maltempo primavera fastidi
Society
di Simone Stefanini 16 Maggio 2016

La primavera ci odia: i 5 peggiori fastidi da maltempo a maggio

Che fretta c’era, maledetta primavera? Aspetta che rimetto il piumone intanto…

maltempo primavera fastidi ofpof.com - Questa primavera somiglia un po’ troppo all’inverno

 

Bella questa primavera, non trovate? Beh dai, se escludete il parka, l’influenza, gli abiti in pile, il riscaldamento condominiale che ormai è spento da un mese mentre in appartamento si gela, la prova costume rimandata a settembre, la stagione delle grandi piogge tipo Vietnam e tutta una serie di disagi che nemmeno Leonardo DiCaprio mentre girava Revenant, allora non è male.

Se invece siete esseri umani old school, abituati ad accogliere la primavera come sinonimo di risveglio dei sensi, di passeggiate in bicicletta, di timide ma sensate avventure sulla spiaggia, di limoni in maniche di felpa, allora magari potreste riscontrare dei problemi, perché è da aprile che non viene un weekend a modo, neanche se lo preghi.

Si potrebbe parlarne fino a domani, ma poi potremmo trasformarci nei vecchini al bar e nessuno vuole diventarlo anzitempo, quindi concentriamoci su 5 macroinsiemi di fastidi dovuti al tempaccio fuori stagione, sperando che serva per esorcizzarlo e restituirci le mezze stagioni.

 

1) Il look a cipolla

maltempo primavera fastidi Tumblr

Se odio una cosa, è proprio questa. La barbara necessità di vestirsi a strati, partendo dal costume o dal bikini e aggiungendo volta per volta i pantaloni corti, quelli lunghi, la maglietta, il maglione leggero, quello pesante, la giacca a vento, l’impermeabile, il parka, l’eventuale piumino. Ma si può passare una primavera così?

Dove sono finite le antiche mezze maniche e il timido sole? Oggi, per uscire, tocca portare con sé una valigia tipo viaggio a New York per due e sperare di non aver dimenticato nulla. Assolutamente obbligatoria la scarpina o il collo in cotone, ché è un attimo prendere il colpo di fresco e morire di cervicale oppure ammalarsi.

Tanto lo sapete da soli, i giorni in cui dovrete stare a letto vinti dalla febbre e dalle cascate di muco, fuori farà 25 ° e tutti gireranno in tondo vestiti di lino, glorificando l’arrivo della primavera con riti pagani, facendovi morire d’invidia. Una volta che vi sarete alzati dal letto di germi, il clima sarà tornato quello di fine ottobre.

 

2) L’acquazzone improvviso durante la prima gita al mare

Partenza intelligente verso le 7 meno 10 di sabato mattina, la macchina totalmente piena di zaini per la vestizione a cipolla di cui sopra e via, verso luogo di mare più vicino, per far impazzire i vostri contatti di Instagram con la foto del vostro primo bagno stagionale. Ah, se solo fosse così semplice: illusi!

In realtà un gusto amaro si fa avanti nella vostra bocca già dal giorno prima, ma dopo aver controllato il sito dell’aeronautica, tutte le 30 app meteorologiche che avete installato sullo smartphone e anche la vecchia zia Clara, il cui ginocchio segnala da generazioni l’arrivo della pioggia, vi convincete che oggi sarà il giorno della vittoria.

Non c’è nemmeno bisogno di dirlo, sapete già come andrà a finire vero?

 

 

3) Le zanzare in casa e il riscaldamento acceso

mosquito Bullpenmom

L’unica cosa quando va così è stare in casa e riscaldarsi al fuoco del camino/screensaver del Mac. Fuori c’è la bufera, di uscire non se ne parla, allora tanto vale buttarsi a capofitto su quelle maratone di serie tv mai finite. Tutto abbastanza ok, finché non arriva la maledetta zanzara, che si è materializzata dalle stesse mura dell’appartamento, perché le vostre finestre sono chiuse e siliconate.

Come avrà fatto a entrare? Che sia lì dall’estate scorsa? Che sia una proiezione della vostra mente ormai malata a causa della troppa mancanza di luce solare? Mentre ci pensate, la zanzara vi ha punto almeno tre volte e si è nascosta, attendendo un’altra giornata di bufera, per darvi di nuovo fastidio senza alcun motivo.

 

4) L’allergia a finestre chiuse

tumblr_mz5re1hq4f1rip0x1o1_500 Tumblr

Come avrà fatto ad arrivare il polline in casa vostra? Eh, la tipica domanda che se la fanno al Rischiatutto, tornate a casa a mani vuote. Sì perché praticamente le vostre finestre sono rimaste ermeticamente chiuse da settembre scorso, eppure oggi non fate altro che starnutire e avete la faccia come gonfia e rossa un Super Santos.

Allergia portami via, ma soprattutto: che fretta c’era, maledetta primavera?

 

5) L’escursione termica tipo Verkhoyansk, Siberia

cold3 Bamahammer

Non è che ho messo un nome a caso. A Verkhoyansk, in Siberia, si è verificato il caso più eclatante di escursione termica tra temperature estreme: si è passati dai 33.9°C, segno di un’estate che vorrei potesse non finire mai, ai -70°C che è praticamente la temperatura corporea degli zombie. Tutto questo per dire che questa primavera ci ha regalato anche la simpatica escursione lunare, quella in cui si esce in maglietta sotto il sole a fare stragi di cuori e si torna dopo mezz’ora assiderati dal gomito in giù.

Per evitare l’amputazione degli arti o la polmonite fulminante, negli seguire il punto 1) e tentare di evitare i tre punti nel mezzo. Allora potremmo davvero godere di una primavera come si deve. Che intanto, come dice il maestro Battiato, tarda ad arrivare.

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

5,00 €

KIT SEMI "MI AMI Festival 2020": MIMOSA, PISELLO, SALVIA

Kit semi misti “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Il desiderio che avresti voluto piantare. Il kit ufficiale contiene: Mimosa Pudica Denominata anche la Sensitiva, la Mimosa Pudica è così casta che basta sfiorarla per innescare una timida reazione nei suoi rami. Al minimo tocco, infatti, le foglie si ripiegano su se stesse, mentre il picciolo si abbassa, creando un danzante movimento con i suoi leggeri fiori rotondi. Oltre a fuggire da incontri hot con oggetti e persone, questo comportamento la caratterizza nelle ore notturne, evitando così incontri ravvicinati. Pisello Viola Désirée Il Pisello Viola è un varietà molto antica, dall’aspetto affascinante per il suo insolito colore, al suo interno, invece, conserva la sua tipica tinta verde. Come ogni varietà è un simbolo -oltre fallico- lunare, nei sogni infatti è sinonimo di fecondità. Molto apprezzato per il suo sapore delicato è l’ideale per zuppe e principesse dal gusto raffinato e desiderose di riposare su un raro ortaggio. Salvia Rossa Famosa per essere utilizzata da Cleopatra come afrodisiaco, la Salvia è una pianta carica di proprietà. Oltre ad accendere la libido negli amanti, è portatrice di sogni profetici, piacere fisico e fertilità. La forma e l’aspetto rugoso del fogliame le donano la nomina di lingua vegetale, per gli animi più romantici la Salvia Splendens, o Rossa, ricorda la sagoma di un cuore. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l’uso che preferite. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
10,00 €

Maglietta Amarti mi affatica

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con scritta "Amarti m'affatica".
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Alessandro Ripane

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Ripane Alessandro Ripane è nato a Genova nel 1989. Ha vissuto e lavorato in Svezia. A causa della mancanza di animali selvaggi nella città di Genova, Alessandro si è comprato molti libri sull’argomento. A causa della mancanza di supereroi nella città di Genova, Alessandro si è comprato un sacco di fumetti a tema. È diventato quindi un esperto in entrambe le categorie, anche se ora disegna un po’ di tutto, tranne gli alieni, perché non è sicuro di come siano vestiti. Ora è impegnato a combattere la caduta dei capelli, a comporre una sofisticata musica del futuro, a imparare come disegnare gli alieni e a guardare tutti i film sui mostri e gli zombi che non ha ancora visto. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

SHOPPER "MI AMI Festival 2020"

Shopper ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Bag bianca cotone con illustrazione multicolor. La shopper che avresti voluto acquistare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Moneyless

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Moneyless Nato a Milano nel 1980 Teo Pirisi aka Moneyless. Per anni ha ricercato e investigato i diversi aspetti delle forme e degli spazi geometrici come artista visivo. Dopo essersi diplomato all’Accademia d’Arte di Carrara (corso multimedia), Teo ha frequentato un corso di Design della Comunicazione all’Isia di Firenze. Contemporaneamente sviluppa una carriera artistica che lo porta ad esibire i suoi lavori in spazi pubblici e luoghi abbandonati.Teo è anche graphic designer e illustratore freelance; negli ultimi anni ha partecipato a diverse esibizioni collettive e personali in Italia e nel mondo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di StencilNoire

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari StencilNoire StencilNoire, classe ’75, vive e opera in un paesino del sud Italia, Massafra, dove le problematiche socio-culturali danno spunto quotidiano alle sue opere. Veterano dell’uso del colore, sin da bambino ha fatto dell’arte la sua più grande passione, sperimentando tutte le tecniche artistiche, dai colori a olio, al carboncino, all’aerografo, approdando, nel ’95, nella cultura dello stencil e dello sticker. Ha partecipato a numerosi eventi, sia a livello personale, che col gruppo «South Italy Street Art», del quale è co-fondatore. Fra gli ultimi eventi si annoverano le partecipazioni allo Jonio Jazz Festival, svoltosi a Faggiano (TA), al Calafrika music Festival svoltosi a Pianopoli (CZ), e a Residence Artistic in Country Secret Zone, un esperimento artistico di Street Art chiamato «Torrent 14» organizzato da Biodpi in collaborazione con Ortika, svoltosi a Sant’Agata de’Goti. Vincitore della giuria artisti del 1° Concorso Internazionale d’Arte su Vinile, organizzato dall’associazione Artwo in collaborazione con Ortika Street Art Lovers, dedicato a Domenico Modugno, in occasione dei 20 anni della sua scomparsa. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Martina Merlini

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Martina Merlini Martina Merlini, artista visiva bolognese, classe 1986, vive e lavora a Milano. Il percorso artistico di Martina Merlini si snoda multiformemente nel solco dell’esplorazione, coinvolgendo una pluralità di tecniche, materiali e supporti che convergono nella ricerca di un equilibrio formale delicatamente costruito sull’armonia di elementi astratti e geometrici. Attiva dal 2009, ha esposto in numerose gallerie europee e americane. Dal 2010 al 2013, insieme a Tellas, intraprende il progetto installativo Asylum, che viene presentato a Palermo, Bologna, Milano e Foligno. Nell’estate del 2012 viene invitata a partecipare a Living Walls, primo festival di Street Art al femminile, ad Atlanta. Nel dicembre 2013 inaugura la sua seconda personale, «Wax» all’interno degli spazi di Elastico, Bologna, dove indaga l’utilizzo della cera come medium principale del suo lavoro, ricerca approfondita nella sua prima personale americana, «Starch, Wax, Paper & Wood», presso White Walls & Shooting Gallery, San Francisco. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
35,00 €

Monica Bellucci Serigrafia di Checko's art

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Checko's art Nato nel 1977 a Lecce. Uno degli esponenti della Street Art italiana. Il suo percorso artistico ha inizio a Milano nel 1995 come writer. Attualmente abita al 167B «STREET», uno spazio fisico dedicato all’arte che, partendo dalla periferia (la 167B di Lecce, noto quartiere popolare), si propone come centro espositivo in continua mutazione. I suoi lavori si basano prettamente su murales, realizzati negli spazi pubblici, non solo con intento di riqualificare le zone grigie, ma per comunicare con le nuove generazioni. Ha partecipato a numerose mostre d’arte e contest collettivi in Italia e all’estero. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >