Society
di Simone Stefanini 9 Aprile 2015

I 5 peggiori luoghi in assoluto dove fare sesso

Dai, si vede dalle facce che non siete amanti del pericolo. Veramente, non è il caso.

Casa dei genitori

tumblr_lv8h4mssla1qc1vfso1_500

Questa location, anticamente all’appannaggio esclusivo degli under 30, oggi vive una seconda giovinezza grazie alla crisi. È lì che l’uomo (o la donna) moderno passa la maggior parte del tempo, chiuso in un’angusta cameretta che ormai ha adibito a stanza pubblicitaria dell’Ikea, giusto per darsi una parvenza di maturità, mentre fuori dalla porta gli anziani genitori non vedono letteralmente l’ora che si tolga dai coglioni. Lì ascolta la musica, guarda i film, invita gli amici e le amiche. Dopo una serata di quelle indimenticabili in discoteca, in un club o in un ristorante alla moda, vuoi anche per l’altissimo dosaggio di Long Island, riesce ad imbroccare la tipa (a conquistare la ragazza dei suoi sogni) e dopo fugaci limonate nelle stradine buie, si convince a portarla a casa sua, glissando sul  fatto che proprio sua non è. In modalità berserker porta la ragazza nella sua stanza, occhi rossi, il termometro della libido impazzito. I suoi sono a dormire, ma questo lo sa solo lui. “Che casa particolare” dice lei sull’uscio, guardando il centrotavola ed i soprammobili di Thun, lui bofonchia un “mi piace il vintage dai vieni con me” ma lei ha sete e poi deve andare in bagno. Sta parlando ad alto volume, lui le dice “piano che svegli i vicini” nonostante la casa abbia mura medievali. Riescono nell’intento di raggiungere la camera da letto, si spogliano, due preliminari alcolici e via al sodo, lui è in trance agonistica, lei urla, poi si gira ed urla davvero guardando l’anziana madre di lui in vestaglia sulla porta che sta fissando il porno domestico in preda all’orrore, impietrita, a bocca aperta come la prima morta di The Ring. Lui bestemmia, copre lei, si copre, rosso in volto per la vergogna, la libido è ormai roba di cent’anni fa, la tipa chiede “scusi” venti volte mentre se ne va a piedi e niente. Forse era meglio farlo in macchina.

 

Auto parcheggiata

giphy

La dannazione di ogni peccatore della carne. Tra i mille pericoli in agguato: il solerte sbirro che vi porta in galera tra il pubblico disprezzo, l’orrendo guardone che si fa le pippe, i compagni di merende pronti al massacro, gli amici di lei o di lui che vi sgamano e il giorno dopo gossip, animali selvatici, leggende metropolitane, mostri della Hammer, Jason di Venerdì 13. Ma niente, dico niente è più pericoloso dell’autovettura stessa. I sedili cedevoli o peggio ancora che si chiudono a libro, ingoiando il sexy passeggero, il volante, le cinture ed il re del disagio: il cambio. Non sono infrequenti le vittime di quella diavoleria dalla forma fallica, nata per sabotare il sesso in auto e per provocare gite al pronto soccorso ai maschi adulti che hanno provato la mossa del giaguaro senza riuscirci. Forse era meglio farlo nel cesso del locale.

 

Cesso del locale

bathroomsex

Teatro e genesi delle migliori storie romantiche, da Romeo e Giulietta ai Promessi Sposi, il cesso del locale verso una certa è il luogo più salubre dove fare l’amore, spesso coadiuvato da una bella vomitata nel mezzo. Tra le persone che bussano fuori e le condizioni igieniche tipo fogne di Mumbai, è il luogo ideale, anche a livello organolettico, per tentare approcci di tipo carnale. Un tripudio di amore devastante che di solito culmina col matrimonio e con la coppia che si sussurra all’orecchio le parole de “La Cura” di Battiato, stringendosi la mano e pensando ai nomi per i futuri figli. “Ma guarda, anche a te piace Arturo! È il mio nome preferito, sono proprio contento di averti trovato… ah a proposito, come ti chiami?”. Oltretutto, a seconda della posizione, il rischio di scivolare tra i resti organici umani è davvero reale, con conseguente voglia di morire. Forse era meglio farlo all’aperto, tanto non ci vede nessuno.

 

All’aperto tanto non ci vede nessuno

tumblr_ma0kjniGuq1r0rutno1_500

Sì credici. Quando pensi di aver trovato la perfetta combinazione di ombra, riparo frascaceo, zona senza alcun accesso, ecco che senti qualcuno che parla lì vicino e allora sei costretto a nasconderti come Frodo e Sam quando passano i cavalieri neri (o come si chiamano) nel primo Signore degli Anelli. Non c’è salvezza e tu non sei spigliato come quelli dei video cecoslovacchi che lo fanno in autostrada mentre passano le macchine, quindi la situazione presto precipita. Avete capito il doppio senso vero? Forse era meglio farlo sul tavolo d’ufficio. Forse era meglio non uscire.

 

Non uscire

880942

Una bella maratona di serie tv, un film coreano sub ita, chattare su Facebook, fare le flessioni, preparare un dolce, fingersi malato, trovare uno straccio di occupazione solitaria. Basta non uscire ed il gioco è fatto. A meno che non siate di quei marpioni che gradiscono il cybersesso pensando di essere al sicuro ed il giorno dopo si ritrovano su YouPorn categoria Imbranati. È un mondo difficile gente, non resta altro che trovarsi un lavoro e prendersi una casa propria.

Buona fortuna!

 

 

 

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Luca Zamoc

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Luca Zamoc Luca Zamoc è nato a Modena nel 1986. Sin da piccolo ha trovato ispirazione nei fumetti anni ‘80, nella Bibbia e nell’anatomia umana. Ha frequentato l’Accademia delle Belle Arti di Milano, dove ha conseguito un titolo in Graphic Design & Art Direction. Il suo lavoro abbraccia diversi media, dal digitale ai muri, passando all’inchiostro, carta e fumetto. Negli ultimi anni ha lavorato e vissuto in diverse città quali Milano, Berlino, Londra, Los Angeles, New York e Istanbul. Oggi vive e lavora a Barcellona. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
25,00 €

Maglietta de "Il Film del Concerto" di Andrea Laszlo De Simone

Maglietta in edizione limitata per il concerto di Andrea Laszlo De Simone.  
15,00 €

Maglietta Better Days calligrafica

100% cotone Modello unisex Serigrafia con scritta "Better Days" creata da calligrafo Bizantino Perché c'è sempre bisogno di giorni migliori
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Martina Merlini

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Martina Merlini Martina Merlini, artista visiva bolognese, classe 1986, vive e lavora a Milano. Il percorso artistico di Martina Merlini si snoda multiformemente nel solco dell’esplorazione, coinvolgendo una pluralità di tecniche, materiali e supporti che convergono nella ricerca di un equilibrio formale delicatamente costruito sull’armonia di elementi astratti e geometrici. Attiva dal 2009, ha esposto in numerose gallerie europee e americane. Dal 2010 al 2013, insieme a Tellas, intraprende il progetto installativo Asylum, che viene presentato a Palermo, Bologna, Milano e Foligno. Nell’estate del 2012 viene invitata a partecipare a Living Walls, primo festival di Street Art al femminile, ad Atlanta. Nel dicembre 2013 inaugura la sua seconda personale, «Wax» all’interno degli spazi di Elastico, Bologna, dove indaga l’utilizzo della cera come medium principale del suo lavoro, ricerca approfondita nella sua prima personale americana, «Starch, Wax, Paper & Wood», presso White Walls & Shooting Gallery, San Francisco. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
10,00 €

Maglietta unicorno Better Days

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con l'unicorno di ANDREA MININI realizzata per il Better Days Festival 2016.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di VitoManoloRoma

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari VitoManoloRoma Attualmente vive a Milano e lavora come freelance in qualità di grafico, illustratore, animatore e fumettista. Si forma presso il Liceo Artistico statale di Busto Arsizio, poi la compagnia di teatro sperimentale Radicetimbrica e termina gli studi al Politecnico di Milano dove si avvicina al Graphic Design. Durante i primi anni di professione come progettista e illustratore in alcuni studi di grafica milanesi, continua a disegnare e partecipa a mostre collettive di illustratori, fra le quali «Spaziosenzatitolo» (Roma), «Doppiosenso» (Beirut) e «Manifesta» (Milano). Con il collettivo di satira a fumetti L’antitempo fonda l’omonima rivista con la quale vince il Premio Satira 2013 come miglior realtà editoriale italiana. Appassionato di musica africana, afroamericana e jamaicana, colleziona vinili che seleziona con i collettivi Bigshot! e Soulfinger nei locali neri e non di Milano. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
70,00 €

KIT DELL'AMORE "MI AMI Festival 2020"

KIT DELL'AMORE “MI AMI Festival 2020” Contiene: due t-shirt due shopper quattro kit semi: due kit passiflora, peperoncino, melanzana e due kit mimosa, pisello, salvia quattro lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
5,00 €

Borsa "La bellezza fa 40"

La borsa ufficiale della mostra "La bellezza fa 40" disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc. Bag bianca cotone con illustrazione nera.  
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >