Society
di Matteo Scotini 22 Febbraio 2018

Come funziona il Kottabos, il gioco alcolico degli antichi greci

Qualche mese fa vi abbiamo proposto un gioco alcolico orginario degli Stati Uniti preso dalla serie tv New Girl. Stavolta ci spostiamo nello spazio e nel tempo e vi proponiamo il kottabos, un gioco alcolico in voga tra gli antichi greci il cui scopo era colpire un bersaglio con delle gocce di vino.  Nonostante sia piuttosto datato, questo gioco resta facilmente replicabile.

 

 atlas obscura

 

Questo gioco ci è arrivato in due diverse versioni: la più canonica e di cui si trovano più testimonianze prevedeva l’utilizzo di un’asta di lunghezza variabile su cui veniva poggiato in bilico un disco di bronzo chiamato plastinx. Lo scopo di questa versione del gioco era quello di centrare con i rimasugli del proprio calice di vino il dischetto di bronzo al fine di farlo cadere rumorosamente su un piatto di metallo posizionato a due terzi dell’asta chiamato manes. I concorrenti giocavano da stesi, disposti in cerchio attorno all’asta a circa due metri di distanza da essa e a turno lanciavano i residui delle loro coppe (le kylix ) verso il plastinx (il disco in cima all’asta). Chi riusciva a far cadere ruomorosamente il plastinx vinceva il gioco.

 

 atlas obscura

 

Se i vostri vicini sono facilmente infastiditi dal rumore, vi consigliamo la seconda versione di questo gioco, che divenne popolare tra gli antichi proprio perché più silenziosa ed elegante: in questo caso i concorrenti miravano a delle ciotole galleggianti immerse in acqua e lo scopo era quello di affondarle con la stessa tecnca di lancio dei rimasugli della propria coppa.

In entrambe le versioni del gioco era considerato di fondamentale importanza compiere il gesto del lancio con estrema eleganza (rovesciarsi il vino addosso comportava la squalifica immediata) tanto che il lancio del kottabos aveva un suo preciso nome: ankilè. Il lancio del kottabos e quello del giavellotto erano strettamente collegati poichè la posizione delle mani per afferarre le kylix (le coppe dei singoli concorrenti) e la lancia era la stessa. Questo gioco era particolarmente popolare durante i simposi, ma diventò una vera e propria moda come confermato dalle testimonianze di Critia e Sofocle, tanto che alcuni esponenti dei ceti abbienti si fecero costruire delle sale circolari destinate al solo gioco del kottabos. Il premio consisteva nel guadagnarsi i “favori” di un altro concorrente di cui al momento del lancio si gridava il nome, i tempi però sono cambiati e al limite potrete riuscire a strappare un bacetto alla vostra cotta del momento.

 

 atlas obscura

 

Un gioco di abilità, ma attenzione, per avere dei rimasugli di vino nella coppa bisogna prima berne la maggior parte e le kylix originariamente avevano un volume di circa 750cl (un’ intera bottiglia di vino per intenderci) . Sì decisamente un gioco alcolico.

FONTE | atlasobscura.com

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Ester Grossi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Ester Grossi Nata ad Avezzano (AQ) nel 1981. Diplomata in Moda, Design e Arredamento presso l’Istituto d’Arte Vincenzo Bellisario, nel 2008 ha conseguito la laurea specialistica in Cinema, Televisione e Produzione Multimediale presso il DAMS di Bologna. Si dedica da anni alla pittura e ha all’attivo diverse mostre in Italia e all’estero; è vincitrice del Premio Italian Factory 2010 e finalista del Premio Cairo 2012. Nel 2011 è stata invitata alla 54° Biennale di Venezia (Padiglione Abruzzo). Come illustratrice ha realizzato manifesti per festival di cinema e musica (Imaginaria Film Festival, MIAMI, Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto) e cover per album di band musicali (A Classic Education, LIFE&LIMB). Collabora frequentemente con musicisti per la realizzazione di mostre e installazioni pittoriche-sonore. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di StencilNoire

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari StencilNoire StencilNoire, classe ’75, vive e opera in un paesino del sud Italia, Massafra, dove le problematiche socio-culturali danno spunto quotidiano alle sue opere. Veterano dell’uso del colore, sin da bambino ha fatto dell’arte la sua più grande passione, sperimentando tutte le tecniche artistiche, dai colori a olio, al carboncino, all’aerografo, approdando, nel ’95, nella cultura dello stencil e dello sticker. Ha partecipato a numerosi eventi, sia a livello personale, che col gruppo «South Italy Street Art», del quale è co-fondatore. Fra gli ultimi eventi si annoverano le partecipazioni allo Jonio Jazz Festival, svoltosi a Faggiano (TA), al Calafrika music Festival svoltosi a Pianopoli (CZ), e a Residence Artistic in Country Secret Zone, un esperimento artistico di Street Art chiamato «Torrent 14» organizzato da Biodpi in collaborazione con Ortika, svoltosi a Sant’Agata de’Goti. Vincitore della giuria artisti del 1° Concorso Internazionale d’Arte su Vinile, organizzato dall’associazione Artwo in collaborazione con Ortika Street Art Lovers, dedicato a Domenico Modugno, in occasione dei 20 anni della sua scomparsa. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
10,00 €

Maglietta unicorno Better Days

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con l'unicorno di ANDREA MININI realizzata per il Better Days Festival 2016.  
5,00 €

SHOPPER "MI AMI Festival 2020"

Shopper ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Bag bianca cotone con illustrazione multicolor. La shopper che avresti voluto acquistare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
17,00 €

KIT DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL DESIDERIO “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper quattro lattine Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Agricane Serigrafia di DEM

Serigrafia a due colori, dimensioni 20x30 cm Edizione limitata di 40 esemplari DEM Come un moderno alchimista, DEM crea personaggi bizzarri, creature surreali abitanti di un livello nascosto nel mondo degli umani. Eclettico e divertente, attraverso muri dipinti, illustrazioni e installazioni ricche di allegorie, lascia che sia lo spettatore a trovare la chiave per il suo enigmatico e arcano mondo. Oltre ad avere vecchie fabbriche ed edifici abbandonati come sfondo abituale ai suoi lavori, DEM è stato anche ospite alla Oro Gallery di Goteborg e ha preso parte a esposizioni importanti come «Street Art, Sweet Art» (PAC, Milano), «Nomadaz» (Scion Gallery, Los Angeles), «Original Cultures» (Stolen Space Gallery, London) and «CCTV» (Aposthrofe Gallery, Hong Kong). Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

KIT DEL SINGLE "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL SINGLE “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper due kit semi: un kit passiflora, peperoncino, melanzana e un kit mimosa, pisello, salvia due lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Martina Merlini

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Martina Merlini Martina Merlini, artista visiva bolognese, classe 1986, vive e lavora a Milano. Il percorso artistico di Martina Merlini si snoda multiformemente nel solco dell’esplorazione, coinvolgendo una pluralità di tecniche, materiali e supporti che convergono nella ricerca di un equilibrio formale delicatamente costruito sull’armonia di elementi astratti e geometrici. Attiva dal 2009, ha esposto in numerose gallerie europee e americane. Dal 2010 al 2013, insieme a Tellas, intraprende il progetto installativo Asylum, che viene presentato a Palermo, Bologna, Milano e Foligno. Nell’estate del 2012 viene invitata a partecipare a Living Walls, primo festival di Street Art al femminile, ad Atlanta. Nel dicembre 2013 inaugura la sua seconda personale, «Wax» all’interno degli spazi di Elastico, Bologna, dove indaga l’utilizzo della cera come medium principale del suo lavoro, ricerca approfondita nella sua prima personale americana, «Starch, Wax, Paper & Wood», presso White Walls & Shooting Gallery, San Francisco. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >