clint eastwood intervista esquire

Se ci stupiamo che Clint Eastwood sia un po’ reazionario, forse il problema è nostro

Contro il politicamente corretto, contro la “pussy generation”, e in difesa di Trump: l’intervista a Esquire di Clint Eastwood

giphy-2

 

È agosto, le notizie scarseggiano, mettiamola così: motivo per cui l’intervista uscita su Esquire in cui Clint Eastwood si scaglia contro il politicamente corretto, la generazione di mezzeseghe – la pussy generation, nelle sue parole – che l’America avrebbe allevato, sta facendo parecchio discutere.

Anche perché sempre nell’intervista già che c’era Clint si è anche schierato in parte in difesa di Donald Trump, approvando più la sua strategia di comunicazione a misura di uomo della strada, che i contenuti della stessa.

Eastwood è una delle poche celebrità di Hollywood che non hanno mai nascosto simpatie per il Partito Repubblicano, ma Eastwood è comunque rimasto sempre un conservatore decisamente anomalo, anche per gli Stati Uniti, visto che appartiene più all’area libertaria e individualista dei repubblicani.

Repubblicani dai quali si è discostato in passato soprattutto per i temi etici, diritti civili, interventismo degli Stati Uniti in scenari bellici, possesso di armi: è pro-choice per quel che riguarda l’aborto, non ha nulla in contrario ai matrimoni tra persone dello stesso sesso, è stato contrario alle guerre in Afghanistan e Iraq, è a favore del gun control. Prima di prendere i forconi, sarebbe bene ricordarlo, visto che anche a Esquire, alla domanda “Ti senti ancora un libertario?” risponde “I don’t know what I am. I’m a little of everything.“, ovvero “Non so cosa sono. Sono un po’ di tutto“.

 

giphy

 

Ed è così. È un individualista puro Clint, esattamente come molti dei protagonisti dei suoi film: ha una sua etica, ferrea, e non ha bisogno di leggi. Perché le leggi le ha già dentro di sé: e sotto il cielo stellato di piombo basta una .44 Magnum per farle rispettare. Potremmo andare avanti a lungo, anche perché è complicato tradurre queste sfumature nello scenario politico che siamo abituati a conoscere, visto che i libertari in Italia si contano sulle dita di una mano.

Per cui, perdute di vista le sfumature che tanto ci raccomandiamo di tenere in conto in qualunque altra occasione, a questo punto indigniamoci: Clint è diventato finalmente Kowalski di Gran Torino! È cattivo, razzista, reazionario. E lo ha mostrato apertamente, finalmente si squarcia il velo dell’ipocrisia… mah, contenti voi.

 

giphy-1

 

Il reazionariato nelle opere di Eastwood è – per una parte del pubblico – una costante, dai tempi di quel fascista dell’ispettore Callaghan in poi – citato anche da Ronald Reagan nel 1985, per dirne una: sempre a proposito di Repubblicani anomali – e per altri ancora da prima, pure dai western di Sergio Leone in cui recita solamente, e a seguire ancora, fino più o meno ai giorni nostri: con pellicole indimenticabili e discusse come appunto Gran Torino, o solamente dimenticabili e comunque discusse come American Sniper.

La realtà dell’essere umano Eastwood credo sia un po’ diversa, e credo che la descrivesse bene Walter Mariotti, su Panorama, qualche anno fa, nel 2012, quando in poche righe riassumeva il modello di etica su cui è costruito intorno l’uomo Eastwood, che non sta né a destra né a sinistra, ma altrove: “Il potere non coincide con l’autorità. L’individuo viene prima del collettivo. Un uomo risponde al suo onore e alla sua coscienza prima che all’ideologia. I fatti contano più delle parole. E la vita resta una vicenda complicata, un mistero che da soli non si riesce a sciogliere se si vuole provare a diventare uomini“.

Certo, non è esattamente quel che emerge dall’intervista di Esquire, dove leggiamo quel che pensa un signore di 86 anni, conservatore nel senso peggiore del termine, ai limiti dell’indifendibile, un signore che rimpiange i bei tempi andati, o forse, solo quando di anni ne aveva quaranta di meno: ma avendo scelto di fare una difesa d’ufficio per quella canaglia di Clint, è una prova di cui per me andava tenuto conto.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di VitoManoloRoma

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari VitoManoloRoma Attualmente vive a Milano e lavora come freelance in qualità di grafico, illustratore, animatore e fumettista. Si forma presso il Liceo Artistico statale di Busto Arsizio, poi la compagnia di teatro sperimentale Radicetimbrica e termina gli studi al Politecnico di Milano dove si avvicina al Graphic Design. Durante i primi anni di professione come progettista e illustratore in alcuni studi di grafica milanesi, continua a disegnare e partecipa a mostre collettive di illustratori, fra le quali «Spaziosenzatitolo» (Roma), «Doppiosenso» (Beirut) e «Manifesta» (Milano). Con il collettivo di satira a fumetti L’antitempo fonda l’omonima rivista con la quale vince il Premio Satira 2013 come miglior realtà editoriale italiana. Appassionato di musica africana, afroamericana e jamaicana, colleziona vinili che seleziona con i collettivi Bigshot! e Soulfinger nei locali neri e non di Milano. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
17,00 €

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020”

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Martina Merlini

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Martina Merlini Martina Merlini, artista visiva bolognese, classe 1986, vive e lavora a Milano. Il percorso artistico di Martina Merlini si snoda multiformemente nel solco dell’esplorazione, coinvolgendo una pluralità di tecniche, materiali e supporti che convergono nella ricerca di un equilibrio formale delicatamente costruito sull’armonia di elementi astratti e geometrici. Attiva dal 2009, ha esposto in numerose gallerie europee e americane. Dal 2010 al 2013, insieme a Tellas, intraprende il progetto installativo Asylum, che viene presentato a Palermo, Bologna, Milano e Foligno. Nell’estate del 2012 viene invitata a partecipare a Living Walls, primo festival di Street Art al femminile, ad Atlanta. Nel dicembre 2013 inaugura la sua seconda personale, «Wax» all’interno degli spazi di Elastico, Bologna, dove indaga l’utilizzo della cera come medium principale del suo lavoro, ricerca approfondita nella sua prima personale americana, «Starch, Wax, Paper & Wood», presso White Walls & Shooting Gallery, San Francisco. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
15,00 €

Maglietta "La bellezza fa 40"

100% cotone Maglietta bianca Gildan Heavy Cotton Illustrazione di Alessandro Baronciani per la mostra "La bellezza fa 40" Serigrafata a mano da Corpoc.
28,00 €

KIT "MI AMI Festival 2020"

KIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper un kit semi misti a scelta una lattina bevanda del desiderio Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Marino Neri

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Marino Neri Marino Neri è fumettista e illustratore. I suoi libri a fumetti sono Il Re dei Fiumi (Kappa Edizioni, 2008) e La Coda del Lupo (Canicola, 2011), tradotti e pubblicati anche in differenti lingue e paesi. I suoi disegni sono apparsi su riviste nazionali e internazionali e ha partecipato a diverse esposizioni collettive e personali in tutta Europa. Nel 2012 il Napoli Comicon e il Centro Fumetto Andrea Pazienza gli assegnano il Premio Nuove Strade come miglior talento emergente. È attualmente al lavoro sul suo nuovo libro a fumetti Cosmo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di StencilNoire

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari StencilNoire StencilNoire, classe ’75, vive e opera in un paesino del sud Italia, Massafra, dove le problematiche socio-culturali danno spunto quotidiano alle sue opere. Veterano dell’uso del colore, sin da bambino ha fatto dell’arte la sua più grande passione, sperimentando tutte le tecniche artistiche, dai colori a olio, al carboncino, all’aerografo, approdando, nel ’95, nella cultura dello stencil e dello sticker. Ha partecipato a numerosi eventi, sia a livello personale, che col gruppo «South Italy Street Art», del quale è co-fondatore. Fra gli ultimi eventi si annoverano le partecipazioni allo Jonio Jazz Festival, svoltosi a Faggiano (TA), al Calafrika music Festival svoltosi a Pianopoli (CZ), e a Residence Artistic in Country Secret Zone, un esperimento artistico di Street Art chiamato «Torrent 14» organizzato da Biodpi in collaborazione con Ortika, svoltosi a Sant’Agata de’Goti. Vincitore della giuria artisti del 1° Concorso Internazionale d’Arte su Vinile, organizzato dall’associazione Artwo in collaborazione con Ortika Street Art Lovers, dedicato a Domenico Modugno, in occasione dei 20 anni della sua scomparsa. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
25,00 €

KIT GARDENER "MI AMI Festival 2020"

Kit GARDENER “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper due kit semi: un kit passiflora, peperoncino, melanzana e un kit mimosa, pisello, salvia Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >