Society
di Simone Stefanini 14 Febbraio 2017

Non si può morire a 16 anni per un paio di canne in Italia nel 2017

Nel genovese, un ragazzo di 16 anni si è gettato dal balcone dopo che la Guardia di Finanza gli ha perquisito la casa per 20 grammi di hashish

Una foto d’archivio della Guardia di Finanza in azione l'adigetto - Una foto d’archivio della Guardia di Finanza in azione

 

Secondo la notizia riportata dal Corriere della Sera, ieri, durante un controllo di routine della Guardia di Finanza davanti al liceo scientifico Giannelli di Chiavari, un ragazzo di 16 anni viene trovato con 10 grammi di hashish nella tasca dei pantaloni.

Incalzato dalle domande, il ragazzo svela agli agenti che ne ha un altro po’ a casa. Passato mezzogiorno, le Fiamme Gialle bussano a casa del ragazzo per cercare l’hashish. Ne trovano altri 10 grammi nel nascondiglio che il ragazzo aveva detto e informano il padre e la madre del sedicenne, i quali sgridano loro figlio, mentre la Guardia di Finanza controlla la sua camera.

Sono quasi le 13 quando il ragazzo esce sul balcone e si getta nel vuoto, dal terzo piano dove viveva con la famiglia. Muore durante il trasporto in ospedale.

Abbiamo letto la notizia ieri sera e ne siamo rimasti sconvolti. Come al solito, quando si parla di canne e giovani, escono fuori pareri di psichiatri, psicologi, sociologi e quant’altro per trovare un senso alla scelta, quella del suicidio, sulla quale non c’è davvero nessuna parola da spendere, in quanto atto intimo e definitivo.

 

La palazzina a Lavagna (GE) dalla quale si è gettato il ragazzo lastampa - La palazzina a Lavagna (GE) dalla quale si è gettato il ragazzo

 

Il Generale  Renzo Nisi della GdF di Genova parla di “distanza enorme tra il controllo iniziale, il fatto contestato, la possibile conseguenza che non avrebbe avuto alcun rilievo penale e quel dramma che è successo poi”. Restiamo di nuovo a bocca aperta, se non ci si rende conto di quanto possano spaventare gli uomini in divisa che ti perquisiscono la camera, come se avessero scoperto il nascondiglio di un redivivo Pablo Escobar, un gesto che incute un terrore enorme in un adolescente e che forse poteva essere evitato.

Pensate ai vicini che vedono le guardie entrarti in casa, i genitori sbigottiti e arrabbiati coi quali sai che alla fine della perquisizione dovrai fare i conti, la paura del processo, è tutto più grande di te. Se ci mettiamo nei suoi panni, di sedicenne spaventato, possiamo arrivare a capire l’angoscia senza fine che deve aver provato questo ragazzo.

Se si arriva a questo punto, potrebbe essere anche a causa di un’attitudine delle forze dell’ordine, troppo spesso dura con dei ragazzi, trattati alla stessa stregua di criminali. Lo Stato italiano perde 122 miliardi di € l’anno a causa dell’evasione fiscale e se mettiamo gli agenti della GdF a perquisire gli adolescenti davanti alle scuole per cercare un cinquantino di fumo, probabilmente ne togliamo alla lotta all’evasione, dal momento che la GdF spesso è in carenza d’organico.

Qualcuno potrebbe dire che anche il mercato della droga crea evasione fiscale, ma a quello ci sarebbe un’unica soluzione: legalizzazione.

 

 corriere.it

In Colorado, luogo in cui la marijuana è diventata legale nel 2012, è proibito fumare davanti a bambini oppure in strada, il tutto va fatto nella più assoluta discrezione eppure da quando è legale non è avvenuto il temuto aumento di consumo tra gli adolescenti e gli introiti fiscali sono saliti di quasi 5 milioni di dollari in più, fondi che vengono poi destinati per progetti sociali e scuole.

Per evitare che tragedie del genere accadano ancora, dovremmo applicare un po’ di buonsenso sulle misure prese dalle forze dell’ordine con l’obiettivo di spaventare i ragazzi (dal momento che come detto dal Generale, l’azione non avrebbe avuto alcun rilievo penale) e riaprire la discussione sulla depenalizzazione delle droghe leggere.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Monica Bellucci Serigrafia di Checko's art

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Checko's art Nato nel 1977 a Lecce. Uno degli esponenti della Street Art italiana. Il suo percorso artistico ha inizio a Milano nel 1995 come writer. Attualmente abita al 167B «STREET», uno spazio fisico dedicato all’arte che, partendo dalla periferia (la 167B di Lecce, noto quartiere popolare), si propone come centro espositivo in continua mutazione. I suoi lavori si basano prettamente su murales, realizzati negli spazi pubblici, non solo con intento di riqualificare le zone grigie, ma per comunicare con le nuove generazioni. Ha partecipato a numerose mostre d’arte e contest collettivi in Italia e all’estero. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

MANIFESTO "MI AMI Festival 2020"

MANIFESTO ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
17,00 €

KIT DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL DESIDERIO “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper quattro lattine Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
5,00 €

Borsa "MI AMI Festival 2017"

La borsa ufficiale del “MI AMI Festival 2017” disegnata da Viola Niccolai serigrafata a mano da Legno. Bag bianca cotone con illustrazione rosa.
10,00 €

Maglietta Amarti mi affatica

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con scritta "Amarti m'affatica".
15,00 €

MAGLIETTA MI AMI 2019 BIANCA

Maglietta t-shirt American Apparel N2001W bianca, con illustrazione  completa del MI AMI FESTIVAL 2019 di Andrea De Luca davanti e lineup artisti dietro.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Martina Merlini

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Martina Merlini Martina Merlini, artista visiva bolognese, classe 1986, vive e lavora a Milano. Il percorso artistico di Martina Merlini si snoda multiformemente nel solco dell’esplorazione, coinvolgendo una pluralità di tecniche, materiali e supporti che convergono nella ricerca di un equilibrio formale delicatamente costruito sull’armonia di elementi astratti e geometrici. Attiva dal 2009, ha esposto in numerose gallerie europee e americane. Dal 2010 al 2013, insieme a Tellas, intraprende il progetto installativo Asylum, che viene presentato a Palermo, Bologna, Milano e Foligno. Nell’estate del 2012 viene invitata a partecipare a Living Walls, primo festival di Street Art al femminile, ad Atlanta. Nel dicembre 2013 inaugura la sua seconda personale, «Wax» all’interno degli spazi di Elastico, Bologna, dove indaga l’utilizzo della cera come medium principale del suo lavoro, ricerca approfondita nella sua prima personale americana, «Starch, Wax, Paper & Wood», presso White Walls & Shooting Gallery, San Francisco. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
35,00 €

Agricane Serigrafia di DEM

Serigrafia a due colori, dimensioni 20x30 cm Edizione limitata di 40 esemplari DEM Come un moderno alchimista, DEM crea personaggi bizzarri, creature surreali abitanti di un livello nascosto nel mondo degli umani. Eclettico e divertente, attraverso muri dipinti, illustrazioni e installazioni ricche di allegorie, lascia che sia lo spettatore a trovare la chiave per il suo enigmatico e arcano mondo. Oltre ad avere vecchie fabbriche ed edifici abbandonati come sfondo abituale ai suoi lavori, DEM è stato anche ospite alla Oro Gallery di Goteborg e ha preso parte a esposizioni importanti come «Street Art, Sweet Art» (PAC, Milano), «Nomadaz» (Scion Gallery, Los Angeles), «Original Cultures» (Stolen Space Gallery, London) and «CCTV» (Aposthrofe Gallery, Hong Kong). Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >