Society
di Marco Villa 21 Ottobre 2014

Da Napoli al Senato, l’Italia è un paese che ama il bullismo

14 giorni fa il ragazzino seviziato a Napoli con un compressore. Ieri il bullismo del vicepresidente del Senato nei confronti di una ragazzina.

o-MAURIZIO-GASPARRI-facebook

Quattordici giorni. È questa la distanza che ci separa dall’aggressione subita a Napoli da un ragazzino. Un quattordicenne seviziato da un ragazzo di dieci anni più grande, che l’ha spogliato e ha usato il compressore di un autolavaggio per “gonfiarlo”, provocandogli danni gravissimi all’intestino e mandandolo in ospedale in fin di vita.

Il motivo dell’aggressione? Il ragazzino è sovrappeso e il 24enne voleva “gonfiarlo come una palla”. Se il fatto in sé era già gravissimo, ancora più gravi sono state le parole della madre dell’aggressore, che ha definito una ragazzata e una cosa di poco conto quanto fatto dal figlio.

Abbiamo parlato qui di come questo fosse un tentato omicidio nato da un atto di bullismo e di come difendere il bullismo fosse la peggiore cosa che si potesse fare, perché di fatto si permetteva l’esistenza di un substrato di intimidazione, violenza e terrore in grado di esplodere in atti ben più gravi in qualsiasi momento.

È evidente che un problema come quello del bullismo non si risolve da un momento all’altro: serve attenzione e serve un cambiamento culturale profondo. Quello che invece non serve è che l’elemento alla base dell’aggressione del ragazzino di Napoli venga non solo difeso, ma addirittura replicato a livelli impensabili.

È di ieri la notizia che il vicepresidente del Senato Maurizio Gasparri ha preso in giro su Twitter una ragazza sovrappeso. Il motivo? La ragazza si era schierata al fianco di Fedez, rapper con cui Gasparri sta avendo da giorni un botta&risposta sul tema del tatuaggio come indicatore di una cattiva esistenza. Tema modernissimo, se fossimo nel diciannovesimo secolo. Nello screenshot qui sotto (tratto dalla pagina Facebook di Fedez), si può vedere come, in poche parole, Gasparri inviti la ragazza a mettersi a dieta e a smettere con le droghe, perché “messa male”.

gasparri-insulto1

Non si tratta di un attacco violento di per sé, né si può paragonare a quanto accaduto a Napoli, ma è evidente che il punto di partenza sia lo stesso: l’arroganza di sapersi più forti e di poter dire (o fare) quello che si vuole, solo perché l’altro è in una posizione di debolezza.

E in questo caso il forte di turno è addirittura una della cariche più alte dello Stato. Il commento di Gasparri? È stato insultato e ha risposto. Una giustificazione che di solito si sente alle elementari, ma che evidentemente va bene a tutti i livelli, visto che il messaggio finale è molto chiaro: l’Italia è un paese che ama il bullismo. O almeno un paese che non sa farne a meno.

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Martina Merlini

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Martina Merlini Martina Merlini, artista visiva bolognese, classe 1986, vive e lavora a Milano. Il percorso artistico di Martina Merlini si snoda multiformemente nel solco dell’esplorazione, coinvolgendo una pluralità di tecniche, materiali e supporti che convergono nella ricerca di un equilibrio formale delicatamente costruito sull’armonia di elementi astratti e geometrici. Attiva dal 2009, ha esposto in numerose gallerie europee e americane. Dal 2010 al 2013, insieme a Tellas, intraprende il progetto installativo Asylum, che viene presentato a Palermo, Bologna, Milano e Foligno. Nell’estate del 2012 viene invitata a partecipare a Living Walls, primo festival di Street Art al femminile, ad Atlanta. Nel dicembre 2013 inaugura la sua seconda personale, «Wax» all’interno degli spazi di Elastico, Bologna, dove indaga l’utilizzo della cera come medium principale del suo lavoro, ricerca approfondita nella sua prima personale americana, «Starch, Wax, Paper & Wood», presso White Walls & Shooting Gallery, San Francisco. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
15,00 €

MAGLIETTA MI AMI 2019 GRIGIO CHIARO

Maglietta t-shirt American Apparel N2001W new silver (Grigio Chiaro), con illustrazione completa del MI AMI FESTIVAL 2019 di Andrea De Luca davanti e lineup artisti dietro.  
15,00 €

MAGLIETTA MI AMI 2019 VERDE

Maglietta t-shirt American Apparel N2001W verde, con illustrazione completa del MI AMI FESTIVAL 2019 di Andrea De Luca davanti e lineup artisti dietro. Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
15,00 €

MAGLIETTA MI AMI 2019 CUORE BIANCA

Maglietta t-shirt American Apparel N2001W bianca, con illustrazione "Cuore" del MI AMI FESTIVAL 2019 di Andrea De Luca davanti e lineup artisti dietro.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Marino Neri

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Marino Neri Marino Neri è fumettista e illustratore. I suoi libri a fumetti sono Il Re dei Fiumi (Kappa Edizioni, 2008) e La Coda del Lupo (Canicola, 2011), tradotti e pubblicati anche in differenti lingue e paesi. I suoi disegni sono apparsi su riviste nazionali e internazionali e ha partecipato a diverse esposizioni collettive e personali in tutta Europa. Nel 2012 il Napoli Comicon e il Centro Fumetto Andrea Pazienza gli assegnano il Premio Nuove Strade come miglior talento emergente. È attualmente al lavoro sul suo nuovo libro a fumetti Cosmo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

Borsa "La bellezza fa 40"

La borsa ufficiale della mostra "La bellezza fa 40" disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc. Bag bianca cotone con illustrazione nera.  
7,00 €

T-SHIRT "MI AMI Festival 2020"

T-shirt ufficiale  “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids, sul retro lineup artisti. 100% cotone con illustrazione multicolor, disponibile nella variante colore bianca o viola. La t-shirt che avresti voluto indossare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >