Society
di Simone Stefanini 4 Agosto 2016

Disagio, paura e tecnologia, ecco perché i millennial non fanno sesso

Contro ogni pronostico, i ventenni di oggi fanno molto meno sesso delle generazioni precedenti

flickr1 Flickr - Foto © Yağmur Adam

 

L’allarme è stato lanciato: secondo uno studio americano, i millennials fanno molto meno sesso della Generazione X. Detto questo iniziamo con la legenda e andiamo a chiarire un po’ di punti. Innanzitutto definiamo millennials (talvolta identificati anche come Generazione Y): sono le persone nate dagli 80s ai 2000s, a ridosso dell’inizio del nuovo millennio, mentre la Generazione X è formata da quelli che sono nati dagli anni 60 fino agli 80s.

I millennials sembra siano casti tanto quanto i loro coetanei degli anni ’20. Un dato che sorprenderà molti, eppure una ricerca pubblicata sulla rivista scientifica Archives of Sexual Behaviours ha analizzato un campione di 26 .707 partecipanti e ha scoperto che il 15% dei giovani tra i 20 e i 24 anni non ha più fatto sesso dopo i 18 anni. Ma il motivo qual è? Mancanza di curiosità, di passione o c’è dell’altro?

Se andiamo ad analizzare il dato, ci viene subito in mente che gli anni ’90 sono stati il decennio in cui i bambini venivano educati ai pericoli delle malattie sessualmente trasmissibili: a scuola (o almeno in molte scuole) si tenevano lezioni di educazione sessuale e veniva promosso l’uso del profilattico.

 

flickr-2 Flickr - Foto © Erich Ferdinand

 

Non sono però le malattie a spaventare i millennials, sembra infatti che anche i social e le app di dating online siano tra i principali indiziati della poca attività sessuale dei giovani. La spiega così il professor Jean Twenge, psicologo alla san Diego University: “Le app di dating online in teoria dovrebbero aiutare i Millennials a trovare partner sessuali più facilmente, ma la tecnologia potrebbe avere l’effetto opposto, se i giovani passano così tanto tempo online da interagire meno di persona, e quindi non avere rapporti sessuali”.

Praticamente, ogni volta che qualcuno cerca il proprio partner su Tinder o ci chatta su Facebook, in realtà si sta allontanando dalla prossima avventura sessuale nel mondo reale.

La nostra percezione circa la sregolatezza della vita sessuale degli adolescenti viene infatti sfatata del tutto anche da un altro studio dello US Centre for Desease Control’s Youth Risk Behaviour Survey, secondo cui gli studenti statunitensi delle scuole superiori che ha avuto rapporti sessuali nel 2015 è del 41% rispetto ai loro corrispettivi del 1991, che li battevano con un sonoro 54%.

Anche l’ansia gioca la sua parte. Molti adolescenti, dopo le prime volte hanno smesso di fare sesso perché insicuri o a disagio col proprio corpo, ecco perché preferiscono flirtare o fare sexting, pratiche protette in cui non devono mettersi del tutto in gioco e possono reinventarsi il proprio personaggio.

Metteteci pure l’epidemia del porno online, la facilità con la quale si entra in contatto con immagini e video pornografici dai pc e dagli smartphone ed ecco tutta una serie di fattori che va ad influire su questo risultato. Ora che lo sapete, potete smetterla di dare la colpa solo a Pokémon Go.

 

Flickr-3 Flickr - Foto © Daniel Foster

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
10,00 €

-GIGA +FIGA

100% cotone Maglietta nera Serigrafia con slogan minimalista per nerd con stile. Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
15,00 €

Giulia Bersani - lucciole

  Giulia Bersani, fotografa. Classe 1992, vive a Milano. Fotografie scattate al MI AMI festival 2016 Formato: 21x15 cm Numero Pagine: 48 (+4 copertina) Edizione limitata 100 copie numerate, titolate e firmate dall'autore "Mi piace osservare come musica e buio tirino fuori il lato più istintivo delle persone. Si perde un pò di autocontrollo e ci si lascia guidare dalle proprie emozioni. Io mi sono lasciata libera di inseguire quello che istintivamente mi attraeva, così ho trovato baci, voglia di vivere e colori." (Giulia Bersani)  
15,00 €

Serigrafia Unicorno

Il bellissimo unicorno tutto righe di Andrea Minini  è una serigrafia ad 1 colore, di dimensioni 50x70 cm
70,00 €

SERIGRAFIA "SE MI AMI VALE TUTTO" - ed. limitata firmata - MI AMI 2014

Serigrafia ufficiale della 10° edizione del MI AMI 2014 dimensioni: 50x50 cm stampata a 2 colori (nero + argento) edizione limitata di 50 esemplari ognuna numerata e firmata dall'artista disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc venduta non incorniciata (spedita arrotolata in un tubo) disponibili anche la versione UOMO+UOMO e DONNA+DONNA Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
17,00 €

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020”

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Moneyless

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Moneyless Nato a Milano nel 1980 Teo Pirisi aka Moneyless. Per anni ha ricercato e investigato i diversi aspetti delle forme e degli spazi geometrici come artista visivo. Dopo essersi diplomato all’Accademia d’Arte di Carrara (corso multimedia), Teo ha frequentato un corso di Design della Comunicazione all’Isia di Firenze. Contemporaneamente sviluppa una carriera artistica che lo porta ad esibire i suoi lavori in spazi pubblici e luoghi abbandonati.Teo è anche graphic designer e illustratore freelance; negli ultimi anni ha partecipato a diverse esibizioni collettive e personali in Italia e nel mondo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
25,00 €

KIT GARDENER "MI AMI Festival 2020"

Kit GARDENER “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper due kit semi: un kit passiflora, peperoncino, melanzana e un kit mimosa, pisello, salvia Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >