Society
di Cecilia Esposito 28 Settembre 2015

Guarda tutti i look più assurdi della Milano Fashion Week 2015

Abbiamo raccolto il meglio del peggio degli outfit della Settimana della Moda di Milano

Foto.2 Tumblr

 

La vostra pagina Facebook è invasa da foto di abiti orrendi? La gente parla una lingua sconosciuta fatta di Wang, Azria, Steinmetz e Arbesser? Camminate per strada e vi sentite alieno in un mondo di calzini bianchi e ciabatte pelose? Calmi, non abbiate paura, è solo la Milano Fashion Week.

Per chi si fosse collegato solo adesso al Pianeta Terra, vi informo che si è appena conclusa la Settimana della Moda di Milano, ricca di eventi #troppomoda, presentazioni #amazing e ovviamente sfilate, il cuore pulsante della rassegna modaiola. Ma lo sbrilluccicoso spettacolo del fashion system può palesarsi anche dietro l’angolo di casa vostra. Lontano dai grandi show di Prada, Moschino e Gucci, un’altra sfilata altrettanto interessante si consuma per le strade della città: quella dello street style.

Se è vero che prima erano i grandi nomi della Moda a dettare legge in fatto di stile, da ormai molti anni la storia sembra essersi rovesciata a favore della “strada”, ovvero di tutto quel brulichio di bloggers, stylist, It Girls ed eccentrici dall’ego gigante che, con i loro studiatissimi look – outfit, per essere precisi –, vengono fotografati nei luoghi chiave della scena Moda per poi essere eletti a trend setter – che non è la razza di un cane, ma qualcuno che col proprio stile ispira e influenza il pubblico – dai magazine di mezzo mondo.

In quanto autorevole Fashion Blogger di fama paesana, ho visto street style che voi umani non potreste immaginarvi, ho visto peluche spuntare da ogni tasca, ho visto piedi nudi sulla neve e pellicce di visone a temperature tropicali, ho visto abusi di stampe cartoon che andrebbero puniti con la legge e zeppe carro armato che farebbero invidia alle Spice Girls. Tuttavia, giudicare quelle anime buone e innocenti che vedono la Settimana della Moda di Milano come il paese dei balocchi per vestirsi a festa e avere il proprio momento di finta gloria, mi sembra di sparare sulla croce rossa. Quelli che invece meritano tutti i nostri sguardi di disapprovazione sono i professionisti del settore, gli influencer di professione che però si vestono di merda e danno il cattivo esempio alle giovani menti vittime della #troppomoda. È giunto il momento di condannarli in pubblica piazza, non per semplice diletto, ma come punizione esemplare per tutti quelli che scambiano un sacco di iuta per avanguardia.

 

Foto.1 Instagram

Valentina Siragusa, famosissima fashion blogger e web influencer, ci insegna come peggiorare un look di dubbio gusto: se il completo total look lascia basiti, ci pensano le scarpe goth-ortopediche a dare la mazzata finale.

 

Foto.4 Grazia

Occhiali bianchi, pattern optical, felpa con maxi slogan e colletto bon ton, denim con risvoltino, pochette fantasia geometrica multicolor e sneakers: tesoro, vogliamo aggiungere qualcos’altro?

 

Foto.7 Le Figaro

Che il nero e il blu non vanno indossati insieme è storia vecchia e superata, ti abbono anche gli occhiali da sole abbinati al look, ma i capelli da Super Saiyan in tinta è un affronto che non posso sopportare.

 

Foto.8 Stylecaster

Celebrità della Moda, i suoi look sono più attesi delle sfilate, Anna dello Russo ci dimostra che non è tutto oro quello che (è) Gucci. Ma soprattutto il cappello a tesa larga è proprio l’accessorio giusto per rovinare tutto. Non imitate questo look a casa vostra.

 

Foto.10 BeforeSunrise

Chiara Ferragni, la fashion blogger italiana per antonomasia, sceglie di indossare un look casual e senza pretese – che tuttavia costa più di un vostro rene –, ma senza dimenticare il tocco d’imbarazzo che l’ha contraddistinta in tutti questi anni, in questo caso una mantella bianca con tanto di cappuccio.

 

Foto.11 Gioia

Si scrive romantic bohemien chic con un twist sporty casual contemporaneo, ma si legge te prego no.

 

Foto.12 Instagram

La camicia rubata al suo lui, da indossare la mattina dopo una notte insieme, e un completo dal colore tenue e comodo come un pigiama sono perfetti per un #amazing outfit per il letto.

 

Foto.13 Grazia

Camicetta in pizzo bianca, cappotto pesante con pellicciotto e, ciliegina sulla torta, ombrellino nero dal sapore ottocentesco. Un look davvero lovely se tu fossi in una fiaba russa, non a Milano sotto la pioggia.

 

Foto.14 IoDonna

Questa è un’altra che, se avesse potuto, avrebbe indossato anche un cappello di paglia e uno stivale pitonato, ma dopo le righe colorate, i fiori e il maculato qualcosa dentro di lei le ha detto che forse era abbastanza.

 

Foto.15 Glamour

Moschino vuole farvi credere che una cover per iPhone a forma di sgrassatore Brillo Glass è #troppomoda. Non credetegli, è solo una #granmerda.

 

Foto.16 Grazia

Nella moda dobbiamo temere le ragazze ricche che si possono vestire meglio di noi, quelle fighe perché, bèh, sono fighe, gli uomini più curati di noi e adesso anche i cani. No Maria, io esco.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Ester Grossi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Ester Grossi Nata ad Avezzano (AQ) nel 1981. Diplomata in Moda, Design e Arredamento presso l’Istituto d’Arte Vincenzo Bellisario, nel 2008 ha conseguito la laurea specialistica in Cinema, Televisione e Produzione Multimediale presso il DAMS di Bologna. Si dedica da anni alla pittura e ha all’attivo diverse mostre in Italia e all’estero; è vincitrice del Premio Italian Factory 2010 e finalista del Premio Cairo 2012. Nel 2011 è stata invitata alla 54° Biennale di Venezia (Padiglione Abruzzo). Come illustratrice ha realizzato manifesti per festival di cinema e musica (Imaginaria Film Festival, MIAMI, Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto) e cover per album di band musicali (A Classic Education, LIFE&LIMB). Collabora frequentemente con musicisti per la realizzazione di mostre e installazioni pittoriche-sonore. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Luca Zamoc

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Luca Zamoc Luca Zamoc è nato a Modena nel 1986. Sin da piccolo ha trovato ispirazione nei fumetti anni ‘80, nella Bibbia e nell’anatomia umana. Ha frequentato l’Accademia delle Belle Arti di Milano, dove ha conseguito un titolo in Graphic Design & Art Direction. Il suo lavoro abbraccia diversi media, dal digitale ai muri, passando all’inchiostro, carta e fumetto. Negli ultimi anni ha lavorato e vissuto in diverse città quali Milano, Berlino, Londra, Los Angeles, New York e Istanbul. Oggi vive e lavora a Barcellona. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

KIT DEL SINGLE "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL SINGLE “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper due kit semi: un kit passiflora, peperoncino, melanzana e un kit mimosa, pisello, salvia due lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
7,00 €

T-SHIRT "MI AMI Festival 2020"

T-shirt ufficiale  “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids, sul retro lineup artisti. 100% cotone con illustrazione multicolor, disponibile nella variante colore bianca o viola. La t-shirt che avresti voluto indossare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
10,00 €

Maglietta Amarti mi affatica

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con scritta "Amarti m'affatica".
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di StencilNoire

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari StencilNoire StencilNoire, classe ’75, vive e opera in un paesino del sud Italia, Massafra, dove le problematiche socio-culturali danno spunto quotidiano alle sue opere. Veterano dell’uso del colore, sin da bambino ha fatto dell’arte la sua più grande passione, sperimentando tutte le tecniche artistiche, dai colori a olio, al carboncino, all’aerografo, approdando, nel ’95, nella cultura dello stencil e dello sticker. Ha partecipato a numerosi eventi, sia a livello personale, che col gruppo «South Italy Street Art», del quale è co-fondatore. Fra gli ultimi eventi si annoverano le partecipazioni allo Jonio Jazz Festival, svoltosi a Faggiano (TA), al Calafrika music Festival svoltosi a Pianopoli (CZ), e a Residence Artistic in Country Secret Zone, un esperimento artistico di Street Art chiamato «Torrent 14» organizzato da Biodpi in collaborazione con Ortika, svoltosi a Sant’Agata de’Goti. Vincitore della giuria artisti del 1° Concorso Internazionale d’Arte su Vinile, organizzato dall’associazione Artwo in collaborazione con Ortika Street Art Lovers, dedicato a Domenico Modugno, in occasione dei 20 anni della sua scomparsa. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

MANIFESTO "MI AMI Festival 2020"

MANIFESTO ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
15,00 €

MAGLIETTA MI AMI 2019 BIANCA

Maglietta t-shirt American Apparel N2001W bianca, con illustrazione  completa del MI AMI FESTIVAL 2019 di Andrea De Luca davanti e lineup artisti dietro.  
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >