clint eastwood intervista esquire

Se ci stupiamo che Clint Eastwood sia un po’ reazionario, forse il problema è nostro

Contro il politicamente corretto, contro la “pussy generation”, e in difesa di Trump: l’intervista a Esquire di Clint Eastwood

giphy-2

 

È agosto, le notizie scarseggiano, mettiamola così: motivo per cui l’intervista uscita su Esquire in cui Clint Eastwood si scaglia contro il politicamente corretto, la generazione di mezzeseghe – la pussy generation, nelle sue parole – che l’America avrebbe allevato, sta facendo parecchio discutere.

Anche perché sempre nell’intervista già che c’era Clint si è anche schierato in parte in difesa di Donald Trump, approvando più la sua strategia di comunicazione a misura di uomo della strada, che i contenuti della stessa.

Eastwood è una delle poche celebrità di Hollywood che non hanno mai nascosto simpatie per il Partito Repubblicano, ma Eastwood è comunque rimasto sempre un conservatore decisamente anomalo, anche per gli Stati Uniti, visto che appartiene più all’area libertaria e individualista dei repubblicani.

Repubblicani dai quali si è discostato in passato soprattutto per i temi etici, diritti civili, interventismo degli Stati Uniti in scenari bellici, possesso di armi: è pro-choice per quel che riguarda l’aborto, non ha nulla in contrario ai matrimoni tra persone dello stesso sesso, è stato contrario alle guerre in Afghanistan e Iraq, è a favore del gun control. Prima di prendere i forconi, sarebbe bene ricordarlo, visto che anche a Esquire, alla domanda “Ti senti ancora un libertario?” risponde “I don’t know what I am. I’m a little of everything.“, ovvero “Non so cosa sono. Sono un po’ di tutto“.

 

giphy

 

Ed è così. È un individualista puro Clint, esattamente come molti dei protagonisti dei suoi film: ha una sua etica, ferrea, e non ha bisogno di leggi. Perché le leggi le ha già dentro di sé: e sotto il cielo stellato di piombo basta una .44 Magnum per farle rispettare. Potremmo andare avanti a lungo, anche perché è complicato tradurre queste sfumature nello scenario politico che siamo abituati a conoscere, visto che i libertari in Italia si contano sulle dita di una mano.

Per cui, perdute di vista le sfumature che tanto ci raccomandiamo di tenere in conto in qualunque altra occasione, a questo punto indigniamoci: Clint è diventato finalmente Kowalski di Gran Torino! È cattivo, razzista, reazionario. E lo ha mostrato apertamente, finalmente si squarcia il velo dell’ipocrisia… mah, contenti voi.

 

giphy-1

 

Il reazionariato nelle opere di Eastwood è – per una parte del pubblico – una costante, dai tempi di quel fascista dell’ispettore Callaghan in poi – citato anche da Ronald Reagan nel 1985, per dirne una: sempre a proposito di Repubblicani anomali – e per altri ancora da prima, pure dai western di Sergio Leone in cui recita solamente, e a seguire ancora, fino più o meno ai giorni nostri: con pellicole indimenticabili e discusse come appunto Gran Torino, o solamente dimenticabili e comunque discusse come American Sniper.

La realtà dell’essere umano Eastwood credo sia un po’ diversa, e credo che la descrivesse bene Walter Mariotti, su Panorama, qualche anno fa, nel 2012, quando in poche righe riassumeva il modello di etica su cui è costruito intorno l’uomo Eastwood, che non sta né a destra né a sinistra, ma altrove: “Il potere non coincide con l’autorità. L’individuo viene prima del collettivo. Un uomo risponde al suo onore e alla sua coscienza prima che all’ideologia. I fatti contano più delle parole. E la vita resta una vicenda complicata, un mistero che da soli non si riesce a sciogliere se si vuole provare a diventare uomini“.

Certo, non è esattamente quel che emerge dall’intervista di Esquire, dove leggiamo quel che pensa un signore di 86 anni, conservatore nel senso peggiore del termine, ai limiti dell’indifendibile, un signore che rimpiange i bei tempi andati, o forse, solo quando di anni ne aveva quaranta di meno: ma avendo scelto di fare una difesa d’ufficio per quella canaglia di Clint, è una prova di cui per me andava tenuto conto.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

KIT DEL SINGLE "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL SINGLE “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper due kit semi: un kit passiflora, peperoncino, melanzana e un kit mimosa, pisello, salvia due lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
7,00 €

T-SHIRT "MI AMI Festival 2020"

T-shirt ufficiale  “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids, sul retro lineup artisti. 100% cotone con illustrazione multicolor, disponibile nella variante colore bianca o viola. La t-shirt che avresti voluto indossare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
15,00 €

La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia

Scarica gratuitamente l'ebook de La Bella Nostalgia in tutti i formati QUI   "La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia" di Simone Stefanini parla di mode, film, telefilm, musica, porno, orrori e gioie di due decenni contrapposti di cui oggi abbiamo rivalutato ogni lascito. Una riflessione tragicomica sulla retromania in Italia, una macchina del tempo a metà tra la DeLorean di Ritorno al Futuro e la Bianchina di Fantozzi. 200 pagine - edizione limitata di 50 copie firmata e numerata dall'autore. Edizioni Brava Gente - Betterdays    
5,00 €

SHOPPER "MI AMI Festival 2020"

Shopper ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Bag bianca cotone con illustrazione multicolor. La shopper che avresti voluto acquistare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
25,00 €

KIT GARDENER "MI AMI Festival 2020"

Kit GARDENER “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper due kit semi: un kit passiflora, peperoncino, melanzana e un kit mimosa, pisello, salvia Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
15,00 €

Maglietta "La bellezza fa 40"

100% cotone Maglietta bianca Gildan Heavy Cotton Illustrazione di Alessandro Baronciani per la mostra "La bellezza fa 40" Serigrafata a mano da Corpoc.
17,00 €

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020”

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >