Photo by Kat Jayne from Pexels
Society
di Elisabetta Limone 19 Novembre 2019

Come superare un tradimento? 10 domande da farsi

Molto spesso diventa difficile superare un tradimento soprattutto per le conseguenze a livello psicologico che esso determina. Nel momento dell’analisi, trovare risposta a qualche utile domanda potrebbe aiutare davvero a fare chiarezza.

1. Restare insieme dopo un tradimento: si può?

Sono numerosi i casi di coppie che, nonostante un pregresso episodio di tradimento, decidono di continuare a vivere insieme. Sì, ma con quali presupposti? Questa è una domanda importante da porsi ed è difficile dare una risposta positiva.

Il tradimento di uno dei due partner determina nell’altro una profonda ferita nell’orgoglio che può creare non poco smarrimento e senso di confusione. Ciò, inevitabilmente, determina che il confronto con il partner a tratti possa diventare una sorta di scontro con un rivale. Questo va considerato, ma non è detto che sia una sensazione irreversibile e totalmente insuperabile.

2. Si può ritrovare il giusto equilibrio?

Questa è un’altra di quelle domande su cui vale la pena soffermarsi senza essere superficiali. Soprattutto nel caso si decida di ripartire da soli, guardando al proprio futuro con altre persone. La prima cosa da fare è cercare di essere quanto più introspettivi possibile, guardando al proprio interno e facendo anche un po’ di sana autocritica. Nessuna fretta per quel che riguarda eventuali nuove relazioni, in quanto è bene prima trovare il giusto equilibrio e riflettere sui propri errori e su ciò che effettivamente si cerca in altre persone.

3. Da dove si può ripartire in coppia?

Scegliere di ripartire insieme come coppia può essere una decisione per certi versi più coraggiosa rispetto a quella di provarci da soli. Bisogna partire, innanzitutto, da un fondamento basilare, ovvero il confronto col partner, che deve essere costruttivo ed edificante per tutti e due. Inoltre, è fondamentale superare entrambi quel senso di rabbia che, in molti casi, può degenerare alla minima discussione. Delusione e ostilità vanno messe da parte, così da evitare di rinfacciare in futuro.Infine, è sempre bene ripartire dalle basi e, quindi, dal ritrovamento di quello spirito di complicità mediante attività condivise. Molti suggerimenti concreti di coppia per un nuovo inizio si possono trovare sul sito di DirezioneRitorno.

4. Quanto è importante capire la natura del tradimento?

Un altro elemento importante da prendere in considerazione quando si parla di tradimento è quello di analizzarlo nel dettaglio. Ovviamente insieme. Ecco perché, se si trattasse di una semplice “scappatella” occasionale è un conto, ma nel caso si tratti di un rapporto duraturo con un’altra persona, allora ripartire diventerebbe alquanto più complicato. La cosa migliore da fare, perciò, è parlarne insieme, lasciarsi andare anche a confessioni che apparentemente potrebbero risultare indelicate.Solo guardando in faccia la realtà una coppia che vuole uscire dal momento difficile del tradimento, potrà effettivamente farlo.

5. Attenzione ai tempi: meglio subito o aspettare un po’?

Rispondere a una domanda del genere non è cosa semplice. Sicuramente è bene sottolineare che molto dipende dalla componente soggettiva, perché ognuno metabolizza il dolore e la delusione in maniera strettamente personale. E va precisato che non ci sono dei tempi migliori o meno per provare a superare il tradimento: inevitabilmente, ripartire subito e fare come se nulla fosse successo, potrebbe risultare un azzardo quanto meno pericoloso. Motivo per cui, la cosa migliore è quella di darsi un po’ di tempo, in maniera tale da ragionare sia in maniera singola che in coppia per provare a ripartire. E soprattutto per considerare cosa effettivamente non sia andato per il verso giusto determinando il tradimento.

6. Ricambiare con la stessa moneta ha senso?

Un’altra domanda ricorrente e che molte persone si pongono è se sia il caso ricambiare con un tradimento il tradimento subito. Pareggiare i conti, per dirla in termini sportivi, non è l’atteggiamento giusto per ripartire. E, pur se apparentemente potrebbe dare un certo senso di appagamento e soddisfazione, non è certo una soluzione da persone che si amano quella di porla sulla sfida. Non si tratta di una gara né tanto meno di una lotta a chi fa soffrire di più l’altro.Se si vuole provare a ripartire, insieme o singoli, è bene mettere un punto sul tradimento. Affrontarlo con la giusta dose di razionalità eviterà di cadere in errori che si potrebbero pagare pesantemente nel corso del tempo.

7. Basteranno le scuse del partner?

In molti casi, le semplici scuse possono non bastare quando si parla di tradimento. Che esse siano sincere ben venga, anzi è sempre bene ci siano. Ma non bisogna mai dimenticare un aspetto importante e cioè che, per ripartire e superare un tradimento, è fondamentale che ci sia un cambio di atteggiamento radicale. Arrivare ad avere un rapporto, che sia occasionale o ripetuto, con un’altra persona affonda le radici nei modi di fare della persona. Ecco perché, qualora ci sia l’effettiva volontà di ripartire come coppia, è sempre necessario fare delle attente valutazioni, in maniera tale da far seguire alle scuse quel cambio di atteggiamento basilare per sperare nuovamente in una vita insieme.

8. Il tradimento può aiutare una coppia in crisi?

Questa domanda apparentemente potrebbe sembrare strana, a tratti anche banale. Eppure, non deve certo sorprendere sapere che il tradimento potrebbe essere un buon aiuto per una coppia che vive un momento di crisi. Infatti, in tal senso, il tradimento può essere visto come una sorta di pulizia di “scorie”: le coppie che stanno insieme da molto tempo rischiano di andare incontro a vite monotone dove si perde dialogo e quello spirito di condivisione essenziale per qualsiasi persona. Ecco perché ritornare alle origini dopo un tradimento potrebbe rivelarsi un grande aiuto per una coppia che vuole superarlo insieme.

9. Avere un aiuto professionale serve?

Inevitabilmente, il tradimento, nella maggior parte dei casi, viene vissuto come un forte trauma. Questo avviene per lo più in chi lo subisce, colui o colei che si trova a vivere delle emozioni particolari e forse mai provate prima. Pensare ad un aiuto professionale come uno psicoterapeuta, potrebbe essere un valido sostegno. In primis, dal punto di vista morale, così da ritrovare la giusta fiducia in se stessi e quell’equilibrio fondamentale per provare a ricominciare.In tal modo sarà possibile effettuare una reale analisi interna, al fine di capire cosa può non essere andato nella coppia e se ci siano concretamente i presupposti per superare un tradimento insieme.

10. Il tradimento è sempre contro l’altro?

Un punto di vista che non bisogna trascurare è che il tradimento non è sempre una sorta di dispetto fatto all’altro partner. Infatti, questo può essere il modo, pur sbagliato, per rispondere ad una crisi personale legata a cause svariate (stress, lavoro o situazioni particolari e impreviste).Superato questo momento di smarrimento, che porta a commettere l’errore del tradimento, è molto probabile che ci sia una ricerca di intesa psicologica, ancor prima che fisica, con il partner abituale. In tal modo, si può capire che uscire da un tradimento è possibile ma è sempre bene ragionare su di esso e su ciò che ha portato a questo.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Agricane Serigrafia di DEM

Serigrafia a due colori, dimensioni 20x30 cm Edizione limitata di 40 esemplari DEM Come un moderno alchimista, DEM crea personaggi bizzarri, creature surreali abitanti di un livello nascosto nel mondo degli umani. Eclettico e divertente, attraverso muri dipinti, illustrazioni e installazioni ricche di allegorie, lascia che sia lo spettatore a trovare la chiave per il suo enigmatico e arcano mondo. Oltre ad avere vecchie fabbriche ed edifici abbandonati come sfondo abituale ai suoi lavori, DEM è stato anche ospite alla Oro Gallery di Goteborg e ha preso parte a esposizioni importanti come «Street Art, Sweet Art» (PAC, Milano), «Nomadaz» (Scion Gallery, Los Angeles), «Original Cultures» (Stolen Space Gallery, London) and «CCTV» (Aposthrofe Gallery, Hong Kong). Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

Maglietta "La bellezza fa 40"

100% cotone Maglietta bianca Gildan Heavy Cotton Illustrazione di Alessandro Baronciani per la mostra "La bellezza fa 40" Serigrafata a mano da Corpoc.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di VitoManoloRoma

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari VitoManoloRoma Attualmente vive a Milano e lavora come freelance in qualità di grafico, illustratore, animatore e fumettista. Si forma presso il Liceo Artistico statale di Busto Arsizio, poi la compagnia di teatro sperimentale Radicetimbrica e termina gli studi al Politecnico di Milano dove si avvicina al Graphic Design. Durante i primi anni di professione come progettista e illustratore in alcuni studi di grafica milanesi, continua a disegnare e partecipa a mostre collettive di illustratori, fra le quali «Spaziosenzatitolo» (Roma), «Doppiosenso» (Beirut) e «Manifesta» (Milano). Con il collettivo di satira a fumetti L’antitempo fonda l’omonima rivista con la quale vince il Premio Satira 2013 come miglior realtà editoriale italiana. Appassionato di musica africana, afroamericana e jamaicana, colleziona vinili che seleziona con i collettivi Bigshot! e Soulfinger nei locali neri e non di Milano. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Ester Grossi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Ester Grossi Nata ad Avezzano (AQ) nel 1981. Diplomata in Moda, Design e Arredamento presso l’Istituto d’Arte Vincenzo Bellisario, nel 2008 ha conseguito la laurea specialistica in Cinema, Televisione e Produzione Multimediale presso il DAMS di Bologna. Si dedica da anni alla pittura e ha all’attivo diverse mostre in Italia e all’estero; è vincitrice del Premio Italian Factory 2010 e finalista del Premio Cairo 2012. Nel 2011 è stata invitata alla 54° Biennale di Venezia (Padiglione Abruzzo). Come illustratrice ha realizzato manifesti per festival di cinema e musica (Imaginaria Film Festival, MIAMI, Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto) e cover per album di band musicali (A Classic Education, LIFE&LIMB). Collabora frequentemente con musicisti per la realizzazione di mostre e installazioni pittoriche-sonore. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
7,00 €

T-SHIRT "MI AMI Festival 2020"

T-shirt ufficiale  “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids, sul retro lineup artisti. 100% cotone con illustrazione multicolor, disponibile nella variante colore bianca o viola. La t-shirt che avresti voluto indossare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
5,00 €

Borsa "MI AMI Festival 2019"

La borsa ufficiale del “MI AMI Festival 2019”. Bag bianca cotone con illustrazione nera di Andrea De Luca.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Marino Neri

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Marino Neri Marino Neri è fumettista e illustratore. I suoi libri a fumetti sono Il Re dei Fiumi (Kappa Edizioni, 2008) e La Coda del Lupo (Canicola, 2011), tradotti e pubblicati anche in differenti lingue e paesi. I suoi disegni sono apparsi su riviste nazionali e internazionali e ha partecipato a diverse esposizioni collettive e personali in tutta Europa. Nel 2012 il Napoli Comicon e il Centro Fumetto Andrea Pazienza gli assegnano il Premio Nuove Strade come miglior talento emergente. È attualmente al lavoro sul suo nuovo libro a fumetti Cosmo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Martina Merlini

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Martina Merlini Martina Merlini, artista visiva bolognese, classe 1986, vive e lavora a Milano. Il percorso artistico di Martina Merlini si snoda multiformemente nel solco dell’esplorazione, coinvolgendo una pluralità di tecniche, materiali e supporti che convergono nella ricerca di un equilibrio formale delicatamente costruito sull’armonia di elementi astratti e geometrici. Attiva dal 2009, ha esposto in numerose gallerie europee e americane. Dal 2010 al 2013, insieme a Tellas, intraprende il progetto installativo Asylum, che viene presentato a Palermo, Bologna, Milano e Foligno. Nell’estate del 2012 viene invitata a partecipare a Living Walls, primo festival di Street Art al femminile, ad Atlanta. Nel dicembre 2013 inaugura la sua seconda personale, «Wax» all’interno degli spazi di Elastico, Bologna, dove indaga l’utilizzo della cera come medium principale del suo lavoro, ricerca approfondita nella sua prima personale americana, «Starch, Wax, Paper & Wood», presso White Walls & Shooting Gallery, San Francisco. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >