Society
di Simone Stefanini 12 Novembre 2014

Dell’ Expo 2015 non c’ho capito niente

Il sito, la pubblicità con la cavalletta, i discorsi al bar. Alla fine non c’ho capito niente.

Ho un problema con l’Expo, piuttosto diretto: non c’ho capito niente. Metto le mani avanti: sono un sempliciotto, quindi ascrivo tutte le responsabilità alla mia debolezza mentale. In più sono di provincia, quindi figuriamoci proprio. La mia cultura post scolastica si basa su tre fonti attendibili: la televisione, internet, il bar. Dal telegiornale ho appreso che c’era questa cosa che avrebbe necessitato anni di lavori per presentare l’Italia al mondo o il mondo all’Italia, una cosa così. Che si faceva a Milano. Che c’hanno arrestato gente per via degli appalti truccati e della ‘ndrangheta. Tipo il ballo delle debuttanti per i manager. Ok interesse zero e sono andato avanti. Ma questa cosa dell’Expo si riproponeva, sentivo gente bramare un posto da standista. Allora è una fiera? Una mostra mercato? Un Lucca Comics per adulti? Quando domando ai miei colleghi milanesi, mi viene risposto “Sì poi abbiamo questi progetti per l’Expo”, “Ci saranno seratone, concerti” e io mica ce li vedo i manager nei club che frequento io.

Io sono abituato alle cose uno-due, cioè mettiamo mostra di Hopper: vado e c’è la mostra di Hopper. Concerto dei Pooh: vado e ci sono i Pooh (purtroppo senza Stefano D’Orazio). Questo contenitore galattico dal quale dipendono le sorti del Paese, mi sfugge. A peggiorare la situazione, ci si è messa la pubblicità. L’avete mai vista, quella che dice “Il cibo è vita” con la voce di Antonio Albanese?

Fa vedere il bambino che sugge il latte materno, gente che fa la pizza, cose tonde e vegetali, una cavalletta. Ecco, lì ho avuto problemi. Sarà che quando vado a Milano mi ospita sempre un’amica pugliese, ma di insettoni verdi lunghi una mano non si sono mai mangiati. A dire il vero, mi fanno anche un po’ senso da vivi, perché saltano. Comunque, buio completo.

Vado sul sito, trovo una foto di Papa Francesco. Daje. Sotto, un milione di paragrafini che spiegano progetti importanti che pare però non abbiano a che fare con la mia vita. Sarò superficiale, non ne sento l’empatia. Vedo invece, bello gigante, “acquista il tuo biglietto”. Poi staffette social, mappe 3D, Expo Gate, progetti per le scuole, sembra alla lunga una pubblicità di quelle in stile Oliviero Toscani, dove i tipi di tutte le etnie vivono sorridenti su sfondo bianco indossando capi di un solo stilista. No, il sito non mi viene granché incontro. Su Wikipedia, mi faccio un minimo di chiarezza ma proprio un minimo. Giusto per riassumere i punti fondamentali, casomai voleste parere acculturati nelle conversazioni dal parrucchiere:

– Expo 2015 sta per Esposizione Universale Milano 2015 e si svolge in tal loco dal 1° maggio al 31 ottobre 2015

– Il tema è “Nutrire il pianeta, energia per la vita” dunque i temi trattati (da chi? dove?) saranno l’innovazione, la tecnologia, la cultura e cose così per quanto riguarda il cibo che deve sfamare i ricchi e i poveri e che dev’essere sano.

– Abbiamo dato la merda a Atlanta, Las Vegas, New York e Mosca, dimostrandoci più preparati all’accoglienza.

– Ci saranno un fottìo di padiglioni degli espositori per ogni nazione partecipante. Tipo un’enorme festa dell’Unità dove al posto del porchettaro e della Feltrinelli ci sono la Germania e il Camerun. E da lì si impara a stare al mondo.

– La mascotte è un personaggio d’ispirazione arcimboldesca del quale allego descrizione Wikipedia: “Si tratta di una famiglia composta da: l’aglio, l’anguria, l’arancia, la banana, il fico, il mais blu, il mango, la mela, la melagrana, la pera e i ravanelli; i nomi sono, rispettivamente: Guagliò, Gury, Arabella, Josephine, Rodolfo, Max Mais, Manghy, Pomina, Chicca, Piera e i Rap Brothers. Sono personaggi che simboleggiano alimenti provenienti da tutto il mondo, ognuno con la sua personalità, simboleggiando la diversità e l’unione.”

125947419-10b53a0e-a3fe-44cd-a651-2b83b2c6cc34

Giungo dunque ad una riflessione che mi lascia basito: perchè nel paesino dove sto, per essere come i milanesi abbiamo aperto il McDonald’s e Milano invece ora la mena con la verdura? Magari ci faccio un giro e lo scopro proprio lì.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Inés Sastre Serigrafia di Alessandro Baronciani

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Baronciani Alessandro Baronciani vive a Pesaro e lavora a Milano come Art Director, grafico e illustratore. Ha lavorato per diverse agenzie pubblicitarie come direttore di campagne a cartoni animati. Le sue illustrazioni sono state stampate per molti brand come Martini, Coca Cola, Bacardi, Nestlè, Audi, Poste Italiane e Vodafone. Lavora per libri per bambini pubblicati da Mondadori, Feltrinelli e Rizzoli, quest’ultima ha anche pubblicato il suo primo libro, Mi ricci!, completamente pensato, scritto e illustrato da lui. Alessandro disegna fumetti. Ha pubblicato 3 libri di fumetti intitolati Una storia a fumetti, Quando tutto diventò blu e Le ragazze dello studio Munari. Per molti anni ha disegnato e pubblicato i suoi fumetti da solo, come un esperimento fai-da-te mai provato prima in Italia: i suoi fumetti venivano spediti in abbonamento e gli abbonati diventano parte delle storie che disegnava. Suona inoltre la chitarra e canta nella punk band di culto Altro. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

MANIFESTO "MI AMI Festival 2020"

MANIFESTO ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
15,00 €

Giulia Bersani - lucciole

  Giulia Bersani, fotografa. Classe 1992, vive a Milano. Fotografie scattate al MI AMI festival 2016 Formato: 21x15 cm Numero Pagine: 48 (+4 copertina) Edizione limitata 100 copie numerate, titolate e firmate dall'autore "Mi piace osservare come musica e buio tirino fuori il lato più istintivo delle persone. Si perde un pò di autocontrollo e ci si lascia guidare dalle proprie emozioni. Io mi sono lasciata libera di inseguire quello che istintivamente mi attraeva, così ho trovato baci, voglia di vivere e colori." (Giulia Bersani)  
15,00 €

Maglietta "La bellezza fa 40"

100% cotone Maglietta bianca Gildan Heavy Cotton Illustrazione di Alessandro Baronciani per la mostra "La bellezza fa 40" Serigrafata a mano da Corpoc.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di VitoManoloRoma

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari VitoManoloRoma Attualmente vive a Milano e lavora come freelance in qualità di grafico, illustratore, animatore e fumettista. Si forma presso il Liceo Artistico statale di Busto Arsizio, poi la compagnia di teatro sperimentale Radicetimbrica e termina gli studi al Politecnico di Milano dove si avvicina al Graphic Design. Durante i primi anni di professione come progettista e illustratore in alcuni studi di grafica milanesi, continua a disegnare e partecipa a mostre collettive di illustratori, fra le quali «Spaziosenzatitolo» (Roma), «Doppiosenso» (Beirut) e «Manifesta» (Milano). Con il collettivo di satira a fumetti L’antitempo fonda l’omonima rivista con la quale vince il Premio Satira 2013 come miglior realtà editoriale italiana. Appassionato di musica africana, afroamericana e jamaicana, colleziona vinili che seleziona con i collettivi Bigshot! e Soulfinger nei locali neri e non di Milano. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

Serigrafia Unicorno

Il bellissimo unicorno tutto righe di Andrea Minini  è una serigrafia ad 1 colore, di dimensioni 50x70 cm
7,00 €

T-SHIRT "MI AMI Festival 2020"

T-shirt ufficiale  “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids, sul retro lineup artisti. 100% cotone con illustrazione multicolor, disponibile nella variante colore bianca o viola. La t-shirt che avresti voluto indossare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Moneyless

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Moneyless Nato a Milano nel 1980 Teo Pirisi aka Moneyless. Per anni ha ricercato e investigato i diversi aspetti delle forme e degli spazi geometrici come artista visivo. Dopo essersi diplomato all’Accademia d’Arte di Carrara (corso multimedia), Teo ha frequentato un corso di Design della Comunicazione all’Isia di Firenze. Contemporaneamente sviluppa una carriera artistica che lo porta ad esibire i suoi lavori in spazi pubblici e luoghi abbandonati.Teo è anche graphic designer e illustratore freelance; negli ultimi anni ha partecipato a diverse esibizioni collettive e personali in Italia e nel mondo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >