maltempo primavera fastidi
Society
di Simone Stefanini 16 Maggio 2016

La primavera ci odia: i 5 peggiori fastidi da maltempo a maggio

Che fretta c’era, maledetta primavera? Aspetta che rimetto il piumone intanto…

maltempo primavera fastidi ofpof.com - Questa primavera somiglia un po’ troppo all’inverno

 

Bella questa primavera, non trovate? Beh dai, se escludete il parka, l’influenza, gli abiti in pile, il riscaldamento condominiale che ormai è spento da un mese mentre in appartamento si gela, la prova costume rimandata a settembre, la stagione delle grandi piogge tipo Vietnam e tutta una serie di disagi che nemmeno Leonardo DiCaprio mentre girava Revenant, allora non è male.

Se invece siete esseri umani old school, abituati ad accogliere la primavera come sinonimo di risveglio dei sensi, di passeggiate in bicicletta, di timide ma sensate avventure sulla spiaggia, di limoni in maniche di felpa, allora magari potreste riscontrare dei problemi, perché è da aprile che non viene un weekend a modo, neanche se lo preghi.

Si potrebbe parlarne fino a domani, ma poi potremmo trasformarci nei vecchini al bar e nessuno vuole diventarlo anzitempo, quindi concentriamoci su 5 macroinsiemi di fastidi dovuti al tempaccio fuori stagione, sperando che serva per esorcizzarlo e restituirci le mezze stagioni.

 

1) Il look a cipolla

maltempo primavera fastidi Tumblr

Se odio una cosa, è proprio questa. La barbara necessità di vestirsi a strati, partendo dal costume o dal bikini e aggiungendo volta per volta i pantaloni corti, quelli lunghi, la maglietta, il maglione leggero, quello pesante, la giacca a vento, l’impermeabile, il parka, l’eventuale piumino. Ma si può passare una primavera così?

Dove sono finite le antiche mezze maniche e il timido sole? Oggi, per uscire, tocca portare con sé una valigia tipo viaggio a New York per due e sperare di non aver dimenticato nulla. Assolutamente obbligatoria la scarpina o il collo in cotone, ché è un attimo prendere il colpo di fresco e morire di cervicale oppure ammalarsi.

Tanto lo sapete da soli, i giorni in cui dovrete stare a letto vinti dalla febbre e dalle cascate di muco, fuori farà 25 ° e tutti gireranno in tondo vestiti di lino, glorificando l’arrivo della primavera con riti pagani, facendovi morire d’invidia. Una volta che vi sarete alzati dal letto di germi, il clima sarà tornato quello di fine ottobre.

 

2) L’acquazzone improvviso durante la prima gita al mare

Partenza intelligente verso le 7 meno 10 di sabato mattina, la macchina totalmente piena di zaini per la vestizione a cipolla di cui sopra e via, verso luogo di mare più vicino, per far impazzire i vostri contatti di Instagram con la foto del vostro primo bagno stagionale. Ah, se solo fosse così semplice: illusi!

In realtà un gusto amaro si fa avanti nella vostra bocca già dal giorno prima, ma dopo aver controllato il sito dell’aeronautica, tutte le 30 app meteorologiche che avete installato sullo smartphone e anche la vecchia zia Clara, il cui ginocchio segnala da generazioni l’arrivo della pioggia, vi convincete che oggi sarà il giorno della vittoria.

Non c’è nemmeno bisogno di dirlo, sapete già come andrà a finire vero?

 

 

3) Le zanzare in casa e il riscaldamento acceso

mosquito Bullpenmom

L’unica cosa quando va così è stare in casa e riscaldarsi al fuoco del camino/screensaver del Mac. Fuori c’è la bufera, di uscire non se ne parla, allora tanto vale buttarsi a capofitto su quelle maratone di serie tv mai finite. Tutto abbastanza ok, finché non arriva la maledetta zanzara, che si è materializzata dalle stesse mura dell’appartamento, perché le vostre finestre sono chiuse e siliconate.

Come avrà fatto a entrare? Che sia lì dall’estate scorsa? Che sia una proiezione della vostra mente ormai malata a causa della troppa mancanza di luce solare? Mentre ci pensate, la zanzara vi ha punto almeno tre volte e si è nascosta, attendendo un’altra giornata di bufera, per darvi di nuovo fastidio senza alcun motivo.

 

4) L’allergia a finestre chiuse

tumblr_mz5re1hq4f1rip0x1o1_500 Tumblr

Come avrà fatto ad arrivare il polline in casa vostra? Eh, la tipica domanda che se la fanno al Rischiatutto, tornate a casa a mani vuote. Sì perché praticamente le vostre finestre sono rimaste ermeticamente chiuse da settembre scorso, eppure oggi non fate altro che starnutire e avete la faccia come gonfia e rossa un Super Santos.

Allergia portami via, ma soprattutto: che fretta c’era, maledetta primavera?

 

5) L’escursione termica tipo Verkhoyansk, Siberia

cold3 Bamahammer

Non è che ho messo un nome a caso. A Verkhoyansk, in Siberia, si è verificato il caso più eclatante di escursione termica tra temperature estreme: si è passati dai 33.9°C, segno di un’estate che vorrei potesse non finire mai, ai -70°C che è praticamente la temperatura corporea degli zombie. Tutto questo per dire che questa primavera ci ha regalato anche la simpatica escursione lunare, quella in cui si esce in maglietta sotto il sole a fare stragi di cuori e si torna dopo mezz’ora assiderati dal gomito in giù.

Per evitare l’amputazione degli arti o la polmonite fulminante, negli seguire il punto 1) e tentare di evitare i tre punti nel mezzo. Allora potremmo davvero godere di una primavera come si deve. Che intanto, come dice il maestro Battiato, tarda ad arrivare.

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

10,00 €

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020”

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper un kit passiflora, peperoncino, melanzana un kit mimosa, pisello, salvia Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
5,00 €

Borsa "MI AMI Festival 2019"

La borsa ufficiale del “MI AMI Festival 2019”. Bag bianca cotone con illustrazione nera di Andrea De Luca.  
5,00 €

Borsa "MI AMI Festival 2017"

La borsa ufficiale del “MI AMI Festival 2017” disegnata da Viola Niccolai serigrafata a mano da Legno. Bag bianca cotone con illustrazione rosa.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Ester Grossi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Ester Grossi Nata ad Avezzano (AQ) nel 1981. Diplomata in Moda, Design e Arredamento presso l’Istituto d’Arte Vincenzo Bellisario, nel 2008 ha conseguito la laurea specialistica in Cinema, Televisione e Produzione Multimediale presso il DAMS di Bologna. Si dedica da anni alla pittura e ha all’attivo diverse mostre in Italia e all’estero; è vincitrice del Premio Italian Factory 2010 e finalista del Premio Cairo 2012. Nel 2011 è stata invitata alla 54° Biennale di Venezia (Padiglione Abruzzo). Come illustratrice ha realizzato manifesti per festival di cinema e musica (Imaginaria Film Festival, MIAMI, Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto) e cover per album di band musicali (A Classic Education, LIFE&LIMB). Collabora frequentemente con musicisti per la realizzazione di mostre e installazioni pittoriche-sonore. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
17,00 €

KIT DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL DESIDERIO “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper quattro lattine Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Alessandro Ripane

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Ripane Alessandro Ripane è nato a Genova nel 1989. Ha vissuto e lavorato in Svezia. A causa della mancanza di animali selvaggi nella città di Genova, Alessandro si è comprato molti libri sull’argomento. A causa della mancanza di supereroi nella città di Genova, Alessandro si è comprato un sacco di fumetti a tema. È diventato quindi un esperto in entrambe le categorie, anche se ora disegna un po’ di tutto, tranne gli alieni, perché non è sicuro di come siano vestiti. Ora è impegnato a combattere la caduta dei capelli, a comporre una sofisticata musica del futuro, a imparare come disegnare gli alieni e a guardare tutti i film sui mostri e gli zombi che non ha ancora visto. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Agricane Serigrafia di DEM

Serigrafia a due colori, dimensioni 20x30 cm Edizione limitata di 40 esemplari DEM Come un moderno alchimista, DEM crea personaggi bizzarri, creature surreali abitanti di un livello nascosto nel mondo degli umani. Eclettico e divertente, attraverso muri dipinti, illustrazioni e installazioni ricche di allegorie, lascia che sia lo spettatore a trovare la chiave per il suo enigmatico e arcano mondo. Oltre ad avere vecchie fabbriche ed edifici abbandonati come sfondo abituale ai suoi lavori, DEM è stato anche ospite alla Oro Gallery di Goteborg e ha preso parte a esposizioni importanti come «Street Art, Sweet Art» (PAC, Milano), «Nomadaz» (Scion Gallery, Los Angeles), «Original Cultures» (Stolen Space Gallery, London) and «CCTV» (Aposthrofe Gallery, Hong Kong). Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
10,00 €

Maglietta unicorno Better Days

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con l'unicorno di ANDREA MININI realizzata per il Better Days Festival 2016.  
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >