Society
di Simone Stefanini 21 Settembre 2016

Prima del lusso, i ricchissimi dovrebbero imparare a pagare le tasse

Prima di analizzare il pensiero di Briatore in merito al turismo extra lusso, converrebbe concentrarsi sui ricchi evasori totali che fanno alzare le tasse a tutti

flavio-briatore danielecruciani.it - Flavio Briatore

 

Flavio Briatore, ex manager di Formula 1, ha rilasciato una dichiarazione che ha fatto molto discutere, a proposito del turismo in Salento. Secondo lui, i turisti ricchi che vengono dall’Italia ma anche dalla Russia, dall’Ucraina o dall’Arabia, hanno diritto agli hotel extralusso, a porti per i loro yacht e a tanto divertimento.

I ricchi, secondo il suo pensiero, sono assolutamente disinteressati ai musei, ai parchi e alla natura che offre il Salento. Trovano queste risorse noiose, vogliono tutto e subito. Sarebbe molto semplicistico liquidare queste affermazioni ribattendo che in realtà sono i cafoni quelli poco interessati alla natura e ai musei, non i ricchi. In realtà, la problematica del massimizzare gli introiti che provengono dal turismo dei super ricchi è già stata rispedita al mittente da alcuni consiglieri regionali, perché escluderebbe il 99% della popolazione ed è dunque culturalmente inaccettabile.

Noi vorremmo soffermarci su un problema differente, che riguarda di sicuro più persone, cioè quello dell’evasione fiscale in Italia. Nel 1981 ammontava a circa 28.000 miliardi di Lire, cioè il 7/8% del Prodotto Interno Lordo. Trent’anni dopo, nel 2011 è salita vertiginosamente, arrivando a coprire all’incirca il 17% del PIL [fonte] Alcuni studi in realtà vedono la situazione ben più drammatica, con l’Italia a detenere il triste primato di paese con la più alta evasione fiscale in Europa, pari al 21% del PIL cioè 340 miliardi di € l’anno. [fonte].

Se tutti pagassero le tasse, il debito pubblico italiano potrebbe essere risanato nel giro di 18-20 anni.

indice-benessere-italia-900-big finanzaonline - La mappa dell’evasione fiscale in Italia

 

Non sono un economista e chiedo perdono nel caso avessi condiviso dati parzialmente inaffidabili, di certo però in Italia (e nel resto del mondo) esiste un enorme divario tra i contribuenti, nella maggior parte lavoratori dipendenti o professionisti a partita IVA forfaittaria e i possedenti. Quante case avete voi? Una? Un paio? Nessuna? Va bene, siete nella norma. Nel 2014 è stato scoperto che una ricca signora, proprietaria di 1.243 immobili non li aveva dichiarati affatto [fonte].

Sapete cosa succede quando i super ricchi non pagano le tasse? Semplice, che aumentano per tutti, perché alla fine il bilancio dello Stato deve tornare. Sapete dunque chi sono i più fedeli pagatori di tasse? Ancora più semplice: la classe media e quella che sfiora la povertà, che se le trova direttamente scalate in busta paga (quando ha la fortuna di averne una) o che se sbaglia un 730 si vede arrivare Equitalia a casa, puntuale sapete come cosa? Esattamente, come le tasse.

Ora, non pensiate che solo i ricchissimi rubino al fisco, anche i piccoli commercianti e i professionisti non emettono fattura né fanno contratti ai propri dipendenti sono una vera piaga per l’economia.

 

20150409-rapporto-gdf ilsole24ore

Ci risulta che nei paesi produttori di super ricchi, come Russia, Ucraina o Emirati Arabi, il divario tra ricchi e poveri sia decisamente alto. Ecco perché i ricchissimi che pensano esclusivamente al proprio tornaconto personale, stuprando l’economia di un intero paese, non sono interessati alla natura e ai musei. Però è un problema loro, non nostro.

Che vengano poi a reclamare oasi protette dalla plebe, aree superlusso per potersi godere i soldi senza dover vivere da poveri, è un pensiero eticamente offensivo, che chi fa parte di una fortunata élite, per decenza non dovrebbe neanche pronunciare in pubblico. Se tutti pagassero le tasse, non ci sarebbe bisogno di leccare i piedi ai ricchissimi.

 

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

10,00 €

Maglietta Amarti mi affatica

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con scritta "Amarti m'affatica".
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
35,00 €

Monica Bellucci Serigrafia di Checko's art

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Checko's art Nato nel 1977 a Lecce. Uno degli esponenti della Street Art italiana. Il suo percorso artistico ha inizio a Milano nel 1995 come writer. Attualmente abita al 167B «STREET», uno spazio fisico dedicato all’arte che, partendo dalla periferia (la 167B di Lecce, noto quartiere popolare), si propone come centro espositivo in continua mutazione. I suoi lavori si basano prettamente su murales, realizzati negli spazi pubblici, non solo con intento di riqualificare le zone grigie, ma per comunicare con le nuove generazioni. Ha partecipato a numerose mostre d’arte e contest collettivi in Italia e all’estero. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

KIT SEMI "MI AMI Festival 2020": PASSIFLORA, PEPERONCINO, MELANZANA

Kit semi misti “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Il desiderio che avresti voluto piantare. Il kit ufficiale contiene: Passiflora Cerulea La passiflora è avvolgente, come un partner impetuoso, i suoi rami rampicanti circondano qualsiasi supporto possano incontrare. Governata da Venere, è usata negli incantesimi d’amore per dominare la passione. Il suo profumo intenso, infatti si accentua la sera conquistando così ogni tuo senso. Nella simbologia floreale ha virtù protettive, posizionata dinnanzi un ingresso evita intrusione. Peperoncino Peter Pepper Noto per la sua forma fallica, il Peperoncino Peter Pepper vi sorprenderà con il suo carattere deciso, il sapore aromatico e un grado di piccantezza adatto anche ai palati più delicati. L’attitudine erotica esplode in una rapida fioritura bianca per dare poi presto spazio ai suoi frutti. Adatto alla coltivazione in balcone, nella tradizione popolare è infatti una pianta da possedere per realizzare rituali di seduzione. Melanzana Bellezza Lunga Dimenticati della classica emoji perchè quello che stai per piantare è una “bellezza lunga”. La Melanzana contenente nel tuo kit avrà un aspetto fiero della sua struttura: eretta, alta almeno 30 cm, con frutti polposi e pronti per essere gustati in estate. Come ogni spasimante che si rispetti, prima di donarsi al tuo palato ti porterà in dono dei fiori. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l’uso che preferite. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di CT

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari CT L’opera di CT affonda le sue radici nella cultura del Writing. Dalle prime sperimentazioni, influenzate dagli stili più classici dei graffiti, è passato in modo progressivo ad una ricerca minuziosa capace di cogliere ed evidenziare i cambiamenti del paesaggio urbano. Le fascinazioni ricevute dai graffiti sono tuttavia presenti nelle fasi di questo processo: il soggetto-oggetto della sua analisi, le tecniche utilizzate ed in parte i luoghi scelti per i suoi interventi. L’interesse per il lettering si è quindi trasformato in espediente per lo studio della forma fino ad approdare, oggi, ad una ricerca più ampia relativa allo spazio e alle dinamiche contemporanee. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Agricane Serigrafia di DEM

Serigrafia a due colori, dimensioni 20x30 cm Edizione limitata di 40 esemplari DEM Come un moderno alchimista, DEM crea personaggi bizzarri, creature surreali abitanti di un livello nascosto nel mondo degli umani. Eclettico e divertente, attraverso muri dipinti, illustrazioni e installazioni ricche di allegorie, lascia che sia lo spettatore a trovare la chiave per il suo enigmatico e arcano mondo. Oltre ad avere vecchie fabbriche ed edifici abbandonati come sfondo abituale ai suoi lavori, DEM è stato anche ospite alla Oro Gallery di Goteborg e ha preso parte a esposizioni importanti come «Street Art, Sweet Art» (PAC, Milano), «Nomadaz» (Scion Gallery, Los Angeles), «Original Cultures» (Stolen Space Gallery, London) and «CCTV» (Aposthrofe Gallery, Hong Kong). Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

Serigrafia Unicorno

Il bellissimo unicorno tutto righe di Andrea Minini  è una serigrafia ad 1 colore, di dimensioni 50x70 cm
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di VitoManoloRoma

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari VitoManoloRoma Attualmente vive a Milano e lavora come freelance in qualità di grafico, illustratore, animatore e fumettista. Si forma presso il Liceo Artistico statale di Busto Arsizio, poi la compagnia di teatro sperimentale Radicetimbrica e termina gli studi al Politecnico di Milano dove si avvicina al Graphic Design. Durante i primi anni di professione come progettista e illustratore in alcuni studi di grafica milanesi, continua a disegnare e partecipa a mostre collettive di illustratori, fra le quali «Spaziosenzatitolo» (Roma), «Doppiosenso» (Beirut) e «Manifesta» (Milano). Con il collettivo di satira a fumetti L’antitempo fonda l’omonima rivista con la quale vince il Premio Satira 2013 come miglior realtà editoriale italiana. Appassionato di musica africana, afroamericana e jamaicana, colleziona vinili che seleziona con i collettivi Bigshot! e Soulfinger nei locali neri e non di Milano. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >