Society
di Federica Calvo 16 Maggio 2018

Cosa fare e non fare quando le persone accanto a voi soffrono di allergia

Arriva la primavera e le strade si riempioni di fiori, amori e di persone che soffrono di allergia. Qui trovate cosa dovete fare e non fare per sopravvivere alla loro compagnia

“È primavera, svegliatevi bambine..”

Così cantava Claudio Villa nel brano intitolato “Mattinata Fiorentina” per annunciare l’arrivo della primavera, la stagione dell’anno in cui per antonomasia le città si colorano, i fiori sbocciano, gli animali escono dal letargo e le persone si innamorano e soffrono di allergia.

Sì, proprio così. Primavera per molti equivale all’inizio di un lungo calvario dovuto alla fioritura dei pollini. Le strade regalano lo spettacolo dei fiocchi bianchi volanti che, nonostante a volte ci entrino in bocca e si attacchino ai vestiti e ai capelli, producono un effetto finale di grande impatto decorativo.

Ma tutto ciò trova spiegazione nella scienza che individua la fioritura delle piante come la principale causa dei sintomi di malessere. Starnuti, prurito al naso-palato-occhi, tosse, insonnia, stanchezza, irrequietezza, difficoltà nel respirare, asma, lacrimazione, riduzione dell’olfatto e del gusto e una serie di cose a vostra discrezione aggiungere …e allora benvenuta primavera cosa?

 

 pixabay

 

In famiglia e tra gli amici, tutti conosciamo qualcuno che soffre di questa grave forma di “intolleranza”, grave non per l’allergia in sé, ma per l’insofferenza che ne provoca. Provate a chiedere a una persona allergica se va tutto bene dopo il decimo starnuto e probabilmente ciò che trarrete sarà solo una risposta acida acida.

Allora come approcciarsi agli allergici alla primavera?  Ecco il breve  manuale con i punti essenziali da usare quando siete in compagnia di qualcuno così:

 

Non scambiateli per drogati


Purtroppo chi è afflitto del male primaverile viene spesso scambiato per tossicodipendente per via degli occhi rossi e gonfi. Ricordiamo a tutti che sono persone normali come noi e che l’allergia non è trasmissibile né per via aerea, né per via oro-fecale, né per via sessuale.

 

Non chiedete loro se stanno bene dopo una serie di starnuti infinita

 

Questo potrebbe essere il primo dei comandamenti secondo la Bibbia degli allergici. Di solito chiediamo come stanno ma la domanda è di cortesia, infatti l’esperienza comune insegna che è meglio farli soffrire in silenzio senza dare loro inutile conforto. È una lotta che devono affrontare da soli.

 

Siate sempre pronti a regalare loro un fazzoletto

Se l’appuntamento di oggi è con una persona allergica alla stagione primaverile, tenete i fazzoletti a portata di mano. Ricordatevi sempre di averne in borsa un paio di pacchetti così che alla domanda “Hai per caso un fazzoletto?” non risulterete impreparati, anzi probabilmente vi siete giocati la carta giusto per conquistare il vostro partner.

 

Siate pazienti 

1, 2, 3, 4, di solito al quinto starnuto si inizia ad essere un po’ scocciati dagli schizzi di germi che arrivano sulla propria pelle. Ma la verità è che non si vuole apparire scortesi e quindi si subisce in silenzio la doccia di batteri pensando che domani sarà un giorno migliore.

 

Non offrite da bere, ma soffiate il naso

Se volete risultare davvero gentili allora dovete prendervi cura del vostro amico/a nella gioia e nel dolore, salute e malattia. Un aiuto nel soffiare di naso può valere più di una birra gratis, e abbiamo detto tutto.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

15,00 €

Maglietta "La bellezza fa 40"

100% cotone Maglietta bianca Gildan Heavy Cotton Illustrazione di Alessandro Baronciani per la mostra "La bellezza fa 40" Serigrafata a mano da Corpoc.
35,00 €

Locandina de "Il Film del Concerto" di Andrea Laszlo De Simone

Locandina numerata e autografata del Film del Concerto di Andrea Laszlo De Simone con l'Immensità Orchestra, in triennale di Milano. L'illustrazione originale della locandina è a cura di Irene Carbone, illustratrice e fumettista torinese con studi alla Scuola Internazionale di Comics, dal 2015 nel duo creativo Irene&Irene e da tempo coinvolta nel progetto Andrea Laszlo De Simone per la realizzazione delle copertine dei dischi "Immensità" ed "Ecce Homo", i video d'animazione "11:43" e "Sparite Tutti", oltre ad aver ideato la creatività della cover digitale di "VIVO". Per “Il Film Del Concerto” ha realizzato a mano un'opera che riconduce al migliore immaginario cinematografico di Federico Fellini. L'opera sarà stampata in pochissime copie in edizione limitata, autografate dagli artisti.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Moneyless

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Moneyless Nato a Milano nel 1980 Teo Pirisi aka Moneyless. Per anni ha ricercato e investigato i diversi aspetti delle forme e degli spazi geometrici come artista visivo. Dopo essersi diplomato all’Accademia d’Arte di Carrara (corso multimedia), Teo ha frequentato un corso di Design della Comunicazione all’Isia di Firenze. Contemporaneamente sviluppa una carriera artistica che lo porta ad esibire i suoi lavori in spazi pubblici e luoghi abbandonati.Teo è anche graphic designer e illustratore freelance; negli ultimi anni ha partecipato a diverse esibizioni collettive e personali in Italia e nel mondo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
17,00 €

KIT DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL DESIDERIO “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper quattro lattine Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
17,00 €

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020”

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di CT

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari CT L’opera di CT affonda le sue radici nella cultura del Writing. Dalle prime sperimentazioni, influenzate dagli stili più classici dei graffiti, è passato in modo progressivo ad una ricerca minuziosa capace di cogliere ed evidenziare i cambiamenti del paesaggio urbano. Le fascinazioni ricevute dai graffiti sono tuttavia presenti nelle fasi di questo processo: il soggetto-oggetto della sua analisi, le tecniche utilizzate ed in parte i luoghi scelti per i suoi interventi. L’interesse per il lettering si è quindi trasformato in espediente per lo studio della forma fino ad approdare, oggi, ad una ricerca più ampia relativa allo spazio e alle dinamiche contemporanee. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Ester Grossi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Ester Grossi Nata ad Avezzano (AQ) nel 1981. Diplomata in Moda, Design e Arredamento presso l’Istituto d’Arte Vincenzo Bellisario, nel 2008 ha conseguito la laurea specialistica in Cinema, Televisione e Produzione Multimediale presso il DAMS di Bologna. Si dedica da anni alla pittura e ha all’attivo diverse mostre in Italia e all’estero; è vincitrice del Premio Italian Factory 2010 e finalista del Premio Cairo 2012. Nel 2011 è stata invitata alla 54° Biennale di Venezia (Padiglione Abruzzo). Come illustratrice ha realizzato manifesti per festival di cinema e musica (Imaginaria Film Festival, MIAMI, Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto) e cover per album di band musicali (A Classic Education, LIFE&LIMB). Collabora frequentemente con musicisti per la realizzazione di mostre e installazioni pittoriche-sonore. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >