Society
di Marco Villa 22 Aprile 2016

No, i giocatori del Milan non hanno fatto l’haka (ma la figuraccia rimane)

La danza rituale faceva parte di una campagna pubblicitaria di Nivea

acmilan-haka

 

Ieri sera si è giocata Milan-Carpi, partita inserita nel programma della 34esima giornata del campionato di Seria A – Tim. La partita è finita 0-0, per la delusione dei tifosi del Milan, l’ennesima di una stagione insipida. Nonostante l’inutilità del risultato, la partita resterà nella storia per un altro motivo: la danza rituale praticata da 11 uomini in maglia rossonera prima della partita.

Immaginatevi la scena: siete allo stadio e vedete le squadre entrare in campo. Diversamente dal solito, però, non si piazzano nel cerchio di centrocampo, ma sulla linea dell’area di rigore. Quelli con la maglia bianca del Carpi si mettono su un’unica fila abbracciati, quelli con la maglia del Milan si posizionano su tre file. E iniziano a fare una danza. Sì, una danza rituale tipo l’haka della nazionale neozelandese di rugby.

 

Nel giro di pochissimi minuti, la scena finisce online, condivisa da pagine Facebook di tifosi con le mani nei capelli, convinti che gli undici rossoneri coinvolti nella danza fossero i giocatori. Reazioni scomposte che si sono moltiplicate, fino a trasformare in virale il video e la danza, che ha raggiunto anche siti stranieri di ogni tipo, da quelli di sport a bibbie della cultura pop come Mashable.

Nel frattempo, il Milan pubblicava un tweet in cui spiegava che si trattava di un’iniziativa di Nivea, il celebre marchio di prodotti di bellezza che è sponsor della squadra rossonera.

 

 

Eh sì, era l’haka della cremina da spalmare sulle guance e sul contorno occhi. Dalla mano che spalma la crema al facepalm il passo è breve: il fatto che si trattasse di attori e non dei calciatori del Milan non ha cambiato molto la faccenda. In primo luogo perché secondo le leggi del virale, è difficile cambiare la versione originaria di una storia, quindi saranno e resteranno tantissimi i fan e gli appassionati convinti che quelli fossero i veri giocatori. In secondo luogo perché per un tifoso si tratta comunque di vilipendio dell’oggetto più sacro che esista: la maglia. Chiunque segua il calcio è sceso a patti con il fatto che la parte più romantica di questo sport sia stata messa in un angolo dal business, ma finora le squadre avevano tentato di salvare almeno la dignità. Fino a ora, perché l’haka della cremina spazza via tutto questo, almeno per quanto riguarda il Milan.

Riavvolgendo il nastro, a questo punto si potrebbe tornare a qualche giorno fa, quando in una conferenza stampa piuttosto incomprensibile era stato presentato un mental coach neozelandese. Probabilmente si trattava del prologo a questa pagliacciata: due epic fail su due, niente male come campagna pubblicitaria.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

5,00 €

SHOPPER "MI AMI Festival 2020"

Shopper ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Bag bianca cotone con illustrazione multicolor. La shopper che avresti voluto acquistare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
15,00 €

Maglietta Better Days calligrafica

100% cotone Modello unisex Serigrafia con scritta "Better Days" creata da calligrafo Bizantino Perché c'è sempre bisogno di giorni migliori
5,00 €

BEVANDA DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

Lattina ufficiale “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l'uso che preferite. La bevanda che avresti voluto bere.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
15,00 €

Serigrafia Unicorno

Il bellissimo unicorno tutto righe di Andrea Minini  è una serigrafia ad 1 colore, di dimensioni 50x70 cm
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Martina Merlini

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Martina Merlini Martina Merlini, artista visiva bolognese, classe 1986, vive e lavora a Milano. Il percorso artistico di Martina Merlini si snoda multiformemente nel solco dell’esplorazione, coinvolgendo una pluralità di tecniche, materiali e supporti che convergono nella ricerca di un equilibrio formale delicatamente costruito sull’armonia di elementi astratti e geometrici. Attiva dal 2009, ha esposto in numerose gallerie europee e americane. Dal 2010 al 2013, insieme a Tellas, intraprende il progetto installativo Asylum, che viene presentato a Palermo, Bologna, Milano e Foligno. Nell’estate del 2012 viene invitata a partecipare a Living Walls, primo festival di Street Art al femminile, ad Atlanta. Nel dicembre 2013 inaugura la sua seconda personale, «Wax» all’interno degli spazi di Elastico, Bologna, dove indaga l’utilizzo della cera come medium principale del suo lavoro, ricerca approfondita nella sua prima personale americana, «Starch, Wax, Paper & Wood», presso White Walls & Shooting Gallery, San Francisco. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di VitoManoloRoma

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari VitoManoloRoma Attualmente vive a Milano e lavora come freelance in qualità di grafico, illustratore, animatore e fumettista. Si forma presso il Liceo Artistico statale di Busto Arsizio, poi la compagnia di teatro sperimentale Radicetimbrica e termina gli studi al Politecnico di Milano dove si avvicina al Graphic Design. Durante i primi anni di professione come progettista e illustratore in alcuni studi di grafica milanesi, continua a disegnare e partecipa a mostre collettive di illustratori, fra le quali «Spaziosenzatitolo» (Roma), «Doppiosenso» (Beirut) e «Manifesta» (Milano). Con il collettivo di satira a fumetti L’antitempo fonda l’omonima rivista con la quale vince il Premio Satira 2013 come miglior realtà editoriale italiana. Appassionato di musica africana, afroamericana e jamaicana, colleziona vinili che seleziona con i collettivi Bigshot! e Soulfinger nei locali neri e non di Milano. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
25,00 €

Maglietta de "Il Film del Concerto" di Andrea Laszlo De Simone

Maglietta in edizione limitata per il concerto di Andrea Laszlo De Simone.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Thomas Raimondi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Thomas Raimondi Nato a Legnano (MI) il 17 Maggio 1981. Laureato al Politecnico di Milano in Design della Comunicazione. Graphic e visual designer freelance attivo nella scena underground con numerose pubblicazioni (Luciver Edition, Faesthetic, Belio, Le Dernier Cri, Laurence King.) e mostre in Italia e all’estero. Le ultime personali «Burn Your House Down» nel 2013 presso la galleria Kalpany Artspace di Milano (Circuito Rojo) e la residenza d’artista per Alterazioni Festival 2014, Arcidosso (GR) con l’istallazione site-specific «Inside/Outside». Lavora e ha lavorato per diverse realtà nazionali ed internazionali come VICE, Rolling Stone Magazine, Rockit, Mondadori, Men’s Health, Salomon, Motorpsycho, T-Post e molte altre. Nel 2008 ha ricoperto il ruolo di docente d’illustrazione presso l’accademia NABA di Milano continuando, a oggi, a collaborare con regolarità. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >