti.

Ma è possibile che il bikini possa passare di moda?
Non credo che il bikini passerà di moda, ma come sempre nella moda esistono dei cicli, un po’ legati al momento storico e un po’ al fatto che altrimenti non ci sarebbero differenze nei tempi.

 

trikini-blasi-olycom IoDonna - Ilary Blasi in trikini

 

Il Guardian ha usato un’immagine di un burkini, pensi possa esserci un legame?
Non credo, però potrebbe essere un’ipotesi. Tutti hanno paura di essere attaccati o giudicati e la moda che si para sempre il culo potrebbe aver ragionato in quel modo. Lavorando nei giornali, effettivamente dietro a ogni shooting ci sono mille scrupoli, che magari l’utente finale nemmeno immagina. In realtà è tutto pensato: tipo scegliamo una donna così perché piace a tutti, non troppo magra perché perdiamo lettori. Non con quel trucco altrimenti sembriamo un giornale volgare e via così. Vogue ha messo in copertina un un costume intero e forse c’entra anche quell’aspetto, ma allo stesso tempo potrebbe semplicemente essere perché i clienti di swimwear che investono hanno puntato su quella tipologia di costumi per dare una svolta al mercato.

Ecco, il mercato: secondo te è un cambiamento che può arrivare al grosso del mercato e della gente o ormai il due pezzi è talmente radicato nelle abitudini che difficilmente si riuscirà a cambiare qualcosa per “la massa”?
Il mercato viaggia come lo fai viaggiare. Ad esempio il trikini: è orrendo, ma a forza di darlo a celebrità e usarlo nelle campagne è arrivato anche sui corpi più tragici delle spiagge italiane. Se tu bombardi con campagne e soprattutto dando il prodotto a personaggi televisivi come Ilary Blasi, arrivi al popolino generico e lo conquisti. Se poi lo dai a delle web influencer o blogger arrivi anche alla più “modaiole”. Il mercato sa come accalappiare i suoi polli. È solo psicologia. Il bikini è radicato nella nostra cultura e sparire del tutto la vado durissima, ma sicuramente nei prossimi anni sarà più facile vedere costumi interi. Esempio banalotto: esattamente come nessuno o pochi correvano fino a 5/6 anni fa, grazie al bombardamento Nike/televisivo/immagini di vip che corrono felici.. ora pare che tutti siano dei runner.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

5,00 €

Borsa "La bellezza fa 40"

La borsa ufficiale della mostra "La bellezza fa 40" disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc. Bag bianca cotone con illustrazione nera.  
15,00 €

Serigrafia Unicorno

Il bellissimo unicorno tutto righe di Andrea Minini  è una serigrafia ad 1 colore, di dimensioni 50x70 cm
5,00 €

KIT SEMI "MI AMI Festival 2020": PASSIFLORA, PEPERONCINO, MELANZANA

Kit semi misti “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Il desiderio che avresti voluto piantare. Il kit ufficiale contiene: Passiflora Cerulea La passiflora è avvolgente, come un partner impetuoso, i suoi rami rampicanti circondano qualsiasi supporto possano incontrare. Governata da Venere, è usata negli incantesimi d’amore per dominare la passione. Il suo profumo intenso, infatti si accentua la sera conquistando così ogni tuo senso. Nella simbologia floreale ha virtù protettive, posizionata dinnanzi un ingresso evita intrusione. Peperoncino Peter Pepper Noto per la sua forma fallica, il Peperoncino Peter Pepper vi sorprenderà con il suo carattere deciso, il sapore aromatico e un grado di piccantezza adatto anche ai palati più delicati. L’attitudine erotica esplode in una rapida fioritura bianca per dare poi presto spazio ai suoi frutti. Adatto alla coltivazione in balcone, nella tradizione popolare è infatti una pianta da possedere per realizzare rituali di seduzione. Melanzana Bellezza Lunga Dimenticati della classica emoji perchè quello che stai per piantare è una “bellezza lunga”. La Melanzana contenente nel tuo kit avrà un aspetto fiero della sua struttura: eretta, alta almeno 30 cm, con frutti polposi e pronti per essere gustati in estate. Come ogni spasimante che si rispetti, prima di donarsi al tuo palato ti porterà in dono dei fiori. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l’uso che preferite. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Agricane Serigrafia di DEM

Serigrafia a due colori, dimensioni 20x30 cm Edizione limitata di 40 esemplari DEM Come un moderno alchimista, DEM crea personaggi bizzarri, creature surreali abitanti di un livello nascosto nel mondo degli umani. Eclettico e divertente, attraverso muri dipinti, illustrazioni e installazioni ricche di allegorie, lascia che sia lo spettatore a trovare la chiave per il suo enigmatico e arcano mondo. Oltre ad avere vecchie fabbriche ed edifici abbandonati come sfondo abituale ai suoi lavori, DEM è stato anche ospite alla Oro Gallery di Goteborg e ha preso parte a esposizioni importanti come «Street Art, Sweet Art» (PAC, Milano), «Nomadaz» (Scion Gallery, Los Angeles), «Original Cultures» (Stolen Space Gallery, London) and «CCTV» (Aposthrofe Gallery, Hong Kong). Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Martina Merlini

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Martina Merlini Martina Merlini, artista visiva bolognese, classe 1986, vive e lavora a Milano. Il percorso artistico di Martina Merlini si snoda multiformemente nel solco dell’esplorazione, coinvolgendo una pluralità di tecniche, materiali e supporti che convergono nella ricerca di un equilibrio formale delicatamente costruito sull’armonia di elementi astratti e geometrici. Attiva dal 2009, ha esposto in numerose gallerie europee e americane. Dal 2010 al 2013, insieme a Tellas, intraprende il progetto installativo Asylum, che viene presentato a Palermo, Bologna, Milano e Foligno. Nell’estate del 2012 viene invitata a partecipare a Living Walls, primo festival di Street Art al femminile, ad Atlanta. Nel dicembre 2013 inaugura la sua seconda personale, «Wax» all’interno degli spazi di Elastico, Bologna, dove indaga l’utilizzo della cera come medium principale del suo lavoro, ricerca approfondita nella sua prima personale americana, «Starch, Wax, Paper & Wood», presso White Walls & Shooting Gallery, San Francisco. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Thomas Raimondi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Thomas Raimondi Nato a Legnano (MI) il 17 Maggio 1981. Laureato al Politecnico di Milano in Design della Comunicazione. Graphic e visual designer freelance attivo nella scena underground con numerose pubblicazioni (Luciver Edition, Faesthetic, Belio, Le Dernier Cri, Laurence King.) e mostre in Italia e all’estero. Le ultime personali «Burn Your House Down» nel 2013 presso la galleria Kalpany Artspace di Milano (Circuito Rojo) e la residenza d’artista per Alterazioni Festival 2014, Arcidosso (GR) con l’istallazione site-specific «Inside/Outside». Lavora e ha lavorato per diverse realtà nazionali ed internazionali come VICE, Rolling Stone Magazine, Rockit, Mondadori, Men’s Health, Salomon, Motorpsycho, T-Post e molte altre. Nel 2008 ha ricoperto il ruolo di docente d’illustrazione presso l’accademia NABA di Milano continuando, a oggi, a collaborare con regolarità. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
17,00 €

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020”

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Luca Zamoc

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Luca Zamoc Luca Zamoc è nato a Modena nel 1986. Sin da piccolo ha trovato ispirazione nei fumetti anni ‘80, nella Bibbia e nell’anatomia umana. Ha frequentato l’Accademia delle Belle Arti di Milano, dove ha conseguito un titolo in Graphic Design & Art Direction. Il suo lavoro abbraccia diversi media, dal digitale ai muri, passando all’inchiostro, carta e fumetto. Negli ultimi anni ha lavorato e vissuto in diverse città quali Milano, Berlino, Londra, Los Angeles, New York e Istanbul. Oggi vive e lavora a Barcellona. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >