Le foto proibite dalla Corea del Nord: il fotografo non potrà più tornare nel paese

Il fotografo francese ha scattato di nascosto queste immagini in Corea del Nord

Society
di Marco Villa facebook 19 maggio 2014 14:05
Le foto proibite dalla Corea del Nord: il fotografo non potrà più tornare nel paese

842757-c59935d6-dbf6-11e3-8125-0ad81a58de5e

La Corea del Nord è una nazione che spesso suscita ilarità per i suoi leader pittoreschi e per la devozione totale e assoluta che la popolazione deve avere per gli imbarazzanti capi di stato. Sarebbe bello poter scherzare in allegria sulle stranezze di quel paese, purtroppo però tocca anche fare i conti con un regime duro e fortemente restrittivo, che vuole essere il più possibile impermeabile, in entrambi i sensi. Nessuna influenza esterna, un controllo totale di ciò che esce dai confini.

Ecco perché una serie di fotografie scattate in Corea del Nord e pubblicate da un fotografo occidentale sono una notizia di non poco conto. Il fotografo si chiama Eric Lafforgue, è francese ed è stato diverse volte in Corea del Nord. Difficilmente, però, potrà tornarci. Il motivo? Le foto che vi mostriamo oggi, che raccontano fatti e situazioni che il regime vuole tenere nascosti. Non immaginatevi situazioni estreme: per il regime anche l’immagine di un soldato che riposa è negativa.

I soldati nordcoreani non devono mai essere fotografati mentre si riposano.

841048-f21299c2-dbf6-11e3-8125-0ad81a58de5e

 

Anzi, in generale non andrebbero mai fotografati.

853668-aef84ce0-dbf6-11e3-8125-0ad81a58de5e

 

E di sicuro bisogna evitare di mostrarli quando svolgono compiti non da militari.

853756-bdbbccfc-dbf6-11e3-8125-0ad81a58de5e

 

Fuori dai centri abitati la povertà è molto diffusa, ma nella versione progandistica non esiste in nessun luogo della Corea del Nord.

841074-ad3abe42-dbf6-11e3-8125-0ad81a58de5e

841128-a6af9638-dbf6-11e3-8125-0ad81a58de5e

 

La metropolitana della Corea del Nord è costruita molto in profondità ed è severamente proibito scattare qualsiasi tipo di immagine.

841100-9d4ba604-dbf6-11e3-8125-0ad81a58de5e

 

Il mercato nero è fortemente contrastato, il cosiddetto mercato grigio (quello dei piccoli venditori) è invece più tollerato:

854684-a9748ad6-dbf6-11e3-8125-0ad81a58de5e

 

Il Kimjongilia Festival si tiene ogni anno per festeggiare il compleanno del defunto Kim Jong-Il: in questa giornata i coreani sono obbligati a visitare i musei nazionali.

853941-ab880c76-dbf6-11e3-8125-0ad81a58de5e

 

La capitale Pyongyang è il volto pubblico del paese: gli esterni dei palazzi sono perfetti, ma se si riesce a superare l’ingresso le cose cambiano.

854781-98ff79f4-dbf6-11e3-8125-0ad81a58de5e

 

Hanno chiesto al fotografo di evitare di usare il flash di notte perché avrebbe spaventato le persone.

842589-e1ad94ba-dbf6-11e3-8125-0ad81a58de5e

 

Un bagno di una casa di campagna.

842617-b827311e-dbf6-11e3-8125-0ad81a58de5e

 

I trasporti tra le varie città sono pressoché inesistenti e servono permessi per spostarsi da una città all’altra. Sulle autostrade non è raro incontrare militari che fanno l’autostop.

842649-bbeeeec2-dbf6-11e3-8125-0ad81a58de5e

 

Non si possono mostrare immagini di povertà, ma nemmeno di ricchezza: questa Mercedes appartiene a un membro dell’elite del paese.

841371-c062497c-dbf6-11e3-8125-0ad81a58de5e

 

Nei due supermercati di Pyongyang si trova di tutto, ma solo i membri dell’elite possono permettersi di fare acquisti qui.

842978-d8ad5d78-dbf6-11e3-8125-0ad81a58de5e

 

Il delfinario di Pyongyang è uno dei vanti del regime, ma spesso il 99% del pubblico è composto da militari che fanno da figuranti.

842866-cb7ae922-dbf6-11e3-8125-0ad81a58de5e

843135-cd7e23d8-dbf6-11e3-8125-0ad81a58de5e

 

Il regime incoraggia i fotografi a realizzare scatti che comprendano anche computer. A volte, però, manca l’elettricità.

842920-e7a79b86-dbf6-11e3-8125-0ad81a58de5e

 

La fila per il bus.

855845-ff867c40-dbf6-11e3-8125-0ad81a58de5e

 

Una galleria d’arte al buio per un blackout elettrico.

856483-06a8e72e-dbf7-11e3-8125-0ad81a58de5e

 

 

 

Vi raccomandiamo:

COSA NE PENSI? (Sii gentile)