Society
di Sandro Giorello 12 Ottobre 2016

Cinque film stupidi e imperdibili scelti da Saverio Raimondo

Chi meglio di un comico può consigliarci dei film che fanno ridere?

saverio-raimondo Facebook.com - Saverio Raimondo

 

Inauguriamo una nuova rubrica dedicata ai film che fanno ridere. Non ci riferiamo però a Chaplin, i Monty Python, o ai grandi classici che hanno cambiato la storia della comicità mondiale, ma a tutte quelle pellicole così assurde che mai nessuno giudicherà geniali, ma che, a loro modo, meritano ugualmente un riconoscimento.

Non è importante trovare la definizione precisa, possono essere b-movie che, per qualche strana ragione, diventano campioni al botteghino o piccole commedie surreali che sono passate totalmente inosservate ma che, in realtà, sono delle vere e proprie perle. Per farci guidare meglio in questo strano sottobosco di film, in ogni episodio chiederemo a un comico diverso di scegliere i suoi titoli preferiti, tra capolavori trash, veri cult o altri titoli la cui ironia non è stata colta a dovere. Perché non c’è miglior esperto di stupidaggini di chi deve far ridere per mestiere.

 

Saverio Raimondo

 

Il nostro primo ospite è Saverio Raimondo, uno dei personaggi più interessanti e popolari tra i nuovi comici italiani. Figura di punta di Comedy Central con il suo programma CCN -Comedy Central News, è stato autore di Serena Dandini, ha collaborato con Caterina e Corrado Guzzanti e con molti altri nomi importanti.

 

 

La sua è una comicità tagliente e molto cattiva, quanto di più lontano ci possa essere dal politically correct. Durante il suo programma – o in uno dei suoi tanti spettacoli di stand-up comedy – Saverio Raimondo analizza l’attualità con taglio diretto e deciso, tipico dei migliori stand-up comedian inglesi. Aldo Grasso l’ha definito “il comico più bravo in circolazione” e da poco ha anche vinto il Premio Satira Politica della tv a Forte dei Marmi.

 

Così Saverio Raimondo definisce la satira: ”La comicità è scivolare su una buccia di banana, la satira è scivolare su un preservativo usato. Fanno ridere entrambe, ma nel secondo caso fa più schifo”.

 

Ecco i suoi cinque film stupidi e imperdibili:

 

È un film completamente sconclusionato – troppi registi, troppi sceneggiatori, nessuna storia…- senza né capo né coda, un carosello di cose senza senso. Ma ci sono un paio di gag strepitose, una parata di star (da Peter Sellers a Orson Welles a David Niven ) che sfilano dentro al film per fare bancomat, Woody Allen che fa il coglione, e alla fine muoiono tutti. Delizioso.

James Bond 007 – Casinò Royale (1967)
È un film completamente sconclusionato – troppi registi, troppi sceneggiatori, nessuna storia – senza capo né coda, un carosello di cose senza senso. Ma ci sono un paio di gag strepitose, una parata di star (da Peter Sellers a Orson Welles a David Niven) che sfilano dentro al film per fare bancomat, Woody Allen che fa il coglione, e alla fine muoiono tutti. Delizioso.

 

È il film della serie tv, quella con Adam West in calzamaglia e pancetta. Di fatto è solo un episodio lungo, con tutti i cattivi dentro, dal Joker a Catwoman passando per Pinguino ed Enigmista. Ci sono tutti gli elementi ridicoli e camp della serie, quindi è cult. Alla fine, lunga scazzotata come fosse un film con Bud Spencer.

Batman – The Movie (1966)
È il film della serie tv, quella con Adam West in calzamaglia e pancetta. Di fatto è solo un episodio lungo, con tutti i cattivi dentro, dal Joker a Catwoman passando per Pinguino ed Enigmista. Ci sono tutti gli elementi ridicoli e camp della serie, quindi è cult. Alla fine, lunga scazzotata come fosse un film con Bud Spencer.

 

È probabilmente il film più (unanimemente, per altro) insultato fra quelli di Woody Allen. Non è piaciuto a nessuno, lo odiano tutti. E se invece andasse rivalutato? E se l’episodio con Benigni fosse (per quanto involontaria) una parodia del nostro “star system” e il ritratto più impietoso del declino del (un tempo) comico toscano? E se l’episodio con Alec Baldwin fosse (è!) una spietata auto-parodia che Allen fa a sé stesso e al suo cinema? E poi l’episodio con Allen attore è una chicca, non si discute.

To Rome With Love (2012)
È probabilmente il film più (unanimemente, per altro) insultato fra quelli di Woody Allen. Non è piaciuto a nessuno, lo odiano tutti. E se invece andasse rivalutato? E se l’episodio con Benigni fosse (per quanto involontaria) una parodia del nostro “star system” e il ritratto più impietoso del declino del (un tempo) comico toscano? E se l’episodio con Alec Baldwin fosse (è!) una spietata auto-parodia che Allen fa a sé stesso e al suo cinema? E poi l’episodio con Allen attore è una chicca, non si discute.

 

Un classico. Non è certo un bel film -più che altro è teatro filmato- ma innegabilmente fa ridere. Trabocca stupidità di un’intelligenza comica cristallina. Parata di star che si prestano a tutto; compreso Truman Capote. Di culto.

Invito a cena con delitto (1976)
Un classico. Non è certo un bel film -più che altro è teatro filmato- ma innegabilmente fa ridere. Trabocca stupidità di un’intelligenza comica cristallina. Parata di star che si prestano a tutto; compreso Truman Capote. Di culto.

 

È tratto da uno dei romanzi più belli (secondo me) che Agatha Christie ha dedicato al suo personaggio Hercule Poirot. Però il film non è un giallo “serio”: il regista, Tashlin, ne ha data una lettura, ne ha data una lettura, più che brillante, ridicolizzante. Il risultato è una chicca, a suo modo.

Poirot e il caso Amanda (1965)
È tratto da uno dei romanzi più belli (secondo me) che Agatha Christie ha dedicato al suo personaggio Hercule Poirot. Però il film non è un giallo “serio”: il regista, Tashlin, ne ha data una lettura, ne ha data una lettura, più che brillante, ridicolizzante. Il risultato è una chicca, a suo modo.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

28,00 €

KIT "MI AMI Festival 2020"

KIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper un kit semi misti a scelta una lattina bevanda del desiderio Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
15,00 €

MAGLIETTA MI AMI 2019 GRIGIO CHIARO

Maglietta t-shirt American Apparel N2001W new silver (Grigio Chiaro), con illustrazione completa del MI AMI FESTIVAL 2019 di Andrea De Luca davanti e lineup artisti dietro.  
15,00 €

Serigrafia Unicorno

Il bellissimo unicorno tutto righe di Andrea Minini  è una serigrafia ad 1 colore, di dimensioni 50x70 cm
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Moneyless

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Moneyless Nato a Milano nel 1980 Teo Pirisi aka Moneyless. Per anni ha ricercato e investigato i diversi aspetti delle forme e degli spazi geometrici come artista visivo. Dopo essersi diplomato all’Accademia d’Arte di Carrara (corso multimedia), Teo ha frequentato un corso di Design della Comunicazione all’Isia di Firenze. Contemporaneamente sviluppa una carriera artistica che lo porta ad esibire i suoi lavori in spazi pubblici e luoghi abbandonati.Teo è anche graphic designer e illustratore freelance; negli ultimi anni ha partecipato a diverse esibizioni collettive e personali in Italia e nel mondo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

MAGLIETTA MI AMI 2019 CUORE GRIGIO CHIARO

Maglietta t-shirt American Apparel N2001W new silver (Grigio Chiaro), con illustrazione "Cuore" del MI AMI FESTIVAL 2019 di Andrea De Luca davanti e lineup artisti dietro.
15,00 €

MAGLIETTA MI AMI 2019 CUORE BIANCA

Maglietta t-shirt American Apparel N2001W bianca, con illustrazione "Cuore" del MI AMI FESTIVAL 2019 di Andrea De Luca davanti e lineup artisti dietro.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Luca Zamoc

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Luca Zamoc Luca Zamoc è nato a Modena nel 1986. Sin da piccolo ha trovato ispirazione nei fumetti anni ‘80, nella Bibbia e nell’anatomia umana. Ha frequentato l’Accademia delle Belle Arti di Milano, dove ha conseguito un titolo in Graphic Design & Art Direction. Il suo lavoro abbraccia diversi media, dal digitale ai muri, passando all’inchiostro, carta e fumetto. Negli ultimi anni ha lavorato e vissuto in diverse città quali Milano, Berlino, Londra, Los Angeles, New York e Istanbul. Oggi vive e lavora a Barcellona. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Thomas Raimondi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Thomas Raimondi Nato a Legnano (MI) il 17 Maggio 1981. Laureato al Politecnico di Milano in Design della Comunicazione. Graphic e visual designer freelance attivo nella scena underground con numerose pubblicazioni (Luciver Edition, Faesthetic, Belio, Le Dernier Cri, Laurence King.) e mostre in Italia e all’estero. Le ultime personali «Burn Your House Down» nel 2013 presso la galleria Kalpany Artspace di Milano (Circuito Rojo) e la residenza d’artista per Alterazioni Festival 2014, Arcidosso (GR) con l’istallazione site-specific «Inside/Outside». Lavora e ha lavorato per diverse realtà nazionali ed internazionali come VICE, Rolling Stone Magazine, Rockit, Mondadori, Men’s Health, Salomon, Motorpsycho, T-Post e molte altre. Nel 2008 ha ricoperto il ruolo di docente d’illustrazione presso l’accademia NABA di Milano continuando, a oggi, a collaborare con regolarità. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >