Society
di Simone Stefanini 21 Settembre 2016

Prima del lusso, i ricchissimi dovrebbero imparare a pagare le tasse

Prima di analizzare il pensiero di Briatore in merito al turismo extra lusso, converrebbe concentrarsi sui ricchi evasori totali che fanno alzare le tasse a tutti

flavio-briatore danielecruciani.it - Flavio Briatore

 

Flavio Briatore, ex manager di Formula 1, ha rilasciato una dichiarazione che ha fatto molto discutere, a proposito del turismo in Salento. Secondo lui, i turisti ricchi che vengono dall’Italia ma anche dalla Russia, dall’Ucraina o dall’Arabia, hanno diritto agli hotel extralusso, a porti per i loro yacht e a tanto divertimento.

I ricchi, secondo il suo pensiero, sono assolutamente disinteressati ai musei, ai parchi e alla natura che offre il Salento. Trovano queste risorse noiose, vogliono tutto e subito. Sarebbe molto semplicistico liquidare queste affermazioni ribattendo che in realtà sono i cafoni quelli poco interessati alla natura e ai musei, non i ricchi. In realtà, la problematica del massimizzare gli introiti che provengono dal turismo dei super ricchi è già stata rispedita al mittente da alcuni consiglieri regionali, perché escluderebbe il 99% della popolazione ed è dunque culturalmente inaccettabile.

Noi vorremmo soffermarci su un problema differente, che riguarda di sicuro più persone, cioè quello dell’evasione fiscale in Italia. Nel 1981 ammontava a circa 28.000 miliardi di Lire, cioè il 7/8% del Prodotto Interno Lordo. Trent’anni dopo, nel 2011 è salita vertiginosamente, arrivando a coprire all’incirca il 17% del PIL [fonte] Alcuni studi in realtà vedono la situazione ben più drammatica, con l’Italia a detenere il triste primato di paese con la più alta evasione fiscale in Europa, pari al 21% del PIL cioè 340 miliardi di € l’anno. [fonte].

Se tutti pagassero le tasse, il debito pubblico italiano potrebbe essere risanato nel giro di 18-20 anni.

indice-benessere-italia-900-big finanzaonline - La mappa dell’evasione fiscale in Italia

 

Non sono un economista e chiedo perdono nel caso avessi condiviso dati parzialmente inaffidabili, di certo però in Italia (e nel resto del mondo) esiste un enorme divario tra i contribuenti, nella maggior parte lavoratori dipendenti o professionisti a partita IVA forfaittaria e i possedenti. Quante case avete voi? Una? Un paio? Nessuna? Va bene, siete nella norma. Nel 2014 è stato scoperto che una ricca signora, proprietaria di 1.243 immobili non li aveva dichiarati affatto [fonte].

Sapete cosa succede quando i super ricchi non pagano le tasse? Semplice, che aumentano per tutti, perché alla fine il bilancio dello Stato deve tornare. Sapete dunque chi sono i più fedeli pagatori di tasse? Ancora più semplice: la classe media e quella che sfiora la povertà, che se le trova direttamente scalate in busta paga (quando ha la fortuna di averne una) o che se sbaglia un 730 si vede arrivare Equitalia a casa, puntuale sapete come cosa? Esattamente, come le tasse.

Ora, non pensiate che solo i ricchissimi rubino al fisco, anche i piccoli commercianti e i professionisti non emettono fattura né fanno contratti ai propri dipendenti sono una vera piaga per l’economia.

 

20150409-rapporto-gdf ilsole24ore

Ci risulta che nei paesi produttori di super ricchi, come Russia, Ucraina o Emirati Arabi, il divario tra ricchi e poveri sia decisamente alto. Ecco perché i ricchissimi che pensano esclusivamente al proprio tornaconto personale, stuprando l’economia di un intero paese, non sono interessati alla natura e ai musei. Però è un problema loro, non nostro.

Che vengano poi a reclamare oasi protette dalla plebe, aree superlusso per potersi godere i soldi senza dover vivere da poveri, è un pensiero eticamente offensivo, che chi fa parte di una fortunata élite, per decenza non dovrebbe neanche pronunciare in pubblico. Se tutti pagassero le tasse, non ci sarebbe bisogno di leccare i piedi ai ricchissimi.

 

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Locandina de "Il Film del Concerto" di Andrea Laszlo De Simone

Locandina numerata e autografata del Film del Concerto di Andrea Laszlo De Simone con l'Immensità Orchestra, in triennale di Milano. L'illustrazione originale della locandina è a cura di Irene Carbone, illustratrice e fumettista torinese con studi alla Scuola Internazionale di Comics, dal 2015 nel duo creativo Irene&Irene e da tempo coinvolta nel progetto Andrea Laszlo De Simone per la realizzazione delle copertine dei dischi "Immensità" ed "Ecce Homo", i video d'animazione "11:43" e "Sparite Tutti", oltre ad aver ideato la creatività della cover digitale di "VIVO". Per “Il Film Del Concerto” ha realizzato a mano un'opera che riconduce al migliore immaginario cinematografico di Federico Fellini. L'opera sarà stampata in pochissime copie in edizione limitata, autografate dagli artisti.  
5,00 €

MANIFESTO "MI AMI Festival 2020"

MANIFESTO ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
10,00 €

Maglietta unicorno Better Days

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con l'unicorno di ANDREA MININI realizzata per il Better Days Festival 2016.  
10,00 €

-GIGA +FIGA

100% cotone Maglietta nera Serigrafia con slogan minimalista per nerd con stile. Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
10,00 €

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020”

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper un kit passiflora, peperoncino, melanzana un kit mimosa, pisello, salvia Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
5,00 €

SHOPPER "MI AMI Festival 2020"

Shopper ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Bag bianca cotone con illustrazione multicolor. La shopper che avresti voluto acquistare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
15,00 €

La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia

Scarica gratuitamente l'ebook de La Bella Nostalgia in tutti i formati QUI   "La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia" di Simone Stefanini parla di mode, film, telefilm, musica, porno, orrori e gioie di due decenni contrapposti di cui oggi abbiamo rivalutato ogni lascito. Una riflessione tragicomica sulla retromania in Italia, una macchina del tempo a metà tra la DeLorean di Ritorno al Futuro e la Bianchina di Fantozzi. 200 pagine - edizione limitata di 50 copie firmata e numerata dall'autore. Edizioni Brava Gente - Betterdays    
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Martina Merlini

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Martina Merlini Martina Merlini, artista visiva bolognese, classe 1986, vive e lavora a Milano. Il percorso artistico di Martina Merlini si snoda multiformemente nel solco dell’esplorazione, coinvolgendo una pluralità di tecniche, materiali e supporti che convergono nella ricerca di un equilibrio formale delicatamente costruito sull’armonia di elementi astratti e geometrici. Attiva dal 2009, ha esposto in numerose gallerie europee e americane. Dal 2010 al 2013, insieme a Tellas, intraprende il progetto installativo Asylum, che viene presentato a Palermo, Bologna, Milano e Foligno. Nell’estate del 2012 viene invitata a partecipare a Living Walls, primo festival di Street Art al femminile, ad Atlanta. Nel dicembre 2013 inaugura la sua seconda personale, «Wax» all’interno degli spazi di Elastico, Bologna, dove indaga l’utilizzo della cera come medium principale del suo lavoro, ricerca approfondita nella sua prima personale americana, «Starch, Wax, Paper & Wood», presso White Walls & Shooting Gallery, San Francisco. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >