Society
di Claudia Mazziotta 6 Aprile 2020

Legalizzando le droghe leggere avremmo più soldi per aiutare i cittadini in difficoltà?

Boom nell’ultimo mese di consumo di marijuana light per gli italiani. Ai clienti abituali si aggiungono coloro che, non potendosi riversare sul mercato sommerso, trovano un’alternativa. Una tendenza che fa riflettere sulla questione della legalizzazione delle droghe leggere e sui benefici che ne trarrebbe l’economia statale.

Forse prevedibile o forse no, ma alcuni di voi magari se l’erano immaginato: con l’emergenza covid-19 è esploso il boom di consumo di marijuana light. L’impossibilità di uscire di casa e, dunque, l’estremo rischio e difficoltà di rifornirsi sul mercato illegale, hanno spinto molti consumatori di cannabis a cercare un’alternativa, ritrovandola nel consumo legale di infiorescenze ad alto contenuto di CBD. Una “nuova tendenza” che fa davvero riflettere su un argomento che, ahimè, per molti è ancora tabù.

In questi giorni si stanno sottraendo un sacco di soldi all’economia sommersa, perchè “i proventi che prima entravano nelle casse delle mafie per l’acquisto di cannabis con alto contenuto di THC, adesso sono diventati in parte economia legale”, chiarisce Matteo Moretti, amministratore di JustMary, il primo delivery in Italia di cannabis legale, ganja e marijuana light. “Tutti hanno avuto un boom di traffico”, continua Matteo Moretti: abbiamo raddoppiato i rider, gli introiti e le tasse che paghiamo allo Stato. E ben sappiamo quanto siano utili in questo momento“. 

Viceland GIF by WEEDIQUETTE - Find & Share on GIPHY

Facile pensare quanto realisticamente, allora, avremmo più soldi per aiutare i cittadini in difficoltà se si legalizzassero le droghe leggere, e non è una banale congettura. Vediamo, infatti, cosa sta accadendo in Italia nel settore della cannabis light, dall’inizio del lockdown.

Se in molti Stati americani il servizio è considerato “essenziale” e, dunque, se in America gli shop rimangono aperti e si registrano lunghe file di clienti fuori dai negozi, simili a quelle che si vedono davanti ai supermercati o le farmacie, in Italia la situazione è diversa: gli shop sono chiusi ma è aumentato tutto d’un colpo il delivery di cannabis legale. “Nel mese di marzo, con l’inizio del lockdown, abbiamo fatto lo stesso fatturato di tutto il 2019. Non abbiamo registrato una crescita nelle vendite ma un’esplosione vera e propria. Se a febbraio gestivamo circa 70 ordini giornalieri nel sito, questo mese ne abbiamo ricevuti 350 in un solo giorno”, dichiara Matteo Moretti.

Weed Marijuana GIF by MOST EXPENSIVEST - Find & Share on GIPHY

Massimo Mazzara, uno dei soci di Sweet Leaf di Roma, conferma questa tendenza: “Hanno iniziato i clienti abituali del quartiere, telefonavano, ci hanno chiesto se potevamo fare servizio a domicilio. Poi ne hanno parlato con gli amici, anche di altre zone della città… alla fine abbiamo dovuto ingegnarci con il servizio a domicilio e abbiamo assunto un ragazzo come rider”.

Anche Kevin Gagliarano, 28, anni, attivo nel settore, rileva una forte crescita delle richieste in questi giorni sul suo sito e spiega: “Riservatezza soprattutto, i miei clienti sono principalmente over 35. Si tratta di inflorescenze che non hanno effetto psicotropo, sono controllate e con cartellini, rispettano i limiti di THC stabiliti dalla legge“. A proposito di legge, piccola parentesi: ai più distratti ricordiamo che lo scorso dicembre era stato approvato un emendamento che autorizza la vendita di cannabis light con THC inferiore allo 0,5%.

Weed Blaze It GIF by VICE Media Spain - Find & Share on GIPHY

Chissà se ciò che sta accedendo nel settore della cannabis light in questi giorni solleverà altre questioni, e chissà se solleciterà ulteriori riflessioni su quanto sia ipocrita il proibizionismo della marijuana in Italia. L’argomento è assolutamente delicato, ambiguo e controverso e lascio a voi decifrare ciò che è giusto e ciò che è sbagliato.  Non si può, ancora, fare finta di non accorgersi e non considerare che, se si togliesse all’economia sommersa il totale dei suoi guadagni sulla marijuana e se questi proventi si riversassero nelle casse dell’economia legale, lo Stato ne beneficerebbe eccome. Già la cannabis legale è un’ottima occasione per garantire entrate nelle casse statali, certo, ma stiamo effettivamente vedendo il fermento di questo settore solo oggi, in una condizione straordinaria in cui l’acquisto di cannabis legale, per molti, è solo una temporanea alternativa.

Viceland GIF by WEEDIQUETTE - Find & Share on GIPHY

In Uruguay, in Giamaica, Catalogna, in alcuni stati degli USA e altrove, dove la cannabis è libera anche per uso creativo, l’economia ne giova. In Uruguay, ad esempio, negli ultimi cinque anni la legge ha sottratto più di 22 milioni di dollari di profitti ai narcotrafficanti uruguaiani. Il paese non è riuscito a eliminare del tutto il mercato illegale di marijuana (principalmente nelle mani del vicino Paraguay, che vende un prodotto di bassa qualità ma più economico), ma è un bel traguardo.

Per ora, in Italia, ci accontentiamo di quello che abbiamo: circa 3 mila aziende per un totale di 10 mila dipendenti, in un settore, quello della cannabis light, che è in continua e forte crescita, anche per la richiesta a livello internazionale del cannabidiolo usato nella cosmetica e in farmaceutica. Un settore che in questi giorni sta letteralmente esplodendo, e dovremmo chiederci tutti il perché.

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Martina Merlini

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Martina Merlini Martina Merlini, artista visiva bolognese, classe 1986, vive e lavora a Milano. Il percorso artistico di Martina Merlini si snoda multiformemente nel solco dell’esplorazione, coinvolgendo una pluralità di tecniche, materiali e supporti che convergono nella ricerca di un equilibrio formale delicatamente costruito sull’armonia di elementi astratti e geometrici. Attiva dal 2009, ha esposto in numerose gallerie europee e americane. Dal 2010 al 2013, insieme a Tellas, intraprende il progetto installativo Asylum, che viene presentato a Palermo, Bologna, Milano e Foligno. Nell’estate del 2012 viene invitata a partecipare a Living Walls, primo festival di Street Art al femminile, ad Atlanta. Nel dicembre 2013 inaugura la sua seconda personale, «Wax» all’interno degli spazi di Elastico, Bologna, dove indaga l’utilizzo della cera come medium principale del suo lavoro, ricerca approfondita nella sua prima personale americana, «Starch, Wax, Paper & Wood», presso White Walls & Shooting Gallery, San Francisco. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
15,00 €

Maglietta Better Days calligrafica

100% cotone Modello unisex Serigrafia con scritta "Better Days" creata da calligrafo Bizantino Perché c'è sempre bisogno di giorni migliori
35,00 €

Locandina de "Il Film del Concerto" di Andrea Laszlo De Simone

Locandina numerata e autografata del Film del Concerto di Andrea Laszlo De Simone con l'Immensità Orchestra, in triennale di Milano. L'illustrazione originale della locandina è a cura di Irene Carbone, illustratrice e fumettista torinese con studi alla Scuola Internazionale di Comics, dal 2015 nel duo creativo Irene&Irene e da tempo coinvolta nel progetto Andrea Laszlo De Simone per la realizzazione delle copertine dei dischi "Immensità" ed "Ecce Homo", i video d'animazione "11:43" e "Sparite Tutti", oltre ad aver ideato la creatività della cover digitale di "VIVO". Per “Il Film Del Concerto” ha realizzato a mano un'opera che riconduce al migliore immaginario cinematografico di Federico Fellini. L'opera sarà stampata in pochissime copie in edizione limitata, autografate dagli artisti.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Ester Grossi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Ester Grossi Nata ad Avezzano (AQ) nel 1981. Diplomata in Moda, Design e Arredamento presso l’Istituto d’Arte Vincenzo Bellisario, nel 2008 ha conseguito la laurea specialistica in Cinema, Televisione e Produzione Multimediale presso il DAMS di Bologna. Si dedica da anni alla pittura e ha all’attivo diverse mostre in Italia e all’estero; è vincitrice del Premio Italian Factory 2010 e finalista del Premio Cairo 2012. Nel 2011 è stata invitata alla 54° Biennale di Venezia (Padiglione Abruzzo). Come illustratrice ha realizzato manifesti per festival di cinema e musica (Imaginaria Film Festival, MIAMI, Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto) e cover per album di band musicali (A Classic Education, LIFE&LIMB). Collabora frequentemente con musicisti per la realizzazione di mostre e installazioni pittoriche-sonore. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di VitoManoloRoma

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari VitoManoloRoma Attualmente vive a Milano e lavora come freelance in qualità di grafico, illustratore, animatore e fumettista. Si forma presso il Liceo Artistico statale di Busto Arsizio, poi la compagnia di teatro sperimentale Radicetimbrica e termina gli studi al Politecnico di Milano dove si avvicina al Graphic Design. Durante i primi anni di professione come progettista e illustratore in alcuni studi di grafica milanesi, continua a disegnare e partecipa a mostre collettive di illustratori, fra le quali «Spaziosenzatitolo» (Roma), «Doppiosenso» (Beirut) e «Manifesta» (Milano). Con il collettivo di satira a fumetti L’antitempo fonda l’omonima rivista con la quale vince il Premio Satira 2013 come miglior realtà editoriale italiana. Appassionato di musica africana, afroamericana e jamaicana, colleziona vinili che seleziona con i collettivi Bigshot! e Soulfinger nei locali neri e non di Milano. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Roberta Maddalena

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Roberta Maddalena Artist, creativity trainer Roberta Maddalena nasce a Giussano nel 1981.Vive e lavora a Milano. Laureata in Design per la Comunicazione al Politecnico di Milano, si specializza in parallelo all’università in Incisione Calcografica, e successivamente in cultura tipografica e Type Design. Segue studi musicali, specializzandosi in vocalità extraeuropee ed ergonomia vocale, sviluppando profondo interesse per l’etnomusicologia, in particolare per l’Asia, esperienza che la porterà ad avvicinarsi a calligrafia orientale e danza contemporanea. Da questi percorsi nascono nel 2013 le sue performance a inchiostro, esperienze fondate sulla relazione segno-corpo, e disegni e dipinti in cui forme e colori evocano la realtà universalmente percepibile e conosciuta, ma ne svelano l’aspetto più mistico e intimo. Sempre nel 2013, dopo sei anni di attività come illustratrice, nascono progetti di creativity training rivolti a privati e aziende: workshop in cui i partecipanti sono guidati nello sviluppo della propria creatività fuori dal quotidiano, per sviluppare capacità di osservazione e movimento, applicabili nella vita come nella professione. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di StencilNoire

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari StencilNoire StencilNoire, classe ’75, vive e opera in un paesino del sud Italia, Massafra, dove le problematiche socio-culturali danno spunto quotidiano alle sue opere. Veterano dell’uso del colore, sin da bambino ha fatto dell’arte la sua più grande passione, sperimentando tutte le tecniche artistiche, dai colori a olio, al carboncino, all’aerografo, approdando, nel ’95, nella cultura dello stencil e dello sticker. Ha partecipato a numerosi eventi, sia a livello personale, che col gruppo «South Italy Street Art», del quale è co-fondatore. Fra gli ultimi eventi si annoverano le partecipazioni allo Jonio Jazz Festival, svoltosi a Faggiano (TA), al Calafrika music Festival svoltosi a Pianopoli (CZ), e a Residence Artistic in Country Secret Zone, un esperimento artistico di Street Art chiamato «Torrent 14» organizzato da Biodpi in collaborazione con Ortika, svoltosi a Sant’Agata de’Goti. Vincitore della giuria artisti del 1° Concorso Internazionale d’Arte su Vinile, organizzato dall’associazione Artwo in collaborazione con Ortika Street Art Lovers, dedicato a Domenico Modugno, in occasione dei 20 anni della sua scomparsa. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >