Con la fine del lockdown, i DPI sono tuttavia necessari?

DPI = Dispositivi di Protezione Individuale

Nei giorni scorsi è circolato sui social network italiani un video registrato a bordo di un treno Frecciarossa dal giornalista Gianluigi Nuzzi, sulla tratta Roma-Napoli. Le immagini mostravano un diverbio molto animato fra due passeggeri, scaturito dal fatto che un uomo si era tolto la mascherina durante una conversazione telefonica. Il gesto ha scatenato l’ira di una donna che si trovava a viaggiare sulla medesima carrozza, sedendo nelle vicinanze del suddetto passeggero. La lite è quasi degenerata in colluttazione fisica, evitata grazie al tempestivo intervento di un dipendente di Trenitalia. Sono volati pesanti insulti e il deplorevole spettacolo ha suscitato molti commenti, divenendo virale nel web. A tal punto, il caso va preso come esempio negativo di quel che non dovrebbe più accadere in questa delicata fase di transizione verso l’auspicabile ritorno a dei rapporti sociali più distesi, nel segno del comune rispetto reciproco. “In medio stat virtus” è il motto latino che dovrebbe ispirarci nell’affrontare la fine delle misure restrittive per il contenimento del coronavirus, la cui curva epidemica – secondo i dati divulgati dalla Protezione civile – si sta avviando verso una costante discesa. La virtù sta nel mezzo, pertanto cerchiamo di evitare esagerazioni sia in un senso che nell’altro. “La situazione ora la vedo tranquilla, andrà sempre meglio nelle prossime settimane e nei prossimi mesi se manteniamo precauzioni razionali in certi ambienti chiusi e affollati” ha dichiarato l’immunologo Francesco Le Foche, del Policlinico universitario Umberto I, in un’intervista al Corriere della Sera – ricordando inoltre che “la vita sociale è fondamentale per l’uomo, quindi dobbiamo tornare a viverla”.

Misure di prevenzione del contagio nella Fase 3

È necessario seguire le normative vigenti e le ordinanze di ciascuna regione per quanto riguarda l’utilizzo dei dispositivi di protezione individuale (DPI), il distanziamento sociale nei locali pubblici, come poter viaggiare in sicurezza e quant’altro. Vediamo, nello specifico, quali sono le precauzioni che è bene adottare nella Fase 3: com’è noto, a partire dal 3 giugno scorso c’è stata la riapertura delle frontiere italiane, sono consentiti gli spostamenti fra le regioni senza autocertificazione, né motivi di comprovata necessità. Si potrà andare in vacanza al mare o in montagna anche al di fuori dei propri confini regionali (ma in alcune regioni come Puglia e Sardegna è richiesta l’autocertificazione ai turisti) e raggiungere le seconde case. È consentito l’ingresso in Italia dai Paesi dell’Unione europea e dello spazio Schenghen. Dal 15 giugno probabilmente si estenderà l’apertura ai Paesi extra-europei.

Resta in vigore l’obbligo di rispettare la distanza di sicurezza di un metro fra le persone (due metri durante l’esercizio fisico), nonché il divieto di assembramenti sia all’aperto che nei luoghi chiusi: ovvero, non è ancora possibile riunirsi o affollarsi, neanche per un evento privato con amici o parenti. Quante persone si possano trovare contemporaneamente nello stesso spazio, è un interrogativo che si pongono in tanti: il decreto tuttora in vigore non ha fornito indicazioni in proposito. Per non incorrere nelle sanzioni previste – dai 400 ai 3mila euro – sarebbe preferibile prestare un po’ d’attenzione.

Viaggi in sicurezza: distanziamento e DPI

Gli spostamenti coi mezzi pubblici, essendo occasioni in cui potrebbe ancora diffondersi il contagio – poiché si tratta di spazi chiusi non molto ampi, in cui un certo numero di passeggeri si trova assieme per un lasso di tempo variabile – vanno effettuati con qualche precauzione in più. Per quanto riguarda il treno, nei tragitti più lunghi vengono utilizzati i termoscanner per il controllo della temperatura dei passeggeri, prima dell’ingresso. Non si potrà rifiutare la misurazione della febbre per poter salire a bordo. Durante il trasporto, i dispositivi di protezione individuale come mascherine e guanti monouso sono obbligatori. Il distanziamento viene predisposto con una riduzione dei posti disponibili con marcatori sui sedili da non occupare, meccanismi di prenotazione alternata e convogli più numerosi per garantire l’efficienza del servizio.

La situazione è analoga per quanto riguarda autobus, metropolitana e tram. Nelle stazioni, l’afflusso di viaggiatori è gestito con la chiusura dei tornelli per evitare di affollarsi sulle banchine. Anche in aeroporto e nei trasporti marittimi troveremo dispenser di disinfettante per le mani, termoscanner e flussi di passeggeri separati. E in automobile? Soltanto nel caso di passeggeri non conviventi si dovrà rispettare il limite massimo di tre, due dei quali sui sedili posteriori, e indossare la mascherina a bordo. Se ci troviamo all’aperto assieme ad altre persone, ad esempio in fila per l’ingresso all’ufficio postale, in un esercizio commerciale o in stazione, è necessario utilizzare la mascherina – in Lombardia, Campania, Friuli Venezia Giulia e Trentino permane l’obbligo di indossarla –, così come nei luoghi chiusi.

Cinema, teatri e discoteche, così come gli spettacoli all’aperto, non saranno accessibili fino al 15 giugno. Ville e giardini pubblici sono invece aperti: una buona notizia è che finalmente i bambini potranno di nuovo accedere anche alle aree di gioco interne ai parchi.

Studi medici e strutture sanitarie

Per ciò che riguarda gli studi di medicina generale, i pediatri, gli specialisti ambulatoriali ed i pazienti, nonché le residenze sanitarie assistenziali (RSA) purtroppo interessate da numerosi focolai durante la fase acuta del SARS-CoV-2, sono state studiate delle peculiari raccomandazioni raccolte in un documento congiunto dell’Ordine dei Medici e Politecnico di Torino, allo scopo di evitare il nuovo insorgere dei contagi negli ambienti sanitari. Ciascuna situazione è stata esaminata e sono state fornite tutte le indicazioni necessarie alla prevenzione del rischio: dalle procedure più idonee per la sanificazione degli ambienti alla riorganizzazione delle sale d’attesa, gli opportuni DPI da utilizzare e il materiale monouso per gli ambulatori, nonché tamponi e test sierologici per gli operatori sanitari. Va ricordato che, come pazienti, non dovremo presentarci dal medico curante (né altrove) in caso di temperatura corporea superiore ai 37,5°: in tal caso, è tuttora in vigore l’obbligo di restare presso il proprio domicilio, limitando al massimo i contatti con altre persone.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

15,00 €

Giulia Bersani - lucciole

  Giulia Bersani, fotografa. Classe 1992, vive a Milano. Fotografie scattate al MI AMI festival 2016 Formato: 21x15 cm Numero Pagine: 48 (+4 copertina) Edizione limitata 100 copie numerate, titolate e firmate dall'autore "Mi piace osservare come musica e buio tirino fuori il lato più istintivo delle persone. Si perde un pò di autocontrollo e ci si lascia guidare dalle proprie emozioni. Io mi sono lasciata libera di inseguire quello che istintivamente mi attraeva, così ho trovato baci, voglia di vivere e colori." (Giulia Bersani)  
28,00 €

KIT "MI AMI Festival 2020"

KIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper un kit semi misti a scelta una lattina bevanda del desiderio Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

KIT DEL SINGLE "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL SINGLE “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper due kit semi: un kit passiflora, peperoncino, melanzana e un kit mimosa, pisello, salvia due lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
25,00 €

KIT GARDENER "MI AMI Festival 2020"

Kit GARDENER “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper due kit semi: un kit passiflora, peperoncino, melanzana e un kit mimosa, pisello, salvia Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Agricane Serigrafia di DEM

Serigrafia a due colori, dimensioni 20x30 cm Edizione limitata di 40 esemplari DEM Come un moderno alchimista, DEM crea personaggi bizzarri, creature surreali abitanti di un livello nascosto nel mondo degli umani. Eclettico e divertente, attraverso muri dipinti, illustrazioni e installazioni ricche di allegorie, lascia che sia lo spettatore a trovare la chiave per il suo enigmatico e arcano mondo. Oltre ad avere vecchie fabbriche ed edifici abbandonati come sfondo abituale ai suoi lavori, DEM è stato anche ospite alla Oro Gallery di Goteborg e ha preso parte a esposizioni importanti come «Street Art, Sweet Art» (PAC, Milano), «Nomadaz» (Scion Gallery, Los Angeles), «Original Cultures» (Stolen Space Gallery, London) and «CCTV» (Aposthrofe Gallery, Hong Kong). Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Luca Zamoc

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Luca Zamoc Luca Zamoc è nato a Modena nel 1986. Sin da piccolo ha trovato ispirazione nei fumetti anni ‘80, nella Bibbia e nell’anatomia umana. Ha frequentato l’Accademia delle Belle Arti di Milano, dove ha conseguito un titolo in Graphic Design & Art Direction. Il suo lavoro abbraccia diversi media, dal digitale ai muri, passando all’inchiostro, carta e fumetto. Negli ultimi anni ha lavorato e vissuto in diverse città quali Milano, Berlino, Londra, Los Angeles, New York e Istanbul. Oggi vive e lavora a Barcellona. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
10,00 €

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020”

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper un kit passiflora, peperoncino, melanzana un kit mimosa, pisello, salvia Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di CT

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari CT L’opera di CT affonda le sue radici nella cultura del Writing. Dalle prime sperimentazioni, influenzate dagli stili più classici dei graffiti, è passato in modo progressivo ad una ricerca minuziosa capace di cogliere ed evidenziare i cambiamenti del paesaggio urbano. Le fascinazioni ricevute dai graffiti sono tuttavia presenti nelle fasi di questo processo: il soggetto-oggetto della sua analisi, le tecniche utilizzate ed in parte i luoghi scelti per i suoi interventi. L’interesse per il lettering si è quindi trasformato in espediente per lo studio della forma fino ad approdare, oggi, ad una ricerca più ampia relativa allo spazio e alle dinamiche contemporanee. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >