Society
di Gabriele Ferraresi 19 Febbraio 2016

Emily Ratajkowski, il problema di essere sexy

La modella e attrice ha raccontato le difficoltà della sua adolescenza e il rapporto con il suo corpo

Emily Ratajkowski Lenny - Emily Ratajkowski

 

Com’è crescere ed essere Emily Ratajkowski? Come si rapporta il mondo con te, quando a tredici anni sei fatta così? E dopo, una volta che sei diventata una modella famosa in tutto il mondo? Classe 1991, nata a Londra ma cresciuta in California, Emily Ratajkowski ha scritto un pezzo molto interessante per Lenny, la newsletter di Lena Dunham e Jenni Konner.

Forse quel pezzo deluderà il maschio italiano medio, quello dalla travolgente simpatia che sotto a ogni foto della pagina Facebook le scrive perle di fremdschämen* tipo #escile: ma quel che è importante è che è un pezzo interessante che ci racconta episodi della vita di una donna splendida e una modella famosa in tutto il mondo dall’adolescenza a oggi.

Sento già qualcuno dire “Eh vabbe’, ma se nasci Emily Ratajkowski potresti anche evitare di lamentarti”. Beep! Errore. Nonché ragionamento un po’ fallace, parente stretto del “Sei bella, stai zitta” e cugino di non saprei bene che grado, ma comunque parente di altri colpi di genio in stile “Eh, ma se l’è un po’ cercata, a vestirsi così”.

Ma stiamo su quel che ha raccontato Emily, per esempio a proposito delle insidie del mondo della moda, quando ci arrivi e sei appena entrata nell’adolescenza. “Quando avevo 15 anni, gli adulti della mia famiglia avevano paura del mio lavoro come modella. Avevano sentito storie terrificanti di uomini di mezza età che si approfittavano di ragazzine, o agenti che facevano pressione sulle modelle per far loro perdere peso. Fu abbastanza sorprendente, la parte più ccomplicata della mia adolescenza fu il rapporto con il mondo al di fuori del sistema della moda. Insegnanti, amici, adulti, ragazzi (…) non facevano caso alle loro gaffe, ai loro errori. I loro commenti colpivano nel vivo, e facevano molto male“. Tutti a dirle “copriti”, per farla breve. Ma perché dovrei coprirmi? Non guardarmi tu, no?

 

Emily Ratajkowski Instagram Emrata - Emily Ratajkowski

 

Invece, a proposito del rapporto che ogni ragazza e ogni donna dovrebbe avere con il proprio corpo, Emily scrive che “Ogni volta che mi guardo allo specchio nuda (…) sento quella voce dentro che mi dice di non mandare un messaggio sbagliato. Ma qual è questo messaggio esattamente? Che essere sexy è volgare, perché essere sexy vuol dire giocare con il desiderio degli uomini. Invece per me essere “sexy” ha a che fare con la bellezza, con l’espressione di se stessi, qualcosa che va celebrato, qualcosa che è meravigliosamente femminile (…) Mi rifiuto di vivere in un mondo dove devo vergognarmi e scusarmi. La vita non può essere dettata in base alla percezione degli altri, e spero che sia chiaro a tutti che il modo con cui il mondo si rapporta con la mia sessualità è un suo problema, non mio“.

*Traduzione: vergognarsi per qualcosa che fa qualcun altro

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

25,00 €

KIT GARDENER "MI AMI Festival 2020"

Kit GARDENER “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper due kit semi: un kit passiflora, peperoncino, melanzana e un kit mimosa, pisello, salvia Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Monica Bellucci Serigrafia di Checko's art

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Checko's art Nato nel 1977 a Lecce. Uno degli esponenti della Street Art italiana. Il suo percorso artistico ha inizio a Milano nel 1995 come writer. Attualmente abita al 167B «STREET», uno spazio fisico dedicato all’arte che, partendo dalla periferia (la 167B di Lecce, noto quartiere popolare), si propone come centro espositivo in continua mutazione. I suoi lavori si basano prettamente su murales, realizzati negli spazi pubblici, non solo con intento di riqualificare le zone grigie, ma per comunicare con le nuove generazioni. Ha partecipato a numerose mostre d’arte e contest collettivi in Italia e all’estero. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
25,00 €

Maglietta de "Il Film del Concerto" di Andrea Laszlo De Simone

Maglietta in edizione limitata per il concerto di Andrea Laszlo De Simone.  
5,00 €

SHOPPER "MI AMI Festival 2020"

Shopper ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Bag bianca cotone con illustrazione multicolor. La shopper che avresti voluto acquistare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
15,00 €

La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia

Scarica gratuitamente l'ebook de La Bella Nostalgia in tutti i formati QUI   "La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia" di Simone Stefanini parla di mode, film, telefilm, musica, porno, orrori e gioie di due decenni contrapposti di cui oggi abbiamo rivalutato ogni lascito. Una riflessione tragicomica sulla retromania in Italia, una macchina del tempo a metà tra la DeLorean di Ritorno al Futuro e la Bianchina di Fantozzi. 200 pagine - edizione limitata di 50 copie firmata e numerata dall'autore. Edizioni Brava Gente - Betterdays    
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Moneyless

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Moneyless Nato a Milano nel 1980 Teo Pirisi aka Moneyless. Per anni ha ricercato e investigato i diversi aspetti delle forme e degli spazi geometrici come artista visivo. Dopo essersi diplomato all’Accademia d’Arte di Carrara (corso multimedia), Teo ha frequentato un corso di Design della Comunicazione all’Isia di Firenze. Contemporaneamente sviluppa una carriera artistica che lo porta ad esibire i suoi lavori in spazi pubblici e luoghi abbandonati.Teo è anche graphic designer e illustratore freelance; negli ultimi anni ha partecipato a diverse esibizioni collettive e personali in Italia e nel mondo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
10,00 €

Maglietta unicorno Better Days

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con l'unicorno di ANDREA MININI realizzata per il Better Days Festival 2016.  
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >