donald trump supertuesday

Donald Trump è il Berlusconi americano?

Si vota negli Stati Uniti per il Super Tuesday delle primarie ed è favorito: ecco cosa hanno in comune lui e il Cavaliere

trump1

 

La politica statunitense è complicata da capire in Europa, ma facciamo uno sforzo: negli Stati Uniti a novembre si voterà per il nuovo Presidente, dato che Barack Obama è giunto al termine del secondo mandato e non può ricandidarsi. Semplificando molto da quelle parti le elezioni primarie per scegliere i leader dei due schieramenti – il Partito Democratico e il Partito Repubblicano – che si sfideranno per la Casa Bianca cominciano molto presto, e soprattutto sono una cosa un po’ più seria di quanto lo siano dalle nostre parti.

All’interno di queste primarie c’è una cosa che si chiama Super Tuesday, Super Martedì, in questo caso: martedì 1° marzo, oggi, in cui molti stati andranno alle urne per scegliere i delegati che alle convention di partito voteranno il futuro candidato alla presidenza. Lo faranno sia democratici che repubblicani, ma i democratici lo sappiamo, saranno anche gente ok, brave persone, salutano sempre, eccetera. Però che noia.

 

trump

 

Per i democratici c’è Hillary Clinton contro Bernie Sanders – uno che ha incassato anche il supporto di Emily Ratajkowski – ma hanno un problema, non sono belli da raccontare, quindi li ignoreremo. I cattivi invece sono più divertenti, e tra i cattivi il villain migliore è sicuramente Donald Trump, uno dei candidati alla presidenza del Partito Repubblicano.

Per chi non lo conoscesse, Trump è un miliardario che si è trovato la tavola molto ben apparecchiata: il padre era un importante costruttore edile: e anche se ci piacerebbe molto, non è del tutto vero che il figlio abbia sperperato la fortuna del padre. Si è poi arricchito costruendo di tutto, grattacieli, palazzi, campi da golf, e soprattutto gettando nel corso degli anni le fondamenta di un’immagine da vincente ad usum della classe media.

È una specie di Silvio Berlusconi sotto steroidi, anche lui ha qualche problema con la legge per questioni di tasse, ma con l’IRS, l’Agenzia delle Entrate statunitense. Con il tycoon di Arcore condivide la stessa ossessione per la capigliatura: Trump però è potenziato col gene Briatore, e proprio Briatore ha condotto in Italia il format The Apprentice, che in US ha condotto Trump tra il 2006 e il 2015. Infine è anche un bel po’ razzista e di sicuro meno simpatico del Cavaliere, sempre per dare coordinate che in Italia siano riconoscibili.

 

 

Dicevamo: decisamente più di destra e assolutamente impresentabile Trump quindi, abilissimo a usare i media a suo vantaggio e con un’opinione di sé napoleonica, è partito da outsider totale per poi risalire la china, e diventare tra i papabili per sfidare il Partito Democratico alle elezioni del prossimo novembre.

Sottovalutato da tutti, soprattutto dal suo stesso partito, che ora si trova a fronteggiare l’ipotesi di spingersi troppo a destra per buona parte del suo bacino elettorale.

È interessante notare come oltreoceano il confronto tra Donald Trump e Silvio Berlusconi sia già venuto in mente a parecchi, e si rivedano gli stessi meccanismi di difesa della stampa che abbiamo visto nel ventennio berlusconiano. Si legge qualcosa su DailyBeast, dove i due sono addirittura “separati alla nascita”, o sul New York Times, dove viene anche proposto un giochino tra “questi due pagliacci” – questo suggerisce l’impaginazione a base di faccette buffe scontornate – della politica ai lati opposti dell’Oceano Atlantico.

Anche in Italia, per esempio su La Stampa, viene proposto un confronto tra i due, e tra le righe si legge “Cari americani che ci avete fatto la lezioncina per decenni, adesso tocca a voi“. Speriamo per loro di no.

Tre motivi per non augurare Trump a nessuno? Ce ne sarebbero decine. Il primo: dobbiamo toglierci dalla testa che il razzismo possa essere un valido elemento per vincere un’elezione, e Trump in tema ha dato il peggio. Dalla follia del muro lungo il confine del Messico, agli insulti agli immigrati messicani, definiti “stupratori e criminali”. Il secondo: uno che prende per il culo i disabili non lo vorrei nemmeno a presiedere la mia assemblea di condominio, figuriamoci gli Stati Uniti. Terzo? Trump è un american fascist. E i fascisti, un po’ a qualunque latitudine, non vanno bene, mai.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

5,00 €

Borsa "MI AMI Festival 2017"

La borsa ufficiale del “MI AMI Festival 2017” disegnata da Viola Niccolai serigrafata a mano da Legno. Bag bianca cotone con illustrazione rosa.
10,00 €

-GIGA +FIGA

100% cotone Maglietta nera Serigrafia con slogan minimalista per nerd con stile. Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
5,00 €

KIT SEMI "MI AMI Festival 2020": PASSIFLORA, PEPERONCINO, MELANZANA

Kit semi misti “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Il desiderio che avresti voluto piantare. Il kit ufficiale contiene: Passiflora Cerulea La passiflora è avvolgente, come un partner impetuoso, i suoi rami rampicanti circondano qualsiasi supporto possano incontrare. Governata da Venere, è usata negli incantesimi d’amore per dominare la passione. Il suo profumo intenso, infatti si accentua la sera conquistando così ogni tuo senso. Nella simbologia floreale ha virtù protettive, posizionata dinnanzi un ingresso evita intrusione. Peperoncino Peter Pepper Noto per la sua forma fallica, il Peperoncino Peter Pepper vi sorprenderà con il suo carattere deciso, il sapore aromatico e un grado di piccantezza adatto anche ai palati più delicati. L’attitudine erotica esplode in una rapida fioritura bianca per dare poi presto spazio ai suoi frutti. Adatto alla coltivazione in balcone, nella tradizione popolare è infatti una pianta da possedere per realizzare rituali di seduzione. Melanzana Bellezza Lunga Dimenticati della classica emoji perchè quello che stai per piantare è una “bellezza lunga”. La Melanzana contenente nel tuo kit avrà un aspetto fiero della sua struttura: eretta, alta almeno 30 cm, con frutti polposi e pronti per essere gustati in estate. Come ogni spasimante che si rispetti, prima di donarsi al tuo palato ti porterà in dono dei fiori. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l’uso che preferite. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Martina Merlini

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Martina Merlini Martina Merlini, artista visiva bolognese, classe 1986, vive e lavora a Milano. Il percorso artistico di Martina Merlini si snoda multiformemente nel solco dell’esplorazione, coinvolgendo una pluralità di tecniche, materiali e supporti che convergono nella ricerca di un equilibrio formale delicatamente costruito sull’armonia di elementi astratti e geometrici. Attiva dal 2009, ha esposto in numerose gallerie europee e americane. Dal 2010 al 2013, insieme a Tellas, intraprende il progetto installativo Asylum, che viene presentato a Palermo, Bologna, Milano e Foligno. Nell’estate del 2012 viene invitata a partecipare a Living Walls, primo festival di Street Art al femminile, ad Atlanta. Nel dicembre 2013 inaugura la sua seconda personale, «Wax» all’interno degli spazi di Elastico, Bologna, dove indaga l’utilizzo della cera come medium principale del suo lavoro, ricerca approfondita nella sua prima personale americana, «Starch, Wax, Paper & Wood», presso White Walls & Shooting Gallery, San Francisco. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
35,00 €

Inés Sastre Serigrafia di Alessandro Baronciani

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Baronciani Alessandro Baronciani vive a Pesaro e lavora a Milano come Art Director, grafico e illustratore. Ha lavorato per diverse agenzie pubblicitarie come direttore di campagne a cartoni animati. Le sue illustrazioni sono state stampate per molti brand come Martini, Coca Cola, Bacardi, Nestlè, Audi, Poste Italiane e Vodafone. Lavora per libri per bambini pubblicati da Mondadori, Feltrinelli e Rizzoli, quest’ultima ha anche pubblicato il suo primo libro, Mi ricci!, completamente pensato, scritto e illustrato da lui. Alessandro disegna fumetti. Ha pubblicato 3 libri di fumetti intitolati Una storia a fumetti, Quando tutto diventò blu e Le ragazze dello studio Munari. Per molti anni ha disegnato e pubblicato i suoi fumetti da solo, come un esperimento fai-da-te mai provato prima in Italia: i suoi fumetti venivano spediti in abbonamento e gli abbonati diventano parte delle storie che disegnava. Suona inoltre la chitarra e canta nella punk band di culto Altro. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

Maglietta Better Days calligrafica

100% cotone Modello unisex Serigrafia con scritta "Better Days" creata da calligrafo Bizantino Perché c'è sempre bisogno di giorni migliori
15,00 €

Serigrafia Unicorno

Il bellissimo unicorno tutto righe di Andrea Minini  è una serigrafia ad 1 colore, di dimensioni 50x70 cm
5,00 €

SHOPPER "MI AMI Festival 2020"

Shopper ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Bag bianca cotone con illustrazione multicolor. La shopper che avresti voluto acquistare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >