Society
di Matteo Scotini 17 Gennaio 2018

Ecco le regole del nuovo gioco alcolico che scalderà le serate invernali

gioco alcolico new girl tvserial

Cosa fare stasera? Questa è una domanda ricorrente, soprattutto nelle sere d’inverno, insieme a “dove andiamo” e poi -subito dopo- “cosa beviamo stasera”? Non siamo troppo originali in fondo. Ci sono serate noiose e bisogna pur far qualcosa. A volte l’offerta culturale della città in cui viviamo non riesce a catturarci, a volte fa semplicemente troppo freddo per pensare di uscire. Questo tipo di serate richiedono a gran voce la cosiddetta “svolta”. Il ventesimo episodio della prima stagione di New Girl ci ha regalato un importante consiglio in merito: è un gioco alcolico e si chiama True American.

Sulle regole del gioco si è aperto un dibattito: i puristi hanno immediatamente capito che le regole fornite nella puntata non sono quelle originali. In rete c’è gia un sito interamente dedicato (in inglese) dove sono presenti due versioni del gioco: le Working Rules e le New Girl Rules.
Ma non finisce qui, in rete le voci si accavallano e sono discordi, non essendo ancora disciplina olimpica questo gioco non ha regole ufficiali, di seguito una raccolta delle più accreditate e complete presenti sul web.

 

Le regole non sono particolarmente complicate, ma sono tante. Quindi state pronti a screenshottare.La primissima cosa da fare (non stiamo ancora giocando) è dividere l’area di gioco in zone:
La zona centrale sarà il Castello, per ovvi motivi abitato da un Re (nel nostro caso una bottiglia di liquore ad alta gradazione). Prendendo come centro dell’area il Castello, e più precisamente il Re, dividete l’area di gioco in 4 parti uguali (sono ugualmente valide soluzioni a croce o a “x”), delimitate da una fila di lattine in numero uguale ai giocatori coinvolti.

Ogni lattina è una pedina, tutte le lattine insieme costituiscono “I Soldati dell’Ordine Segreto” oltre a definire il confine tra le quattro zone. I giocatori possono muoversi all’interno di queste zone solo e sempre in senso orario, ma non è finita qui: questo gioco ha al suo interno anche una componente del famosissimo “the floor is lava“, non è dunque possibile toccare in alcun caso il pavimento e proprio per questo ogni zona deve contenere 5 sostegni (sedie, cuscini, tavoli o quello che preferite purché regga il peso dei concorrenti) su cui i giocatori possono transitare e sostare. Sembra complesso ma non lo è.

 

gioco alcolico new girl Hall of Series

Ora che l’area è pronta passiamo al gioco: si può giocare da soli o in squadre, nel caso si scelga questa versione è importante ricordare che è sufficiente che solo uno dei componenti del team concluda il percorso per portare i suoi compagni alla vittoria. Dato che la versione a squadre e la più giocata in giro per il mondo, ecco come formare un team: niente tocchi, pari o dispari o morre cinesi: ci sono regole molto precise anche su questo: contate all’unisono da tre a uno, alla fine del countdown mettete una mano sulla fronte mostrando con le dita un numero tra uno e cinque. Chi ha lo stesso numero fa parte dello stesso team, se ci fosse qualcuno rimasto senza, può scegliere liberamente a quale squadra aggregarsi.

Una volta formate le squadre, si passa alla cosiddetta fase “shotgun”: si beve da un buco fatto su una una lattina di birra (attenzione: una comune lattina di birra, non una delle pedine) chi resiste di più vince questa fase, nel caso nessuno dei concorrenti voglia sottoporsi a questa fase si passa a “carta forbici sasso”, ma dato che questo è un gioco alcolico (bevete sempre responsabilmente ed entro i limiti di tolleranza) questa ipotesi è poco contemplata.

Ora il vincitore della fase “shotgun” dovrà gridare: “one, two, three, JFK!” e tutti gli altri (i perdenti) devono urlare in coro “FDR” afferrare un pedina (vi ricordo che sono lattine di birra) e scappare il più velocemente possibile sul sostegno interno alla loro zona più lontano dal Re (il liquore). Da questo momento il pavimento è ufficialmente lava, metterci un piede sopra comporta l’eliminazione diretta del concorrente. Il gioco inizia dal vincitore dello shotgun.

 

Ora il gioco è veramente iniziato, lo scopo è catturare tutte le pedine (birrette), ricordate potete muovervi solo in senso orario, ma per farlo dovrete guadagnarvi la “mossa” condizione necessaria per muoversi è avere almeno una birra/pedina già in mano ma non più di tre, per lasciare una pedina e necessario che la lattina sia vuota, tutti i partecipanti al gioco sono autorizzati, anzi caldamente consigliati dal regolamento, a lanciare qualsiasi oggetto a disposizione addosso agli altri concorrenti (si consiglia di evitare posacenere pesanti e sedie per motivi di sicurezza).

Ci sono tre modi per guadagnarsi la “mossa”:

1.Chi conduce il gioco urla: “uno due tre”, tutti i giocatori si mettono una mano sulla fronte mostrando un numero da uno a cinque. Chiunque sia stato l’unico a scegliere un determinato numero vince ed è autorizzato a muoversi di una posizione o può autorizzare un suo compagno di squadra a farlo.

2.Chi conduce il gioco pronuncia lentamente una frase molto nota, vince la “mossa” il giocatore che per primo completa la frase, in questo caso il vincitore beve e se finisce la lattina può avanzare di due spazi.

3.Chi conduce il gioco urla il nome di due persone, luoghi, cose o avvenimenti. Il giocatore che riesce a capire cosa collega questi elementi è autorizzato a muoversi.

Si viene eliminati da True American quando:1.Ci si muove o si beve prima di aver vinto la mossa2.Ci si ritrova senza pedine in mano

3.Si tocca il pavimento

In tutti e tre questi casi il giocatore può essere riammesso riprendendo dalla fase “shotgun” (questa volta non necessariamente con una birra), ma saranno gli altri giocatori a decidere da quale posizione partirà.

Ottenere la vittoria è più semplice di quello che sembra, una volta che tutte le pedine di una zona sono state prese (le lattine di birra sono state bevute per intero) il Re (il nostro liquore) è vulnerabile. Il primo concorrente che arriva al Castello, finisce la sua birra e riesce a buttare giù uno shot di liquore vince, se non riesce per un motivo o un altro a bere dovrà tornare indietro e cominciare da capo (ma non sarà eliminato).

A questo punto il vincitore griderà “All trash belongs…” (“Il posto dei rifiuti è…”) e tutti gli altri giocatori risponderanno: “In the junk yard” (“Nella discarica”). Lanciate le lattine vuote nell’apposito recipiente ed il gioco è fatto.

 

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

70,00 €

SERIGRAFIA "SE MI AMI VALE TUTTO" - ed. limitata firmata - MI AMI 2014

Serigrafia ufficiale della 10° edizione del MI AMI 2014 dimensioni: 50x50 cm stampata a 2 colori (nero + argento) edizione limitata di 50 esemplari ognuna numerata e firmata dall'artista disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc venduta non incorniciata (spedita arrotolata in un tubo) disponibili anche la versione UOMO+UOMO e DONNA+DONNA Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Thomas Raimondi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Thomas Raimondi Nato a Legnano (MI) il 17 Maggio 1981. Laureato al Politecnico di Milano in Design della Comunicazione. Graphic e visual designer freelance attivo nella scena underground con numerose pubblicazioni (Luciver Edition, Faesthetic, Belio, Le Dernier Cri, Laurence King.) e mostre in Italia e all’estero. Le ultime personali «Burn Your House Down» nel 2013 presso la galleria Kalpany Artspace di Milano (Circuito Rojo) e la residenza d’artista per Alterazioni Festival 2014, Arcidosso (GR) con l’istallazione site-specific «Inside/Outside». Lavora e ha lavorato per diverse realtà nazionali ed internazionali come VICE, Rolling Stone Magazine, Rockit, Mondadori, Men’s Health, Salomon, Motorpsycho, T-Post e molte altre. Nel 2008 ha ricoperto il ruolo di docente d’illustrazione presso l’accademia NABA di Milano continuando, a oggi, a collaborare con regolarità. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Roberta Maddalena

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Roberta Maddalena Artist, creativity trainer Roberta Maddalena nasce a Giussano nel 1981.Vive e lavora a Milano. Laureata in Design per la Comunicazione al Politecnico di Milano, si specializza in parallelo all’università in Incisione Calcografica, e successivamente in cultura tipografica e Type Design. Segue studi musicali, specializzandosi in vocalità extraeuropee ed ergonomia vocale, sviluppando profondo interesse per l’etnomusicologia, in particolare per l’Asia, esperienza che la porterà ad avvicinarsi a calligrafia orientale e danza contemporanea. Da questi percorsi nascono nel 2013 le sue performance a inchiostro, esperienze fondate sulla relazione segno-corpo, e disegni e dipinti in cui forme e colori evocano la realtà universalmente percepibile e conosciuta, ma ne svelano l’aspetto più mistico e intimo. Sempre nel 2013, dopo sei anni di attività come illustratrice, nascono progetti di creativity training rivolti a privati e aziende: workshop in cui i partecipanti sono guidati nello sviluppo della propria creatività fuori dal quotidiano, per sviluppare capacità di osservazione e movimento, applicabili nella vita come nella professione. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Alessandro Ripane

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Ripane Alessandro Ripane è nato a Genova nel 1989. Ha vissuto e lavorato in Svezia. A causa della mancanza di animali selvaggi nella città di Genova, Alessandro si è comprato molti libri sull’argomento. A causa della mancanza di supereroi nella città di Genova, Alessandro si è comprato un sacco di fumetti a tema. È diventato quindi un esperto in entrambe le categorie, anche se ora disegna un po’ di tutto, tranne gli alieni, perché non è sicuro di come siano vestiti. Ora è impegnato a combattere la caduta dei capelli, a comporre una sofisticata musica del futuro, a imparare come disegnare gli alieni e a guardare tutti i film sui mostri e gli zombi che non ha ancora visto. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
28,00 €

KIT "MI AMI Festival 2020"

KIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper un kit semi misti a scelta una lattina bevanda del desiderio Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Moneyless

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Moneyless Nato a Milano nel 1980 Teo Pirisi aka Moneyless. Per anni ha ricercato e investigato i diversi aspetti delle forme e degli spazi geometrici come artista visivo. Dopo essersi diplomato all’Accademia d’Arte di Carrara (corso multimedia), Teo ha frequentato un corso di Design della Comunicazione all’Isia di Firenze. Contemporaneamente sviluppa una carriera artistica che lo porta ad esibire i suoi lavori in spazi pubblici e luoghi abbandonati.Teo è anche graphic designer e illustratore freelance; negli ultimi anni ha partecipato a diverse esibizioni collettive e personali in Italia e nel mondo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

Maglietta "La bellezza fa 40"

100% cotone Maglietta bianca Gildan Heavy Cotton Illustrazione di Alessandro Baronciani per la mostra "La bellezza fa 40" Serigrafata a mano da Corpoc.
5,00 €

SHOPPER "MI AMI Festival 2020"

Shopper ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Bag bianca cotone con illustrazione multicolor. La shopper che avresti voluto acquistare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >