Society
di cristianamanna 1 Dicembre 2014

Come scongiurare un contagio da virus ebola in una grande città secondo una mamma

Bonificare i sedili con il fuoco, rinunciare a qualsiasi tipo di rapporto umano

BubbleBoy-Still2

L’arrivo in Italia del primo paziente affetto da Ebola ha scatenato un po’ di psicosi. Sinceramente pensavamo andasse anche peggio a livello di reazioni, ma comunque qualcosa è successo. In questo post abbiamo provato a immaginare quali sarebbero potuti essere i consigli di una mamma apprensiva a un figlio lontano e sperduto in una grande città. 

 

#1
L’amuchina non basta più, porta sempre con te anche delle salviette imbibite di formaldeide e munisciti di alcool e accendino per dare fuoco a tutte le superfici pubbliche sulle quali hai intenzione di sederti, che non si può mai sapere chi c’è stato appoggiato prima.

#2
Appena arrivato in ufficio non perder tempo ad augurare il buongiorno, precipitati direttamente in bagno a lavarti le mani con l’ozono chirurgico che ho ficcato a tua insaputa in valigia, e se è occupato butta giù la porta a spallate.

#3
Non mangiare alle mense aziendali; non mangiare al ristorante; non prendere la pizza alla pizzeria da asporto; al supermercato rifiuta tutto quello che ti viene offerto da mani prive di appositi guanti; non attingere dalla ciotolina delle arachidi all’aperitivo; non fare proprio l’aperitivo.
Che poi a mamma, ti fa pure bene stare un poco a dieta.

#4
La pelle deve essere esposta il meno possibile. Copriti di più, che ormai c’hai pure una certa età. Ti ho fatto anche comprare un bel passamontagna da papà, te lo prendi la prossima volta che vieni a trovarci.

#5
Evita di prendere la metro o l’autobus per spostarti, e se proprio devi non mantenerti per nessun motivo alle sbarre apposite, ché lì si appoggiano tutti. Non ti preoccupare che non cadi, guardati i video tutorial di qualche tizio famoso che pratica la levitazione, vedrai che è più facile di quel che sembra.

#6
Ok, sei nella metro, ma almeno non avvicinarti troppo a tutti gli altri passeggeri. Lo so, mi racconti che nell’ora di punta è un delirio e state tutti ammassati come sardine, ma tu chiedi cortesemente che ti sia lasciato dello spazio vitale. Sono sicura che capiranno.

#7
Se la persona con cui sei in quel momento, per esempio il tuo partner, si getta a terra in preda a una violenta epistassi emorragica, non ti avvicinare nel tentativo di soccorrerlo per nessun motivo: allontanati di gran carriera e chiama un’ambulanza. Tanto a quel punto sarebbe comunque spacciato, a mamma. Ti troverai qualcun altro.
p.s. già che ci sei ricorda ai paramedici che devono seppellire immediatamente il corpo per evitare la successiva diffusione endemica della malattia.

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

15,00 €

MAGLIETTA MI AMI 2019 GRIGIO CHIARO

Maglietta t-shirt American Apparel N2001W new silver (Grigio Chiaro), con illustrazione completa del MI AMI FESTIVAL 2019 di Andrea De Luca davanti e lineup artisti dietro.  
15,00 €

MAGLIETTA MI AMI 2019 CUORE BIANCA

Maglietta t-shirt American Apparel N2001W bianca, con illustrazione "Cuore" del MI AMI FESTIVAL 2019 di Andrea De Luca davanti e lineup artisti dietro.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Marino Neri

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Marino Neri Marino Neri è fumettista e illustratore. I suoi libri a fumetti sono Il Re dei Fiumi (Kappa Edizioni, 2008) e La Coda del Lupo (Canicola, 2011), tradotti e pubblicati anche in differenti lingue e paesi. I suoi disegni sono apparsi su riviste nazionali e internazionali e ha partecipato a diverse esposizioni collettive e personali in tutta Europa. Nel 2012 il Napoli Comicon e il Centro Fumetto Andrea Pazienza gli assegnano il Premio Nuove Strade come miglior talento emergente. È attualmente al lavoro sul suo nuovo libro a fumetti Cosmo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

Borsa "La bellezza fa 40"

La borsa ufficiale della mostra "La bellezza fa 40" disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc. Bag bianca cotone con illustrazione nera.  
7,00 €

T-SHIRT "MI AMI Festival 2020"

T-shirt ufficiale  “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids, sul retro lineup artisti. 100% cotone con illustrazione multicolor, disponibile nella variante colore bianca o viola. La t-shirt che avresti voluto indossare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Martina Merlini

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Martina Merlini Martina Merlini, artista visiva bolognese, classe 1986, vive e lavora a Milano. Il percorso artistico di Martina Merlini si snoda multiformemente nel solco dell’esplorazione, coinvolgendo una pluralità di tecniche, materiali e supporti che convergono nella ricerca di un equilibrio formale delicatamente costruito sull’armonia di elementi astratti e geometrici. Attiva dal 2009, ha esposto in numerose gallerie europee e americane. Dal 2010 al 2013, insieme a Tellas, intraprende il progetto installativo Asylum, che viene presentato a Palermo, Bologna, Milano e Foligno. Nell’estate del 2012 viene invitata a partecipare a Living Walls, primo festival di Street Art al femminile, ad Atlanta. Nel dicembre 2013 inaugura la sua seconda personale, «Wax» all’interno degli spazi di Elastico, Bologna, dove indaga l’utilizzo della cera come medium principale del suo lavoro, ricerca approfondita nella sua prima personale americana, «Starch, Wax, Paper & Wood», presso White Walls & Shooting Gallery, San Francisco. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
15,00 €

MAGLIETTA MI AMI 2019 VERDE

Maglietta t-shirt American Apparel N2001W verde, con illustrazione completa del MI AMI FESTIVAL 2019 di Andrea De Luca davanti e lineup artisti dietro. Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >