Society
di Raffaele Portofino 30 Gennaio 2015

Le 17 caratteristiche fondamentali di un fricchettone

I fricchettoni non si estingueranno mai.

Ci sono mode che durano meno di una stagione, altre che vanno avanti per qualche anno e altre ancora che, ci siamo ormai rassegnati, non passeranno mai. Una di queste è quella fricchettona, che ogni anno attrae a sé giovani uomini e donne come nemmeno la leva militare dei tempi che furono.

Il problema vero, però, è che di solito una persona crescendo abbandona uno stile. I fricchettoni no, tendono a continuare sulla stessa strada anche quando il buon senso consiglierebbe loro di gettare i sandali ai rovi.

Per capire meglio questo fenomeno immutabile come lo scorrere del tempo, abbiamo messo in fila le 17 caratteristiche che rendono fricchettone un fricchettone. Se ne abbiamo lasciata indietro qualcuna, segnalatecela nei commenti, grazie.

E un NAMASTÈ grosso così.

 

1. I sandali Birkenstock o similia da portare a piedi nudi per i DIECI mesi estivi (l’estate del fricchettone inizia a metà febbraio e termina a metà novembre) e coi calzini per i due mesi invernali. Igienicamente, non proprio a tenuta stagna ecco.

Hiking_in_Knee_Socks,_Sandals,_and_Cut-offs

 

2. Gli incensi e le candele profumate, che accendono in onore di déi random coi nomi strani dei quali sanno ben poco. Qualche fricchettone ha anche un’abitazione che non chiude a chiave, tanto se ci entri e non sei un amico, svieni dal tanfo di fumo misto a incenso e vieni mangiato dal cane (peloso).

incense-508465_640

[credit]

 

3. I dread, (più genericamente chiamati “i rasta”) cioè il marchio distintivo del fricchettone. Non c’è bisogno di ulteriore spiegazione. Dentro ci trovi chiavi di casa, anticorpi, vaccini, libri. Uno, una volta, ci ha parcheggiato la Panda. Quando il fricchettone invecchia, se li tiene lo stesso, con l’alopecia davanti e un colore sempre più simile al piccione. Ed è subito sera.

Moumental_Puli

[credit]

 

4. Il tatuaggio sulla mano fatto da sé, oppure da un amico, cartina di tornasole della lunga militanza al SERT. O di un viaggio in India, che è un po’ la stessa cosa.

hand-wife-69272_640

[credit]

 

5. La Giamaica sta ai fricchettoni come l’America a Ligabue. I più non ci sono mai stati, però ne hanno intuito il valore nei campeggi del Rototom Sun Splash oppure al Pistoia Blues. Non è la stessa cosa, però.

Flag-map_of_Jamaica

 

6. I capelli rasati col ciuffo dietro la nuca sono l’alternativa ai dread, qualora i capelli lunghi dessero fastidio, ma non ci si volesse comunque omologare al sistema che ti fotte.

Untitled-1

[credit]

 

7. Il berretto peruviano da pubblicità del Nescafé, baluardo dell’equo solidale, che poi tiene caldo alle orecchie e può essere usato anche come borsa. L’importante è portarlo anche d’estate, per preservare e far prosperare i microclimi creati in inverno.

peruviano

 

8. Orecchino di legno di cocco o roba simile, oppure il dilatatore di 3 centimetri con sopra il simbolo dell’ohm.

Coconut_Dende_Earrings

 

9. Il Poncho perché sì Giamaica, ma anche Sud America e Macondo. Basta non vestirsi alla occidentale e continuare a vivere dei soldi dei genitori, mentre si tenta di vendere le proprie creazioni artigianali al Mercatino della Montagnola a Bologna.

poncho

 

10. La canotta o l’abitino hippie senza reggiseno è un must della fricchettona. Tette al vento all day long e se provieni dal mondo civile e non sei abituato, capita che ti ci soffermi un attimo e e ti prendi un “cazzoguardi” e il ringhio del cane (peloso). Ma di questo, sinceramente, non possiamo lamentarci.

girl-504635_640

[credit]

 

11. I pantaloni shocking, larghissimi, di colori sgargianti e di tessuti indefinibili, spesso col cavallo al ginocchio. I soggetti maschi, quando camminano con questi cosi, si schiacciano le palle per ore, ma sono convinti che serva ad avvicinarsi al dolore della Madre Terra violentata dall’uomo.

Peruvian-Pants

 

12. I pantaloni a zampa d’elefante, di vellutone a coste, la cui campana serve principalmente come mocio ed è mangiata sul retro dai chilometri percorsi a piedi su terreni scoscesi, durante la ricerca del cane (peloso) perso durante quello stage di teatro-terapia nel bosco.

Bell_bottoms

 

13. Il diablo è quel gioco col quale i fricchettoni si riconoscono a chilometri di distanza, lanciando in alto un legnetto tutto festante con una altri due legni. In assenza di smartphone (figli del sistema), è il loro modo per comunicare con gli altri della compagnia: “siamo qui, porta il fumo”.

Wfm_devil_sticks

[credit]

 

14. I Cilum di ogni foggia, colore e materiale possibile, volti ad incrementare l’apertura delle porte della percezione mediante l’utilizzo di ettate di fumo plasticone.

cilum

[credit]

 

15. I bonghi perché siamo tutti figli dello stesso ritmo a cui girano i pianeti e i coglioni dei passanti.

Djembé_player

[credit]

 

16. Le sigarette per farsi le canne: no, quelle devi offrirle te.

Cigaret-5

 

17. Il lavoro: LOL

man-372099_640

[credit]

 

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

25,00 €

KIT GARDENER "MI AMI Festival 2020"

Kit GARDENER “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper due kit semi: un kit passiflora, peperoncino, melanzana e un kit mimosa, pisello, salvia Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di VitoManoloRoma

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari VitoManoloRoma Attualmente vive a Milano e lavora come freelance in qualità di grafico, illustratore, animatore e fumettista. Si forma presso il Liceo Artistico statale di Busto Arsizio, poi la compagnia di teatro sperimentale Radicetimbrica e termina gli studi al Politecnico di Milano dove si avvicina al Graphic Design. Durante i primi anni di professione come progettista e illustratore in alcuni studi di grafica milanesi, continua a disegnare e partecipa a mostre collettive di illustratori, fra le quali «Spaziosenzatitolo» (Roma), «Doppiosenso» (Beirut) e «Manifesta» (Milano). Con il collettivo di satira a fumetti L’antitempo fonda l’omonima rivista con la quale vince il Premio Satira 2013 come miglior realtà editoriale italiana. Appassionato di musica africana, afroamericana e jamaicana, colleziona vinili che seleziona con i collettivi Bigshot! e Soulfinger nei locali neri e non di Milano. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
17,00 €

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020”

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
5,00 €

Borsa "MI AMI Festival 2017"

La borsa ufficiale del “MI AMI Festival 2017” disegnata da Viola Niccolai serigrafata a mano da Legno. Bag bianca cotone con illustrazione rosa.
5,00 €

MANIFESTO "MI AMI Festival 2020"

MANIFESTO ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
5,00 €

KIT SEMI "MI AMI Festival 2020": MIMOSA, PISELLO, SALVIA

Kit semi misti “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Il desiderio che avresti voluto piantare. Il kit ufficiale contiene: Mimosa Pudica Denominata anche la Sensitiva, la Mimosa Pudica è così casta che basta sfiorarla per innescare una timida reazione nei suoi rami. Al minimo tocco, infatti, le foglie si ripiegano su se stesse, mentre il picciolo si abbassa, creando un danzante movimento con i suoi leggeri fiori rotondi. Oltre a fuggire da incontri hot con oggetti e persone, questo comportamento la caratterizza nelle ore notturne, evitando così incontri ravvicinati. Pisello Viola Désirée Il Pisello Viola è un varietà molto antica, dall’aspetto affascinante per il suo insolito colore, al suo interno, invece, conserva la sua tipica tinta verde. Come ogni varietà è un simbolo -oltre fallico- lunare, nei sogni infatti è sinonimo di fecondità. Molto apprezzato per il suo sapore delicato è l’ideale per zuppe e principesse dal gusto raffinato e desiderose di riposare su un raro ortaggio. Salvia Rossa Famosa per essere utilizzata da Cleopatra come afrodisiaco, la Salvia è una pianta carica di proprietà. Oltre ad accendere la libido negli amanti, è portatrice di sogni profetici, piacere fisico e fertilità. La forma e l’aspetto rugoso del fogliame le donano la nomina di lingua vegetale, per gli animi più romantici la Salvia Splendens, o Rossa, ricorda la sagoma di un cuore. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l’uso che preferite. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
15,00 €

Maglietta Better Days calligrafica

100% cotone Modello unisex Serigrafia con scritta "Better Days" creata da calligrafo Bizantino Perché c'è sempre bisogno di giorni migliori
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >