Society
di Gabriele Ferraresi 27 Febbraio 2018

Ma il freddo fa venire il raffreddore? L’abbiamo chiesto a un medico

Il raffreddore è un virus, quindi in teoria il freddo non c’entra niente. In teoria…

Autunno e inverno, stagioni di malanni: il più fastidioso è sicuramente il raffreddore. Ma il raffreddore c’entra davvero con il freddo?

È una domanda sensata da farsi: perché il raffreddore è un virus, e in teoria il freddo non c’entra niente. Possiamo anche stare nudi nella neve per un’ora, ma se non entriamo in contatto con il virus saremo sani come un pesce: magari infreddoliti, ma non raffreddati, virologicamente parlando.

Per avere un parere esperto sulla questione, su cui da generazioni nonne, madri e figli si scannano senza trovare una risposta valida al “Copriti!” ho contattato il Dr. Fabrizio Colombo, Direttore del Dipartimento Medico – Polispecialistico dell’Ospedale di Niguarda.

Dr. Colombo: il raffreddore è davvero causato dal freddo, c’è una correlazione?
Ci sono diversi studi: il raffreddore fa parte delle infezioni delle vie aeree superiori, e come tutte le infezioni delle vie aeree superiori è vero che ha una correlazione col freddo. Perché il freddo diminuisce l’immunità, le cellule di difesa e la motilità delle ciglia delle vie respiratorie, in modo tale che si possano espellere le goccioline virali. Per il raffreddore, cioè per il rhinovirus, la relazione con il freddo c’è: ma è anche vero che il raffreddore è il virus più altamente trasmissibile di tutti i virus, e ha la particolarità di morire a 41° e replicarsi 33°. E 33° è la temperatura dell’aria che entra nel naso di solito, anche quando non fa freddo. E lì il virus si replica.

Il raffreddore però è un virus che ci colpisce più d’inverno
Sì, il freddo contribuisce, ma è anche vero che il virus vive negli ambienti chiusi, e d’inverno cambiamo meno l’aria. Il virus c’è anche d’estate: ma d’inverno abbiamo più contatti, usiamo di più i mezzi pubblici, le aule sono affollate, negli uffici circola poca aria… e dove c’è gente al chiuso c’è trasmissione del virus.

Cosa possiamo fare per evitare di prendercelo, il raffreddore?
Il problema è che il virus è altamente diffusibile, e che il principale mezzo di diffusione sono le mani. Ogni volta che si dà la mano a qualcuno, oppure quando tocchiamo una maniglia, il virus potrebbe contagiarci. Il lavaggio più frequente delle mani è utile: meglio lavarsi le mani una volta in più che mettersi la mascherina.

Oppure andare in bici invece di prendere i mezzi pubblici
Bravo, evitare gli ambienti affollati.

Mettiamo che ce lo siamo preso il raffreddore: le nonne dicevano che impiega tre giorni per andare e tre giorni per andare via
È vero, c’è poco da fare: nessuna terapia per un individuo sano, al massimo qualche antistaminico per liberare il naso, qualche antinfiammatorio…

Per cui abbiamo una risposta: sì, il raffreddore è un virus, sì, il freddo è correlato con il contagio, ma non ne è la causa diretta. Ho voluto approfondire ulteriormente il tema con un altro parere medico, contattando il Centro Medico Sant’Agostino di Milano, dove vengo indirizzato alla pediatra Marinella Lavelli che ha già affrontato il tema della correlazione raffreddore / freddo, elencando 10 falsi miti da sfatare sul raffreddore.

In prima posizione cosa troviamo? Proprio la correlazione tra raffreddore e freddo, dove leggo: “Il raffreddore non è causato dal freddo – Con il termine di raffreddore s’intende un insieme di sintomi come scolo dal naso, tosse, febbricola, che sono provocati da un’infezione virale. Il freddo c’entra poco. Possiamo dire che alcune condizioni favoriscono l’aderenza dei virus. Un importante stress termico, come passare da un ambiente molto caldo ad uno molto freddo senza adeguare l’abbigliamento, può essere una condizione favorente“.

E prosegue ancora: “Questo non vuol dire che il freddo dell’ambiente esterno sia la causa del raffreddore, ma può spiegare l’origine del termine. Per chiarire, se parlo di stress termico, intendo un brusco passaggio da una condizione a un’altra. Giocare a calcio al parco in pieno inverno coperti solo con un maglioncino leggero e coprirsi meglio alla fine del gioco non è affatto dannoso per la salute. Lo è invece restare in un ambiente molto caldo con giacche e cappotti e poi uscire al freddo con una temperatura corporea troppo alta e coperti di sudore“.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

70,00 €

SERIGRAFIA "SE MI AMI VALE TUTTO" - ed. limitata firmata - MI AMI 2014

Serigrafia ufficiale della 10° edizione del MI AMI 2014 dimensioni: 50x50 cm stampata a 2 colori (nero + argento) edizione limitata di 50 esemplari ognuna numerata e firmata dall'artista disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc venduta non incorniciata (spedita arrotolata in un tubo) disponibili anche la versione UOMO+UOMO e DONNA+DONNA Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
17,00 €

KIT DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL DESIDERIO “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper quattro lattine Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
25,00 €

KIT GARDENER "MI AMI Festival 2020"

Kit GARDENER “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper due kit semi: un kit passiflora, peperoncino, melanzana e un kit mimosa, pisello, salvia Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di StencilNoire

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari StencilNoire StencilNoire, classe ’75, vive e opera in un paesino del sud Italia, Massafra, dove le problematiche socio-culturali danno spunto quotidiano alle sue opere. Veterano dell’uso del colore, sin da bambino ha fatto dell’arte la sua più grande passione, sperimentando tutte le tecniche artistiche, dai colori a olio, al carboncino, all’aerografo, approdando, nel ’95, nella cultura dello stencil e dello sticker. Ha partecipato a numerosi eventi, sia a livello personale, che col gruppo «South Italy Street Art», del quale è co-fondatore. Fra gli ultimi eventi si annoverano le partecipazioni allo Jonio Jazz Festival, svoltosi a Faggiano (TA), al Calafrika music Festival svoltosi a Pianopoli (CZ), e a Residence Artistic in Country Secret Zone, un esperimento artistico di Street Art chiamato «Torrent 14» organizzato da Biodpi in collaborazione con Ortika, svoltosi a Sant’Agata de’Goti. Vincitore della giuria artisti del 1° Concorso Internazionale d’Arte su Vinile, organizzato dall’associazione Artwo in collaborazione con Ortika Street Art Lovers, dedicato a Domenico Modugno, in occasione dei 20 anni della sua scomparsa. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

Borsa "La bellezza fa 40"

La borsa ufficiale della mostra "La bellezza fa 40" disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc. Bag bianca cotone con illustrazione nera.  
5,00 €

MANIFESTO "MI AMI Festival 2020"

MANIFESTO ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
28,00 €

KIT "MI AMI Festival 2020"

KIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper un kit semi misti a scelta una lattina bevanda del desiderio Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >