Society
di Gabriele Ferraresi 29 Novembre 2016

Dalla parte di Lapo Elkann

Dopo l’ultimo scandalo, fenomenologia di una persona che sta male che non riesce a stare lontano dai guai: e che dovrebbe farci più compassione che ridere

lapo elkann ricatto new york Lapo Elkann FB

 

“Prendete la famiglia con le più ampie possibilità di questo Paese, incrociatela con una buona famiglia francese, metteteci una femmina sensibile, un padre che fa l’intellettuale, date all’incrocio le migliori scuole del mondo, la possibilità di viaggiarlo tutto prima dei vent’anni, incontrare re, presidenti, attori, scrittori, studiare dove vuole, scopare chi vuole e che cosa otterrete? Lapo Elkann”. 

Questa era una delle Navi in bottiglia, una rubrica che Gabriele Romagnoli ha scritto per anni su Repubblica, il pezzo è datato 2007 ma se ben ricordo uscì prima, nel 2005, in occasione del primo degli scandali in cui fu coinvolto Lapo Elkann. Era l’ottobre del 2005: overdose di cocaina e altro, festa con trans, coma.

È storia vecchia: “Gli inquirenti hanno accertato che Lapo avrebbe più volte sniffato cocaina, terminando forse con un cocktail micidiale a base di eroina, oppio e ancora coca, lo speed-ball che ha ucciso star come John Belushi“.

 

 

Jump into the future! Siamo nel 2014, nove anni dopo. Lapo Elkann non si sa bene come finisce a Niguarda, ma non all’ospedale, proprio nel quartiere alla periferia nord di Milano, e coincidenza vuole che chi scrive sia cresciuto a Niguarda. Lapo lo trovano seminudo, avvolto in un plaid, per strada, a Niguarda. Come mai?

Ci ragguaglia il sommario di questo pezzo di Quotidiano.netArrestato un cameriere, aveva trovato Elkann seminudo per strada. Dopo averlo ospitato in un pomeriggio di sballo inizia a chiedere denaro al rampollo per non divulgare ai giornali un video che lo ritrae in bilico fra «droga ed autoerotismo»“. Uno degli autori del ricatto che furono arrestati aveva frequentato la scuola media che avevo frequentato io, lo conoscevo di vista.

Jump into the future! Arriviamo a oggi, fine novembre 2016, con le home page dei quotidiani online – e le pagine cartacee seguiranno – intasate dell’ultima sfiga in cui un ricco, ricchissimo 39enne si è infilato, un finto ricatto alla sua stessa famiglia organizzato dopo una festa a coca e trans a New York.

 

 

Riassumendo sarebbe andata così: “Lapo sarebbe arrivato a New York giovedì per la festa del Ringraziamento e avrebbe contattato una escort (transgender, secondo il New York Daily News) con la quale avrebbe trascorso due giorni di eccessi tra alcol e droga (marijuana e cocaina) (…)  finiti i soldi, la escort avrebbe pagato per altra droga ed Elkann avrebbe promesso di restituire il denaro, quindi avrebbe escogitato il piano del falso sequestro, raccontando ai propri familiari di essere trattenuto contro la sua volontà da una donna che gli avrebbe fatto del male se non gli avessero fatto pervenire 10mila dollari“.

Ora: a questo punto ci sono due strade che possiamo prendere.

Prima strada: ridere delle disgrazie di un ricchissimo e dargli del cretino, o a seconda della regione di provenienza, del pirla, del ciula, del mona. Perché lo è, eccome.

Seconda strada: fare un passettino di pensiero in più, ma proprio breve, e capire che ci dev’essere qualcosa di grosso che non funziona dentro una persona che si comporta in una maniera del genere, che continua a farlo, che è così drammaticamente incapace di imparare dai propri errori, che si fa beccare in continuazione, che sembra quasi lo faccia apposta a farsi beccare. E non è un adolescente complicato – o forse sì, al di là del dato anagrafico? – ma un uomo che nel 2017 compirà 40 anni.

Al di là dell’estratto conto, la disperazione non è una gara, non conta il censo: e Lapo Elkann è una persona disperata, perché – come commentava un’amica su Facebook – Lapo Elkann è il nulla. Ha tutto, ma non ha niente.

Ed è una persona che anche se ricchissima, privilegiata, forse non è una persona fortunata, né equilibrata. Una persona che non ha alcun merito nelle sue fortune: semmai ha colpe e sensi di colpa.

Nato in una famiglia che è tra le più potenti d’Italia, quella dove “Ciò che va bene alla Fiat va bene all’Italia“, la stessa famiglia dove il figlio di Gianni Agnelli, Edoardo, si suicida da un viadotto sulla Torino – Savona, per poi diventare anni dopo in una svolta postmoderna degna di Thomas Pynchon, un martire dell’islam sciita. In fin dei conti Lapo Elkann è nato in una famiglia dove – e la ricchezza e il potere non c’entrano niente, niente – le ombre sono infinitamente più scure delle luci.

Una famiglia per la quale c’è forse più da provare compassione che ridere. Soprattutto di lui.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

15,00 €

Maglietta Better Days calligrafica

100% cotone Modello unisex Serigrafia con scritta "Better Days" creata da calligrafo Bizantino Perché c'è sempre bisogno di giorni migliori
5,00 €

KIT SEMI "MI AMI Festival 2020": PASSIFLORA, PEPERONCINO, MELANZANA

Kit semi misti “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Il desiderio che avresti voluto piantare. Il kit ufficiale contiene: Passiflora Cerulea La passiflora è avvolgente, come un partner impetuoso, i suoi rami rampicanti circondano qualsiasi supporto possano incontrare. Governata da Venere, è usata negli incantesimi d’amore per dominare la passione. Il suo profumo intenso, infatti si accentua la sera conquistando così ogni tuo senso. Nella simbologia floreale ha virtù protettive, posizionata dinnanzi un ingresso evita intrusione. Peperoncino Peter Pepper Noto per la sua forma fallica, il Peperoncino Peter Pepper vi sorprenderà con il suo carattere deciso, il sapore aromatico e un grado di piccantezza adatto anche ai palati più delicati. L’attitudine erotica esplode in una rapida fioritura bianca per dare poi presto spazio ai suoi frutti. Adatto alla coltivazione in balcone, nella tradizione popolare è infatti una pianta da possedere per realizzare rituali di seduzione. Melanzana Bellezza Lunga Dimenticati della classica emoji perchè quello che stai per piantare è una “bellezza lunga”. La Melanzana contenente nel tuo kit avrà un aspetto fiero della sua struttura: eretta, alta almeno 30 cm, con frutti polposi e pronti per essere gustati in estate. Come ogni spasimante che si rispetti, prima di donarsi al tuo palato ti porterà in dono dei fiori. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l’uso che preferite. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
35,00 €

Inés Sastre Serigrafia di Alessandro Baronciani

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Baronciani Alessandro Baronciani vive a Pesaro e lavora a Milano come Art Director, grafico e illustratore. Ha lavorato per diverse agenzie pubblicitarie come direttore di campagne a cartoni animati. Le sue illustrazioni sono state stampate per molti brand come Martini, Coca Cola, Bacardi, Nestlè, Audi, Poste Italiane e Vodafone. Lavora per libri per bambini pubblicati da Mondadori, Feltrinelli e Rizzoli, quest’ultima ha anche pubblicato il suo primo libro, Mi ricci!, completamente pensato, scritto e illustrato da lui. Alessandro disegna fumetti. Ha pubblicato 3 libri di fumetti intitolati Una storia a fumetti, Quando tutto diventò blu e Le ragazze dello studio Munari. Per molti anni ha disegnato e pubblicato i suoi fumetti da solo, come un esperimento fai-da-te mai provato prima in Italia: i suoi fumetti venivano spediti in abbonamento e gli abbonati diventano parte delle storie che disegnava. Suona inoltre la chitarra e canta nella punk band di culto Altro. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Monica Bellucci Serigrafia di Checko's art

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Checko's art Nato nel 1977 a Lecce. Uno degli esponenti della Street Art italiana. Il suo percorso artistico ha inizio a Milano nel 1995 come writer. Attualmente abita al 167B «STREET», uno spazio fisico dedicato all’arte che, partendo dalla periferia (la 167B di Lecce, noto quartiere popolare), si propone come centro espositivo in continua mutazione. I suoi lavori si basano prettamente su murales, realizzati negli spazi pubblici, non solo con intento di riqualificare le zone grigie, ma per comunicare con le nuove generazioni. Ha partecipato a numerose mostre d’arte e contest collettivi in Italia e all’estero. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
70,00 €

KIT DELL'AMORE "MI AMI Festival 2020"

KIT DELL'AMORE “MI AMI Festival 2020” Contiene: due t-shirt due shopper quattro kit semi: due kit passiflora, peperoncino, melanzana e due kit mimosa, pisello, salvia quattro lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Martina Merlini

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Martina Merlini Martina Merlini, artista visiva bolognese, classe 1986, vive e lavora a Milano. Il percorso artistico di Martina Merlini si snoda multiformemente nel solco dell’esplorazione, coinvolgendo una pluralità di tecniche, materiali e supporti che convergono nella ricerca di un equilibrio formale delicatamente costruito sull’armonia di elementi astratti e geometrici. Attiva dal 2009, ha esposto in numerose gallerie europee e americane. Dal 2010 al 2013, insieme a Tellas, intraprende il progetto installativo Asylum, che viene presentato a Palermo, Bologna, Milano e Foligno. Nell’estate del 2012 viene invitata a partecipare a Living Walls, primo festival di Street Art al femminile, ad Atlanta. Nel dicembre 2013 inaugura la sua seconda personale, «Wax» all’interno degli spazi di Elastico, Bologna, dove indaga l’utilizzo della cera come medium principale del suo lavoro, ricerca approfondita nella sua prima personale americana, «Starch, Wax, Paper & Wood», presso White Walls & Shooting Gallery, San Francisco. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Moneyless

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Moneyless Nato a Milano nel 1980 Teo Pirisi aka Moneyless. Per anni ha ricercato e investigato i diversi aspetti delle forme e degli spazi geometrici come artista visivo. Dopo essersi diplomato all’Accademia d’Arte di Carrara (corso multimedia), Teo ha frequentato un corso di Design della Comunicazione all’Isia di Firenze. Contemporaneamente sviluppa una carriera artistica che lo porta ad esibire i suoi lavori in spazi pubblici e luoghi abbandonati.Teo è anche graphic designer e illustratore freelance; negli ultimi anni ha partecipato a diverse esibizioni collettive e personali in Italia e nel mondo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >