Society
di Marco Villa 19 Maggio 2014

Le foto proibite dalla Corea del Nord: il fotografo non potrà più tornare nel paese

Il fotografo francese ha scattato di nascosto queste immagini in Corea del Nord

842757-c59935d6-dbf6-11e3-8125-0ad81a58de5e

La Corea del Nord è una nazione che spesso suscita ilarità per i suoi leader pittoreschi e per la devozione totale e assoluta che la popolazione deve avere per gli imbarazzanti capi di stato. Sarebbe bello poter scherzare in allegria sulle stranezze di quel paese, purtroppo però tocca anche fare i conti con un regime duro e fortemente restrittivo, che vuole essere il più possibile impermeabile, in entrambi i sensi. Nessuna influenza esterna, un controllo totale di ciò che esce dai confini.

Ecco perché una serie di fotografie scattate in Corea del Nord e pubblicate da un fotografo occidentale sono una notizia di non poco conto. Il fotografo si chiama Eric Lafforgue, è francese ed è stato diverse volte in Corea del Nord. Difficilmente, però, potrà tornarci. Il motivo? Le foto che vi mostriamo oggi, che raccontano fatti e situazioni che il regime vuole tenere nascosti. Non immaginatevi situazioni estreme: per il regime anche l’immagine di un soldato che riposa è negativa.

I soldati nordcoreani non devono mai essere fotografati mentre si riposano.

841048-f21299c2-dbf6-11e3-8125-0ad81a58de5e

 

Anzi, in generale non andrebbero mai fotografati.

853668-aef84ce0-dbf6-11e3-8125-0ad81a58de5e

 

E di sicuro bisogna evitare di mostrarli quando svolgono compiti non da militari.

853756-bdbbccfc-dbf6-11e3-8125-0ad81a58de5e

 

Fuori dai centri abitati la povertà è molto diffusa, ma nella versione progandistica non esiste in nessun luogo della Corea del Nord.

841074-ad3abe42-dbf6-11e3-8125-0ad81a58de5e

841128-a6af9638-dbf6-11e3-8125-0ad81a58de5e

 

La metropolitana della Corea del Nord è costruita molto in profondità ed è severamente proibito scattare qualsiasi tipo di immagine.

841100-9d4ba604-dbf6-11e3-8125-0ad81a58de5e

 

Il mercato nero è fortemente contrastato, il cosiddetto mercato grigio (quello dei piccoli venditori) è invece più tollerato:

854684-a9748ad6-dbf6-11e3-8125-0ad81a58de5e

 

Il Kimjongilia Festival si tiene ogni anno per festeggiare il compleanno del defunto Kim Jong-Il: in questa giornata i coreani sono obbligati a visitare i musei nazionali.

853941-ab880c76-dbf6-11e3-8125-0ad81a58de5e

 

La capitale Pyongyang è il volto pubblico del paese: gli esterni dei palazzi sono perfetti, ma se si riesce a superare l’ingresso le cose cambiano.

854781-98ff79f4-dbf6-11e3-8125-0ad81a58de5e

 

Hanno chiesto al fotografo di evitare di usare il flash di notte perché avrebbe spaventato le persone.

842589-e1ad94ba-dbf6-11e3-8125-0ad81a58de5e

 

Un bagno di una casa di campagna.

842617-b827311e-dbf6-11e3-8125-0ad81a58de5e

 

I trasporti tra le varie città sono pressoché inesistenti e servono permessi per spostarsi da una città all’altra. Sulle autostrade non è raro incontrare militari che fanno l’autostop.

842649-bbeeeec2-dbf6-11e3-8125-0ad81a58de5e

 

Non si possono mostrare immagini di povertà, ma nemmeno di ricchezza: questa Mercedes appartiene a un membro dell’elite del paese.

841371-c062497c-dbf6-11e3-8125-0ad81a58de5e

 

Nei due supermercati di Pyongyang si trova di tutto, ma solo i membri dell’elite possono permettersi di fare acquisti qui.

842978-d8ad5d78-dbf6-11e3-8125-0ad81a58de5e

 

Il delfinario di Pyongyang è uno dei vanti del regime, ma spesso il 99% del pubblico è composto da militari che fanno da figuranti.

842866-cb7ae922-dbf6-11e3-8125-0ad81a58de5e

843135-cd7e23d8-dbf6-11e3-8125-0ad81a58de5e

 

Il regime incoraggia i fotografi a realizzare scatti che comprendano anche computer. A volte, però, manca l’elettricità.

842920-e7a79b86-dbf6-11e3-8125-0ad81a58de5e

 

La fila per il bus.

855845-ff867c40-dbf6-11e3-8125-0ad81a58de5e

 

Una galleria d’arte al buio per un blackout elettrico.

856483-06a8e72e-dbf7-11e3-8125-0ad81a58de5e

 

 

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Locandina de "Il Film del Concerto" di Andrea Laszlo De Simone

Locandina numerata e autografata del Film del Concerto di Andrea Laszlo De Simone con l'Immensità Orchestra, in triennale di Milano. L'illustrazione originale della locandina è a cura di Irene Carbone, illustratrice e fumettista torinese con studi alla Scuola Internazionale di Comics, dal 2015 nel duo creativo Irene&Irene e da tempo coinvolta nel progetto Andrea Laszlo De Simone per la realizzazione delle copertine dei dischi "Immensità" ed "Ecce Homo", i video d'animazione "11:43" e "Sparite Tutti", oltre ad aver ideato la creatività della cover digitale di "VIVO". Per “Il Film Del Concerto” ha realizzato a mano un'opera che riconduce al migliore immaginario cinematografico di Federico Fellini. L'opera sarà stampata in pochissime copie in edizione limitata, autografate dagli artisti.  
10,00 €

-GIGA +FIGA

100% cotone Maglietta nera Serigrafia con slogan minimalista per nerd con stile. Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
28,00 €

KIT "MI AMI Festival 2020"

KIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper un kit semi misti a scelta una lattina bevanda del desiderio Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
17,00 €

KIT DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL DESIDERIO “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper quattro lattine Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
15,00 €

Giulia Bersani - lucciole

  Giulia Bersani, fotografa. Classe 1992, vive a Milano. Fotografie scattate al MI AMI festival 2016 Formato: 21x15 cm Numero Pagine: 48 (+4 copertina) Edizione limitata 100 copie numerate, titolate e firmate dall'autore "Mi piace osservare come musica e buio tirino fuori il lato più istintivo delle persone. Si perde un pò di autocontrollo e ci si lascia guidare dalle proprie emozioni. Io mi sono lasciata libera di inseguire quello che istintivamente mi attraeva, così ho trovato baci, voglia di vivere e colori." (Giulia Bersani)  
5,00 €

KIT SEMI "MI AMI Festival 2020": MIMOSA, PISELLO, SALVIA

Kit semi misti “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Il desiderio che avresti voluto piantare. Il kit ufficiale contiene: Mimosa Pudica Denominata anche la Sensitiva, la Mimosa Pudica è così casta che basta sfiorarla per innescare una timida reazione nei suoi rami. Al minimo tocco, infatti, le foglie si ripiegano su se stesse, mentre il picciolo si abbassa, creando un danzante movimento con i suoi leggeri fiori rotondi. Oltre a fuggire da incontri hot con oggetti e persone, questo comportamento la caratterizza nelle ore notturne, evitando così incontri ravvicinati. Pisello Viola Désirée Il Pisello Viola è un varietà molto antica, dall’aspetto affascinante per il suo insolito colore, al suo interno, invece, conserva la sua tipica tinta verde. Come ogni varietà è un simbolo -oltre fallico- lunare, nei sogni infatti è sinonimo di fecondità. Molto apprezzato per il suo sapore delicato è l’ideale per zuppe e principesse dal gusto raffinato e desiderose di riposare su un raro ortaggio. Salvia Rossa Famosa per essere utilizzata da Cleopatra come afrodisiaco, la Salvia è una pianta carica di proprietà. Oltre ad accendere la libido negli amanti, è portatrice di sogni profetici, piacere fisico e fertilità. La forma e l’aspetto rugoso del fogliame le donano la nomina di lingua vegetale, per gli animi più romantici la Salvia Splendens, o Rossa, ricorda la sagoma di un cuore. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l’uso che preferite. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
10,00 €

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020”

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper un kit passiflora, peperoncino, melanzana un kit mimosa, pisello, salvia Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Moneyless

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Moneyless Nato a Milano nel 1980 Teo Pirisi aka Moneyless. Per anni ha ricercato e investigato i diversi aspetti delle forme e degli spazi geometrici come artista visivo. Dopo essersi diplomato all’Accademia d’Arte di Carrara (corso multimedia), Teo ha frequentato un corso di Design della Comunicazione all’Isia di Firenze. Contemporaneamente sviluppa una carriera artistica che lo porta ad esibire i suoi lavori in spazi pubblici e luoghi abbandonati.Teo è anche graphic designer e illustratore freelance; negli ultimi anni ha partecipato a diverse esibizioni collettive e personali in Italia e nel mondo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >