Society
di Elisabetta Limone 23 Aprile 2019

Il manuale del perfetto espatriato italiano

Gli italiani sono da sempre un popolo di espatriati: solo nel 2018 sono partiti 120 mila italiani, mentre i rientri sono stati appena 47 mila. Le ragioni che spingono all’espatrio sono di diverso tipo: nei periodi di crisi economica, sono da attribuire alla necessità di trovare opportunità migliori all’estero. Una scelta che non si può biasimare e che spesso comporta alcuni inevitabili sacrifici. Per rendere questo momento di passaggio meno traumatico per chi parte, ci sono una una serie di accorgimenti da adottare e sintetizzati nel manuale dell’espatriato.

Prepararsi alla partenza 

La preparazione alla partenza è sicuramente una delle fasi più delicate da affrontare sia a livello pratico che emotivo. Da un lato, infatti, si devono preparare i bagagli e sbrigare tutta una serie di delicate pratiche burocratiche. La cosa migliore in questa fase è adottare uno spirito propositivo e organizzarsi in maniera funzionale così da avere la situazione sotto controllo. La parola chiave qui è appunto “organizzazione”. Infatti, il trasferimento verso un paese estero non è un impegno da prendere alla leggera e comporta il disbrigo di tutta una serie di pratiche, nelle quali ci si può far supportare da realtà specializzate in traslochi internazionali come nel caso di Bliss Moving & Logistics. D’altra parte, una scelta così importante non può essere influenzata da ripensamenti e momenti di scoraggiamento poiché gli aspetti burocratici da sistemare sono davvero tanti e non ci si deve lasciar andare a facili sentimentalismi.

Integrarsi nel contesto socio-culturale

Una volta curata la fase prima della partenza e affrontato il viaggio, arriva il momento di prendere confidenza con la realtà del paese di arrivo. In questo frangente la parola d’ordine è “integrazione”. Quando ci si cala in una dimensione diversa bisogna, infatti, sapersi integrare e per farlo in maniera più rapida ed efficace possibile ci sono una serie di punti su cui lavorare. Il primo è imparare bene e il più rapidamente possibile la lingua del posto perché, anche se i primi tempi ci si può arrangiare con l’inglese, fa bene sotto molti punti di vista e crea le basi per un dialogo più profondo. La seconda cosa è imparare a conoscere bene il luogo in cui ci si è trasferiti e le sue caratteristiche, esplorandolo meticolosamente da cima a fondo per riuscire ad orientarsi. Il terzo punto, indispensabile, consiste nell’abituarsi alla vita locale facendo propri usi, costumi e abitudini. Uscire la sera, partecipare agli eventi culturali, coltivare amicizie e intrattenere relazioni con la gente del posto sono tutti aspetti funzionali a una piena integrazione. Alla fine, infatti, la cosa che più conta è ricostruirsi una vita sociale che sia in linea con la nuova realtà, senza rimuginare troppo su quello che si è lasciato nel paese d’origine.

Sopravvivere alla cucina estera

Un grande ostacolo, che occorre affrontare con determinazione quando ci si trasferisce all’estero, è quello delle abitudini alimentari, soprattutto per chi è abituato alla cucina mediterranea. Qui la parola d’ordine da tenere sempre a mente è “adattamento”. Solitamente l’atteggiamento tipico di un italiano all’estero in riferimento alla cultura gastronomica locale è peculiare. Si va dai tradizionalisti estremi, che mangiano solo a casa e si preparano sempre la cena, ai coraggiosi mangiano sempre fuori e provano di tutto. Tra questi due comportamenti sicuramente indovina chi coniuga le due tendenze, aprendosi alle usanze locali ogni volta che è possibile, ma mantenendo al contempo un legame con la cultura di origine. Una buona idea, infatti, è di aprire casa propria agli ospiti, connazionali o meno, magari preparando una cena tipica italiana come può esserlo una spaghettata, occupandosi in prima persona di tutto. Dovrebbe uscire di più chi, invece, essendo incapace di trovare un equilibrio domestico, si è abituato a consumare cibi pronti davanti alla tivù. Mentre vince certamente chi si integra al punto da diventare un insospettabile indigeno, navigando senza problemi tra ristoranti di ogni tipo ed etnia.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Agricane Serigrafia di DEM

Serigrafia a due colori, dimensioni 20x30 cm Edizione limitata di 40 esemplari DEM Come un moderno alchimista, DEM crea personaggi bizzarri, creature surreali abitanti di un livello nascosto nel mondo degli umani. Eclettico e divertente, attraverso muri dipinti, illustrazioni e installazioni ricche di allegorie, lascia che sia lo spettatore a trovare la chiave per il suo enigmatico e arcano mondo. Oltre ad avere vecchie fabbriche ed edifici abbandonati come sfondo abituale ai suoi lavori, DEM è stato anche ospite alla Oro Gallery di Goteborg e ha preso parte a esposizioni importanti come «Street Art, Sweet Art» (PAC, Milano), «Nomadaz» (Scion Gallery, Los Angeles), «Original Cultures» (Stolen Space Gallery, London) and «CCTV» (Aposthrofe Gallery, Hong Kong). Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

MAGLIETTA MI AMI 2019 BIANCA

Maglietta t-shirt American Apparel N2001W bianca, con illustrazione  completa del MI AMI FESTIVAL 2019 di Andrea De Luca davanti e lineup artisti dietro.  
35,00 €

KIT DEL SINGLE "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL SINGLE “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper due kit semi: un kit passiflora, peperoncino, melanzana e un kit mimosa, pisello, salvia due lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Martina Merlini

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Martina Merlini Martina Merlini, artista visiva bolognese, classe 1986, vive e lavora a Milano. Il percorso artistico di Martina Merlini si snoda multiformemente nel solco dell’esplorazione, coinvolgendo una pluralità di tecniche, materiali e supporti che convergono nella ricerca di un equilibrio formale delicatamente costruito sull’armonia di elementi astratti e geometrici. Attiva dal 2009, ha esposto in numerose gallerie europee e americane. Dal 2010 al 2013, insieme a Tellas, intraprende il progetto installativo Asylum, che viene presentato a Palermo, Bologna, Milano e Foligno. Nell’estate del 2012 viene invitata a partecipare a Living Walls, primo festival di Street Art al femminile, ad Atlanta. Nel dicembre 2013 inaugura la sua seconda personale, «Wax» all’interno degli spazi di Elastico, Bologna, dove indaga l’utilizzo della cera come medium principale del suo lavoro, ricerca approfondita nella sua prima personale americana, «Starch, Wax, Paper & Wood», presso White Walls & Shooting Gallery, San Francisco. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di VitoManoloRoma

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari VitoManoloRoma Attualmente vive a Milano e lavora come freelance in qualità di grafico, illustratore, animatore e fumettista. Si forma presso il Liceo Artistico statale di Busto Arsizio, poi la compagnia di teatro sperimentale Radicetimbrica e termina gli studi al Politecnico di Milano dove si avvicina al Graphic Design. Durante i primi anni di professione come progettista e illustratore in alcuni studi di grafica milanesi, continua a disegnare e partecipa a mostre collettive di illustratori, fra le quali «Spaziosenzatitolo» (Roma), «Doppiosenso» (Beirut) e «Manifesta» (Milano). Con il collettivo di satira a fumetti L’antitempo fonda l’omonima rivista con la quale vince il Premio Satira 2013 come miglior realtà editoriale italiana. Appassionato di musica africana, afroamericana e jamaicana, colleziona vinili che seleziona con i collettivi Bigshot! e Soulfinger nei locali neri e non di Milano. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Monica Bellucci Serigrafia di Checko's art

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Checko's art Nato nel 1977 a Lecce. Uno degli esponenti della Street Art italiana. Il suo percorso artistico ha inizio a Milano nel 1995 come writer. Attualmente abita al 167B «STREET», uno spazio fisico dedicato all’arte che, partendo dalla periferia (la 167B di Lecce, noto quartiere popolare), si propone come centro espositivo in continua mutazione. I suoi lavori si basano prettamente su murales, realizzati negli spazi pubblici, non solo con intento di riqualificare le zone grigie, ma per comunicare con le nuove generazioni. Ha partecipato a numerose mostre d’arte e contest collettivi in Italia e all’estero. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
17,00 €

KIT DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL DESIDERIO “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper quattro lattine Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
10,00 €

-GIGA +FIGA

100% cotone Maglietta nera Serigrafia con slogan minimalista per nerd con stile. Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >