donald trump supertuesday

Donald Trump è il Berlusconi americano?

Si vota negli Stati Uniti per il Super Tuesday delle primarie ed è favorito: ecco cosa hanno in comune lui e il Cavaliere

trump1

 

La politica statunitense è complicata da capire in Europa, ma facciamo uno sforzo: negli Stati Uniti a novembre si voterà per il nuovo Presidente, dato che Barack Obama è giunto al termine del secondo mandato e non può ricandidarsi. Semplificando molto da quelle parti le elezioni primarie per scegliere i leader dei due schieramenti – il Partito Democratico e il Partito Repubblicano – che si sfideranno per la Casa Bianca cominciano molto presto, e soprattutto sono una cosa un po’ più seria di quanto lo siano dalle nostre parti.

All’interno di queste primarie c’è una cosa che si chiama Super Tuesday, Super Martedì, in questo caso: martedì 1° marzo, oggi, in cui molti stati andranno alle urne per scegliere i delegati che alle convention di partito voteranno il futuro candidato alla presidenza. Lo faranno sia democratici che repubblicani, ma i democratici lo sappiamo, saranno anche gente ok, brave persone, salutano sempre, eccetera. Però che noia.

 

trump

 

Per i democratici c’è Hillary Clinton contro Bernie Sanders – uno che ha incassato anche il supporto di Emily Ratajkowski – ma hanno un problema, non sono belli da raccontare, quindi li ignoreremo. I cattivi invece sono più divertenti, e tra i cattivi il villain migliore è sicuramente Donald Trump, uno dei candidati alla presidenza del Partito Repubblicano.

Per chi non lo conoscesse, Trump è un miliardario che si è trovato la tavola molto ben apparecchiata: il padre era un importante costruttore edile: e anche se ci piacerebbe molto, non è del tutto vero che il figlio abbia sperperato la fortuna del padre. Si è poi arricchito costruendo di tutto, grattacieli, palazzi, campi da golf, e soprattutto gettando nel corso degli anni le fondamenta di un’immagine da vincente ad usum della classe media.

È una specie di Silvio Berlusconi sotto steroidi, anche lui ha qualche problema con la legge per questioni di tasse, ma con l’IRS, l’Agenzia delle Entrate statunitense. Con il tycoon di Arcore condivide la stessa ossessione per la capigliatura: Trump però è potenziato col gene Briatore, e proprio Briatore ha condotto in Italia il format The Apprentice, che in US ha condotto Trump tra il 2006 e il 2015. Infine è anche un bel po’ razzista e di sicuro meno simpatico del Cavaliere, sempre per dare coordinate che in Italia siano riconoscibili.

 

 

Dicevamo: decisamente più di destra e assolutamente impresentabile Trump quindi, abilissimo a usare i media a suo vantaggio e con un’opinione di sé napoleonica, è partito da outsider totale per poi risalire la china, e diventare tra i papabili per sfidare il Partito Democratico alle elezioni del prossimo novembre.

Sottovalutato da tutti, soprattutto dal suo stesso partito, che ora si trova a fronteggiare l’ipotesi di spingersi troppo a destra per buona parte del suo bacino elettorale.

È interessante notare come oltreoceano il confronto tra Donald Trump e Silvio Berlusconi sia già venuto in mente a parecchi, e si rivedano gli stessi meccanismi di difesa della stampa che abbiamo visto nel ventennio berlusconiano. Si legge qualcosa su DailyBeast, dove i due sono addirittura “separati alla nascita”, o sul New York Times, dove viene anche proposto un giochino tra “questi due pagliacci” – questo suggerisce l’impaginazione a base di faccette buffe scontornate – della politica ai lati opposti dell’Oceano Atlantico.

Anche in Italia, per esempio su La Stampa, viene proposto un confronto tra i due, e tra le righe si legge “Cari americani che ci avete fatto la lezioncina per decenni, adesso tocca a voi“. Speriamo per loro di no.

Tre motivi per non augurare Trump a nessuno? Ce ne sarebbero decine. Il primo: dobbiamo toglierci dalla testa che il razzismo possa essere un valido elemento per vincere un’elezione, e Trump in tema ha dato il peggio. Dalla follia del muro lungo il confine del Messico, agli insulti agli immigrati messicani, definiti “stupratori e criminali”. Il secondo: uno che prende per il culo i disabili non lo vorrei nemmeno a presiedere la mia assemblea di condominio, figuriamoci gli Stati Uniti. Terzo? Trump è un american fascist. E i fascisti, un po’ a qualunque latitudine, non vanno bene, mai.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

5,00 €

SHOPPER "MI AMI Festival 2020"

Shopper ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Bag bianca cotone con illustrazione multicolor. La shopper che avresti voluto acquistare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
25,00 €

Maglietta de "Il Film del Concerto" di Andrea Laszlo De Simone

Maglietta in edizione limitata per il concerto di Andrea Laszlo De Simone.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di CT

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari CT L’opera di CT affonda le sue radici nella cultura del Writing. Dalle prime sperimentazioni, influenzate dagli stili più classici dei graffiti, è passato in modo progressivo ad una ricerca minuziosa capace di cogliere ed evidenziare i cambiamenti del paesaggio urbano. Le fascinazioni ricevute dai graffiti sono tuttavia presenti nelle fasi di questo processo: il soggetto-oggetto della sua analisi, le tecniche utilizzate ed in parte i luoghi scelti per i suoi interventi. L’interesse per il lettering si è quindi trasformato in espediente per lo studio della forma fino ad approdare, oggi, ad una ricerca più ampia relativa allo spazio e alle dinamiche contemporanee. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
17,00 €

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020”

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di StencilNoire

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari StencilNoire StencilNoire, classe ’75, vive e opera in un paesino del sud Italia, Massafra, dove le problematiche socio-culturali danno spunto quotidiano alle sue opere. Veterano dell’uso del colore, sin da bambino ha fatto dell’arte la sua più grande passione, sperimentando tutte le tecniche artistiche, dai colori a olio, al carboncino, all’aerografo, approdando, nel ’95, nella cultura dello stencil e dello sticker. Ha partecipato a numerosi eventi, sia a livello personale, che col gruppo «South Italy Street Art», del quale è co-fondatore. Fra gli ultimi eventi si annoverano le partecipazioni allo Jonio Jazz Festival, svoltosi a Faggiano (TA), al Calafrika music Festival svoltosi a Pianopoli (CZ), e a Residence Artistic in Country Secret Zone, un esperimento artistico di Street Art chiamato «Torrent 14» organizzato da Biodpi in collaborazione con Ortika, svoltosi a Sant’Agata de’Goti. Vincitore della giuria artisti del 1° Concorso Internazionale d’Arte su Vinile, organizzato dall’associazione Artwo in collaborazione con Ortika Street Art Lovers, dedicato a Domenico Modugno, in occasione dei 20 anni della sua scomparsa. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Thomas Raimondi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Thomas Raimondi Nato a Legnano (MI) il 17 Maggio 1981. Laureato al Politecnico di Milano in Design della Comunicazione. Graphic e visual designer freelance attivo nella scena underground con numerose pubblicazioni (Luciver Edition, Faesthetic, Belio, Le Dernier Cri, Laurence King.) e mostre in Italia e all’estero. Le ultime personali «Burn Your House Down» nel 2013 presso la galleria Kalpany Artspace di Milano (Circuito Rojo) e la residenza d’artista per Alterazioni Festival 2014, Arcidosso (GR) con l’istallazione site-specific «Inside/Outside». Lavora e ha lavorato per diverse realtà nazionali ed internazionali come VICE, Rolling Stone Magazine, Rockit, Mondadori, Men’s Health, Salomon, Motorpsycho, T-Post e molte altre. Nel 2008 ha ricoperto il ruolo di docente d’illustrazione presso l’accademia NABA di Milano continuando, a oggi, a collaborare con regolarità. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
10,00 €

-GIGA +FIGA

100% cotone Maglietta nera Serigrafia con slogan minimalista per nerd con stile. Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
10,00 €

Maglietta Amarti mi affatica

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con scritta "Amarti m'affatica".
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >